Cantiere poesia

Ti guardo mentre preghi

e a mani giunte

piangi, rivolgendoti

a quella croce

a cui offri il tuo soffrire

e chiedi aiuto,

ricolmo di speranza,

a chi tu senti Dio.

-Beato te che hai fede! –

Vorrei saper pregare

per dare un senso

anch’io alle mie lacrime

che, soffocate

dall’incredulità

in quel tuo Dio,

precipitan nel vuoto

della disperazione.

Alberto Baroni

View original post