di Gianni Regalzi

(Dedicaija a ‘n Òngel co’i cavì neier)

Gruppo amici della poesia

U j’è in ricord cum riturna ant’la ment

tutt el siri quònd ch’a vagh a drumì.

A l’è in ricord ch’lè divers da tücc j’ater,

l’è ‘l prufüm d’in amur ch’j’hò perdì.

L’era frёsch cme na ròza d’Avrì

e pulid acme l’aria ‘d muntagna, ma

forse te a t’l’hai nenta capì

e ta m’hai dacc in dulur infinì.

A me um basta stèt auzen ogni tònt

e parlèt con la vuz del me còr,

dedichet quater vers ‘d Puesia

e ricurdet che sensa te me a mòr.

Lisòndria, 3 Mars 2004

Gianni Regalzi

(El fiò del Bosch e l’anvud du smoj)

PROFUMO D’UN RICORDO (Dedicata ad un Angelo bruno)

C’è un profumo che mi torna alla mente

tutte le sere quando vado a dormire.

E’ un ricordo diverso dagli altri,

è il profumo di un amore perduto.

Era fresco come una rosa d’aprile

e pulito come l’aria di montagna, ma

forse tu non l’hai capito

e m’hai dato un dolore infinito.

A me basta starti vicino ogni tanto

e parlarti con la voce del mio cuore,

dedicarti quattro versi di Poesia

e ricordarti che senza te io muoio.

Gianni Regalzi

gianni.regalzi@libero.it

http://xoomer.virgilio.it/gianniregalzi/