di Olga Karasso

Solitudine

giungesti gelida

quale morte

in una notte d’amore

nel mattino grigio

senza parole.

Conosco ruscelli

che cantano

sussurri di cristallo

e l’argento nervoso

dei mari verdi.

Sono triste

della tristezza che conosce

la follia eterna dell’oceano.