borsalino

di Enrico Sozzetti

Alessandria: Borsalino, tutti si impegnano. Però con quali garanzie reali? Per la storica azienda di cappelli di Alessandria si registra un solo punto fermo, al momento: Stefano Ambrosini e Paola Barisone, curatori fallimentari, annunciano di fronte ai sindacati che “l’affitto del ramo di azienda alla Haeres Equita di Philippe Camperio (nella foto) proseguirà fino al 31 maggio”. Ma confermano anche di volere arrivare entro questa data con tutte le procedure concluse per la vendita all’asta.

Anzi, di arrivarci magari anche prima di maggio. Camperio, dal canto suo, ribadisce la volontà di restare e di prepararsi per concorrere all’asta. Alcuni lavoratori all’uscita dallo stabilimento in zona D5 a Spinetta Marengo non si dicono del tutto soddisfatti. “Per ora la produzione continua, vedremo” sono le parole che si ripetono, senza eccessiva convinzione.

Un umore simile a quello dei sindacati di categoria, prudenti e attendisti in questa fase. Maria Iennaco della Cgil, Claudio Cavallaretto della Cisl ed Elio Bricola della Uil sono soddisfatti per le assicurazioni dei curatori fallimentari che parlano della “necessità di proseguire l’attività”, meno invece per tutto il resto.

“Ci sono molti aspetti che non si riescono a decifrare, ad alcune domande i due curatori non hanno risposto e restano parecchi interrogativi relativi alle procedure” dice Bricola. “Pare quasi di essere tornati al punto di partenza, con la palla che ora è nelle mani dei curatori e i 134 dipendenti sono costretti a vivere giorno per giorno” aggiunge Cavallaretto.

È però il marchio ‘Borsalino’ adesso a fare paura. L’imprenditore italo-svizzero con la società appositamente costituita in Italia (la sede legale è a Valenza nello studio del commercialista Carlo Frascarolo) è nel mirino dei magistrati, che formulano pesanti contestazioni e riserve sulle modalità di acquisizione da Mediocredito.

Con una azienda fallita, da un lato, e un marchio che potrebbe non essere posseduto in modo del tutto legittimo da parte della Haeres Equita, per la Borsalino si annuncia un 2018 in salita. Non mancano poi le ipotesi di un ricorso alla Corte di Appello di Torino da parte della Borsalino Spa, destinato a complicare le cose e allungare i tempi.

Intanto Alessandria lancia proclami di solidarietà e in molti chiedono di trovare “soluzioni per salvare l’azienda”, oltre ad annunciare iniziative, eventi estemporanei, mostre e altro per celebrare il cappello e il marchio nati 160 anni fa. Peccato tutto appaia come la classica ‘stalla che si chiude’ quando ormai è tardi.

https://160caratteri.wordpress.com