Le cose che abbiamo in comune

Evaporata

Come mi piace fare spesso uso una canzone che non c’entra niente con l’argomento trattato in questo articolo, ma il titolo sì, quindi godetevela mentre leggete. 🙂

Il mio post “Ma, ‘sto gelicidio” ha suscitato equivoci sulla natura del fenomeno, creando confusione tra Calavarna e Gelicidio. La colpa è in parte mia poiché, pur avendo copiato la descrizione precisa del gelicidio dall’enciclopedia Treccani, ho postato immagini reali e personali, ma di nevicate e gelate comuni; e, benché ieri abbia evidenziato la specificità del gelicidio con immagini precise ed attualissime, l’equivoco è rimasto perciò, oggi, chiedo venia per aver creato scompiglio e metto a confronto diretto la signora Calaverna e il signor Gelicidio che, penso, sia più aggressivo, considerando i danni che ha prodotto sulle colline intorno al mio paese.

Quindi, snocciolando la questione

questa è la calaverna

Immagini gentilmente offerte dall’amica e fotografa Carla Gatti

E questo è il gelicidio

View original post 9 altre parole

Ieri mattina in Altacollina

Evaporata

In questo periodo se posso evito città e negozi, lo stesso vale per i centri commerciali che frequento solo per lavoro, quindi vado a mescolarmi con ciò che più mi aggrada e non nascondo la passione per le scarpinate sulle colline dove capita di incontrare simpatici viandanti. Il gruppo che ho incrociato ieri mattina ha offerto anche un performante slalom tra le cacche.

😉

Occhio eh…

Forza ragazze!

Alè!

Tre pastori

Adoro queste compagnie

😀

View original post

Disegni – 20162017

La Corte

Eccomi, come promesso eccovi un altro disegno 🙂

Oggi vi mostro un remade. Li trovo molto utili per capire se davvero sono migliorata e cosa devo migliorare ancora.

Credo di aver migliorato di molto l’uso della matita, trovo le linee molto più fluide di quelle di un anno fa e anche la sfumatura delle ombre è più delicata e meno netta.

Da migliorare c’è ancora quel maledetto naso… ma arriverò pure a quello.

View original post 66 altre parole

A chi vuole calore

Idee in movimento

Osservavo la prima neve che cadeva, imbiancando velocemente tutto ciò su cui si posava.

I fiocchi che toccavano il vetro si trasformavano immediatamente in acqua, creando giochi di incastri tra le gocce.

Scatto una foto, e guardando dal mirino vengo trasportata in un pensiero, un pensiero rivolto a tutti coloro che vogliono calore.

Il cielo grigio di nuvole. Soffici fiocchi bianchi scendono, fitti ed irriverenti, mutando l’aspetto del paesaggio. Alcuni si posano sui vetri, trasformandosi in gocce d’acqua che si inseguono come bimbi in una corsa. Osservi attraverso quel vetro. Sentendo il calore dell’ambiente in cui ti trovi, ti stupisci nel percepire il gelo del vetro che tocchi con la mano. E pensi che purtroppo molte persone sono così. Apparentemente piene di calore ed ardore, nascondono al loro interno gelo ed indifferenza disarmanti. Persone che permettono alle circostanze della vita di coprire di un manto bianco e gelido i colori…

View original post 88 altre parole

Due anni di … idee in movimento

Idee in movimento

Due anni. Due anni da quel primo articolo … un articolo che introduceva il neonato blog. Qualcosa che nel mio immaginario doveva essere un blog di viaggio nel mondo, e che invece in questi due anni si è evoluto in un blog di viaggio nella vita.

Sembra ieri, invece sono passati già due anni. Due anni di noi. Ebbene si, di NOI. Perchè se è vero che Idee In Movimento è nato per unire le mie passioni, è altrettanto vero che respira anche grazie a chi lo apprezza, lo legge, lo commenta.

Non è mia intenzione tediarvi con statistiche su quanti followers abbia acquisito in questi due anni, o quanti articoli abbia scritto, o quale articolo sia stato più cliccato, più letto, più commentato. Niente di tutto ciò. Non le guardo nemmeno io le statistiche. Non mi interessano.

Un bilancio però è d’obbligo. Un bilancio umano. Un bilancio emotivo.

E’…

View original post 488 altre parole

Coccodrilli – Tartarughe – Scoiattoli … UNA TRILOGIA

Idee in movimento

Coccodrilli. Tartarughe. Scoiattoli.

Per essere più precisi.

Gli occhi gialli dei coccodrilli.
Il valzer lento delle tartarughe.
Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedì.

Tre libri. Una sola storia.

Siate sinceri … anche a voi, come a me, i titoli incuriosiscono. E’ l’effetto che fa alla maggior parte delle persone. Tre titoli che non dicono molto su quello che si incontrerà durante la lettura. Ma che alla fine di questo percorso, avranno un significato ben preciso che si sarà stampato indelebilmente in voi.

Katherine Pancol ha scritto, a mio avviso, una trilogia stupenda. E’ riuscita a riversare sulla pagina stampata la vita vera. Vita vera fatta di gioie e dolori, complicità e conflitti, amori e lutti, lealtà ed inganni, certezze e sconvolgimenti, soddisfazioni e delusioni, sogni ed illusioni, vittorie e sconfitte, scelte e confusione, amicizia e odio, perdono e rancore, coraggio e paura. Ogni personaggio viene delineato in…

View original post 331 altre parole

Tutto il mondo in una stanza

Idee in movimento

Room. Stanza. Un titolo semplice, che racchiude tutto il mondo.

Room è un libro che parla di un bambino di 5 anni e della sua mamma. Parla della loro vita, anzi, delle due diverse vite che vivono, dentro e fuori da quella stanza. Un libro che parla di rassegnazione e coraggio, di amore e di odio.

Inizialmente non mi aveva presa gran che. Non riuscivo a capire bene che piega dovesse prendere la storia. Ma ero comunque curiosa di andare avanti, anche per lo stile narrativo usato. Poi ad un certo punto la storia dei personaggi si ribalta. E li è diventato molto coinvolgente. I protagonisti del racconto si trovano a vivere un enorme stravolgimento della loro vita. Uno stravolgimento tale da trovarsi in difficoltà anche nella gestione delle piccole cose di tutti i giorni. Quelle cose che a noi sembrano semplici, scontate, naturali, per loro non lo sono. E…

View original post 225 altre parole

Tempo di Attesa… 

Angelo Gabrb3

Foto di Riyueren (mutazionidelsilenzio.wordpress.com)

​Tempo di attesa

Attesa di bellissime giornate in compagnia; attesa dell’arrivo dei nonni; attesa del grande giorno: la ri-nascita di Gesù Bambino.

Ogni anno ci viene fatto questo grande dono, Lui che ri-nasce di nuovo per ognuno di noi, per portare sempre qualcosa di bello e di Santo nella nostra vita…la salvezza!

Dopo un anno di intense fatiche siamo di nuovo qui ad attendere che qualcosa cambi… ma siamo noi a dover cambiare qualcosa…

Anche Lui aspetta di entrare nelle nostre vite, nelle nostre giornate, nelle nostre sofferenze, non lo allontaniamo e incolpiamo più per quello che di brutto ci accade.

Lui è lì, sempre accanto a noi, e ogni anno attende di ri-nascere dentro i nostri cuori.

Sappiamo allora quest’anno attendere questa rinascita e accogliere la salvezza senza timore, non come un saltimbanco che in bilico sul filo non ha paura di…

View original post 43 altre parole

Solstizio d’inverno 21-25 dicembre.

Miryam Pala

25 dicembre origine della festa e tradizione antica: Era ed è  la data del solstizio d’inverno, perchè il sole comincia il suo ritorno nei cieli arboreali.

Pagani: I pagani che adoravano Mitra celebravano il Dies Natalis Solis Solis Invicti  (giorno della nascita del sole), menzione nuova enciclopedia cattolica dell’ordine Francescano 1941.

Il 25 dicembre è il 359º giorno del calendario gregoriano (il 360º negli anni bisestili). Mancano 6 giorni alla fine dell’anno. Le origini storiche della festa non sono note[12] e sono state spiegate con varie ipotesi[13]. Probabilmente la sua data venne fissata al 25 dicembre per sostituire la festa del Natalis Solis Invicti con la celebrazione della nascita di Cristo

Giornale15731981_10202807317700691_1866376822949513578_o : Nel  Natale si mescolano però simboli e usanze di incerta origine, le cui radici si perdono nei secoli passati. La scelta dell’abete, ad esempio, non è casuale, nell’antico Egitto…

View original post 274 altre parole

Gloria in excelsis Deo

Angelo Gabrb3

Gloria a Dio nel più alto dei cieli… Inno cantato dagli angeli festanti per annunziare ai pastori la nascita di Gesù…

Gloria, in regalo anche quest’anno…

Di nuovo con noi per annunziarci il Natale e prepararci un cuore nuovo, pronto ad accoglierlo e diventare culla e casa per il Salvatore che viene nel mondo ad abitare in mezzo a noi.

Auguri di un Santo Natale a tutti!

Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà.

Noi ti lodiamo,ti benediciamo,ti adoriamo,ti glorifichiamo,ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa,Signore Dio, Re del cielo,Dio Padre onnipotente.Signore, Figlio unigenito, Gesù Cristo,Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre; tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi;tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi.

Perché tu solo il Santo, tu…

View original post 16 altre parole

Giorno 21

ADAPHIL

Casa – h 21.19

Stamattina io e la mia migliore amica abbiamo dormito fino alle 10.30; anzi, io ho dormito fino alle 10.30, lei era già sveglia. Abbiamo fatto colazione con tè e biscotti e poi abbiamo guardato un episodio di Grey’s anatomy, la mia serie tv preferita.

A pranzo sono venuti mio zio e la mia cuginetta. Mi fa morire dal ridere e mi diverto troppo a vedere le facce che fa quando mi tolgo il cappello (anche in casa tengo i cappelli perché ho freddo alla testa) e le mostro la mia testa pelata.

In giornata sono venute varie amiche e parenti a fare gli auguri e scambiare gli ultimi regali; non vedo l’ora di aprirli tutti!

Dalle 14.30 alle 17, invece, ho dormito come un ghiro: dovevo ancora recuperare qualche ora di sonno. Dopo sono andata con mio papà e mio fratello a trovare i miei bis…

View original post 55 altre parole