Giù il cappello. L’ombra del fallimento della Borsalino si allunga su Alessandria

unnamed

di Enrico Sozzetti

Alessandria: La Borsalino ha visto respingere la seconda richiesta di concordato preventivo, aprendo le porte alla procedura fallimentare. L’industria che va bene, che produce, che cresce di fatturato (la stima per il 2017 è di diciassette milioni), che investe però non basta a fare dimenticare, e superare, le “ragioni tecniche e legali che nulla hanno a che fare con l’attività gestionale dell’azienda” che sono alla base (le parole sono della società Haeres Equita) della decisione del tribunale. Insomma, si fallisce per ragioni tecniche e finanziarie non legate all’attuale gestione, a dimostrazione che scrollarsi di dosso un pesante passato a volte è impossibile.

La Borsalino, storica impresa di Alessandria che ha portato il cappello in tutto il mondo, dopo essere stata salvata quasi all’ultimo momento da Philippe Camperio, imprenditore italo-svizzero sbarcato nel capoluogo con la Haeres Equita (sede legale a Valenza nello studio del commercialista Carlo Frascarolo) che è sceso in campo circa due anni impegnando risorse milionarie e affittando il ramo di azienda fino alla fine di giugno, adesso è sull’orlo del burrone più che mai. In attesa di conoscere le motivazioni del tribunale, stanno però prendendo corpo interrogativi sui quali non si è soffermato quasi nessuno. Continua a leggere “Giù il cappello. L’ombra del fallimento della Borsalino si allunga su Alessandria”

Torino riparta dall’auto intelligente

da: http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 18/12/2017

CARLO RATTI*

«Fiat Strada – handbuilt by robots». Terminava così un bellissimo spot pubblicitario della Fiat Ritmo (ribattezzata Fiat Strada in Gran Bretagna) che alla fine degli Anni Settanta movimentava le televisioni del Regno Unito. Assemblate da bracci meccanici sulle incalzanti note delle Nozze di Figaro di Mozart, le Ritmo danzavano da sole sulla pista del Lingotto di Torino, come animate da vita propria, vere e proprie auto senza guidatore ante litteram.  

Torino come capitale dell’automobile irrompeva non solo negli spot pubblicitari ma anche nelle pellicole cinematografiche: indelebili nella memoria collettiva le immagini di «The Italian Job»(1969), con i ladri che sfrecciano in Mini per le strade e i monumenti del capoluogo sabaudo, restituendo l’idea di una Torino «smart» e all’avanguardia.   Continua a leggere “Torino riparta dall’auto intelligente”

All’imbrunire, di nuvolegialle

all Abbraccio_thumb1

http://nuvolegialle.blogspot.it/

Come un’apparizione lei si mostrò sorridente nel suo vestito rosso, più intimidita da me di quanto io non lo fossi da lei. E osai, l’abbracciai cingendole la vita. La sua bellezza era in balia di me, indifesa. In un sussurro sospirò e chiese silenzio, si mise attenta ad ascoltare fuori e si divincolò dall’abbraccio, l’ardore e la furia in noi lentamente scemarono. Eppure tutto era così naturale fino a che il suo braccio sinistro non lasciò il mio braccio destro.

Sul suo volto nel silenzio spuntò un rossore come un nuovo sole a colorare l’alba: fuori non c’era nessuno, solo la sua timidezza. E con un balzo allora lei decisa la superò sapendosi così, con la volontà l’umana debolezza saltò a piè pari con un atto di coraggio. Tornò tra le mie braccia mormorando una frase di scusa e sentivo il suo corpo vivere nel cesto del mio petto, pulsare nel suo seno, prendere vita dalle narici e dalla bocca vivere. Continua a leggere “All’imbrunire, di nuvolegialle”

Miss Iraq costretta alla fuga dopo il selfie con Miss Israele

miss israel-iraq-instagram-3-e1510682154558-1 (1)-k9vB-U11011528500667WWH-1024x576@LaStampa.it

Miss Israele, Adar Gandelsman, e Miss Iraq, Sarah Idan

La famiglia della reginetta araba minacciata di morte

da: http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 18/12/2017 LETIZIA TORTELLO

Un selfie insieme tra due miss. Niente di sorprendente o compromettente, se non fosse che a scattare la foto, subito condivisa sui social, sono state le due reginette di bellezza di Iraq e Israele. Hanno postato lo scatto su Instagram, con la didascalia «pace e amore». Un gesto ingenuo, o una coraggiosa diplomazia delle miss, come l’ha definita qualche loro sostenitore, che però è costato alla famiglia della ragazza irachena la fuga dal Paese, inseguita da minacce di morte.  Il selfie ha fatto il giro della rete nel mondo arabo, dove il sentimento anti-israeliano è fortissimo. La foto dello scandalo risale a novembre, è stata scattata a Las Vegas, durante le selezioni di Miss Universo: ritrae Sarah Idan, irachena che vive negli Stati Uniti, sorridente accanto ad Adar Gandelsman, Miss Israele. Entrambe vestono la fascia del concorso, e descrivono l’immagine con uno slogan in inglese: «Peace and Love from Miss Iraq and Miss Israel». Subito arrivano migliaia di «like», ma nei commenti piovono anche critiche e insulti feroci. Molti dovuti al fatto che la ragazza irachena aveva lanciato in rete diversi scatti in cui era vestita solo con un bikini… continua su: http://www.lastampa.it/2017/12/18/esteri/miss-iraq-costretta-alla-fuga-dopo-il-selfie-con-miss-israele-cwfzSmtN0QrfIO0vs8sNaK/pagina.html

Sportello di ascolto per adolescenti,  di Lia Tommi 

sportello

Alessandria,  di Lia Tommi 
Il Policlinico di Monza (Clinica Salus  di via Trotti,  Alessandria) ha aperto uno sportello di ascolto psicologico, online e telefonico, attraverso il quale una psicologa sarà  a disposizione degli adolescenti, che potranno usufruirne in maniera anonima e totalmente  gratuita.

Gli adolescenti  potranno porre domande e dubbi, esprimere pensieri e l’ascolto di  una persona esperta  e disponibile  potrà  essere un buon punto di partenza.

Questa fase  di transizione  dallo stato infantile all’individuo adulto,  negli ultimi anni viene spesso vissuta come un abisso in cui ci si sente inutili, impotenti, tormentati talvolta  da sensi di colpa, vergogna o addirittura  disperazione. Continua a leggere “Sportello di ascolto per adolescenti,  di Lia Tommi “

Argentina: il giallo del sottomarino scomparso

sottomarino-argentino

La vicenda del sottomarino argentino San Juan scomparso circa un mese fa lungo le coste della Patagonia con 44 marinai a bordo vede uno sviluppo inatteso. Si tratta di un messaggio WhatsApp che ha mandato il comandante in seconda del natante, Roberto Daniel Medina, alla famiglia.

«Lunedì ci cercava un elicottero inglese e ieri i cileni. C’è molto movimento laggiù».  Questa almeno la sintesi apparsa sul giornale argentino El Clarin, che riporta anche le frasi di Jésica Medina. sorella del sottufficiale, che ha spiegato: «È un messaggio strano nel quale ci diceva che li stava cercando un elicottero britannico e una nave cilena». Continua a leggere “Argentina: il giallo del sottomarino scomparso”

PRUFŰM D’IN RICORD, di Gianni Regalzi

di Gianni Regalzi

(Dedicaija a ‘n Òngel co’i cavì neier)

Gruppo amici della poesia

U j’è in ricord cum riturna ant’la ment

tutt el siri quònd ch’a vagh a drumì.

A l’è in ricord ch’lè divers da tücc j’ater,

l’è ‘l prufüm d’in amur ch’j’hò perdì.

L’era frёsch cme na ròza d’Avrì

e pulid acme l’aria ‘d muntagna, ma

forse te a t’l’hai nenta capì

e ta m’hai dacc in dulur infinì.

A me um basta stèt auzen ogni tònt

e parlèt con la vuz del me còr,

dedichet quater vers ‘d Puesia

e ricurdet che sensa te me a mòr.

Lisòndria, 3 Mars 2004

Gianni Regalzi

(El fiò del Bosch e l’anvud du smoj) Continua a leggere “PRUFŰM D’IN RICORD, di Gianni Regalzi”

Dai panettoni ai prosciutti: l’Ogm   c’è ma non si vede

AP_100810018083-25487-kAPF-U11011391442388eLI-1024x576@LaStampa.it

L’Italia vieta la coltivazione di organismi geneticamente modificati, non l’importazione.  Senza insetticidi però la biodiversità è a rischio

da: http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 18/12/2017

SANDRO CAPPELLETTO ROMA

Anatre, faraone, tacchini, polli, ovini, bovini e maiali. Tortellini, formaggi, latte, uova. Il pranzo di Natale è servito, con gli Ogm nel piatto. Panettoni compresi. Formaggi morbidi, duri, grattugiati, prosciutti di grande marca, come i salmoni, le anguille e i capitoni cresciuti negli allevamenti. La nostra normativa è ambigua: vieta la coltivazione degli organismi geneticamente modificati, non la loro importazione, né la commercializzazione. Se produco un biscotto che contiene soia Ogm devo dichiararlo nell’etichetta, ma se vendo uno zampone di maiale nutrito per mesi esclusivamente con mangimi Ogm non sono tenuto a dirlo. Sono allergico – dichiara di esserlo il 40% degli italiani – al lattosio e bevo latte di soia? La soia venduta in Italia è per il 90% Ogm. Ogni cittadino europeo consuma ogni giorno indirettamente 186 grammi di soia Ogm ed ogni giorno l’Italia ne importa diecimila tonnellate.   Continua a leggere “Dai panettoni ai prosciutti: l’Ogm   c’è ma non si vede”

Non abbandonate il progetto di riqualificazione del lungofiume!

Gi abonante-giorgio

da abo Giorgio Abonante. Alessandria

Prof. Luigi Nosenzo (Università di Pavia)

Ultimato e inaugurato il ponte Meier, abbellito il lungo-Tanaro con la risistemazione dell’area verde oggi denominata Parco Italia, resta ancora un vistoso problema da risolvere in loco: è praticamente impossibile accedere al letto del fiume!

Dalla passeggiata del Parco Italia si osserva una grande varietà di uccelli  occupare l’alveo del fiume, aironi, gabbiani, anatre, cormorani, ecc.. oltre a centinaia di piccioni. Sono lì perchè ci arrivano volando, beati loro! I pescatori e i cittadini, che le ali proprio non le hanno, sono stati invece estromessi. Ci riferiamo in particolare alla zona a valle del salto d’acqua presente sotto il ponte, che, fino a pochi anni fa, era, per antica tradizione, un punto di riferimento dei pescatori alessandrini. Continua a leggere “Non abbandonate il progetto di riqualificazione del lungofiume!”

Mistero a Crooked House: il bello del delitto

Ho visto Assassinio sull’ Orient Express e mi è piaciuto moltissimo…

- Radical Ging -

Mistero a Crooked House è il primo film tratto dalla penna della Duchessa della Morte, a tornare sul grande schermo dopo 28 lunghi anni (l’ultimo era Dieci piccoli indiani di Alan Birkinshaw). Agatha Christie, nella sua biografia ci dice che “[…] I due romanzi polizieschi che preferisco sono Crooked House ( in Italia pubblicato come È un problema) e Ordeal by Innocence (Le due verità) […]”. È quindi comprensibile che dopo una dichiarazione del genere l’hype salga, e fortunatamente nessuna aspettativa è stata delusa.

There was a crooked man, and he walked a crooked mile.

Mistero a Crooked House è tratto dal romanzo best seller È un problema, pubblicato nel 1950 in Italia, e rientra pienamente nel canone del whodunnit, il classico giallo all’inglese. La vicenda del film ruota intorno alla figura di Aristides Leonides, il grande patriarca e burattinaio delle vicende della…

View original post 980 altre parole

La paura che alimenta il populismo

Uscita dall’euro (una follia, gli inglesi si stanno pentendo della loro decisione) e paura dei migranti (proprio ora che i flussi migratori stono diminuiti) sono gli argomenti con i quali il Centro Destra potrebbe vincere le prossime elezioni politiche… sono entrambi questioni attuali che parlano alla pancia della massa dei cittadini… Pier Carlo Lava

da: http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 18/12/2017

MARCO ZATTERIN

La paura è il miglior nemico dell’uomo, ma anche un compagno di viaggio frequente e un consigliere inaffidabile. Alimenta le decisioni meno ragionate e, in assenza di risposte adeguate, è la madre che aggiunge timore ai timori, provocando rabbia contro avversari spesso falsi come le notizie che li raccontano.  

È la paura che fomenta i populismi; è la sensazione diffusa di insicurezza e incertezza che governi e parlamenti faticano ad affrontare. È la molla della rivolta: i terremoti della politica, e della società, nascono nella paura che fa credere nel cambiamento da scatenare a ogni costo, esigenza che diffonde instabilità perché, nel mondo veloce e complesso, se non si guarda lontano, non si risolve alcuna incognita.   Continua a leggere “La paura che alimenta il populismo”

VORREI, di Gianni Regalzi

Gruppo amici della poesia

Vorrei essere presente nei tuoi sogni,

essere la tua rosa senza spine, il tuo tulipano,

essere il cielo sereno dei tuoi giorni più belli,

essere il tuo sole, la tua canzone, la tua felicità.

Volare tenendoti la mano su una nuvola bianca

e, guardandoti sempre negli occhi, volar lontano.

Sdraiarmi accanto a tè sulla sabbia calda

quando tramonta il sole e, nell’aria rosa,

sfiorarti con le labbra gli occhi,

fino quando viene la notte.

Alessandria

Gianni Regalzi

Racconto di Natale

Racc st_agnes_presepio_sm_thumb1_thumb

da: http://nuvolegialle.blogspot.it/

L’era quasi Natàl. Giuàn l’era tött intrösc in di sò pensér… questo racconto andrebbe narrato così, ma sono ben consapevole che pochi sarebbero in grado di leggerlo. Mi sforzerò quindi di rendere in italiano corrente la vicenda che si sviluppa in un tranquillo angolo di Lombardia, disteso tra collinette e pianure che coprono le province di Lecco, Como, Monza-Brianza e Milano, non lontano dal confine antico tra il Ducato e la Serenissima, segnato dal corso dell’Adda e noto alla letteratura per la fuga di Renzo verso Milano nei Promessi Sposi. Continua a leggere “Racconto di Natale”

Questura di Alessandria: Arrestati ladri di pedaggi

Complimenti agli uomini e alle donne delle forze dell’ordine, che ogni giorno con risorse inadeguate e un trattamento economico scarso per il lavoro che svolgono, si impegnano per tutelare la sicurezza dei cittadini!!!. Pier Carlo Lava

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

Arrestati

Questura di AlessandriaAnche la Polizia Stradale di Alessandria ha partecipato all’operazione che ha portato all’arresto di due componenti di una banda di origine rom dedita a furti in danno delle Autostrade, avendo scassinato diverse casse automatiche ai caselli piemontesi, lombardi, liguri, veneti ed emiliani. Il sistema era semplice ed efficace, come si può vedere in foto, ma non ha pagato. Al termine di complesse indagini, gli autori di circa 30 furti sono stati in parte individuati e i due nomadi della foto sono stati tradotti in carcere. Sono in corso ulteriori indagini per assicurare alla giustizia il resto della banda.

#poliziadistato#essercisempre

View original post

In direzione ostinata e contraria, di Lia Tommi

Don Andrea Gallo, uno dei giusti, una grande perdita… per tutti e in particolare per gli ultimi…

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

 

Alessandria,  di Lia Tommi

“I miei Vangeli non sono quattro… noi seguiamo da anni e anni il Vangelo secondo Fabrizio  de André, un cammino cioè in direzione ostinata e contraria. E possiamo  confermarlo, constatarlo : dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori”.

Don Andrea  Gallo, nato a Campo Ligure nel 1928 e deceduto a Genova nel 2013, è  stato presbitero, partigiano, di fede cattolica e ideali comunisti,  anarchico cristiani e pacifisti,  prete di strada.

Attratto fin da piccolo dalla spiritualità dei Salesiani di San Giovanni Bosco, fece esperienza come missionario in Brasile e come cappellano in un riformatorio, dove utilizzò la pedagogia della fiducia e della libertà. In seguito è stato  cappellano del carcere di Capraia, e poi viceparroco della Parrocchia  del Carmine a Genova, dove fece scelte di campo con gli emarginati.  La Parrocchia  divenne punto di aggregazione di chi era in cerca di  amicizia…

View original post 140 altre parole