I RICORDI NEL POZZO

di Ester Mastroianni

I RICORDI NEL POZZO

La nebbia sale dal fiume
sospinta dal gelido vento.
Ricordo ancora quel tempo
di noi, bambine spavalde.

Ci si affidava a una barca
per attraversare il fiume
e attraccare alle sponde;
l’ignoto era un brivido
l’incoscienza il coraggio.

Stamani è gelido nel cuore,
sui campi coperti di neve
le stoppie sono di ghiaccio.

Poi esce un tiepido sole
e sotto l’ardore di un raggio
d’intorno si accende il colore;
ti penso volare lassù leggera
con quei 21 grammi di Anima
accolti un limbo d’idee,
e ancora Tu sei.

Vorrei un crepuscolo azzurro
le rondini in affanno nel cielo,
noi due a inventare le note,
la sera la certezza del sonno;
ma c’è solo la luna che pare
gettare i ricordi nel pozzo.

ester@mirella M P

(dedicata)