Il suono della parola

In fondo eravamo diventati uno il prodotto dell’altro. La mia vicinanza le aveva insegnato a conoscere i propri limiti, a capire che una relazione costruita solo sul darsi non poteva avere futuro. La banca dei sentimenti esige un bilancio in attivo, è un dare per ricevere che sottende speculazioni sopraffine. In un certo senso le avevo insegnato la lezione più importante e solo allora capii quanto eravamo legati. Visto attraverso la lente del ricordo, quel rapporto mostrò tutta la sua grandezza.

dal romanzo “un celeste divenire” di Guido Mazzolini

View original post