Grazia, di Cristina Saracano

screenshot_2017-12-19-22-00-35-1-871119508

di Cristina Saracano. Alessandria

Grazia si sveglia da sola

E si lava la faccia veloce.

Esce tardi al mattino,

inquieta e curiosa

Per andare al vicino discount.

Niente frutta e nemmeno del pane,

sceglie il vino, quello rosso in cartoni,

costa poco e dà più calore.

Grazia non sa nemmeno spiegare

Quei profumi, scivolati per caso

Nella borsa, così senza pagare.

Solo guai e castigo per lei,

una vita ingrata e distratta,

un futuro che non si fa vivo,

piange e dorme nella muta prigione.

One thought on “Grazia, di Cristina Saracano”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...