Cantiere poesia

Immagine leggera
confuso dallo specchio
voglio scriverti una parola nuova
inesistente
le memory card mi cancellano il passato
gli strappi che colpiscono la mente
e i tasti che schivano i miei colpi
… e sono stato tanto tempo in analisi
dal tempo …
sfogliano le pagine staccate ad una ad una
poi coi miei stessi occhi ripassate
lucide di patine e pensieri senza immagini
airlock
respiro
sfido
lo specchio dove tu sei ancora impressa
con un tuo sorriso che mi lascia dentro
led lumi e bui oscuri
monitor di pixel intasati
e mi scontro dove l’universo riversa tutti i suoi spazi
free d’ogni passato inserisco input ed on line
devo trovare una parola nuova…insistente…
amore

Enrico Tartagni

View original post