Alessandria: Lavori edili in via Migliara (civico n.30)

Provvedimenti viabili

Lunedì 29 gennaio – Lavori edili in via Migliara (civico n.30)

Per permettere lo svolgimento dei lavori edili del fabbricato ubicato in via Migliara nr. 30 con il posizionamento di mezzi operativi, in programma lunedì 29 gennaio, dalle ore 7 alle ore 17, sarà vietato il transito in via Migliara, nel tratto compreso tra via Milano e via dei Guasco

http://feeds.feedburner.com/AlessandriaToday

UE, BEGHIN (M5S): TUTELIAMO IL RISO MADE IN ITALY CON UNA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA

Tiziana Beghin

L’europarlamentare del M5S, ospite del 2^ Forum del settore del riso tenutosi a Bruxelles, ha lanciato la proposta di un gruppo di interesse al Parlamento europeo che metta in luce le problematiche del settore, colpito dalle importazioni a dazio zero concesse a Cambogia e Myanmar.

“La Commissione europea non faccia orecchie da mercante e ascolti i produttori di riso italiani. Le importazioni a dazio zero concesse alla Cambogia e al Myanmar stanno massacrando il settore. È una vera e propria invasione visto l’aumento di 9 volte della quota in pochi anni. Continua a leggere “UE, BEGHIN (M5S): TUTELIAMO IL RISO MADE IN ITALY CON UNA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA”

Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio 

pwc-colombia-gennaio-2018-2

Un nuovo successo del volo libero italiano arriva dal sud America dove si è conclusa la 25.a edizione della PWC (Paragliding World Cup), la coppa del mondo di parapendio.

Il pilota Nicola Donini si è classificato secondo alla finale mondiale disputata a Roldanillo in Colombia e vinta dallo svizzero Michael Siegel. Il successo italiano è consolidato dal terzo posto di Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano).

Eccellenti le prestazioni di Donini, ventiduenne di Molveno (Trento), durante i nove voli effettuati sui dieci previsti, uno per giorno: ne ha vinti tre, piazzandosi secondo in altri due. Migliori traguardi di Oberhauser un secondo e un terzo posto. In campo femminile indiscusso successo della francese Laurie Genovese, in assoluto la più forte delle 14 quote rosa in volo sulle alture colombiane. Continua a leggere “Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio “

Amedeo Modigliani, (24 gennaio 1920), di Maura Mantellino

MODIGLIANI-Ritratto-di-donna-matita-su-carta-1917

Amedeo Modigliani, (24 gennaio 1920)

di Maura Mantellino

Oggi è l’anniversario della morte di Amedeo Modigliani (24 gennaio 1920). 

Artista poliedrico: ricordiamo la grande attenzione che l’artista ha sempre rivolto al disegno, lasciandoci un corpus di moltissimi fogli che rispecchiano una spontaneità e un’immediatezza del tratto. 

Uno dei temi centrali di tutto il suo ciclo è la condizione dell’uomo, il suo mondo di solitudine e di paura.

Disegni, schizzi, incisioni, annotazioni a matita o a inchiostro tutto tende alla centralità della figura dell’uomo. 

Spesso nei suoi disegni come nelle sue incisioni possiamo trovare un brivido, un afflato poetico. 

EDOUARD MANET, di Maura Mantellino

EDOUARD MANET. Parigi 23/1/1832 – 30/4/1883

di Maura Mantellino

In occasione della nascita di Manet vorrei dare alcune indicazioni sulla sua produzione grafica. 

Egli sperimentò la tecnica dell’acquaforte molto presto: tra il 1860 e il 1862 e ne divenne ben presto maestro indiscusso. Nel 1862 l’editore Cadart pubblicò una raccolta di 14 acqueforti dell’artista che rimase invenduta. 

Nelle incisioni di Manet non figurano mai paesaggi, ma solo ritratti e copie dei suoi dipinti più celebri. Ben presto decise di aderire alla Società degli Acquafortisti di Bracquemond che gli pubblicò nel 1869 un’incisione. 

Tra il 1860 e il 1870 illustrò con incisioni e litografie alcuni libri tra cui IL FIUME di Charles Cros, IL POMERIGGIO DI UN FAUNO  di Mallarmé e IL CORVO di Edgard Allan Poe. Questi volumi ebbero un insuccesso pari a quello che avevano gli impressionisti di quel periodo.  Continua a leggere “EDOUARD MANET, di Maura Mantellino”

Raffaello Sanzio, tra poesia e pittura

Il Canto delle Muse

Come la veggo e chiara sta nel core
tua gran bellezza, il mio pennello franco
non è in pingere egual e viene manco,
perché debol riman per forte amore.
Sì mi tormenta lo infinito ardore.
Il volto roseo, il seno colmo e bianco,
con lo rotondo delicato fianco,
ha di vaghezza che abbaglia di splendore.
L’insieme allo pensier tutto commosse,
che atto non fe’ il saper; perciò nemica
fece la man che al ben ritrar non mosse.
Ognor fisso studiar in dolce amica
quella beltà che ciel credea sol fosse,
fia che il desiar compirà la mia fatica.

– Dai Sonetti di Raffaello Sanzio

Raffaello –  “La Fornarina”Raffaello-la-fornarina.jpg

View original post

Addio al poeta cileno Nicanor Parra

L'Altrove - Appunti di poesia

È morto ieri, a 103 anni, uno dei più grandi poeti cileni: Nicanor Parra.

Parra fu il portavoce di una poesia sociale, fatta dalla gente, in contrasto con quelli che volevano mantenerla appannaggio dei pochi, dell’élite cilena. Fu l’idea che successivamente si diffuse nei poeti della Beat Generation e che ancora oggi viene portata avanti da numerosi poeti.
Nel 2011 fu insignito del Premio Cervantes alla carriera.
In Italia le sue poesie vennero pubblicate dalle case editrici Einaudi e Medusa.

Vogliamo ricordarlo con una sua antipoesia, come la chiamava lui.

La poesia con me ha chiuso

Io non dico che metto fine a nulla
Al riguardo non mi faccio illusioni
Io vorrei fare ancora poesia
Ma l’ispirazione si è esaurita.
La poesia si è comportata bene
Io invece orribilmente male.

Che ci guadagno nel dire
Io mi sono comportato bene
La poesia si è comportata male
Quando sanno…

View original post 31 altre parole

Liberi e Uguali, ecco i candidati nei collegi alessandrini di Camera e Senato

grasso-675-1-675x275

Sono stati ufficialmente definiti i candidati della lista LIBERI E UGUALI con Piero GRASSO nei collegi uninominali e plurinominali che interessano la provincia di Alessandria.

Alla Camera nel collegio uninominale di Alessandria il candidato è il senatore uscente Federico FORNARO che è anche il capolista di LIBERI E UGUALI nel collegio plurinominale proporzionale Alessandria-Asti-Cuneo.

Nello stesso collegio plurinominale, al numero tre della lista, è candidato Davide SERAFIN, alessandrino attualmente residente a Garbagna e componente del comitato scientifico di Possibile. Continua a leggere “Liberi e Uguali, ecco i candidati nei collegi alessandrini di Camera e Senato”

‘Corriamo per la Closures’. Patuano conferma e spiega come deve funzionare il capitalismo familiare

Corriamo

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Alessandria: A che punto è la corsa per Guala Closures? La domanda arriva mentre Marco Patuano sta salutando. Un attimo di quasi apparente incertezza, poi la risposta secca è “stiamo correndo” e viene anche accompagnata anche da un gesto che mima proprio la corsa. Niente di più, però. Una reticenza comprensibile vista la delicatezza della partita. Che peraltro è al momento proprio nelle mani della multinazionale delle chiusure guidata da Marco Giovannini.

Il processo, avviato mesi fa, per l’ingresso di nuovi soci in Guala Closures è nella fase in cui si punta a massimizzare il valore aziendale, stimato (compreso il debito) tra 1,1 e 1,3 miliardi. Le offerte arrivate agli advisor Credit Suisse e Barclays vedrebbero in prima linea il fondo francese Astorg e la cordata Edizione e banca d’affari Goldman Sachs. Mentre l’australiana Amcor non sarebbe andata oltre alla proposta iniziale, la Cornell Capital (società privata di investimento con sede a New York) potrebbe avere più chance di quanto si prevedesse in un primo momento. Continua a leggere “‘Corriamo per la Closures’. Patuano conferma e spiega come deve funzionare il capitalismo familiare”

La Ropa Sucia/24

Le avventure di tutto

Immagine

“Non possiamo più lavorare diciotto ore al giorno, ogni giorno! Serve nuovo personale che faccia i turni! È una vergogna, non posso nemmeno presenziare alla recita scolastica di mia figlia, e se lo ricorderà per sempre!” esclamò impettito il capo dei braccianti, responsabile dello sciopero, il primo da quando c’era la democrazia.

Marìa era allibita. Dopotutto, quando era stata giardiniera non le era mai interessato di ciò che producevano quei robusti operai. Non solo, vide che erano tutti uomini. E tutti robusti…

Marìa si riscosse doveva ritrovare il suo consueto aplomb. “Va bene! Allora, ricapitoliamo: con la nuova gestione di questa villa le cose cambieranno in positivo per tutti. Innanzitutto ditemi di cosa vi occupate”

Al capo degli operai cascarono le braccia: la proprietaria che non sapeva cosa si produceva? “Coltiviamo caffè, ortaggi e abbiamo anche un vigneto”

“Impossibile, un campo non può essere così ricco di primizie così diverse…

View original post 435 altre parole

The First Last Kiss.

Just everyday things

In that dimly lit room during the chilly night holds one of the best memories ever. The cosy bed did seem like the best place for it and well, rather happy for being at the right place at the right time.

The second my lips touched hers, I felt like I knew everything there was to know about this girl’s mind. It felt like she had opened up to me completely and mine to read, sadly I was not much of a reader so didn’t really pick up a lot.

What felt wrong to do felt like the only right after that contact, her lips were nurturing, and the passion felt during that intimate contact is unexplainable. Even though I’d only known her a short while, it felt like a lifetime of intimacy had been shared between us. The way she smiled during every break for breath we’d take and how…

View original post 525 altre parole

It’s not working anymore.

Just everyday things

“I don’t want it anymore”. Like what? Why don’t you want “it” anymore, what’s it? Like can we try at least talk about it before deciding that it’s just to be thrown out?

Being forced to get rid of a golden sculpture in your apartment that meant more than anything in the world, because your roommate didn’t like it, would probably be a great analogy for it, like hello, we could talk it out and keep it with some compromises.

We as humans lack communication and altogether losing our brains for some rotten ass values with no respect for anyone else’s feelings or perception. I personally am feeling so hurt, lost and rejected because of the ignorant “I don’t want it anymore” coming from the same person who wanted to be with me through anything at all, and absolutely loved being with me, so obviously like a dumb shit I…

View original post 262 altre parole

“La Dissipation” de Nicolas Richard…

Lire dit-elle

dissipation

Aucun vaccin ne prémunit contre le virus pynchonien, et le dernier contaminé n’est autre que Nicolas Richard, le traducteur de Vice caché (Inherent Vice, 2009) et Fonds perdus (Bleeding Edge, 2013), les deux derniers romans du génial écrivain fantôme. Dans un livre enquête parfaitement atypique, qui se lit un comme les notes que ­rédigeait Dashiell Hammett lorsqu’il était détective à l’agence Pinkerton, Nicolas Richard se lance à la recher­che de « P », sans projet biographique affiché, entreprise qui serait vouée à l’échec. Car enfin, que sait-on de Pynchon, hormis le fait que ses inclassa­bles ­romans sont parmi les meilleurs de la littérature américaine ? Il y a bien ce visage à la Jacques Brel de ses jeunes années, ou encore la main qui fait le signe « V » sur une photo publiée par le site du New York Times. On sait ­aussi qu’il fut dans la…

View original post 200 altre parole

“Soyez imprudents les enfants” de Véronique Ovaldé.

Lire dit-elle

7784795251_soyez-imprudents-les-enfants-de-veronique-olvide

Résumé du livre : “Soyez imprudents les enfants”, c’est le curieux conseil qu’on a donné à tous les Bartolome lorsqu’ils n’étaient encore que de jeunes rêveurs – et qui explique peut-être qu’ils se soient aventurés à changer le monde. “Soyez imprudents les enfants”, c’est ce qu’aimerait entendre Atanasia, la dernière des Bartolome, qui du haut de ses 13 ans espère ardemment qu’un événement vienne bousculer sa trop tranquille adolescence. Ce sera la peinture de Roberto Diaz Uribe, découverte un matin de juin au musée de Bilbao. Que veut lui dire ce peintre, qui a disparu un beau jour et que l’on dit retiré sur une 1e inconnue ? Atanasia va partir à sa recherche, abandonner son pays basque natal et se frotter au monde. Quitte à s’inventer en chemin. Dans ce singulier roman de formation, Véronique Ovaldé est comme l’Espagne qui lui sert de décor : inspirée, affranchie et désireuse…

View original post 10 altre parole

Lo specchio

DIALOGHI APERTI


Risultati immagini per quadri tridimensionali” Il pensiero vola verso montagne russe   

lo specchio mostra una nuova ruga

traccia inesorabile del tempo

provi a nasconderla sotto un filo di trucco

ma esse tradiscono le ferite del cuore .

Il thé miracoloso ha smesso di funzionare

e tu te n’accorgi

che se non fai subito qualcosa

la ruga s’imprimerà davanti a te come un duro ostacolo

da non poter amare e vivere la tua di vita !

Basta, sei la mia più dolce amica

di cui ne sono pienamente fiera

perché racconti da quanti anni sono

la mamma della mia piccola ”

LILLI.

View original post

Nel sonno senza sogni

amina narimi

Sei venuto nel sonno senza sogni,
fasciato dal bianco, e col nero
hai confuso i tuoi pesci alle uccelle.
Con le spalle coperte dal vento

quanta calma al risveglio, mio sposo,
capovolta nel solco di luce,
dove i nomi hanno i mesi più belli,
nel giardino del corpo, e la fame,
il lentissimo bacio che porta,
ora è un pane, scambiato nel ventre,
con la tua noce d’oro, che sale.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Dipinto Escher, Cielo e acqua

View original post

Prima c’era il mare, di Giusi Pontillo

di Giusi Pontillo

La Poesia OGGI “

Prima c’era il mare…

Prima c’era il mare
Che ispirava la mia essenza
Ora c’è la neve
Che cade azzurra sul mio petto:-
Orme di un canto notturno
Che sfiora persino la mia anima.
Prima ancora
C’era accanto a me
Un’ angelo
Che adesso solitario vola
Sul mare del nostro destino.

Sibilla ogni tanto
Davanti ai miei occhi quando
Le nuvole si affollano di teneri colori
Che sembrano distese di rose.

Pianista di ombre si affollano
Davanti alla cattedrale maestrale
E il Duomo rispecchia
La tua sacralità infinita.
Dove sono adesso
Che il silenzio pigola di azzurro celestiale?
Forse sono con te mio angelo custode.

Lino Balza: Luigi Di Maio taglia la testa al toro Perino.

Lino Balza copia

Si narra di un toro tanto invadente che un giorno infilò la testa in una giara dalla quale non riuscì più a uscire. Il padrone del toro, un uomo molto avaro, non volendo rompere la giara per liberare l’animale, chiese consiglio a un amico.

Questi non trovò altra soluzione se non quella di tagliare la testa al toro, salvando in tal modo la giara. Alla stessa stregua si sta comportando Di Maio.

Salvo aggiornamenti dell’ultima ora, inaspettatamente il programma  del M5S, infatti,  non contiene  il blocco delle grandi opere Tav (Valsusa e Terzo Valico). Perciò è evidente che i Comitati non faranno campagna elettorale a favore dei grillini. Continua a leggere “Lino Balza: Luigi Di Maio taglia la testa al toro Perino.”

Sabato 27 gennaio alla Domus Ars “Antichi Viaggiatori” con il gruppo MEDITAMBURI, primo appuntamento della rassegna “Le Armonie di Partenope”

criticaclassica

Sabato 27 gennaio, alle ore 20.30, presso il Centro Culturale Domus Ars (v. Santa Chiara 10c – Napoli), inaugurazione della rassegna “Le Armonie di Partenope” con lo spettacolo “Antichi viaggiatori” del gruppo MEDITAMBURI, formato da Emidio Ausiello (percussioni), Gabriele Borrelli (percussioni), Michele Maione (percussioni e sequenze), Paolo Cimmino (voce e percussioni), Ashai Lombardo Arop (coreografie).

Protagonista principale della serata è il tamburo, che deve raccontare, affascinare, emozionare.
Prima apparizione al Teatro Armida di Sorrento per il “tributo a Michele Stinga”.
L’ensemble si esibisce in importanti Festival avvalendosi di preziose collaborazioni con artisti Italiani e stranieri.
Alla danza: Ashai Lombardo, presenza stabile e immancabile all’interno del gruppo, con partecipazioni a diversi Festival tra cui Negro Festival, Intricanti Festival Fiano Wine Festival, Nola International Percussion Festival Corti dell’Arte Festival, Villa Guariglia jazz Festival “Antichi Viaggiatori”.
Nei brani proposti il viaggio musicale è accompagnato da un tempo esteriore e un…

View original post 128 altre parole

Venerdì 26 e sabato 27 gennaio al Teatro di San Carlo Accardo e Valčuha insieme per Béla Bartók

criticaclassica

Prosegue la Stagione dei Concerti 2017-2018 del Teatro San Carlo.
Dopo Il Castello del Principe Barbablù, un’altra intensa pagina di Béla Bartók sarà proposta nel concerto del 26 gennaio (ore 20.30; replica sabato 27 ore 18.30) nell’interpretazione di Salvatore Accardo che, accanto a Juraj Valčuha sul podio della straordinaria Orchestra del Teatro San Carlo, imbraccerà il suo Guarneri del Gesù “Hart” del 1730 per dare voce al Concerto n. 2 del compositore ungherese.
In apertura le Galántai táncok (Danze di Galánta) di Zoltán Kodály altro grande esponente della scuola nazionale ungherese, eseguite in apertura di concerto e la Sinfonia n.4 di Ludwig Van Beethoven che chiuderà la serata.

Il Concerto fu composto da Béla Bartók nel 1938 su commissione del violinista Zoltán Székely ed eseguito per la prima da Székely stesso, il 23 marzo 1939 ad Amsterdam, dall’Orchestra del Concertgebouw diretta da…

View original post 2.042 altre parole

Venerdì 26 gennaio la rassegna “Milazzo Classica” si apre con un omaggio a Luciano Pavarotti dei tenori Davide Benigno, Andrea Casablanca e Federico Parisi, accompagnati al pianoforte da Paolo Scibilia

criticaclassica

Venerdì 26 gennaio, alle ore 20.30, presso il Teatro Trifiletti, per l’inaugurazione della stagione 2018 di Milazzo Classica, concerto dal titolo I 3 Tenori – Gran Galà della Lirica dedicato alla memoria di Luciano Pavarotti, con la partecipazione di Davide Benigno, Andrea Casablanca e Federico Parisi (tenori), accompagnati al pianoforte da Paolo Scibilia.

Programma

G. Verdi: Lunge da lei (da “La Traviata”)

G. Puccini:
Recondita armonia (da “Tosca”)
E lucevan le stelle (da “Tosca”)

G. Donizetti: Una furtiva lagrima (da “Elisir d’amore”)

G. Verdi:
Questa o quella per me pari sono (da “Rigoletto”)
La donna è mobile (da Rigoletto)

G. D’Anzi: Voglio vivere così

E. De Curtis: Non ti scordar di me

M. Costa: Napoletana

F. Lehár: Tu che m’hai preso il cuor (da “Il Paese del sorriso”)

R. Falvo: Dicitencello vuje

E. De Curtis: Torna a Surriento

C. A. Bixio: Mamma

S. Cardillo:

View original post 747 altre parole

UPO:  IL 25 GENNAIO IL DISIT SARÀ COLLEGATO IN DIRETTA CON L’ANTARTIDE

UPO Base-MZS-1Upo foto base mzs

Il 25 gennaio 2018, dalle ore 9 alle 10 circa, l’aula magna del DISIT sarà in collegamento skype con la Base Italiana in Antartide “Mario Zucchelli”. L’evento è stato promosso dalla professoressa Maria Angela Masini in collaborazione con il Dipartimento per spiegare quali ricerche vi si stiano svolgendo.

Nonostante la distanza, le difficoltà di approdo e il clima inospitale, l’Antartide è un laboratorio naturale, un luogo idoneo a diverse ricerche (fenomeni atmosferici, magnetismo, biologia all’adattamento umano, evoluzione della crosta terrestre, cambiamenti climatici). Dal punto di vista giuridico, inoltre, l’Antartide è una parte del pianeta non assoggettata alla sovranità di alcuno Stato. Il 1° dicembre 1959, a Washington, è stato stipulato il Trattato Antartico fra 12 dei Paesi partecipanti all’Anno Geofisico Internazionale (1957-58). Il trattato, entrato in vigore nel 1961, mirava a favorire gli usi pacifici del continente assicurandone, nell’interesse dell’umanità, la conservazione della flora, della fauna e dell’ambiente naturale. Continua a leggere “UPO:  IL 25 GENNAIO IL DISIT SARÀ COLLEGATO IN DIRETTA CON L’ANTARTIDE”

TEAM BUILDING

DIALOGHI APERTI

TEAM BUILDING

Se siete in gruppo meglio , ma va bene anche in due ;

Un primo esercizio: chiudete gli occhi / lasciatevi trasportare dalla musica /  ( se preferite anche il silenzio ) / date il palmo della mano all’altro compagno, chiudete gli occhi, lasciatevi guidare per tutta la canzone facendo affidamento totale seguendolo tutti i spazi in cui  esso vi porta . Sarebbe interessante che il viaggio fosse fatto in spazi angusti , oppure tra le sedie , oppure indicare solo attraverso il palmo della mano di sederti , di portarti davanti alla finestra e sentire il cambio di temperatura . Poi cambiate i ruoli .

Alla fine senza comunicare, prendete 2 fogli grandi, disegnate le vostre sagome e scrivete le vostre sensazioni . Meglio se riuscite a coordinare le vostre emozioni assegnandola una zona del vostro corpo .

Poi scambiatevi verbalmente le vostre emozioni , se ci…

View original post 26 altre parole

Ciò che fu non è

Il Canto delle Muse

Il fiume è ghiacciato
fa freddo, e non so perchè
pur se il sole splende
mi ostino in zona d’ombra,
le mie ali si son richiuse,
statiche su quei bassi rami
anche se il tempo ne ha innalzato
altri in crescita verso il cielo.
La realtà è diversa dai ricami
l’aria per eufemismo poco leggera
fumosa è agli occhi la visuale,
ingarbugliata la tessitura
di parole che han diverso fiato.
Ciò che fu non è, così di certo
a tutt’oggi pare decaduta
l’ipotesi che le rose
non perdano il profumo
dopo esser state colte…
e dopo questa riflessione
i pensieri miei frantumo
ma vorrei fossero ora sciolte
le ragioni di tale grigio fumo

Daniela Cerrato, 2018

foto by©juri on tumblr

foto by©juri

View original post

Pourquoi les poètes contemporains sont-ils difficiles ?

Littérature portes ouvertes

Un internaute a récemment atterri sur ce blog en posant à son moteur de recherche une question fort intéressante : “Pourquoi les poètes contemporains sont-ils difficiles ?” Merci beaucoup, donc, à cet inconnu, car il me fournit le sujet de cet article. Je crois que c’est en effet une question qui mérite d’être posée, et qui mérite surtout des réponses.

View original post 1.592 altre parole

Qu’est-ce que la poésie ?

Littérature portes ouvertes

Qu’est-ce que la poésie ? Vaste question, à laquelle je ne répondrai pas en une seule fois ! Vous avez déjà pu trouver, dans un précédent billet, plusieurs citations de poètes contemporains qui tentent de définir la poésie. Aujourd’hui, j’avance un peu plus loin dans la réflexion, en procédant par tâtonnement : je préciserai ce que la poésie n’est pas, ce qui devrait permettre de comprendre un peu mieux ce qu’elle est.

View original post 1.048 altre parole

Le poème d’à côté : Charles Baudelaire

Littérature portes ouvertes

On ne cite pas souvent le poème de Baudelaire intitulé “L’homme et la mer”, quatorzième poème des Fleurs du mal, qui se trouve non loin du sonnet très connu de “La vie antérieure”. Voilà donc un choix tout trouvé pour notre rubrique “Le poème d’à côté”. Laissons donc la parole à Baudelaire…

View original post 821 altre parole

La mer chez Supervielle

Littérature portes ouvertes

Poète majeur de la première moitié du vingtième siècle, Jules Supervielle, demeuré à l’écart des voies surréalistes, fut l’auteur, depuis Gravitations jusqu’à Le Corps tragique, d’une poésie moderne et très humaine. Je vous propose aujourd’hui de découvrir l’un de ses poèmes, qui fait de la mer le sujet de sa rêverie.

View original post 546 altre parole

Sindrome del deficit dell’attenzione e iperattività

DIALOGHI APERTI

Risultati immagini per foto di bambini in confusione

Scelgo di riproporre un mio articolo di un po’ di tempo fa, in quanto osservo come questa specifica sindrome sia in aumento e come molti genitori non riescono a capire il disaggio del figlio, riportandolo ” come specifica fase della crescita “. I bambini non solo sono inadeguati nelle loro manifestazioni, approcci agli altri bambini, maneschi ma continuamente ripresi dai genitori. Porto mia figlia a musica e in 10 bambini, formati in 2 gruppi 2 di questi hanno questa sindrome di iperattività. Lunedì scorso, la mamma di questa bambina racconta appena entra nella sala: mia figlia è tanto rompina, alla materna tutti la isolano e quando lei se ne rende conto li mena tutti e poi,  la risatina !!!!!!!!!!!! Cosi noi tutte le mattine ci troviamo a chiedere scusa, ma tanto lei ” ripropone la minestrina riscaldata “!!!!!!!!!

Ho scelto di porre la mia attenzione sul Disturbo dell’attenzione in quanto…

View original post 3.994 altre parole

Concerto Chagall, la Musica e il Giorno della Memoria

ConcertoQuartetto_Quodlibet

Domenica 28 Gennaio 2018, ore 17.00

Biblioteca “Francesca Calvo”, Piazza Vittorio Veneto 1 – Alessandria

nell’ambito della Mostra “Marc Chagall: Oltre il Paesaggio”

Ingresso libero

TRIO QUODLIBET

Mariechristine Lopez, violino | Virginia Luca, viola | Fabio Fausone, violoncello

PROGRAMMA W. A. Mozart (1685-1750): Adagio e Fuga in re minore K 404a

H. Krása (1899-1944): Passacaglia e Fuga

L’opera K404a di Mozart include sei Preludi e Fughe. Alcuni preludi sono composti dal genio viennese in stile bachiano, altri sono trascrizioni di varie opere di Bach dalle sonate per organo e da “L’Arte della Fuga”. La perfetta simmetria della Fuga è il massimo stadio raggiunto dall’arte contrappuntistica di quel tempo.

Il contrappunto è l’uso proprio della musica del XIII secolo di mettere una nota contro l’altra (punctum contra punctum). Nella prassi musicale odierna designa l’arte di combinare una o più melodie, più o meno autonome, con una data melodia. La fuga è considerata una delle più importanti espressioni del contrappunto nella storia della musica occidentale: si basa sull’elaborazione di uno o più temi che vengono continuamente esposti e riaffermati, in un dialogo continuo tra più voci. Continua a leggere “Concerto Chagall, la Musica e il Giorno della Memoria”

Il sacchetto, di Maria Cannatella

 

Il sacchetto

di Maria Cannatella

Il sacchetto (satira)

Qualcuno ha perso questo sacchetto,

ma il suo contenuto è molto sospetto.

Ne avvisto tanti in ogni posto,

gettati a terra in modo scomposto.

La gente ha proprio un brutto vizio,

attraversa la strada, lasciando l’indizio.

Di questi sacchetti neri, ne ho visti tanti anche ieri.

Perchè la maleducazione va di moda,

buttano via qualsiasi cosa.

Ma nonostante esistano i cestini,

tutti quanti continuano a fare i cretini.

E se per caso volete sapere dove si trova,

cercate l’impronta di una strana suola.

@maria Cannatella@

riservati tutti i diritti.

http://feeds.feedburner.com/AlessandriaToday

UPO: Sospesa la condanna a morte per Ahmadreza Djalali

sospesa ahmadreza-djalali-2

Si attende una revisione del processo a febbraio

È arrivata la notizia della sospensione della condanna a morte per Ahmadraza Djalali, il ricercatore iraniano, collaboratore del Crimedim dal 2012 al 2016, condannato per spionaggio dal regime di Teheran.

La sentenza avrebbe dovuto essere eseguita lo scorso 19 gennaio, tuttavia la Sezione 33 della Corte suprema iraniana la starevisionando: il giudice ha chiesto a un procuratore aggiunto di esprimere il proprio parere a febbraio. Continua a leggere “UPO: Sospesa la condanna a morte per Ahmadreza Djalali”

“UN BACIO A MEZZANOTTE”, VARIETA’ RETRO’AL TEATRO DELLA JUTA

Unbacio_Allia_Primavera_biciUnbacio_Garavello_AlliaUnbacio_trio

SABATO 27 GENNAIO al Teatro della Juta di Arquata Scrivia va in scena uno spettacolo musicale, frizzante e divertente, che ha ottenuto grandissimo successo in tutti i teatri dove è stato rappresentato, UN BACIO A MEZZANOTTE – Varietà retrò.

Lo spettacolo sostituisce CAFFE’ NERO BOLLENTE previsto inizialmente per lo stesso giorno. 

Protagonisti dello spettacolo tre artisti, Christian Primavera, Martina Allia e Nora Garavello, che sulla scena ripropongono alcune delle più famose canzoni del repertorio musicale che va dagli anni ’30 agli anni ’60, come nell’Avanspettacolo del dopoguerra italiano, attraverso una costante commistione di generi artistici: si alternano momenti di canto, coreografie, brevi sketch, momenti di burlesque, di coinvolgimento diretto del pubblico sul palco e in platea, giochi di ombre, gare di ballo, serenate, il tutto accompagnato da proiezioni di vecchi film e filmati, in un’atmosfera magica, spensierata e divertente, ricoperta di piume, paillettes e guêpiere. Continua a leggere ““UN BACIO A MEZZANOTTE”, VARIETA’ RETRO’AL TEATRO DELLA JUTA”

26 gennaio 2018. Giorno della Memoria, Programma eventi

Il programma degli eventi commemorativi e dei progetti di sensibilizzzazione promossi in Alessandria 26 gennaio 2018

Con la conferenza stampa odierna sono stati presentati gli elementi peculiari del programma degli eventi commemorativi e dei progetti di sensibilizzazione promossi ad Alessandria per l’edizione 2018 del “Giorno della Memoria” il prossimo 26 gennaio: data della vigilia dell’anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, avvenuta il 27 gennaio 1945 ad opera delle truppe sovietiche dell’Armata Rossa.

Se la comunità alessandrina e le sue Istituzioni hanno sempre manifestato una particolare sensibilità nel promuovere una commemorazione degna di questo nome, va sottolineato come sia stata formalmente proprio una legge (la Legge del 20 Luglio 2000 n. 211) ad istituire la solennità civile del “Giorno della Memoria”. Continua a leggere “26 gennaio 2018. Giorno della Memoria, Programma eventi”