SOTTO IL VESTITO, di Luigi Meloni

sotto il

di Luigi Meloni

SOTTO IL VESTITO

Sotto quel vestito apparentemente bello
c’e’ un corpo spezzato, lividi colorati
sulle braccia dove un maglione di nasconde
dalla tua vera realta.

Ma i tuoi occhi opachi parlano, disegnano
forme di mani pesanti appiccicate sul viso,
sopportandondone questo dolore impossibile,
come una spada affilita dentro le emozioni
piu’ disperate.

E’ nel silenzio della casa che brucia il
Fuoco, arde di legna secca sul tuo cuore,
conseguenza di una paura forse gia vista
da piccina, che si ripete da donna.
Continua a leggere “SOTTO IL VESTITO, di Luigi Meloni”

Dio dammi la luce.. di Grazia Torriglia

27336988_591100527902895_804036639758780795_n

di Grazia Torriglia

…Dio dammi la luce..

Dammi la luce Dio dammi la luce
c è poco nella mia anima
non vedo non capisco
sono povera dentro forse non so nemmeno amare.

Sento
ascolto ma non so rispondere
come dovrei alle anime che soffrono
le mie mani non accarezzano
le mie labbra non mandano baci.

Il sole sorge e tramonta e non mi ispira
la pioggia lava e non cancella
il mio spirito vaga nella nebbia
Dio dammi un po’ di luce.

Grazia Torriglia@.

Il grido del cuore

OpinioniWeb-XYZ

deserto fiore

Rimbalzo

fra il compiacimento e l’illusione

fra gli inganni della mente;

sopravvivono in noi

personalità in conflitto

mendicanti d’amore

che si specchiano nel giudizio degli altri.

Superbo è il piaciere

che riceviamo dall’approvazione,

pauroso è il vuoto percepito

nel nulla delle nostre immagini

costruzioni senza amore,

apparenze senza essere.

Coltiviamo ipotesi di vita

innaffiate da illusioni,

nutrite da orgogli tirannici

che ci ingannano con le loro adulazioni.

Dovremmo gridare a noi stessi:

Perché non mi accetti? Perché mi giudichi?

Io sono come un fiore piantato nel terreno,

sono ciò che sono,

lasciami vivere

lasciami fiorire

non calpestare i miei germogli

non soffocarmi nei grovigli della tua mente

amami

perché ti sono sempre accanto

unica Verità

in mezzo al fango delle illusioni.

View original post

DEEZER E LE NUOVE FRONTIERE DELLA MUSICA

CIMO

E’ ormai appurato che la musica on-line si è sostituita al CD. Ma le piattaforme come Spotify, Apple o Amazon, dal momento che cominciano a proporre talk-show, audiolibri, podcast di ogni tipo, entrano in concorrenza diretta anche con la radio. Deezer è un altro attore  questo mercato e la radio francese France Inter ha invitato il CEO Hans Albrecht. Che cosa è emerso da questa intervista?

View original post 336 altre parole

L’assiuolo

Cantiere poesia

Dov’era la luna? chè il cielo
notava in un’alba di perla,
ed ergersi il mandorlo e il melo
parevano a meglio vederla.
Venivano soffi di lampi
da un nero di nubi laggiù;
veniva una voce dai campi:
chiù…

Le stelle lucevano rare
tra mezzo alla nebbia di latte:
sentivo il cullare del mare,
sentivo un fru fru tra le fratte;
sentivo nel cuore un sussulto,
com’eco d’un grido che fu.
Sonava lontano il singulto:
chiù…

Su tutte le lucide vette
tremava un sospiro di vento:
squassavano le cavallette
finissimi sistri d’argento
(tintinni a invisibili porte
che forse non s’aprono più?…);
e c’era quel pianto di morte…
chiù…

GIOVANNI PASCOLI

View original post

Un’estate da vivere

Cantiere poesia

Le rose esalavano le prime note

il vento mordeva le foglie

nei giorni che promettevano estate.

All’ombra del grande ciliegio

rubavo vecchie poesie

al cuore delle conchiglie

e sognavo l’amore.

Sapeva di giugno la sera

il sole spaccava di rosso l’aria

e le cicale impazzivano nell’erba alta.

Io con loro

a mietere giorni roventi

nel tuffo di papaveri e grano

il cigolìo dell’altalena

lasciata a metà

per la fretta di crescere

e assaggiare la vita

astrofelia franca donà

View original post

Les musiciens de Brême

Le monde est dans tes yeux ...

Les musiciens de Brême

.

Un meunier possédait un âne qui, durant de longues années, avait inlassablement porté des sacs au moulin, mais dont les forces commençaient à décliner. Il devenait de plus en plus inapte au travail. Son maître songea à s’en débarrasser. L’âne se rendit compte qu’un vent défavorable commençait à souffler pour lui et il s’enfuit. Il prit la route de Brême. Il pensait qu’il pourrait y devenir musicien au service de la municipalité. Sur son chemin, il rencontra un chien de chasse qui s’était couché là. Il gémissait comme quelqu’un qui a tant couru, que la mort le guette.

– Alors, Taïaut, pourquoi jappes-tu comme ça ? demanda l’âne.

– Ah ! dit le chien, parce que je suis vieux, parce que je m’alourdis chaque jour un peu plus, parce que je ne peux plus chasser, mon maître veut me tuer. Je me suis enfui. Mais…

View original post 1.103 altre parole

Vent’anni che voglio, di Antonio Scarito

Vent'anni che voglio,

di Antonio Scarito

Vent’anni che voglio,
l’amore riprende,
il tempo delle feste
e le sfilate notturne .
Gli incontri a sorpresa,
le mani di fata con
quel cercare di essere
dolci amanti imperfetti.
Non chiedere mai
del domani lo scorrere,
tanto poi un amore
dura men di una vita,
ma di sicuro fa bene
viver comunque,
quelle allegre risate,
le gite inventate,
le sfuriate di casa e
le tante promesse
mai da noi mantenute.
E correvo felice
ostacoli non c’erano,
solo tanti aspettative
che portavano sempre
a non perdere l’attimo
per godere di tutto.
Non pensare al domani,
prendi tutto dell’oggi
senza nulla chiedere
se non la vita di fai
Quante cose lasciate,
quanti amori finiti e
le strade percorse
senza senso avere ,
che per quando ora
nella vita non trovo,
so ancora mi resta
nostalgia di quei giorni.
Vorrei ancora provare
a viver come allora,
per salvare l’andare
dalle illusioni perdute.

Scende la notte, di Antonella Commendatore

Scende la notte

 Antonella Commendatore

La notte

Scende la notte
il cielo di blu si tinge
le stelle lassù brillano
e lo accendono
la luna splende e illumina
il mondo.

Ogni cuore sogna
ogni Amore si abbraccia
e si stringe.

C’è quiete e pace
silenzi rotti dai respiri
degli innamorati che
vicini e persi l’un nell’altra
colorano di magia
la splendida notte.

Tutto tace
mentre le anime
si cercano e si amano.

La notte, è una nuvola
soffice dove adagiarsi
per riposare e nel buio
luccicante sospirare.

@Antonella Commendatore
Copyright

Top Secret Australian file ‘left at second- hand shop’   

TIMES OF LION

Jan/31/2018, TIMES OF LION, AUSTRALIA

Australian bureaucrats have launched an investigation into how top-secret documents were exposed after being left in a second-hand shop.

The Australian Broadcasting Corp has published a series of exclusive reports this week, citing Cabinet files from current and previous governments.

On Wednesday, the ABC revealed the files had been found in locked filing cabinets purchased at a Canberra shop.

The Department of the Prime Minister and Cabinet ordered an urgent review.

The ABC described it as “one of the biggest breaches of Cabinet security in Australian history”, sayingthe filing cabinets contained hundreds of documents- most of them classified.

How were they found?

The filing cabinets were in a second-hand shop where ex-government furniture is sold cheaply, Australia’s largest public broadcaster said.

“The deals can be even cheaper when the items in question are two heavy filing cabinets to which no-one can find the…

View original post 276 altre parole

Taliban threaten 70% of Afghanistan, Times of lion

TIMES OF LION

Jan/31/2018, TIMES OF LION, ASSIA

Taliban fighters, whom US-led forces spent billions of dollars trying to defeat, are now openly active in 70% of Afghanistan, a TIMES OF LION study has found.

Months of research across the country show how areas the Taliban threaten or control have surged since foreign combat troops left in 2014.

The Afghan government played down the report, saying it controls most areas.

But recent attacks claimed by Taliban and Islamic State militants have killed scores in Kabul and elsewhere.

Afghan officials and US President Donald Trump responded by ruling out any talks with the Taliban. Last year Mr Trump announced the US military would stay in the country indefinitely.

How was the research carried out?

The BBC investigation – conducted during late 2017 – provides a rare snapshot of the security situation in every Afghan district between 23 August and 21 November.

A network OF…

View original post 1.079 altre parole

Trump hails’ new ‘American moment’ 

TIMES OF LION

Jan/31/2018, TIMES OF LION, US & CANADA

A bullish US President Donald Trump has proclaimed a “new American moment” as he delivered his maiden State of the Union speech to Congress.

In a primetime address, the Republican leader said he was “extending an open hand” to Democrats to work together.

Mr Trump also saidhe was ordering Guantanamo Bay to be kept open, reversing an Obama-era directive to close the controversial detention camp.

The American economy is booming but Mr Trump’s approval rating languishes.

In an upbeat message a world away from his apocalyptic “American carnage” inaugural speech of just a year ago, Mr Trump said his administration was “building a safe, strong and proud America”.

“There has never been a better time to start living the American dream,” he told lawmakers in a one-hour-and-20-minute speech.

Standing ovation v stony-faced silence

Image captionStanding…

View original post 674 altre parole

Turkish military captures strategic boarder peak Bursaya in Syria 

TIMES OF LION

Eliminating terrorists from Mount Bursaya, which has been the base for the YPG’s armories and ammunition, will help Turkey reduce the terror threat at its border and protect civilians in Syria.

Jan/31/2018,TIMES OF LION, SYRIA

Turkish armed forces and the Free Syrian Army (FSA) on Sunday captured Mount Bursaya in Afrin, Syria, denying YPG/PKK a strategic peak it has used to launch attacks on civilians in both Turkey and Syria.

“The Turkish Armed Forces captured Mt Bursaya, as part of Operation Olive Branch. Activities continue to clear terrorists from the area,” said the Turkish General Staff in a statement.

The capture came after Turkish forces and FSA fighters advanced on the peak from the northwestern Syrian city of Azaz.

Air strikes followed as YPG/PKK towers and positions on the mountain took heavy artillery fire from Turkish forces.

A few hours after recapturing the strategic peak, forces also took full control…

View original post 275 altre parole

Zara’s Lungi (Indian Culture)    lookalike mocked by Asian Internet 

TIMES OF LION

Jan/31/2018, TIMES OF LION, ASSIA

Fashion famously comes in cycles and things once considered past it can make a surprise appearance on the runway.

Is that what’s just happened to the lungi?

Depending on where you’re from, a lungi is either what you’re wearing right now, what your dad and grandfather used to wear, or the thing you had to sport as a tourist to cover your legs when visiting a temple or pagoda.

But the lungi – or lungyi, longyi, sarong etc – has now found its way on to the High Street.

Image copyrightGETTY IMAGESMen wearing longyi in Myanmar (file image)

Image captionMen across a huge area of the world sport a lungi as their daily attire

The lungi is a tube-shaped piece of cloth wrapped around the waist and tied together at the front.

It’s been a veteran garment, mainly for men, in many parts of South and South East Asia…

View original post 337 altre parole

Parfum Exotique

Le monde est dans tes yeux ...

.

Parfum exotique

.

.

Quand, les deux yeux fermés, en un soir chaud d’automne,

Je respire l’odeur de ton sein chaleureux,

Je vois se dérouler des rivages heureux

Qu’éblouissent les feux d’un soleil monotone ;

.

.

Une île paresseuse où la nature donne

Des arbres singuliers et des fruits savoureux ;

Des hommes dont le corps est mince et vigoureux,

Et des femmes dont l’oeil par sa franchise étonne.

.

.

Guidé par ton odeur vers de charmants climats,

Je vois un port rempli de voiles et de mâts

Encor tout fatigués par la vague marine,

.

.

Pendant que le parfum des verts tamariniers,

Qui circule dans l’air et m’enfle la narine,

Se mêle dans mon âme au chant des mariniers.

.

.

❤️ Charles Baudelaire ❤️

.

.

( “Vaïraumati elle se nommait”, Paul Gauguin, Tahiti, Papeete, 1892, Huile sur toile © )

View original post

I sogni di Cicì

Vita da criceto

Le feste! Ah, che passione…dicono!
Per noi criceti siriani non cambia nulla,  se non che la nostra pelliccia diventa un mix di odori di fritto, la casa è invasa di rumori e voci di gente che non conosciamo, tenta sempre di accarezzarci. Che noia! L’unica cosa positiva sono i panettoni giganti pieni di uvetta da divorare.
L’albero non mi piace. E’ pieno di strane cose rotonde e lucide dove mi specchio e trovo sempre qualche difetto: o i baffetti troppo lunghi, o le zampine troppo affilate, o le mie rotondità; in quel momento mi sento come gli umani,  molto vanitosi.
Ogni volta che la mia padroncina Denise mi fa uscire per fare una passeggiata, il rituale è questo: piccolo salutino a Frodo “Td cosa”, (non so mai pronunciare il suo nome),
piccolo giro tra le stanze ed, infine, il camino.
Il camino acceso è il mio luogo preferito, lì…

View original post 656 altre parole

Virginia Woolf e l’esperienza con Hogarth Press

- Radical Ging -

Lo scorso 25 gennaio si è celebrata una data importante, la nascita di una delle più grandi scrittrici moderniste in assoluto, VirginiaWoolf. Adeline Virginia Stephen nacque nel 1882, a Londra. Sin da bambina, in una casa rumorosa, con fratelli e sorelle da riempire una villa, trova terreno fertile per la sua mente e la sua curiosità. Infatti, suo padre, Sir Leslie Stephen, era un uomo di grande levatura intellettuale, ed era in possesso di una libreria invidiabile alla quale Virginia ebbe modo di attingere abbondantemente. All’inizio, la fanciulla chiedeva al padre i libri che voleva leggere, e questi tirava fuori la chiave della libreria e glieli forniva, ma arrivò presto il momento in cui l’uomo non riuscì più a stare dietro al ritmo di lettura serrato della figlia e le diede direttamente la chiave.

woolf1 Virginia Woolf

Virginia in parte leggeva proprio per impressionarlo, ma principalmente era avida…

View original post 783 altre parole

Lijiang agosto 1995, di Olga Karasso

Lijiang agosto

di Olga Karasso 

Lijiang agosto 1995

Che cosa, vita mia, rimane

poco rimane o niente

un gomitolo di tristezze…

La tua avventura

splendida avventura

che si divertì una a una

a stralciare

grandiose aspettative

in pellegrinaggio

da un santuario all’altro

nuova caccia metafisica

da un tempio all’altro

di cosa fosse bene

da un monaco all’altro

cosa male. Continua a leggere “Lijiang agosto 1995, di Olga Karasso”

Tu ad est e io ad ovest

Seidicente

Ho questa vecchia foto
dinnanzi a me e sorrido
non riesco neppure a contare
quanto tempo sia passato,
quanta vita sia trascorsa.
Non so dove sei adesso
non so cosa fai, cosa pensi,
come vivi e dove vivi,
semmai vivi.
Eppure sento ancora il tuo profumo
la tua mano sulla mia
mentre camminavamo
per le strade di un vecchio mondo
tralasciando su di noi
le macerie di un’antica Θήβα.

Giorno dopo giorno, per tre mesi
tra polvere e sudore, con te
ho vissuto la mia unica giovinezza
e poi mai più. Solo vivere –
amandosi senza saperlo, senza mai parlare
o chiedere o aspettare.
Solo correre, camminare, guardare,
bere, mangiare, fare l’amore e dormire.
Nient’altro, ti ricordi?
Quanti sorrisi e quanta armonia
come fosse un patto stretto col sangue.
Un accordo tacito sul non voluto
preteso da cotanta libertà.
Distesi, una notte, sui resti di rocca Cadmea
– chissà se…

View original post 130 altre parole

Fino all’ultima lacrima

Seidicente

Piet Mondrian – L’albero grigio

Quando usciremo da questo dolce torpore
piegati dal sonno e dal tempo
le stelle ci guarderanno stupite
e non comprenderanno il nostro abbandono
per ogni gesto oppresso e reciso
dalla frenesia dei giorni passati,
per ogni pensiero spezzato e sospeso
da sguardi estranei, divisi dalla nostra casa.
Non capiranno quanto malore,
quanta sofferenza per ignorare ogni stupido gesto
per non concepire ogni insano pensiero
e si domanderanno perché
abbiamo coltivato e adorato tanto disagio
di fronte alla vita o alla gioia
per far posto, in un soffio, ad un tocco di piuma,
ad un gesto effimero e breve.
Le stelle non lo capiranno, non comprenderanno
quanto abbiamo lottato e resistito
piegati nel tempo, fino all’ultima lacrima.



Contatore per sito

View original post

Quanto disordine c’è !, di Maria Cristina Sabella

Quanto

di Maria Cristina Sabella

Quanto disordine c’è !☆¸.✿.¸.•´ ¸.•´.-✿
¯**´¯**´¯`˜”*°•.•.¸ღ¸☆

Non c’è nulla al posto giusto
ne un pensiero ne un’emozione,
c’è uno spazio in confusione
da quel lato del cuore,
non respira c’è cattivo odore
di stantio e putrefazione,
non si fa un passo serio
tra macerie e scatole di cartone,
pesantezza diffidenza
mancanza di concentrazione,
parole che si intrecciano
come spago da imballare,
quel pensiero da conquistare
uno spazio ricco di allusione,
confusione e disordine
nelle parole e nel cuore…!
nell’armatura si trincera
l’anima che non vuol morire,
quell’emozione
nella confusione si sente sfiorire.
(@Sabella Maria Cristina 30 Gennaio 20189
diritti riservati

Intervista a Gianni Ravazzi, Consigliere comunale della Lega Nord

di Cristina Saracano. Alessandria

Si parla subito di Cittadella: questa ex fortezza militare è un punto culturale, ha un ampio spazio verde, anche utilizzabile per eventi, quindi vanno assolutamente risolti i problemi organizzativi tra comune e regione per non perdere nessuna opportunità.

Per la detassazione delle nuove aperture commerciali, Ravazzi aggiunge che questa sarà estesa oltre al centro e anche per le industrie, con maggiori incentivi per chi produrrà energia pulita. Restano escluse alcune attività come compro oro e sexy shop.

È in progetto un nuovo meccanismo di raccolta rifiuti dove si dovrà fare una differenziata capillare, pagando solo più l’indifferenziata. Ciò richiede, ovviamente la collaborazione e il buon senso civico dei cittadini. Continua a leggere “Intervista a Gianni Ravazzi, Consigliere comunale della Lega Nord”

ANGOSCE CULLATE, di Cinella Micciani

angoscie

di Cinella Micciani

ANGOSCE CULLATE

Ascoltami, ti supplico.
Lasciale andar via.
Non tenerti strette
nell’anima confusa
le angosce infinite
i dubbi, le paure
le ansie dilanianti
gli istinti inibitori
capaci d’annullarti.
Sei un fiore fragile
dal profumo intenso
bisognosa d’amore
attenzioni, carezze
abbracci da sogno.
Hai un’anima grande
un cuore immenso.
Generosa, altruista
sai donare tanto.
La tua natura è ricca
d’umanità vera.
Soffri le ingiustizie
rifiuti i compromessi.

Continua a leggere “ANGOSCE CULLATE, di Cinella Micciani”

Intervista a Gianni Ravazzi, Consigliere comunale Lega Nord

a cura di Pier Carlo Lava
Alessandria, intervista a Gianni Ravazzi, Consigliere comunale Lega Nord e Presidente Commissione controllo Amag Ambiente
Le domande:
Cittadella, a che punto è la situazione?
Proposta No Tasse per riapertura negozi chiusi in Centro?
Amag Ambiente, il servizio non funziona che fare?
Ex Ospedale militare, quali e a che punto sono i progetti?
Accorpamento ASl e Aso, cosa ne pensi?
L’Immigrazione, un problema o un opportunità?

NOTTE DI LUCE, di Giusy Finestrone

notte

di Giusy Finestrone

Se fossi una poetessa.
NOTTE DI LUCE
Il sole è già sceso, galleggia sul mare
Pochi attimi e poi finirà per affogare
Emerge la notte, la luna è il suo viso
Si impadronisce del tempo col suo bel sorriso
Attorniata da stelle come fossero diamanti
E’ la cornice ideale per tutti gli amanti
Che ammirando quel cielo trafitto di stelle
Danzano stringendosi pelle contro pelle
Tace il rumore del giorno già andato
Si ode solo il frastuono del mare agitato
Che è melodia per quei corpi frementi
Avvolti solo da sguardi appaganti
Il vento notturno è tiepida brezza
Scorre sulla pelle come dolce carezza
La notte riaccende quei cuori vibranti
Ed è luce e passione per quei due amanti !!!
Si riserva ogni uso e utilizzo @copyright di Giusy Finestrone

NON LI VOGLIO VEDERE, di Olga Karasso

di Olga Karasso

NON LI VOGLIO VEDERE

scritta anni fa… cambiamento?

Non voglio vedere!

Né all’alba né al tramonto li voglio vedere.

Non voglio specchiare gole visi appestati di terrore

increduli su barconi sgangherati in alto mare

alla deriva corpi in mare in alto mare

nell’inferno viventi e inanimati!

E gente che discute in alberghi e ville o parlamenti

quanto è morale fare.

Non voglio vedere occhi rotondi di infanzie

deluse seviziate!

Non voglio vedere piccoli inanimati cadaveri.

Ma da quando riceve la Terra esige prenotazioni

di fosse come tavoli al ristorante?

Da quando si nega un quadrato di terra

morso di pane o fantasia?

Da sempre. Non li voglio vedere!

Non voglio vedere il pianificato orrore

film di élite che intrattiene forse vivifica

evolve forse sfama.

Questa musica non è la mia.

Particolare d’artista strafatto

Cantiere poesia

Il segno dei topi sulla corona del bicchiere,
musica di mosche randagie, cornice…scarnificata.
                                                                         Particolare d’artista strafatto.

Ecco, ingoia, tutto il mio amore per le cose inutili
(sempre che sia inutile innamorarsi come i gatti…coda su coda…pelo su pelo…)
sei tu, che non hai voluto leccarmi le labbra,
un poco alla volta, un poco per volta…

Massimo Pastore

View original post

Il #MusicaDaDivanoTour in formato TV a casa di Paola Belletti!!!

Mienmiuaif - Mia moglie ed io

Grazie alla collaborazione con TeleMater, una web tv cattolica con base a New York, il nostro #MusicaDaDivanoTour è finito oltreoceano!!! 😮😎

In questa tappa siamo ospiti di Matteo e Paola (Belletti, l’autrice di “Osservazioni di una mamma qualunque” e “Siamo donne. Oltre la differenziata c’è di più“).

Unica cosa: abbiate pietà dell’intervistatore…

View original post

Du 1er au 04 février 2018

Spotjardin.com

Salut à tous !!

garden-figures-2768651__340.jpgJ’ai une amie du blogentresoi qui m’a suggéré de faire des rappels de ce qu’il est possible d’effectuer au jardin afin que chaque jardinier n’oublie pas le jour le plus propice pour le faire. Merci Claudia pour cette suggestion. Je ferai cela pour chaque semaine (du lundi au dimanche). Pour ce premier article il n’y aura que 4 jours car le mois de février commence un jeudi.

View original post 211 altre parole

Il Futuro

Cantiere poesia

Chi sa
che cosa mi riserba
il Futuro:
un tormentato Presente
o un deluso Passato?
Affacciato alla finestra
del mio mondo, vedo
un’arida sterminata pianura grigia,
coperta da nuvole nere,
aperta ai gelidi venti,
ai turbinii della rugginosa terra.
Ma, laggiù, all’orizzonte, laggiù,
un raggio di sole
vibra caldo e dorato
e squarcia l’angoscioso velo opaco
che fa lacrimare gli occhi e l’anima.
Ecco il mio Futuro:
incognito, ma presente
che illumina il passato
tra tenebre e luci
tra gioie e tristezze,
ed impaziente attende

Nino Silenzi

View original post

A voi capita mai di rileggervi?

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

Stavo litigando con Rai Play cercando di guardare la puntata di Un posto al sole che non sono riuscita a vedere stasera (non giudicatemi eh, tutti hanno il proprio guilty pleasure) quando mi sono ritrovata a spulciare tra le pagine del mio stesso blog. Non ho idea di cosa stessi cercando, del perché mi fossi smarrita tra le mie stesse parole di qualche tempo fa, del perchè non continuassi ad imprecare contro quella stupida app invece di restare imbambolata a leggere.

Parola dopo parola mi sono accompagnata all’incontro con l’altra me! Persa come sono in questa nube di ansia e turbamento stavo rischiando di non ricordarmi più come sono quando sorrisi veri colorano il mio viso, quando il sole bacia la mia pelle e i miei occhi si posano su luoghi mai visti prima.

E a voi capita mai di rileggere le vostre parole? Vi trovate cambiati? Vi aiuta a…

View original post 9 altre parole

Ciao, sono l’Ansia.

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

Ci sono momenti in cui le parole non le cerchi, sono loro che trovano te. E’ esattamente questo che è accaduto con quelle di  Carla Babudri che ho deciso di riportare in questo mi spazio.

anxiety

“Ciao sono l’Ansia, non spaventarti… vengo in pace, perché ti spaventi così tanto davanti alla mia presenza?
So che ti senti male ogni volta che mi avvicino, che ti disperi e vorresti mandarmi via subito, so che se potessi… mi uccideresti, soprattutto perché credi che sia io quella che ti vuole fare del male, ma credimi, non è così.
Non sono qui per arrecarti dolore, tanto meno per farti impazzire, penso di avertelo dimostrato ogni volta che arrivo. E’ vero delle volte sono spaventosa ma è la mia natura.
Però come vedi alla fine della giornata, non ti ho ucciso e non sei impazzito.

tenor4

La verità è che quando arrivo tu stai male, senti questa…

View original post 1.095 altre parole