di Cristina Saracano. Alessandria

Si parla subito di Cittadella: questa ex fortezza militare è un punto culturale, ha un ampio spazio verde, anche utilizzabile per eventi, quindi vanno assolutamente risolti i problemi organizzativi tra comune e regione per non perdere nessuna opportunità.

Per la detassazione delle nuove aperture commerciali, Ravazzi aggiunge che questa sarà estesa oltre al centro e anche per le industrie, con maggiori incentivi per chi produrrà energia pulita. Restano escluse alcune attività come compro oro e sexy shop.

È in progetto un nuovo meccanismo di raccolta rifiuti dove si dovrà fare una differenziata capillare, pagando solo più l’indifferenziata. Ciò richiede, ovviamente la collaborazione e il buon senso civico dei cittadini.

Per il recupero dell’area ex ospedale militare, si parla di potenziare l’università con l’istituzione di un pensionato al suo interno, questo è un luogo molto bello che va valorizzato.

Alla domanda sull’accorpamento Asl Aso, Gianni, sentendo il parere di molto medici, non si trova d’accordo: la stessa potrebbe portare minor costi ma maggiori disagi e  lunghe attese per i cittadini.

Sulla questione immigrati, Ravazzi dice che essi sono un problema perché non gestiti bene: potrebbero diventare una risorsa se entrassero in Italia solo in nunero adeguato a ricevere aiuto.

Molto importante in quest’ambito anche il ruolo delle associazioni di volontariato.

Grazie e buon lavoro al consiglio comunale alessandrino!