Le cose che abbiamo in comune

Evaporata

Come mi piace fare spesso uso una canzone che non c’entra niente con l’argomento trattato in questo articolo, ma il titolo sì, quindi godetevela mentre leggete. 🙂

Il mio post “Ma, ‘sto gelicidio” ha suscitato equivoci sulla natura del fenomeno, creando confusione tra Calavarna e Gelicidio. La colpa è in parte mia poiché, pur avendo copiato la descrizione precisa del gelicidio dall’enciclopedia Treccani, ho postato immagini reali e personali, ma di nevicate e gelate comuni; e, benché ieri abbia evidenziato la specificità del gelicidio con immagini precise ed attualissime, l’equivoco è rimasto perciò, oggi, chiedo venia per aver creato scompiglio e metto a confronto diretto la signora Calaverna e il signor Gelicidio che, penso, sia più aggressivo, considerando i danni che ha prodotto sulle colline intorno al mio paese.

Quindi, snocciolando la questione

questa è la calaverna

Immagini gentilmente offerte dall’amica e fotografa Carla Gatti

E questo è il gelicidio

View original post 9 altre parole

Ieri mattina in Altacollina

Evaporata

In questo periodo se posso evito città e negozi, lo stesso vale per i centri commerciali che frequento solo per lavoro, quindi vado a mescolarmi con ciò che più mi aggrada e non nascondo la passione per le scarpinate sulle colline dove capita di incontrare simpatici viandanti. Il gruppo che ho incrociato ieri mattina ha offerto anche un performante slalom tra le cacche.

😉

Occhio eh…

Forza ragazze!

Alè!

Tre pastori

Adoro queste compagnie

😀

View original post

Disegni – 20162017

La Corte

Eccomi, come promesso eccovi un altro disegno 🙂

Oggi vi mostro un remade. Li trovo molto utili per capire se davvero sono migliorata e cosa devo migliorare ancora.

Credo di aver migliorato di molto l’uso della matita, trovo le linee molto più fluide di quelle di un anno fa e anche la sfumatura delle ombre è più delicata e meno netta.

Da migliorare c’è ancora quel maledetto naso… ma arriverò pure a quello.

View original post 66 altre parole

A chi vuole calore

Idee in movimento

Osservavo la prima neve che cadeva, imbiancando velocemente tutto ciò su cui si posava.

I fiocchi che toccavano il vetro si trasformavano immediatamente in acqua, creando giochi di incastri tra le gocce.

Scatto una foto, e guardando dal mirino vengo trasportata in un pensiero, un pensiero rivolto a tutti coloro che vogliono calore.

Il cielo grigio di nuvole. Soffici fiocchi bianchi scendono, fitti ed irriverenti, mutando l’aspetto del paesaggio. Alcuni si posano sui vetri, trasformandosi in gocce d’acqua che si inseguono come bimbi in una corsa. Osservi attraverso quel vetro. Sentendo il calore dell’ambiente in cui ti trovi, ti stupisci nel percepire il gelo del vetro che tocchi con la mano. E pensi che purtroppo molte persone sono così. Apparentemente piene di calore ed ardore, nascondono al loro interno gelo ed indifferenza disarmanti. Persone che permettono alle circostanze della vita di coprire di un manto bianco e gelido i colori…

View original post 88 altre parole

Due anni di … idee in movimento

Idee in movimento

Due anni. Due anni da quel primo articolo … un articolo che introduceva il neonato blog. Qualcosa che nel mio immaginario doveva essere un blog di viaggio nel mondo, e che invece in questi due anni si è evoluto in un blog di viaggio nella vita.

Sembra ieri, invece sono passati già due anni. Due anni di noi. Ebbene si, di NOI. Perchè se è vero che Idee In Movimento è nato per unire le mie passioni, è altrettanto vero che respira anche grazie a chi lo apprezza, lo legge, lo commenta.

Non è mia intenzione tediarvi con statistiche su quanti followers abbia acquisito in questi due anni, o quanti articoli abbia scritto, o quale articolo sia stato più cliccato, più letto, più commentato. Niente di tutto ciò. Non le guardo nemmeno io le statistiche. Non mi interessano.

Un bilancio però è d’obbligo. Un bilancio umano. Un bilancio emotivo.

E’…

View original post 488 altre parole

Coccodrilli – Tartarughe – Scoiattoli … UNA TRILOGIA

Idee in movimento

Coccodrilli. Tartarughe. Scoiattoli.

Per essere più precisi.

Gli occhi gialli dei coccodrilli.
Il valzer lento delle tartarughe.
Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì.

Tre libri. Una sola storia.

Siate sinceri … anche a voi, come a me, i titoli incuriosiscono. E’ l’effetto che fa alla maggior parte delle persone. Tre titoli che non dicono molto su quello che si incontrerà durante la lettura. Ma che alla fine di questo percorso, avranno un significato ben preciso che si sarà stampato indelebilmente in voi.

Katherine Pancol ha scritto, a mio avviso, una trilogia stupenda. E’ riuscita a riversare sulla pagina stampata la vita vera. Vita vera fatta di gioie e dolori, complicità e conflitti, amori e lutti, lealtà ed inganni, certezze e sconvolgimenti, soddisfazioni e delusioni, sogni ed illusioni, vittorie e sconfitte, scelte e confusione, amicizia e odio, perdono e rancore, coraggio e paura. Ogni personaggio viene delineato in…

View original post 331 altre parole

Tutto il mondo in una stanza

Idee in movimento

Room. Stanza. Un titolo semplice, che racchiude tutto il mondo.

Room è un libro che parla di un bambino di 5 anni e della sua mamma. Parla della loro vita, anzi, delle due diverse vite che vivono, dentro e fuori da quella stanza. Un libro che parla di rassegnazione e coraggio, di amore e di odio.

Inizialmente non mi aveva presa gran che. Non riuscivo a capire bene che piega dovesse prendere la storia. Ma ero comunque curiosa di andare avanti, anche per lo stile narrativo usato. Poi ad un certo punto la storia dei personaggi si ribalta. E li è diventato molto coinvolgente. I protagonisti del racconto si trovano a vivere un enorme stravolgimento della loro vita. Uno stravolgimento tale da trovarsi in difficoltà anche nella gestione delle piccole cose di tutti i giorni. Quelle cose che a noi sembrano semplici, scontate, naturali, per loro non lo sono. E…

View original post 225 altre parole

Tempo di Attesa… 

Angelo Gabrb3

Foto di Riyueren (mutazionidelsilenzio.wordpress.com)

​Tempo di attesa

Attesa di bellissime giornate in compagnia; attesa dell’arrivo dei nonni; attesa del grande giorno: la ri-nascita di Gesù Bambino.

Ogni anno ci viene fatto questo grande dono, Lui che ri-nasce di nuovo per ognuno di noi, per portare sempre qualcosa di bello e di Santo nella nostra vita…la salvezza!

Dopo un anno di intense fatiche siamo di nuovo qui ad attendere che qualcosa cambi… ma siamo noi a dover cambiare qualcosa…

Anche Lui aspetta di entrare nelle nostre vite, nelle nostre giornate, nelle nostre sofferenze, non lo allontaniamo e incolpiamo più per quello che di brutto ci accade.

Lui è lì, sempre accanto a noi, e ogni anno attende di ri-nascere dentro i nostri cuori.

Sappiamo allora quest’anno attendere questa rinascita e accogliere la salvezza senza timore, non come un saltimbanco che in bilico sul filo non ha paura di…

View original post 43 altre parole

Solstizio d’inverno 21-25 dicembre.

Miryam Pala

25 dicembre origine della festa e tradizione antica: Era ed è  la data del solstizio d’inverno, perchè il sole comincia il suo ritorno nei cieli arboreali.

Pagani: I pagani che adoravano Mitra celebravano il Dies Natalis Solis Solis Invicti  (giorno della nascita del sole), menzione nuova enciclopedia cattolica dell’ordine Francescano 1941.

Il 25 dicembre è il 359º giorno del calendario gregoriano (il 360º negli anni bisestili). Mancano 6 giorni alla fine dell’anno. Le origini storiche della festa non sono note[12] e sono state spiegate con varie ipotesi[13]. Probabilmente la sua data venne fissata al 25 dicembre per sostituire la festa del Natalis Solis Invicti con la celebrazione della nascita di Cristo

Giornale15731981_10202807317700691_1866376822949513578_o : Nel  Natale si mescolano però simboli e usanze di incerta origine, le cui radici si perdono nei secoli passati. La scelta dell’abete, ad esempio, non è casuale, nell’antico Egitto…

View original post 274 altre parole

Gloria in excelsis Deo

Angelo Gabrb3

Gloria a Dio nel più alto dei cieli… Inno cantato dagli angeli festanti per annunziare ai pastori la nascita di Gesù…

Gloria, in regalo anche quest’anno…

Di nuovo con noi per annunziarci il Natale e prepararci un cuore nuovo, pronto ad accoglierlo e diventare culla e casa per il Salvatore che viene nel mondo ad abitare in mezzo a noi.

Auguri di un Santo Natale a tutti!

Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà.

Noi ti lodiamo,ti benediciamo,ti adoriamo,ti glorifichiamo,ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa,Signore Dio, Re del cielo,Dio Padre onnipotente.Signore, Figlio unigenito, Gesù Cristo,Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre; tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi;tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi.

Perché tu solo il Santo, tu…

View original post 16 altre parole

Giorno 21

ADAPHIL

Casa – h 21.19

Stamattina io e la mia migliore amica abbiamo dormito fino alle 10.30; anzi, io ho dormito fino alle 10.30, lei era già sveglia. Abbiamo fatto colazione con tè e biscotti e poi abbiamo guardato un episodio di Grey’s anatomy, la mia serie tv preferita.

A pranzo sono venuti mio zio e la mia cuginetta. Mi fa morire dal ridere e mi diverto troppo a vedere le facce che fa quando mi tolgo il cappello (anche in casa tengo i cappelli perché ho freddo alla testa) e le mostro la mia testa pelata.

In giornata sono venute varie amiche e parenti a fare gli auguri e scambiare gli ultimi regali; non vedo l’ora di aprirli tutti!

Dalle 14.30 alle 17, invece, ho dormito come un ghiro: dovevo ancora recuperare qualche ora di sonno. Dopo sono andata con mio papà e mio fratello a trovare i miei bis…

View original post 55 altre parole

Cinema: Che significa essere una attrice?

Cristina Cabrini✨

Il MONDO DELLO SPETTACOLO è pura arte ed è intrinseco di mille sfaccettature.

Oggi voglio raccontarvene una.. IL CINEMA.

Sono un’attrice: è meraviglioso poter lavorare ogni giorno con il proprio corpo e le proprie emozioni, avere una mentalità aperta senza limiti imposti.

E’ straordinario come veramente non ci smette mai conoscere e imparare da sé stessi..

Purtroppo il  mondo dello spettacolo viene spesso sottovalutato, ma in realtà è un mondo estremamente formativo, proprio perché ti sottopone a sfidare te stesso ogni giorno.

Amo il cinema perché ti fa sognare ad occhi aperti.

Ho sempre apprezzato e sognato di vivere in questo mondo fin da quando ero una bambina e adesso che inizio a farne parte il mio sogno sta diventando la mia realtà.

… Anche se forse, il cinema non è mai stato solo un mio sogno ma la mia realtà di vita.

Sono cresciuta guardando film e giocando intere giornate…

View original post 225 altre parole

Sogna Credi Ama.

Cristina Cabrini✨

DIREZIONE SOGNI – VIVERE SOGNANDO.

Sono una gran chiacchierona e attraverso i miei prima articoli hai potuto conoscere le mie dimensioni di vita, le passioni che mi permettono di esprimere me stessa e vivere sognando ogni giorno.

Ho sempre desiderato scrivere un blog in cui posso raccontarmi… raccontare di me stessa e della mia vita:

Cinema, Moda, Digital Marketing, Viaggi.

Sto formando il mio futuro, sto seguendo i miei sogni e li sto realizzando uno ad uno. Sono orgogliosa di me stessa, perché ho imparato a credere in me e ho capito che vale sempre la pena di rischiare per ciò in cui si crede.

Per questo voglio dirti “CARPE DIEM” : COGLI L’ATTIMO.

Bisogna rischiare. Fare ciò che si desidera in modo da non rimpiangerlo dopo. Cogliere subito l’attimo, approfittare dell’occasione perchè non sai se te ne ripresenterà mai un’altra uguale. Essere se stessi e farsi apprezzare dagli altri…

View original post 55 altre parole

​Poor people are Sh!t

Life lessons

In my articleWhy we look down on ourselvesI have stated that the main cause of stress nowadays and anxiety is having toxic people in your life.

I have been conducting a research on my own over the last few years and here are my conclusions..

The worst thing you could ever have as a friend is a rich guy


who was once poor. Poverty is one of the main causes of sociopathy.

Yes, sociopaths come from all backgrounds but, when exploring what causes someone to be a sociopath, some researchers have noticed that sociopaths coming from unstable backgrounds commit more violent crimes

than sociopaths from stable backgrounds.Take my deputy president for instance, that guy can eat you alive.. and a president( dictator) of a neighboring country who was raised in a refugee camp


all his childhood years.. He grew up to be a dictator and he doesn’t…

View original post 392 altre parole

​Why you should date a writer

Life lessons

Below are 5 reasons as to why you should date a writer

1.Writers are inexpensive

I’ve seen poor people get rich and go back to being poor due to minor causes which would be prevented. A small leak can sink a ship so the last thing you want is a significant other who is a spender.

Writers are the people you’d never spend sleepless nights thinking about what expensive dress or Jewelry to buy them on their birthday because all you need to do is buy them a book or write them one and are always at home in pajamas

(Not so expensive right?). Which leads us to the next point.

2.Writers are flexible

Most writers operate from the comfort of their beds and aren’t employed by anyone so in that case you can move with her to Rome, or Japan, or Kenya, or… if need be


3.Writers are responsible

View original post 172 altre parole

How2 Know a bad person

Life lessons

Today I have decided to post a short article on my latest findings on the easiest way to Identify a bad person.

This is in connection with an article SIGNS OF A TOXIC PERSONI posted in the first week of this month where I have discussed this topic in detail.

Psychology.com says that it is in man’s nature to reciprocate the good or bad things done to them.

If you share a secret with a person whether a friend or stranger, that is, under normal circumstances, there is a 99.9% chance that they’ll share there’s too.

If by any chance they fail to share their secret with you, walk away. That guy has something to hide and in most cases is not a good thing. Never bargain with life from a point of weakness.

It’s far much safer to make the mistake of walking away from a good person…

View original post 84 altre parole

Buoni … per le feste

C_2_fotogallery_3007471_1_image-702x459

In determinati “periodi dell’anno”, ad esempio a Natale, ci stupiamo di riscontrare un particolare stato di tensione diffusa, di nervosismo,

DI ELIO SENA Shttp://www.lindro.it

Esiste un modo di dire assai diffuso e molto menzognero, che ricorre in ogni dove in questi giorni: “È Natale, siamo tutti più buoni”. Forse, in tempi bui specialmente, il desiderio di far luce s’impone anche attraverso l’uso reiterato e superstizioso di certe convinzioni diffuse: leggi dello spirito, diremmo, che tendono ad affermarsi con vigore o, se considerate nefaste come microrganismi patogeni, con virulenza. Chiunque abbia avuto modo di intercettare notizie dal mondo, dalle strade nazionali extraurbane e urbane, dal proprio condominio e dal proprio cuore a nudo, sa benissimo che è così: noi non siamo più buoni a Natale, noi tutti siamo come siamo: un po’ buoni, un po’ cattivi, sempre; e sia pure sbirciando l’apparire del vero attraverso una lente d’ingrandimento pretenziosamente puntata sui siderali, e perciò lontanissimi, concetti di Bontà e Cattiveria, ecco ci sfuggirà birbante il nuovo senso, quello natalizio, di “cosa buona” o “cattiva” appena sognata, pensata, commessa. Continua a leggere “Buoni … per le feste”

Un amore così, di Poesie Massimo Galli

un amorte

di Poesie Massimo Galli

Un amore così
(testo per canzone)

Una more che fu
non ancora è sfumato
se a cantarlo sei tu
che non l’hai mai scordato.

Se nel cuore vi sosta
come un astro mai spento
e del cuor si fa crosta
di una luce d’argento.

È per questo che canto il passato
come un giorno che sta nel presente
come un sogno che l’alba ha destato
e portato di nuovo alla mente.
Continua a leggere “Un amore così, di Poesie Massimo Galli”

TRISTE DOLCE SENTIMENTO, di Antonio Solimand

di Antonio Solimand

Letta e riletta
Questa lirica.
È tanto triste
ma allo stesso
tempo tanto
dolce. l’amore,
gioia alla quale
non si vuole
rinunciare ma dolore
da cui si vuole fuggire …..
per non soffrire.
Dal niente si sente
Tutto questo sentimento
E le tue parole entrano dentro.
Raggiungono l’anima
Ed esplodono liberando
Colori meravigliosi,
Delicati come quelli
Di un acquerello
Usati da pittore
Della.amore questo.
Triste e dolce sentimento.

A.S.

Con l’aiuto di una amica ma lei non lo sa ,Grazie Fancesca.

Ius soli, ha vinto l’ideologia della paura, di Luigi Manconi

Il Manifesto

di Luigi Manconi, da https://ilmanifesto.it

Concludo ora, e dopo oltre quattro giorni e mezzo, lo sciopero della fame intrapreso a sostegno dell’approvazione del provvedimento sullo ius soli e culturae. Insieme a me hanno digiunato una dozzina di senatori; e hanno espresso il loro favore alla campagna “Non è mai troppo tardi” alcuni ministri, da Graziano Delrio a Marco Minniti, quattro ex ministri dell’Interno (Annamaria Cancellieri, Rosa Russo Iervolino, Enzo Bianco e Beppe Pisanu), centinaia di parlamentari, numerosissime associazioni religiose e laiche, un esteso numero di artisti e intellettuali, da Ermanno Olmi ad Alessandro Bergonzoni, e – soprattutto – le organizzazioni degli stranieri di seconda generazione e quei circa 815mila minori che rappresentano «gli italiani senza cittadinanza». Continua a leggere “Ius soli, ha vinto l’ideologia della paura, di Luigi Manconi”

Paolo Berta: Occorre ripensare le scelte decise nel Consiglio comunale del 19 dicembre 2017

Paolo Berta

SINTESI INTERVENTO CONSIGLIO COMUNALE DEL 19 DICEMBRE DEL CAPOGRUPPO PD BERTA PAOLO

In merito alla presentazione del bilancio preventivo e del documento unico di programmazione, avvenuta ieri in Consiglio Comunale, mi sento di esprimere alcune considerazioni.

Ho apprezzato che il bilancio preventivo sia stato approvato entro la fine dell’anno e che, a differenza di ciò che era avvenuto nelle amministrazioni di destra precedenti, tutti e tre i revisori dei conti del Comune abbiano dato parere positivo a tutti i provvedimenti (anche se il merito andrebbe condiviso con la giunta Rossa), ciononostante ci sono alcune questioni che mi preme rilevare.

Per quanto riguarda il C.I.S.S.A.C.A (consorzio che gestisce le politiche sociali per conto del Comune di Alessandria e altri comuni), da alcuni giorni circola con insistenza la notizia non solo della sostituzione dell’attuale Presidente – scelta del tutto legittima poiché la responsabilità politica è giusto che sia assunta da una persona di fiducia dell’attuale maggioranza- ma anche dell’assunzione di un nuovo direttore, in sostituzione dei due attuali, o meglio in aggiunta alle due figure dirigenziali che ci sono attualmente. Continua a leggere “Paolo Berta: Occorre ripensare le scelte decise nel Consiglio comunale del 19 dicembre 2017”

Mia folle ossessione, di Giorgio Morabito

24900104_949675861875351_8022151652388524001_n

di Giorgio Morabito

Mia folle ossessione

Su strade asfaltate di tiepido vento,
all’incrocio d’una vertigine di poesia,

tu, mia essenza orlata d’immenso,
stilla di pioggia t’avventi nei miei occhi,

lacrima d’onda fuggita dal mare,
t’insinui all’ala del mio cuore gabbiano,

fuggente, luminescente stella smarrita,
incidi a lume i miei pensieri vagabondi,

nelle mie consuete ossessioni di cercarti
in questo amore mio, folle e senza pace.

©Gio M

Buon Natale!, da Susanna

unnamed

di Susanna

Ci siamo, stasera è la notte di Natale. Oggi in molti sono presi dai preparativi. C’è chi cucina, chi va in cerca degli ultimi regali, chi si arrabatta per fare gli auguri ad amici e parenti…. Insomma, la maggior parte di noi sarà impegnata fino alla cena della vigilia.

Tante persone vivono il Natale più come un momento di stress psicofisico che di gioia. E’ possibile trovare il modo di vivere il Natale con le persone care senza affannarsi tanto? Sempre più spesso alcune persone decidono di partire in questo periodo dell’anno per sfuggire al caos natalizio. Continua a leggere “Buon Natale!, da Susanna”

​Never beg somebody to stay

Life lessons

Losing some people is not a loss,, it’s actually a gain.

These are words that I had heard all my life but hadn’t really got through, not until I learnt from experience In the mid months of 2016.

There was this guy who we had been friends for years and years.

He had come to visit me because it had been long since we saw each other. That night, we took dinner and got drunk.

With us was my girlfriend who I had recently “stole” from her boyfriend who I hadn’t met. My girlfriend and I slept on the bed while my guest decided to sleep on the couch.

The next thing I remember is I woke up early in the morning and realized that I was alone in the house.

I first thought that am hallucinating but when I saw the shoes of my guest at the door of…

View original post 276 altre parole

Da Robinson, inserto cultura di Repubblica, Dashiell Hammett: “Nero Natal”

"Strane cose", il blog di Ettore

Nero Natal
Racconto di Dashiell Hammett
La luce della luna, entrando di taglio dalla finestra, disegnava un motivo bianco sul pavimento della stanza in cui Norman Bacher si risvegliò. La caraffa sul comodino era vuota: aveva bevuto spesso durante quella notte agitata. Cercando a tentoni le sue pantofole, scese dal letto. Lo specchio dello scrittoio lanciò un riflesso nella sua direzione.
Nella luce soffusa, i capelli arruffati e la faccia più pallida del normale, la faccia che vedeva nello specchio era troppo simile a quella di Eric per non spaventare Norman. Si passò una mano sulla fronte e alitò bruscamente. Quella che per un istante era stata una macchia scura sul sopracciglio riflesso era solo una ciocca di capelli pendente. Studiò la faccia nello specchiò finché il polso non riprese un ritmo regolare. Poi prese la sua acqua e tornò a letto. Ma non riusciva a dormire.

Sapeva che quello…

View original post 2.385 altre parole

La fusione? Rinviata. E gli enti camerali restano a guardare…

La fusione

di Enrico Sozzetti

Se qualcuno aveva riposto delle speranze, sarà deluso. La fusione delle Camere di Commercio in Italia e quella fra Alessandria e Asti in Piemonte, dovranno attendere. Nonostante fosse il sesto punto all’ordine del giorno della Conferenza Stato-Regioni del 21 dicembre, è stato rinviato. E a questo punto con il prossimo scioglimento delle Camere e le elezioni politiche previste per il 4 marzo, il lungo processo avviato dopo anni di discussione dovrà ancora una volta attendere.

Tutto nasce dal fatto che la Corte Costituzionale ha accolto parte di un ricorso presentato dalle Regioni Toscana, Liguria, Lombardia e Puglia contro il decreto attuativo 219/2016 che regola il processo di aggregazione. La Consulta ha riconosciuto “l’illegittimità dell’articolo 3, comma 4, che stabiliva che il ministro dello Sviluppo economico avrebbe emanato il decreto ‘sentita’ la Conferenza Stato-Regioni, e non ‘previa intesa’ con essa, dunque violando il principio di leale collaborazione”. Bisognava quindi avere prima una ‘intesa’ con la Conferenza e non ‘sentire’ la Conferenza. Chi doveva farlo? Il Ministro dello sviluppo economico cui spetta la “rideterminazione delle circoscrizioni territoriali, l’istituzione delle nuove Camere di commercio, la soppressione delle Camere interessate dal processo di accorpamento e la razionalizzazione”. Continua a leggere “La fusione? Rinviata. E gli enti camerali restano a guardare…”

Rosea sirena, di Giorgio Morabito

25551872_959740740868863_8242430288591070126_n

di Giorgio Morabito

Rosea sirena

Nell’inchino di un’onda,
che da lontano avanzò
all’inesorabile destino,

m’ apparve il tuo volto,
sporto da una griglia di sole
che piano svaniva, dipingendo
di rosso i portici dell’orizzonte.

Rosea sirena e vera realtà,
che dimori nell’ abisso
del mio cuor fremente.

Imperlata di coralli,
or ti vedo, tra la spuma,
riemergere dalle verdi
alghe sciolte danzanti

ma rimani li, al largo,
tra le caravelle d’un tempo,
nelle fiorite spume
che svaniscono e rinascono,
nell’ immenso azzurro ballerino
vestito di smarrita tramontana

e mai ti avvicini
per abbracciarmi,
o seppur lambendo
le mie labbra di sale,
addolcendole
con l’ultimo bacio d’addio,

giacché il vento generoso
incrine al tuo splendore,
è a te vicino
e ti raccoglie di fianco
tenendoti in braccio fino a sera,

ed io rimango inerme,
come un’antica roccia,
smussata dal mare,
con il mio viso avvolto
da uno scialle di cielo
ricamato a sera,

mentre gli occhi fuggono via,
nell’insana notte silente,
a trovar rigetto e rassegnazione.

©Gio M

accadde…oggi: nel 1907 nasce Doris Miles Disney

daniela e dintorni

«Un crudo ritratto della vita di tutti i giorni» è la definizione che Anthony Boucher ha usato per i romanzi della Disney (1907-1976), che in genere descrivono (anche se con alterni risultati) la vita della borghesia suburbana degli Stati Uniti.
La Disney scrisse il suo primo romanzo nel 1940. Il manoscritto fu respinto dalla casa editrice, ma una lunga lettera di una redattrice incoraggiava l’autrice a rielaborare la storia che infatti fu pubblicata tre anni dopo.
Cosa l’ha spinta a scrivere gialli? «Forse la presunzione. Mi piacevano molto i gialli, ma mi succedeva spesso di leggerne qualcuno che, a mio avviso, lasciava a desiderare. Ogni volta ne discutevo con mia sorella indicandole i punti deboli. E lei ribatteva quasi invariabilmente: “Perché non ci provi tu a scrivere un giallo, dal momento che sei così brava?” Beh, io ci ho provato!».
Da allora la Disney ha scritto…

View original post 656 altre parole

Jane Fonda compie ottant’anni: la bellezza della ribellione.

la camera dello scirocco

A Venezia, a settembre, è arrivata in forma smagliante. Ancora bella, ancora sensuale (odio quando dicono di Jane che «si conserva bene», come fosse uno stoccafisso, un merluzzo surgelato: è ancora una bellissima donna, e basta). A parte i “pezzi” cambiati – un’anca, un ginocchio, un pollice – e dei ritocchini al viso, è un incanto guardarla sorridere, muoversi, solcare il red carpet, dare un’intervista, recitare. Un mio amico cinefilo – di quelli a cui puoi chiedere i nomi delle comparse bianche che facevano gli indiani che assaltavano la diligenza in Ombre rosse di Ford – dice che è più bella adesso, che ha compiuto gli ottanta, auguri, di quand’era ragazza. Ma si sa, i cinefili sono tutti malinconici. Lei, a Venezia c’era arrivata con Robert Reford, per il Leone d’oro alla carriera di entrambi, due monumenti del cinema e del mondo liberal americano. Erano anche lì per presentare Le…

View original post 1.361 altre parole

Sport, ciclismo e tante società: rispetto, grazie.

Pensieri Puzzle

Volevo iniziare con la frase “a bocce ferme”, ma per un vicepresidente di un club ciclistico poteva suonare male, così l’incipt è:

A ruote ferme, posso fare qualche considlogo_lyserazione sul ruolo che le società sportive svolgono sul territorio.

A metà novembre, durante l’annuale pranzo sociale del Club Sportivo Lys, abbiamo salutato Lara e Davide Balmino, due atleti cresciuti con noi e arrivati ad alti livelli tecnici e di risultato. Perchè li abbiamo salutati? Facciamo un passo indietro. Il CS Lys è un club che si occupa di ciclismo a Pont-Saint-Martin dal 1905, da alcuni anni ha rinvigorito il vivaio giovanile, partecipando attivamente alla promozione sportiva, ai suoi valori, usando come tramite il ciclismo. Tuttinbici è una manifestazione che negli anni ha guidato centinaia di bambini in lezioni gratuite di Mountain Bike, molti si sono iscritti al club. Con grande entusiamo, dal 2017, si è tornati al manubrio con…

View original post 255 altre parole

India, odi et amo

Girl in travel

Ci ho messo un po’ a decidermi a scrivere qualcosa sull’India perché i 7 mesi che ho passato qui mi hanno lasciato addosso sentimenti contrastanti.  Mettici pure che tutto è stato già detto e scritto e le cose si complicano ulteriormente. Si dice che l’India o la si ama o la si odia, io piuttosto credo che sia vero che non è possibile amarla senza un po’ odiarla, e viceversa.

View original post 1.373 altre parole

Test: Sei Babbo Natale?, di aven90

unnamed

di aven90

Oh oh oh, Merry Christmas!

Con questo articolo chiariremo se sei babbo natale oppure no. E cosa c’è meglio di un test?

Non ti fanno un regalo da…

a) Non me ne hanno mai fatti

b) Da ieri

c) Mi fanno sempre regali, tranne a Natale

2. Quando vedi una renna…

a) La prima cosa che mi viene da fare è cavalcarla, senza se e senza ma Continua a leggere “Test: Sei Babbo Natale?, di aven90”

In sei mesi, consumati 5 mila ettari di suolo!

Consumo-di-suolo1

Da novembre 2015 a maggio 2016, nonostante la crisi economica che ne ha rallentato la velocità, l’Italia ha consumato quasi 30 ettari di suolo al giorno, per un totale di 5 mila ettari di territorio. Come se in pochi mesi avessimo costruito 200.000 villette.

Pur con una velocità ridotta, che si attesta quest’anno sui 3 m2 al secondo, il consumo di suolo continua inesorabilmente ad aumentare cancellando, al 2016, 23 mila km2 (pari alla dimensione di Campania, Molise e Liguria messe insieme), il 7,6% del territorio nazionale. E il futuro non è roseo. Le previsioni dell’ISPRA, che ha ipotizzato gli scenari di trasformazione del territorio italiano al 2050, parlano, nel migliore dei casi (interventi normativi significativi e azioni conseguenti che possano portare a una progressiva e lineare riduzione della velocità di cambiamento dell’uso del suolo), di una perdita di ulteriori 1.635 km2, di 3.270 km2 in caso si mantenesse la bassa velocità di consumo dettata dalla crisi economica e di 8.326 km2 nel caso in cui la ripresa economica riportasse la velocità al valore di 8 m2 al secondo registrato negli ultimi decenni. Continua a leggere “In sei mesi, consumati 5 mila ettari di suolo!”

CIPE: Finanziati Quinto e Sesto lotto del Terzo Valico e la variante allo SHUNT di Novi Ligure

rfi-terzo-valico-abbattuto-diaframma-galleria-borzoli-9172.660x368

22 dicembre 2017 – Nella seduta di ieri il Comitato interministeriale per la programmazione economica ha finanziato gli ultimi due lotti del Terzo Valico, inclusa la “Variante interconnessione Novi” richiesta dagli enti locali.

Queste decisioni, unite al finanziamento con 60 milioni di euro del progetto di sviluppo delle zone dell’alessandrino interessate dalla costruzione del Terzo Valico dei Giovi – già preannunciato a seguito del pre-Cipe del 14 dicembre scorso – rendono questa seduta Cipe una tappa fondamentale nella realizzazione dell’opera.

Il quinto e sesto lotto

Il Cipe ha dato l’autorizzazione all’avvio dei lavori per il quinto lotto costruttivo assegnando le relative risorse finanziarie per un importo di oltre 1,5 miliardi di euro e ha approvato il progetto definitivo della variante progettuale allo Shunt di Novi. Ha anche assegnato le risorse finanziarie per il sesto e ultimo lotto del Terzo Valico, per un importo di 883 milioni di euro. Continua a leggere “CIPE: Finanziati Quinto e Sesto lotto del Terzo Valico e la variante allo SHUNT di Novi Ligure”

Borsalino, piccole aperture. Però adesso è il marchio della discordia a fare paura

borsalino

di Enrico Sozzetti

Alessandria: Borsalino, tutti si impegnano. Però con quali garanzie reali? Per la storica azienda di cappelli di Alessandria si registra un solo punto fermo, al momento: Stefano Ambrosini e Paola Barisone, curatori fallimentari, annunciano di fronte ai sindacati che “l’affitto del ramo di azienda alla Haeres Equita di Philippe Camperio (nella foto) proseguirà fino al 31 maggio”. Ma confermano anche di volere arrivare entro questa data con tutte le procedure concluse per la vendita all’asta.

Anzi, di arrivarci magari anche prima di maggio. Camperio, dal canto suo, ribadisce la volontà di restare e di prepararsi per concorrere all’asta. Alcuni lavoratori all’uscita dallo stabilimento in zona D5 a Spinetta Marengo non si dicono del tutto soddisfatti. “Per ora la produzione continua, vedremo” sono le parole che si ripetono, senza eccessiva convinzione. Continua a leggere “Borsalino, piccole aperture. Però adesso è il marchio della discordia a fare paura”

Passione Tosca, by Cristina Saracano

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Si svolge al teatro Ambra, venerdì 1 dicembre, per la prima volta ad Alessandria, la rappresentazione della Tosca, opera lirica di Giacomo Puccini, qui rivista in una versione che sa molto di musical.

L’opera originale è ambientata in Italia nel 1800, quando si teme la vittoria di Napoleone, mentre la “Tosca” della compagnia Ostinata Passione, prende vita nel 1943, quando l’Italia sta cercando di liberarsi dal fascismo.

I personaggi sono gli stessi: Mario Cavaradossi, pittore, innamorato della bella cantante Floria Tosca, il suo rivale in amore, il feroce Scarpia, in questo contesto, ufficiale nazista, e poi il rivoluzionario Cesare, ricercato dai nazisti, e tutt’intorno i personaggi e i costumi dell’epoca: donne eleganti con abiti anni Trenta, soldati e squadristi con tanto di svastica e anfibi, il cardinale, le suore e il podestà.

L’impatto emotivo è forte quando marciano i soldati lungo la platea per accomodarsi sul palco, quando s’intonano canzoni…

View original post 183 altre parole