Una scultura-sabbia-rebecca-lena-polaroid-sx70

di rebeccastories

Conosco quel torpore
di carni digerite
dal mare. Naufraghe
si accasciano crepitando
ed evapora liquefatto
lo spirito – dai letti asciutti
delle vene – sotto il bacio
del sole; poi uno schiaffo,
poi un intarsio
su dura corteccia.

Una brezza curiosa
a placare la cottura
scorge riarsa la crosta,
quasi una scultura
di sabbia, dolce la sfiora.
Ma franano immediate
quelle membra di
sale, cenere fine;
e sospirano via
sopra le dune

https://rebeccalenastories.wordpress.com