Cantiere poesia

Cos’ha il mare questa sera?

Neanche un segno di saluto,

intimidito come mai l’ho visto,

imbambolato nell’enorme vasca.

 

Sarà perché intorno è buio,

sarà la pioggia che lo seda

o forse è questo nostro amore

che stenta, stenta a decollare.

 

Di luna, poi, neanche l’ombra

quasi anche lei giocasse contro.

E poi, le stelle mie si sono estinte?

Maledizione, quanta iella!

 

Dovrei adesso essere mago,

provare a sistemare tutto

mentre frattanto un lungo bacio

mi aiuta a guadagnare tempo.

 

Accenderò la notte

con i sorrisi che saprò rubarti,

lanciando in aria i riflessi

dei tuoi meravigliosi occhi.

Aurelio Zucchi

View original post