Conosciamoci un po’ meglio

Ilmondodelleparole

Sono più in ritardo che mai. Un ritardo cronico dei Tag. Nomina nomina nomina… di Throught the mirror, che ha descritto questo Tag in maniera esemplare, e nel mio ritardo riporto fedelmente perché non saprei dirlo meglio.

Siamo tanti, ci seguiamo a vicenda, a volte qualcuno scrive dei pezzi che sembrano usciti dalla mia testa e dalla mia penna, altre volte scrivo io qualcosa che pensate anche voi. Altre ancora siamo in totale disaccordo. Ma siamo qui, umili scrittori del web. Con le nostre passioni, le nostre fisime, i nostri problemi e i nostri aneddoti. Qualcuno scrive per puro piacere, chi per cercare fama. Chi per se stesso, chi per condividere esperienze e chi per sfogarsi. Ma di sicuro abbiamo tutti in comune di aver scelto di essere qui. Ci leggiamo, qualche volta ci commentiamo. Ci confrontiamo e consoliamo. Ridiamo insieme. Ed è bellissimo. Un piccolo paradiso virtuale. Allora…

View original post 1.631 altre parole

Erasmus?

Ilmondodelleparole

Hai mai pensato di andare via e non tornare più? Scappare e far perdere ogni tua traccia, per andare in un posto lontano e ricominciare a vivere una vita nuova, solo tua, vivere davvero? Ci hai mai pensato?

(Luigi Pirandello)

Mi trovo in quel periodo di stallo, alla fine della sessione invernale, senza esami e senza studi. Tutte quelle cose che avevo programmato di fare, che ho rimandato giorno dopo giorno senza pensare ad una data, “quando avrò tempo”, “prima o poi”. Va così. Va che mi ritrovo sempre a pensare a lungo termine, a quello che vorrei fare in questa estate, l’estate prossima, e poi alla magistrale. Mi trovo davanti l’ennesima possibilità da cogliere o rimandare: il programma Erasmus. Ho sempre detto e sostenuto con convinzione “sì, lo voglio”, come fosse la decisione della mia vita. Ho ammirato e continuo ad ammirare quegli studenti che partono, lasciano tutto per…

View original post 826 altre parole

Eventi di domenica 28 gennaio per il Giorno della Memoria,  di Lia Tommi 

di Lia Tommi,  Alessandria 

Segnaliamo tre eventi organizzati per celebrare il Giorno della Memoria  ad Alessandria,  previsti per domenica 28 gennaio:

– in Biblioteca Civica,  piazza Vittorio  Veneto,  Alessandria, alle 17,  il concerto “CHAGALL,  la musica e il Giorno della Memoria”, con il trio Quodlibet, composto da Mariechristine  Lopez al violino, Virginia Luca alla viola e Fabio Fausone  al violoncello 

– al Museo Etnografico della Gambarina, alle 17, concerto di musica classica “Giorno della memoria “, con musiche di  Leone Sinigaglia; al violino Maurizio Cadossi  e  al pianoforte  Roberto Beltrami

– alla Sinagoga di Alessandria,via Milano, 7,  alle 16,45, per il giorno di conservazione  dello spirito ebraico: la conferenza “Ricordiamo quindi siamo”, le origini degli ebrei  alessandrini,  con il dottor  Fabio Tirelli , direttore Bottega Ferrari, la dottoressa Paola Vitale, delegata della Comunità  ebraica per Alessandria,  e le piccole voci recitanti Ana  Maria ed Esmeralda; organizzata dall’Associazione  Spazioidea

Tutti gli eventi sono a ingresso libero e gratuito.

Emozione e intelletto, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano

Biblioteca civica di Alessandria, 21 gennaio 2018, in occasione dell’esposizione di due opere mai viste prima in Italia di Marc Chagall, perché, secondo l’artista, la musica è complementare alla pittura, si è tenuto un concerto d’arpa eseguito sublimamente da Sara Terzano, docente presso il Conservatorio di Alessandria.

L’arpista, che è anche laureata in architettura, col suo tocco gentile e i movimenti docili, sa creare un’atmosfera rilassante: il suo impegno e l’amore per la musica emergono in ogni istante dell’esecuzione.

Tra un pezzo e l’altro ci racconta qualche particolare sullo strumento: l’arpa è un pianoforte nudo perché permette di agire direttamente sulla corda.

I pezzi che presenta sono collegati a Chagall perché il pittore amava la musica popolare e anche autori come  Mozart, Stravinskij, Ravel, Saint Saëns, in particolare prediligeva i russi e i francesi, avendo trascorso parte della sua vita in queste due nazioni.

Un piacevole pomeriggio: sogno, colore, fiaba, musica.

Una sera come le altre, di Donatella Mela

Una sera

di Donatella Mela

Dalle pagine
del libro della mia vita

Una sera come le altre
prima di dormire

Mi crogiolo in pensieri
e silenzi…

Pensiero di malinconia e solitudine
Interrotto dalle folate impetuose del vento

Sbatte le persiane verdi
della finestra della mia stanza
Che si affaccia su immenso spettacolare
panorama dell’Appennino.
Continua a leggere “Una sera come le altre, di Donatella Mela”

Non si oscurano i libri e nemmeno Céline

celine

Gallimard voleva ripubblicare (in un unico volume dal titolo Écrits polemiques) Bagatelle per un massacro, La scuola dei cadaveri, La Bella rogna, tre testi di Céline che non erano stati più diffusi dopo la fine della  Seconda guerra mondiale.

Alla fine, la storica e prestigiosa  casa editrice parigina ha dovuto rinunciare al progetto editoriale perché la notizia non è piaciuta affatto alla comunità ebraica: «In un contesto – scrive il prefetto delegato alla lotto contro l’antisemitismo e il razzismo, in cui il flagello antisemita va combattuto con forza, la presentazione al grande pubblico di questi scritti vanno pensate attentamente». Il prefetto conclude che con questa sua missiva ha voluto ricordare all’editore le sue responsabilità.

In effetti, tutta questa censura è davvero agghiacciante e constatiamo che è terribile vivere in una società che ha paura dei libri e delle parole di uno scrittore.

Comunque si voglia giudicare…

View original post 371 altre parole

Nessun indice per consultare la realtà

calasso cop.jpg

Non poter dare un nome a qualcosa: difficile pensare ad un’esperienza più traumatica. L’atto del nominare è una forma di appropriazione, uno svelamento dell’oggetto, seppur parziale o imperfetto, un avvicinamento all’ente passibile di denominazione, una valvola di sicurezza etica. Ma se tutto-ciò-che-è sfugge alla determinazione, all’approccio terminologico, alla consacrazione nel verbo o nel gesto, allora il vuoto risucchia ogni possibilità di senso e l’angoscia si impadronisce dell’attore in scena: l’uomo. Nessun indice per consultare la realtà, nessuna speranza di condividere una visione.

Roberto Calasso nel suo ultimo saggio L’innominabile attuale sottopone a critica l’età dell’inconsistenza. Un’inconsistenza assassina. Il libro si compone di due parti principali, Turisti e terroristi e La Società Viennese del Gas, più una conclusione di poche pagine, Avvistamento delle Torri. Calasso, con la finezza intellettuale che lo contraddistingue, nelle battute iniziali individua gli anni Trenta quale decennio di svolta. L’avvento del Nazismo è…

View original post 1.535 altre parole

Emil Cioran, uomo malinconico e genio

cop adg

Antonio Di Gennaro è uno studioso serio del pensiero di Emil Cioran. Grazie alla sua rigorosa e appassionata attività di ricerca, in questi ultimi anni sono venuti alla luce numerosi scritti del pensatore rumeno.

Di Gennaro ha curato le edizioni di carteggi e interviste, tutto materiale inedito che contribuisce a approfondire la conoscenza di uno degli scrittori più controversi del secolo scorso. Trainquietudine e fede, il carteggio tra Cioran e Bălan (Mimesis edizioni), è l’ultimo tassello fondamentale da qualche mese pubblicato della preziosa attività di Antonio Di Gennaro.

Un lavoro davvero notevole a cui Di Gennaro si dedica con metodo rigoroso e che presto (nei prossimi mesi) mostrerà ancora una volta i suoi frutti con una nuova chicca cioraniana.

Antonio Di Gennaro al suo e al nostro Cioran ha dedicato un saggio.  Metafisica dell’addio. Studi su Emil Cioran(Aracne edizioni, pagine 100, euro 8) è un volume…

View original post 346 altre parole

Nelo Risi nella lingua del quotidiano

nr

Con Nelo Risi scompare (il poeta è morto a Roma il 17 settembre 2015) l’ultimo dei grandi nomi della poesia italiana del secondo Novecento.

Già dalle prime opere ha sempre considerato la poesia un atto politico e con chiarezza antimetaforica i suoi versi hanno sempre ricercato l’essenzialità del detto quotidiano.
La lingua che Nelo Risi usa per scrivere poesie è quella di un parlato attento a tutti i mutamenti del quotidiano,sempre interessato a un rapporto immanente con le cose che si mescolano nei giorni e si sporcano di un vissuto tutto da raccontare e da attraversare.
Nel 2006 Mondadori pubblica in un Oscar che raccoglie la sua produzione poetica: «Di certe cose» (poesie 1953, 2005). Se volete conoscere meglio questo poeta, cercate questo libro, anche se credo sarà difficile trovarlo.

Franco Fortini nel suo libro «Poeti del novecento» (Laterza editori) scrisse che la poesia di Nelo Risi rappresenta un unicum che…

View original post 257 altre parole

La vita agra di un uomo libero

lb

Luciano Bianciardi ha attraversato il mondo culturale italiano del secondo Novecento con rabbia, intelligenza, onestà intellettuale. Tre caratteristiche che hanno fatto di lui uno scrittore libero che non è mai sceso a compromessi con il mondo editoriale che lo ha accolto e poi lo ha respinto.

Di Luciano Bianciardi si può dire che ha attraversato il potere culturale senza mai esserne sedotto.

La sua «Trilogia della rabbia» ancora oggi rappresenta l’atto d’accusa alla nevrosi quotidiana del mondo editoriale schiacciato dai suoi stessi giochi di potere e dalle compromissioni con  scelte che nulla hanno a che fare con la letteratura e la cultura.

«Il lavoro culturale», «L’integrazione» e «La vita agra», i tre romanzi che compongono il mosaico di Bianciardi, oggi più di ieri fotografano la decadenza del mondo editoriale troppo occupato a giocare con il clientelismo del marketing  e del marchettificio.

Dai tempi di Bianciardi la situazione è peggiorata, eppur…

View original post 306 altre parole

Saramago e il partito della scheda bianca

SARAMAGO_saggio1

Siamo in un paese senza nome. Una città senza nome. In questi luoghi si svolgono delle normali elezioni amministrative. Gli abitanti di questo paese hanno deciso di mandare un segnale forte, stanchi di una politica autoreferenziale che non è più capace di ascoltare. Si reca in massa alle urne per votare e compiere un gesto rivoluzionario. I cittadini fanno il loro dovere, ma votano compatti scheda bianca.  Questa è la trama di Saggio sulla lucidità di José Saramago, il grande scrittore portoghese che nei suoi romanzi è stato sempre scomodo e  eretico.Ogni suo libro è un capolavoro destinato a scuote le coscienze.

Saggio sulla lucidità  è un libro sui lati oscuri del potere e sulla sua gestione perversa. Il dilagare delle schede bianche e l’atto di rivolta dei cittadini nei confronti della spietata macchina dei gestori del potere. Cosa succede  a un paese se alle elezioni  i cittadini decidono in…

View original post 415 altre parole

Toma, la voce profonda di un poeta

Salvatore-Toma

Salvatore Toma è una voce singolare e appartata della poesia italiana, passata su questa terra e troppo presto andata via. Un vero poeta del sud, salentino per l’esattezza, che ha squarciato il cuore maledetto delle parole e in un corpo a corpo quotidiano con la morte se ne è andato lasciando in eredità alla letteratura tutta la ribellione che si può trovare tra le pagine di una poesia estrema e maledetta.

Salvatore Toma in un certo senso è stato un poeta maledetto, uno scrittore di versi che era in assoluta disarmonia con la propria epoca.

Nell’imperfezione della solitudine, il poeta tranciava le parole, le soffocava sulla pagine agognando una grande esplosione che mandasse in frantumi ogni cosa.

La sua scrittura è tragicamente anarchica e anche quando si lascia ossessionare dal pensiero della morte, che per lui è l’unico modo di sentirsi vivo, è consapevole che le sue parole non hanno…

View original post 374 altre parole

Un dono d’infinito

ioinviaggio

dono

Amore,

vorrei darti in dono tutte le cose più belle,

vorrei raccogliere cesti di stelle per far brillare la tua notte

e cesti di ciliegie per rendere dolci i tuoi giorni,

vorrei proteggerti da ogni sofferenza e ripararti da ogni delusione,

vorrei farti dono dell’universo,

amore,

vorrei farti un dono d’infinito

ma non c’è niente che io possa donarti

perché il dono più bello della tua Vita sei tu

(foto di MorningBirdPhoto)

View original post

Francesco Leonetti (1924-2017) e il suo desiderio estremo

Il Canto delle Muse

Il meglio nel mondo.
Non ci sia, o ci sia, il dio nel cielo,
in terra è l’albero l’ente supremo
risana l’aria col suo proprio ossigeno
senza di lui, moriremmo noi tutti
diritto, con la chioma volta all’alto,
sui piedi saldo sta, solo o nel bosco…
Vengono poi e gli animali e l’uomo,
che era scimmia una volta, e ora è assassino:
disbosca, sfrutta, spreca, prende o butta
mangia gli altri animali fatti a pezzi
tutto è per lui denaro oppure chiesa;
senza obbedire a lui si va in prigione.
L’albero provvede e vive nei secoli
e ficcatemi dentro, quando io crepo,
in un suo squarcio, io fondo gli ossi miei
con le sue fibre, vivo altrettanto e miro
l’alto, il sublime, il vero, il mondo intero.

(Francesco Leonetti, Poesie estreme cit. p. 42)

View original post

Un ronzìo incessante

Il Canto delle Muse

Si crogiola il cuore
in pulsazioni lente
sul cuscino monocolore,
chiede ammenda il corpo
per gli sfiancanti eccessi.
D’incessanti iperboli
in sproposito o difetto
è stanca pure l’anima
chè di dossi e fossi
la vita non offrì guida
nè annunciò il cospetto.
Unica a non riposare
resta l’indomita mente
ligia per arcano mistero
a vegliare il sonno beato
e la ricerca ostinata
dell’incastro preciso,
la meravigliosa amalgama
di carni e menti plasmate
da illuminata imprevista armonia
che muove i sensi in univoca onda.
Se completezza talvolta si sfiora
di tangibile pienezza è solo aurora
e sin che sarà desto un solo neurone
desìo ronzerà come instancabile moscone

Daniela Cerrato, 2017

__________ dipinto di David Hettinger __________
David Hettinger

View original post

“Ed era una tribù” di Gianni Milano

Il Canto delle Muse

Ed era una tribù di scarafaggi, neolitici ancora, appena nati
dall’ombre delle grotte e labirinti e contorte visioni
d’un’Anima sortita dal Mistero, senza parole, senza storia alcuna,
senza difesa, senza nostalgia, attenta al flusso, stupita nel respiro:
quasi un affresco della Mente arcaica ch’illumina gli Antichi dell’Australia.

Fratelli inconsapevoli del Mondo, al pari delle larve
di farfalle, nudi senza riparo, avvolti nell’estatico richiamo
d’una musica azzurra, spezzoni dei miei sogni, dei miei gorghi,
nei quali vado a perdermi ogni notte, Pellegrino in attesa
del richiamo, d’uno zufolo udito in terre d’oro e poi la Bomba
che tutti ci disperse – i pesci con le pance offerte al cielo,
gli umani senza lacrime e canzoni, le prolifiche selve d’Amazzonia
ridotte in truciolati e quella storia che entrava nella testa lentamente,
tradotta in Torquemada, in frustrazione.

Nel fuoco un chiacchiericcio, un alfa, un suono d’enigmatica origine
eppur dolce, come un ricordo di…

View original post 86 altre parole

Amore puro, di Silvana Fulcini

Amore puro

di Silvana Fulcini

Amore puro

Non potrà mai finire,
il nostro amore!
Va oltre
la materia,
oltre lo spazio
e il tempo,
in una dimensione
dove tutto
è eterno…
…era…è…e sarà…
In un immenso
campo energetico
organizzato…
Dove le nostre essenze,
si ameranno
avvolgendosi
l’una all’altra…
in una paradisiaca danza,
che segue i ritmi
di una musica
soffusa, sublime.
Colori meravigliosi
si mescolano con l’aria.
Profumo, si respira…
Ovunque è luce…
E
Canti angelici
provengono da ogni dove.
Non è certamente facile,
raggiungere
questa dimensione…
ma nemmeno impossibile!
Leggera come piuma,
l’anima nostra volteggia,
e quel sentir di cori,
e quei luminosi bagliori,
son frutto
dei nostri puri cuori.

Silvana Fulcini 21/01/2017
Diritti riservati
Immagine dal Web

Lasciami, di Grazia Torriglia

Lasciami.jpg

di Grazia Torriglia

Lasciami

Lascia che io rimanga qui
Lasciami qui perché qui c è un oceano di stelle
E un deserto di voci
E un tepore di baci
Perché qui ha sostato l amore ad un passo da me.

Tienimi sul cuore
Perché qui c e un oceano di pelle
Un mare di stelle ..il ricordo di te

Perché il treno e già partito
Ed io sono arrivata in ritardo

Lasciami qui
A guardarti andare
Mentre l ultima carrozza scompare

Grazia Torriglia @

Golden Globe 2018, la stampa estera ribalta le previsioni

Award Season Blog

Ieri notte si è svolta l’attesa cerimonia dei Golden Globe, i premi con cui la stampa estera annualmente cerca di “influenzare” i gusti dei membri degli Academy Awards “prevedendo” i verdetti degli Oscar.

Quest’anno la loro “voce” ha ribaltato l’andamento dell’Award Season, rovesciando di fatto alcuni giudizi della critica americana che si era espressa attraverso i relativi premi delle rispettive associazioni.

phpThumb_generated_thumbnail

Trionfo inatteso (ma sperato) per il film denuncia di Martin McDonagh, Tre manifesti a Ebbing, Missouri, che si è portato a casa ben 4 premi (miglior film drammatico, miglior attrice protagonista, miglior attore non protagonista e miglior sceneggiatura). Questa vittoria conferma l’ipotesi che a vincere quest’anno l’Oscar come miglior film potrebbe essere una pellicola in cui la protagonista è una donna che prova a sfidare le arcaiche e rigide leggi di una società patriarcale. Come avevamo previsto il potente messaggio della pellicola potrebbe essere la risposta…

View original post 1.007 altre parole

SAG Awards 2018, confermati i favoriti ma snobbati Streep, Hanks e Day-Lewis

Award Season Blog

Annunciate le nomination ai SAG Awards (Screen Actors Guild Award), i famosi riconoscimenti cinematografici assegnati annualmente dal sindacato degli attori che rappresenta più di 150.000 attori di cinema e televisione. I SAG Awards spiccano tra i riconoscimenti dell’Award Season perché consentono di capire quali sono gli attori e le attrici più quotati per una nomination agli Oscar. Infatti ogni anno essi “anticipano” le tendenze degli Academy Awards nel comparto attoriale, confermando il verdetto della Notte degli Oscar.

SAG AWARDSBasti pensare che nella scorsa edizione 3 vincitori su 4 hanno poi vinto l’Oscar nella medesima categoria: miglior attrice (Emma Stone per La La Land), miglior attrice non protagonista (Viola Davis per Fences) e miglior attore non protagonista (Mahershala Ali per Moonlight)

Per quanto riguarda la sezione Cinema le categorie sono 6: miglior cast, miglior attore, miglior attrice, miglior attore non protagonista, miglior attrice non protagonista, miglior stuntman.

MIGLIOR ATTORE

Nella…

View original post 720 altre parole

Directors Guild of America Awards 2018, Greta Gerwig sfida Guillermo Del Toro

Award Season Blog

Annunciate le nominations ai Directors Guild of America Awards (DGA), i premi assegnati dal sindacato dei registi americani, considerati l’anticamera degli Oscar per la categoria miglior regia. Infatti nella storia di questo importante riconoscimento su 67 edizioni 61 volte il regista vincitore del DGA Award ha vinto poi l’Oscar nella medesima categoria.

Tra le sorprendenti esclusioni spicca senza dubbio quella di Steven Spielberg per The Post nonostante avesse al suo attivo una nomination ai Critics Choice Movie Awards e ai Golden Globe, anche se l’esclusione dai Satellite Awards e dai BAFTA non prometteva nulla di buono. Purtroppo anche il “nostro” Luca Guadagnino è stato escluso dalla cinquina nonostante avesse conquistato il Los Angeles Film Critics Association Award e ottenuto la nomination agli Independent Spirit Awards,  ai Critics Choice Movie Awards e ai BAFTA.

Snobbati anche Ridley Scott per Tutti i soldi del mondo che invece aveva ottenuto una nomination ai

View original post 363 altre parole

Ai Producers Guild of America Awards, The Shape of Water “prenota” la sua vittoria agli Oscar

Award Season Blog

Sono stati assegnati gli ambitissimi Producers Guild of America Awards , i premi con cui ogni anno, il sindacato dei produttori, tributa le migliori produzioni cinematografiche e televisive

Questo atteso verdetto acquista nell’ambito dell’Award Season un significato decisamente importante, dato che quasi sempre il vincitore dei PGA Awards corrisponde con il vincitore dell’Oscar nella categoria miglior film, visto e considerato che molti produttori appartenenti a questo sindacato sono anche membri votanti degli Academy Awards

Infatti su 28 edizioni il vincitore dei Producers Guild of America Awards ha vinto l’Oscar come miglior film ben 19 volte (A spasso con Daisy, Balla coi lupi, Il silenzio degli innocenti, Schindler’s List, Forrest Gump, Il paziente inglese, Titanic, American Beauty, Il gladiatore, Chicago, Il signore degli Anelli – Il ritorno del re, Non è un paese per vecchi, The Millionaire, The Hurt Locker, Il discorso del re, The Artist, Argo…

View original post 506 altre parole

Portami con te, di Grazia Torriglia

Portami con te

di Grazia Torriglia

Portami con te

Non lasciarmi
fuori dai tuoi sogni,
sogna con me
un mondo fantastico
fatto d’amore
e di infinite carezze.
Dolci parole vedrai
allor t’avvolgeranno
e mille colori
copriranno i tuoi occhi…
portami nei tuoi sogni,
ti prego!
Il mio amor mi disse…
ed io allor a lui così risposi:
Tu sei sempre nei miei pensieri,
e in tutte le mie fantasie
dolcemente tu m’invadi.
E pur nei miei sogni
senza sogno mi porti con te
nei tuoi posti fantastici
dove solo carezze e baci
e dolci parole ci avvolgono
tra mille profumi
e incantati colori.
(Grazia Torriglia)

Claudio Pasero: I ciclisti non sono cittadini di serie B, di Pier Carlo Lava

di Pier Carlo Lava

Serve un parcheggio per le bici alla stazione ferroviaria.
La mobilità ciclabile non inquina, rispetta l’ambiente e tutela la salute di tutti i cittadini.
Alessandria: Intervista a Claudio Pasero, Presidente dell’Associazione gli amici delle bici, che risponde alle seguenti domande:
Come si presenta la situazione delle piste ciclabili in Alessandria e sobborghi e qual’è la vostra opinione su quella realizzata nel viale Brigata Ravenna?
Il Bike Sharing è da ripristinare?
Alla stazione ferroviaria manca un parcheggio per le bici decente, un tema del quale si era parlato, ma che al momento non si è fatto nulla?
Ci vuoi parlare del progetto al chiostro di Santa Maria di Castello per poter recuperare o donare bici usate.
Secondo te c’è qualche speranza che Alessandria così come altre città italiane, possa diventare una città a misura di uomo e non solo di auto come ora?
Cosa occorre fare perchè questo si avveri?
link video: https://youtu.be/H1lUzvdRoGQ

La prima parte dell’intervista al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=XaMZJeMAdWw

Google contro le fake news, stop a siti che nascondono l’origine

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

Google

Da Big G la stretta sulle fonti che mascherano il Paese di provenienza: “Non devono rappresentare in modo fuorviante, travisare o nascondere informazioni sulla proprietà o sulla finalità principale”

da: http://www.repubblica.it

ROMA – Nel prossimo futuro un sito di origine russa che ad esempio prova a presentarsi come un sito di informazione americano non apparirà più nelle ricerche di notizie di Google. Va in questa direzione l’ultima misura adottata dalla compagnia californiana nell’ambito della guerra alle fake news.

Il colosso web ha deciso di bloccare dai risultatati del suo motore di ricerca per le notizie online i siti e le pagine d’informazione che mascherano il loro Paese d’origine o che intenzionalmente ingannano i lettori.

View original post 152 altre parole

FAKE NEWS: RISERVATO A CHI È IN GRADO DI SMENTIRE UNA FAKE NEWS ALLA POLIZIA POSTALE

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

fake-news

È riservato solo a chi è in grado di smentire una fake news con una segnalazione istantanea: si tratta del nuovo servizio dalla Polizia postale che ha lanciato il progetto “Red button”. La novità è stata presentata oggi a Roma al Polo tuscolano della Polizia di Stato alla presenza del ministro dell’Interno Marco Minniti, del capo della Polizia Franco Gabrielli e del direttore delle specialità della Polizia di Stato Roberto Sgalla.

18/01/2018 – Il “Red button” è collocato all’interno del sito internet www.commissariatodipsonline.it e grazie ad esso il cittadino, giovandosi di un’interfaccia web semplice ed immediata, capace di guidarlo passo dopo passo nel più corretto utilizzo dell’applicazione, sarà in grado di comunicare alla Polizia l’esistenza di contenuti assimilabili a fake news.Attivata la procedura, la Polizia aprirà un canale diretto di comunicazione con il segnalante al quale verranno date informazioni anche in merito a querele e indicazioni per i social network…

View original post 157 altre parole

ODIO LA LUNA, di Grazia Torriglia

Odio la luna

di Grazia Torriglia

ODIO LA LUNA

Già ti ho scritto
versi dedicati..
pur se, guardandoti,
non riesco a non vedere
in quel tondo biancore
un sorriso poco interpretabile:
novella e antica dama
del Grande Leonardo.
Non ti amo
perchè il tuo fascino
oscura il mio
agli occhi del mio Amore
che parla di te al mio cospetto
come donna meravigliosa
che prese i suoi sensi
come mai per nessuna.
Luna.. ti odio!
(Grazia Torriglia)

L’incontro

MILY

Ad attendere sulla banchina assieme a me ho incontrato un uomo, visibilmente nervoso nonostante mancasse ancora del tempo prima dell’arrivo del treno. Così, con il pretesto di sapere l’ora, mi ha raggiunto e ha cominciato a raccontarsi, trasformando la sua agitazione in parole concitate ma ricche di emozione.
Stava aspettando la moglie che era dovuta partire qualche giorno dopo il loro matrimonio, ormai quasi un anno fa.
Il treno è arrivato e lei è scesa.
Era davvero molto bella.
Ma non quanto lui nel vederla correre dalla sua parte.
E non quanto loro due assieme, che stringendosi in un abbraccio senza fine, hanno cominciato a piangere una sulla spalla dell’altro.

View original post

Il Pikaciccio a dieta…. si piange e si ride con la zuppa di cipolle

Il Pikaciccio

La nostra dieta fra alti e bassi prosegue da una settimana circa……e tanto per soffrire di più stiamo  scrivendo un articolo su cosa a mangiare a Merano…..

L’altra sera quindi abbiamo prepararto la zuppa di cipolle in due versioni ……

una per Ciccio con aggiunta di porcini …. e una per Pika con la una fettina di scamorza

Ingredienti  :

1 Kg di cipolle

100 gr di pane raffermo

1 spicchio d’aglio

1 carota

1 cucchiaio di zucchero

1 dado

olio evo

sale e pepe qb.

per la variante con i funghi – 20gr di funghi porcini secchi

per la variante con la scamorza : 50 gr di scamorza affumicata…..

Preparazione :

Tagliare le cipolle … e qui si piange

Tagliare la carota

Mettere tutto in una ciotola e condire bene con sale pepe un goccio d’olio …..

Il Ciccio condisce con le mani … un po’ come Chef Rubbio…..

View original post 102 altre parole

Meditazione guidata

inpuntadipiedinaturalmente

Buona domenica a tutti!

Vorrei condividere con voi una meditazione su cui mi sono imbattuta ieri per caso.

Ho voluto provarla perché sentivo il bisogno di rilassarmi e questa meditazione mi ha permesso di “scavare” in profondità dentro di me.

Se vi va provatela e fatemi sapere.

Ovviamente ho voluto condividerla con voi ma tengo a precisare che non percepisco alcun compenso e lo faccio solo per condivisione.

Buon proseguimento.

Elisa

View original post

Incontro con Gianmarco

ioinviaggio

Dopo molti anni che non ci vedevamo lo scorso 24 luglio ho incontrato mio zio Fausto, sua moglie Luiza e il loro figlio Gianmarco.

Mio cugino è disabile grave non vedente, eppure i suoi occhi sono magnifici e il suo sorriso e la sua felicità contagiose.

Certo i suoi genitori si occupano di lui a tempo pieno, giorno e notte, con un amore, una dedizione e un sorriso che mai vengono a meno.

Gianmarco ama molto andare in stazione e sentire i treni passare e anche salirvi e fare piccoli tragitti in treno. E così dopo il pranzo di festa per esserci ritrovati, siamo andati insieme alla stazione a gioire insieme a Gianmarco. Al solo sentire le parole treno e stazione Gianmarco si illumina e scoppia in un riso vero di pura gioia. La sua felicità è fatta di tante altre piccole cose…per esempio le parole affettuose di mamma e…

View original post 303 altre parole

Volpina Blu va su Etsy con le sue creazioni…

ioinviaggio

https://www.etsy.com/it/shop/TheFlowerAndTheStar

color-1241879_1920

Con grande piacere vi invito a dare un’occhiata al mio negozio virtuale sulla piattaforma di Etsy

Benvenuti al mio negozio! TheFlowerAndTheStar

Mi piace creare cose divertenti e colorate per portare gioia e colore nelle vostre case e nelle vostre vite. La maggior parte dei miei prodotti sono disegnati e fatti a mano da me nella mia soffitta laboratorio insieme alla mia gatta principessa Otta.

Vorrei proporre anche alcuni oggetti vintage e di modernariato, e alcuni vetri di antica farmacia.

Sono molto graditi gli ordini di prodotti personalizzati per i clienti.

Amo molto i colori e mi piace giocare con essi. Ho un passato lavorativo di addetta alla stampa fotografica di vecchia tradizione, con esperienza di stampa amatoriale e professionale, per questa ragione posso affermare che mi intendo bene di colori!

Grazie. Benvenuti e buon divertimento!

View original post

Prima di ogni acquisto…

Il Canto delle Muse

Acquisti su internet:  nessuno regala la merce dunque prima di ogni acquisto credo sia giusto pensare al rapporto prezzo/qualità e non lasciarsi abbindolare solo dai prezzi ultra-stracciati… la lettura di questo articolo è l’ennesima prova di quanti specchi per le allodole ci siano in giro per la rete; personalmente preferisco toccare con mano e comprare presso i negozi a me vicini, per lo meno posso ritornarci per eventuali problemi post acquisto…

https://www.internazionale.it/notizie/alexis-c-madrigal/2018/01/21/aziende-instagram-pubblicita

View original post

Immagini e parole

Il Canto delle Muse

Avevo un diario segreto
vi incollavo immagini e parole
scivolavano sul foglio d’impeto,
tra le pagine seccavano viole…
erano desideri bambini
d’immaginario sconfinato,
da ispirazione un dettato
esploso in righe fitte,
correzioni lungo i bordi,
righe scure sulle scritte
che avevan preso altro andare…
e dei pensieri v’era gelosia
nessuno li poteva scovare,
ma poi mutò il tempo e la via
e in questa rete così immensa,
ove potrebbero nell’ecceso svanire,
alcuni sfoghi lascio a pasto in mensa
a chi come me ha piacere di compartire

Daniela Cerrato, 2018

Dream Big by Dan Elijah G. Fajardo

Dream Big by Dan Elijah G. Fajardo.jpg

View original post

Vivian Maier, une vie de photographies…

Lire dit-elle

Découverts dans un garde meuble de Chicago par un agent immobilier, John Maloof, les centaines de milliers de tirages de la photographe Vivian Maier sont dévoilés au monde de la photographie en 2007, révélant le talent extraordinaire d’une femme ordinaire.

© Vivian Maier, Kirk Douglas at the premiere of the movie Spartacus in Chicago, IL. October 13, 1960

Vivian Maier est une photographe post-mortem, vivant sa passion dans le secret le plus total en parallèle de sa profession de nourrice. Son œuvre est un témoignage hors du commun des rues de New-York et Chicago, de leurs habitants et de la société des années 1960-1970. Elle est née en 1926 à New York et vît à Chicago à partir de 1956 jusqu’à son décès en 2009.

© Vivian Maier, 1953, New York, NY

Autodidacte, elle s’essaie à la photographie avec un appareil amateur, le Kodak Brownie, avant de choisir un modèle plus évolué que sa maitrise de l’outil lui permet après quelques années de pratique, le Rolleiflex.

Comme Albert Einstein qui était assistant de laboratoire pour avoir le temps…

View original post 572 altre parole

Comptine.

Lire dit-elle

dandelion-2196934_960_720

En l’absence de gouffre

refoulé en aurores idéales

dans les répétitions ingénues

des bras à la parenthèse gracile

En l’absence de soeur

et en face à face accolée

pont de fantaisie fragile

qui gonfle le mollet nu

Je bâtirai une vie étale

au deuil de l’herbe tendre

dessinée à la coupure franche

des futures échéances lourdes

de conseils

en parjure aux contes de fées

pourtant adossée à l’encore

en attelage de soleils.

Barbara Auzou.

View original post

Volevamo un’idea di futuro da interpretare

Ravetti

Domenico Ravetti, Accorpamento Asl Aso di Alessandria. 

Volevamo un’idea di futuro da interpretare. Ora l’abbiamo e possiamo ambire ad avere una prospettiva migliore.

A novembre dell’anno scorso in Consiglio Regionale avevamo approvato una mozione che impegnava la Giunta ad adottare la proposta propedeutica all’accorpamento ASL AL e AO SS. Antonio e Biagio e C. Arrigo di Alessandria. L’atto è stato adottato e ora il confronto ripartirà in IV Commissione e successivamente in Aula.

I sostenitori del nuovo progetto hanno chiaro che l’obiettivo è quello di creare una nuova azienda sana e forte per garantire migliori servizi ai cittadini di tutta la provincia di Alessandria. Sulle ragioni del cambiamento e sulle scelte da compiere nel prossimo futuro avremmo bisogno di mettere al bando i simboli dei Partiti e le contrapposizioni animate solo per avvantaggiare alcuni politici, non certo i cittadini / pazienti. In questo senso ho colto con piacere l’atteggiamento di “apertura” dimostrato da molti consiglieri e assessori del Comune di Alessandria durante i lavori della Commissione Sanità a cui sono stato invitato. Continua a leggere “Volevamo un’idea di futuro da interpretare”

Si sono spente le stelle, di Grazia Torriglia

Si sono spente le stelle

di Grazia Torriglia

Si sono spente tutte le stelle questa notte
e la luna ha pianto le sue lacrime d’ argento
il mare si è colorato di nero
l’abisso dei sogni ha ingoiato il mio inferno.

Ho sentito mormorare lontano una voce
cantava una storia d’amore finita
mentre il vento soffiava e rubava
le parole di quell’ultima canzone .

Grazia Torriglia@

Un breve lampeggiare di luce, di Grazia Torriglia

Un breve

di Grazia Torriglia

Un breve lampeggiare di luce

Corrono.le lancette del tempo
Mi sveglio al.mattino
E comincio a pensarti
Mi affaccio al balcone delle idee
E cerco cosa scriverti

Sempre la stessa cosa…
La lontananza
Non solo fisica
Non quella del.mare che separa
Ma quella degli umori
Che mi impedisce troppo spesso
Di trovarti.

E questo orologio che va
E scandisce le ore
E martella i silenzi
Mi porta fino a sera
Quando finalmente ti trovo
In un breve lampeggiare
Di luce .

Grazia Torriglia @

Un viaggio nuovo e diverso

ioinviaggio

rosa-1Un viaggio nuovo e diverso

Figlio, per te ho fatto un viaggio nuovo e diverso:

sono andata alle radici di me stessa

per ritrovare la fonte della  mia tenerezza

e la sorgente più pura della mia compassione,

per te, Figlio.


A new and different journey

For you, Son, I made a new and different journey:

I went to the roots of myself

to find the source of my tenderness

and the purest source of my compassion,

for you, Son.

View original post