di Mickey Occhiprofondi

Le sette meraviglie dell’ arcobaleno estremo.
Sopra il colle di tutti i limiti valicati.
Non ripaga il veleno .
volgare morso alla linfa vitale del suo seno.
Come sono arrivato qui non lo so
Alle porte del dolore divorato dalla sua stessa sapienza…
È solo un capolavoro della natura l ‘ albero della conoscenza che svetta ad un metro dalla scarpata..
Le sue foglie secche già in viaggio sono solo ghiande per i porci e gli ignoranti.
Lo scroscio dell’ acqua che precipita a valle è un sonoro affascinante .
Osservo il vuoto…..come se staccassi il corpo da me.


La vita continua dopo il grande salto solo per chi ci crede.
Riflettendo sul da farsi. Annuso come ape il nettare di zingari gladioli.
Potrei restare come scultura imperfetta ad osservare quella selvaggia bellezza che ubriaca i miei occhi.
Oppure ingoiare l ‘ amaro di ogni pulviscolo dubbio….e retrocedere alla cieca fino a perdermi in una soleggiata selva.
O ignorare le cannibali fobie che stanno aggrappate alle gambe.
Immergersi in un respiro incontaminato e lanciarsi tra le nubi credendomi Icaro.
Ma sarebbe il suicida coraggio dell’ incoscienza.
Restero’ ancora qui come in trance ….
Finché non sentirò il musicale eco della tua delicata voce
Che dipinge il mio nome .

Mickey alias Mirco Corbellin 2018.