310x0_1514367584810.rainews_20171227102322607

“Avevamo da giorni le luminarie di Natale installate, come da tradizione, fuori di casa ma non erano insegne da centro commerciale e poi ho pensato al nostro albero di Natale, ma non potevano essere loro la causa di tale pretesa”, ha ironizzato la vittima.

E’ stato il figlio a contattare la compagnia che ha chiesto scusa e corretto la ‘piccola’ svista Tweet 27 dicembre 2017 Natale da incubo per Mary Horomanski, casalinga 58enne di Erie in Pennsylvania e madre di 5 ragazzi: si e’ vista recapitare un bolletta elettrica di 284 miliardi e 460 milioni di dollari (piu’ del debito nazionale di Ungheria e Sudafrica messe insieme).

Bonta’ sua la compagnia elettrica Penelec aveva pero’ pensato di concederle un pagamento dilazionato, con la prima tranche di ‘soli’ 28.176 dollari e tempo fino a novembre del 2018 per il primo versamento.

Probabilmente non pagano cosi’ tanto di elettricita’ neanche colossi hi-tech come Apple o Microsoft per i loro mega data center, autentici mostri ‘energivori’ per mantenere temperature di esercizio corrette e non far surriscaldare i server.

Ma dopo l’iniziale shock, la signora Horomanski ha capito che non potevano esser state le lucine di Natale a mandarla letteralmente in bolletta ma che si trattava di un macroscopico errore.

Il conto era infatti di piu’ normali 284,46 dollari, senza i 9 zeri necessari per superare quota 1 miliardo.

“Avevamo da giorni le luminarie di Natale installate, come da tradizione, fuori di casa ma non erano insegne da centro commerciale e poi ho pensato al nostro albero di Natale, ma non potevano essere loro la causa di tale pretesa”, ha ironizzato la vittima.

E’ stato il figlio a contattare la compagnia che ha chiesto scusa e corretto la ‘piccola’ svista. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Bolletta-elettrica-da-284-miliardi-di-dollari-ad-una-casalinga-della-Pennsylvania-619861fb-4f06-483d-8fe6-148371711d39.html