SOTTO IL VESTITO, di Luigi Meloni

sotto il

di Luigi Meloni

SOTTO IL VESTITO

Sotto quel vestito apparentemente bello
c’e’ un corpo spezzato, lividi colorati
sulle braccia dove un maglione di nasconde
dalla tua vera realta.

Ma i tuoi occhi opachi parlano, disegnano
forme di mani pesanti appiccicate sul viso,
sopportandondone questo dolore impossibile,
come una spada affilita dentro le emozioni
piu’ disperate.

E’ nel silenzio della casa che brucia il
Fuoco, arde di legna secca sul tuo cuore,
conseguenza di una paura forse gia vista
da piccina, che si ripete da donna.
Continua a leggere “SOTTO IL VESTITO, di Luigi Meloni”

Ascolto i tuoi pensieri, di Grazia Torriglia

Ascolto

di Grazia Torriglia

Ascolto i tuoi pensieri

E se oggi la giornata è grigia
e il mare non parla
ascolto i tuoi pensieri nascosti
leggo gioia e tristezza frenate

E mi sei compagno e amico,
in te mi trasfiguro e sento
gli stessi battiti a volte troppo svelti
correre nel canto di una tua poesia.

Grazia Torriglia@

FAI ENTRARE L’AMORE, di Elena Grillo

di Elena Grillo

FAI ENTRARE L’AMORE

Non bastano le mani
A lenire il tuo dolore

Non bastano le mani
A nascondere le lacrime
Che rigano il tuo viso

Aprile….

Mostra il tuo sorriso
Più bello

Assapora
Ogni emozione
Che la vita
Ti dona

Apri il tuo cuore
E fai entrare
L’amore

ELE .

Dio dammi la luce.. di Grazia Torriglia

27336988_591100527902895_804036639758780795_n

di Grazia Torriglia

…Dio dammi la luce..

Dammi la luce Dio dammi la luce
c è poco nella mia anima
non vedo non capisco
sono povera dentro forse non so nemmeno amare.

Sento
ascolto ma non so rispondere
come dovrei alle anime che soffrono
le mie mani non accarezzano
le mie labbra non mandano baci.

Il sole sorge e tramonta e non mi ispira
la pioggia lava e non cancella
il mio spirito vaga nella nebbia
Dio dammi un po’ di luce.

Grazia Torriglia@.

Il grido del cuore

OpinioniWeb-XYZ

deserto fiore

Rimbalzo

fra il compiacimento e l’illusione

fra gli inganni della mente;

sopravvivono in noi

personalità in conflitto

mendicanti d’amore

che si specchiano nel giudizio degli altri.

Superbo è il piaciere

che riceviamo dall’approvazione,

pauroso è il vuoto percepito

nel nulla delle nostre immagini

costruzioni senza amore,

apparenze senza essere.

Coltiviamo ipotesi di vita

innaffiate da illusioni,

nutrite da orgogli tirannici

che ci ingannano con le loro adulazioni.

Dovremmo gridare a noi stessi:

Perché non mi accetti? Perché mi giudichi?

Io sono come un fiore piantato nel terreno,

sono ciò che sono,

lasciami vivere

lasciami fiorire

non calpestare i miei germogli

non soffocarmi nei grovigli della tua mente

amami

perché ti sono sempre accanto

unica Verità

in mezzo al fango delle illusioni.

View original post

DEEZER E LE NUOVE FRONTIERE DELLA MUSICA

CIMO

E’ ormai appurato che la musica on-line si è sostituita al CD. Ma le piattaforme come Spotify, Apple o Amazon, dal momento che cominciano a proporre talk-show, audiolibri, podcast di ogni tipo, entrano in concorrenza diretta anche con la radio. Deezer è un altro attore  questo mercato e la radio francese France Inter ha invitato il CEO Hans Albrecht. Che cosa è emerso da questa intervista?

View original post 336 altre parole

L’assiuolo

Cantiere poesia

Dov’era la luna? chè il cielo
notava in un’alba di perla,
ed ergersi il mandorlo e il melo
parevano a meglio vederla.
Venivano soffi di lampi
da un nero di nubi laggiù;
veniva una voce dai campi:
chiù…

Le stelle lucevano rare
tra mezzo alla nebbia di latte:
sentivo il cullare del mare,
sentivo un fru fru tra le fratte;
sentivo nel cuore un sussulto,
com’eco d’un grido che fu.
Sonava lontano il singulto:
chiù…

Su tutte le lucide vette
tremava un sospiro di vento:
squassavano le cavallette
finissimi sistri d’argento
(tintinni a invisibili porte
che forse non s’aprono più?…);
e c’era quel pianto di morte…
chiù…

GIOVANNI PASCOLI

View original post