Chi dorme non piglia pesci, cosa significa?

CERCACERCA_02-1_54_2333

da Redazione

Anche questo è un antico proverbio italiano che è quanto mai attuale, significa che chi rimane in ozio senza lavorare non ottiene nulla, dato che nessuno ti regala niente.

Un proverbio che prende ad esempio l’attività del pescatore che deve sempre stare attento e pronto se vuole prendere i pesci da portare a casa. Continua a leggere “Chi dorme non piglia pesci, cosa significa?”

Laboratorio didattico alla mostra di Aqua Aura, di Lia Tommi 

di Lia Tommi, Alessandria 

La mostra dell’artista Aqua Aura, che è  stata prorogata  fino all’11 febbraio, a Palazzo Cuttica e Sale d’Arte, ha ospitato un interessante laboratorio artistico, condotto  dalla studentessa Jetmira Hasaj, con due classi quinte della scuola  primaria “De Amicis “.  Il progetto è  stato realizzato nell’ambito della sua tesi di laurea ‘I mondi enigmatici di Aqua Aura. Tra realtà,  scienza e metafisica. “, che sarà  presentata  presso l’Accademia di Belle Arti di Brescia Santa Giulia , con relatore Matteo Galbiati.  I laboratori prevedevano l’attività su due opere: :”Tre great sea  of Shadows “,  a Palazzo Cuttica, e ” Equilibrium  Constant” nelle Sale d’Arte e riproponevano  i processi creativi di Aqua Aura.

I “cerchi d’acqua” sono le associazioni possibili tra le opere e il vissuto di chi le osserva, invece le molecole di lacrime di “Tre great  sea  of Shadows “, hanno condotto i ragazzi in un viaggio attraverso  le emozioni, che hanno poi espresso su lucidi,  creando così le loro lacrime. Dai singoli lavori è  nata un’opera collettiva,  grazie all’utilizzo della fotografia.

Il percorso è  state valutato in modo molto positivo da insegnanti e ragazzi, essendo interessante e di stimolo  alla creatività  e alla riflessione emotiva.

“ MAMMA CHIOCCIA E I SUOI PULCINI “, di Rosa Cozzi

mamma

Le FAVOLE di ROSA

“ MAMMA CHIOCCIA E I SUOI PULCINI “
Dovete sapere che, lontano dalla città, in campagna, dove ci sono tanti prati verdi e tanti papaveri , c’è la grande fattoria di Cesco il contadino.
Come ogni mattina apre il pollaio e lascia uscire il Papà gallo, che appena é fuori lancia tre volte il suo “ chicchirichì ” maestoso e nero come il carbone,e con la sua coda che ha lunghe piume variopinte, é sempre impettito e battagliero.
Esce anche Mamma chioccia, tutta bianca e ben grassottella, ma sempre attenta ai suoi pulcini, che curiosi di esplorare l’aia vanno correndo di qua e di là, raspando e scavando il terreno,cercando lombrichi da spartirsi, e semi da becchettare, ma le fanno girare la testa come una trottola.
C’é tra tutti i suoi pulcini bianchi, un pulcino di nome Nerino , che é sempre con la testa tra le nuvole, con il suo “ pio,pio,pio” chiede aiuto ai suoi fratellini perché é piccolino e fragile, non riesce mai a stare dietro a loro che lo sorvegliano e lo proteggono.

Continua a leggere ““ MAMMA CHIOCCIA E I SUOI PULCINI “, di Rosa Cozzi”

10. Latte di spalla e latte di cuore: una manipolazione simbolica 

Cristalli in Ombra

Buonasera!

Il primo argomento di Antropologia che intendo proporvi è ciò che vedete scritto nel titolo. Avete capito bene. So che può risultare strano leggere “latte di spalla e latte di cuore” ma siamo qui per questo, no? Per imparare e per approfondire.

Intanto, una piccola premessa: gli argomenti di cui parlerò saranno tratti da un libro in particolare, almeno per il momento. Mi riferisco al libro in lingua francese intitolato “Les fluides d’Aristote: lait, sang et sperme dans l’Italie du Sud” (“I fluidi di Aristotele: latte, sangue e sperma nell’Italia del Sud”) di Salvatore D’Onofrio, antropologo e insegnante di Antropologia e cultura materiale presso l’Università di Palermo. Vi domanderete il motivo per cui non sia scritto in italiano. Ebbene, l’autore è una persona piuttosto influente in Francia e per tale ragione ha scritto diversi libri in francese, ma naturalmente anche in italiano.

Innanzitutto: perché ci si riferisce ad Aristotele?…

View original post 691 altre parole

11. Eryngium alpinum

Cristalli in Ombra

z-ERYN-4510-A_h.jpg

Buonasera!

Come promesso, volevo condividere con voi il piacere di approfondire un argomento al giorno d’oggi molto trascurato: il mondo della botanica. No, non intendo avere un approccio scientifico. Voglio solo fare come un viandante che percorre antichi sentieri di montagna e si imbatte come per caso in meraviglie di cui ignorava l’esistenza.

E se anche voi foste dei viandanti che viaggiano attraverso le Alpi, sicuramente vi imbattereste in questa creatura quasi magica: è l’Eryngium alpinum. Viene chiamata anche la Regina delle Alpi, poiché è divenuta per la sua bellezza un vero e proprio simbolo di quest’area climatica. Cresce in terreni liberi, dove non vi sono altri arbusti. Anche se può sembrarlo, non è un fiore unico, ma quest’effetto è dato dalle tante “brattee” di colore blu e violetto. Le brattee sono quegli elementi dall’aspetto spinoso e flessibile che si vedono nell’immagine. Questi fiori sbocciano da metà estate all’inizio dell’autunno…

View original post 133 altre parole

12. Casa

Cristalli in Ombra

Fuori il vento soffia prepotente,
La pioggia picchia sulla finestra,
Mentre io e te siamo stretti
L’un l’altra;
Il tuo calore e il tuo respiro
Mi pervadono;
Il profumo della tua pelle,
Così dolce e intenso;
Ad avvolgerci una coperta
Ma a me bastano le tue
Braccia per sentirmi al sicuro;
Sole che scaldi i miei giorni
E le mie notti;
La luce soffusa illumina il
Tuo volto, i tuoi occhi splendenti come diamanti,
Ed io inizio a sognare;
La tua voce è una soave melodia
Che ascolterei per ore;
Sei affascinante inverno, sei l’alba
Che risveglia, sei casa;
Una casa alle quale voglio
Sempre far ritorno”. 

Giulia 

© Antonio Gaeta & Giulia Di Fresco 2018

View original post

“ CI VUOLE UN AQUILONE “, di Rosa Cozzi

ci vuole

Le FAVOLE di ROSA

“ CI VUOLE UN AQUILONE “
C’era una volta in una città resa grigia dal fumo delle ciminiere, e dai numerosi comignoli delle case, un vecchio signore,si chiamava Cesiro e aveva i capelli e la barba bianchi come la neve, che cadeva d’inverno sulle alte montagne.
Fabbricava da quando era piccolo piccolo, aquiloni colorati e variopinti, ne aveva costruiti migliaia e migliaia, e aspettava sempre nel suo piccolo atelier,di sentire tintinnare la campanella, che avvertiva della presenza di qualche cliente bambino. Ormai era rassegnato, gli aquiloni non si vendevano più, soppiantati dai giochi elettronici individuali, e la vana ricerca di animaletti virtuali.Giorno dopo giorno costruiva sempre meno quei meravigliosi aquiloni,cercava sempre di trovare un soggetto nuovo,qualcosa che non aveva ancora costruito, aveva draghi, pesciolini, farfalle, sommergibili, fiori, e frutti, tutti coloratissimi e preziosi.

Continua a leggere ““ CI VUOLE UN AQUILONE “, di Rosa Cozzi”

Nel team per lo sviluppo della terapia genica contro la leucemia, c’è un medico tortonese

2155561_1517592410-kTK-U11012205547646lCF-1024x576@LaStampa.it

Un piccolo paziente è stato salvato nell’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma, grazie anche all’apporto di Mattia Algeri, che da tre anni lavora nell’equipe del professor Locatelli

Un bambino di 4 anni malato di leucemia è stato curato con successo all’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma con una terapia genica sperimentale: il suo cuore, piccolo ma consapevole della difficile sfida che la vita gli ha chiesto di affrontare, è gonfio di speranza e probabilmente ora sorride, insieme a quello dell’équipe del dipartimento di onco-ematologia pediatrica guidata dal professor Franco Locatelli. Orgoglio tutto italiano, di cui fa parte anche il medico tortonese Mattia Algeri che, a 34 anni, condivide con i colleghi dell’intero dipartimento questa grande soddisfazione.  Il bimbo sottoposto a questa sperimentazione, legata all’innovativa tecnica di manipolazione delle cellule del sistema immunitario per combattere il cancro, è il primo paziente italiano curato con questo approccio rivoluzionario. «Questa metodica è stata inventata per la prima volta nel 2012, al Children Hospital di Philadelphia – spiega il dottor Algeri -. Il gruppo di ricercatori del nostro ospedale è partito da lì e, dopo un lavoro durato 3 anni, l’ha modificata geneticamente, sviluppando un protocollo nostro ed accademico, cioè non sponsorizzato da case farmaceutiche.  Sono stati effettuati test preclinici che rendessero efficace e sicura la procedura: i linfociti T – le cellule fondamentali per la risposta immunitaria – sono stati prelevati dal nostro piccolo paziente e poi modificati attraverso un ricettore sintetizzato in laboratorio». Il gruppo clinico di cui fa parte Mattia Algeri ne ha poi gestito l’infusione: un percorso lungo, che richiede tempo per la lavorazione delle cellule e che nei prossimi mesi sarà intrapreso da diversi bambini. Negli Stati Uniti un trattamento del genere costa circa 400.000 euro. In Italia, grazie al ministero della Salute, regione Lazio e l’Associazione italiana ricerca contro il cancro che hanno finanziato lo studio, questa terapia è stata somministrata gratuitamente. «A breve procederemo con una seconda infusione in un altro bambino – prosegue il medico tortonese -: sono fiero di essere qui e di essere parte di questo immenso progetto. Sono grato al professor Locatelli, che 3 anni fa mi ha offerto la possibilità di raggiungerlo nella capitale (Mattia aveva intrapreso la specialità al termine della laurea in Medicina all’Università degli Studi di Pavia, ndr) ». Il passo successivo sarà applicare questo trattamento, che ora permette di attaccare ed eliminare completamente le cellule cancerogene presenti nel sangue e nel midollo, anche ai tumori solidi. E mentre il bimbo di 4 anni, cui anche Mattia è particolarmente affezionato, può riprendere in mano la sua vita e tornare presto all’asilo, al Bambin Gesù hanno già puntato un altro nemico da sconfiggere: il neuroblastoma, molto aggressivo in età pediatrica.  Continua a leggere “Nel team per lo sviluppo della terapia genica contro la leucemia, c’è un medico tortonese”

IL MIRACOLO DI NATALE DEL PICCOLO ZUFOLAIO, di Rosa Cozzi

Il miracolo

Le FAVOLE di ROSA

<< IL MIRACOLO DI NATALE DEL PICCOLO ZUFOLAIO >>

Viveva sulle colline di Bethlemme, tanto. ma tanto tempo fa, più di mille e mille anni, un bambino nato muto dalla nascita, molto povero, guardava
le pecore, mentre il suo papà andava in paese a vendere il latte e il formaggio…..
Quella sera, Joshua, così si chiamava, era solo seduto sulla panca vicino al fuoco, aveva fame, ma aspettava suo padre che tornasse, e che portasse un poco di pane.
Come tutte le sere ,provava a suonare con un piccolo zufolo che suo padre gli aveva costruito con le sue mani, che con tanto amore e pazienza gli aveva insegnato a suonare.
Era molto tardi, ma Joshua non aveva paura, non sentiva nessun rumore, e se qualche malintenzionato fosse entrato nella casupola non l’avrebbe aggredito.
Con le sue piccole dita sapeva suonare delle meravigliose melodie, e tutte la gente che passava davanti alla sua casupola si fermava ad ascoltare incantata.

Continua a leggere “IL MIRACOLO DI NATALE DEL PICCOLO ZUFOLAIO, di Rosa Cozzi”

Sci, Coppa del Mondo: super Goggia seconda in discesa, la Vonn fa 80

A Garmisch l’azzurra è seconda a 2/100 dalla statunitense che si avvicina ancora al record di Stenmark, terza l’austriaca Huetter

Sofia Goggia torna sul podio. Dopo le tre uscite di fila (tra Cortina e Lenzerheide) l’azzurra nella discesa di Garmisch è seconda, staccata di soli 2 centesimi (sono 60 centimetri dopo 2180 metri di pista) da Lindsey Vonn, la più veloce in 1’12”84. La statunitense ha firmato il sorpasso con un finale irresistibile, da +8/100 a -2 per l’80° successo in carriera, un altro passo avanti verso il record di Ingemar Stenmark (86).La Vonn e la Goggia si sono abbracciate sul traguardo, anche nella prima discesa di Cortina erano finite ai primi due posti, con l’azzurra davanti alla statunitense di 47/100. L’azzurra consolida il primato nella graduatoria di specialità con 349 punti contro i 306 della stessa Vonn e i 298 di Tina Weirather, settima nella graduatoria odierna, a due sole prove dalla conclusione. Continua a leggere “Sci, Coppa del Mondo: super Goggia seconda in discesa, la Vonn fa 80”

January Auction A Huge Success

aspiblog

INTRODUCTION

James and Sons had their first auction of 2018 on Wednesday, and this post tells the story of that auction. 

TUESDAY – SET UP

Most of the setup work for the auction was accomplished on Tuesday. First, some stock had to be cleared away from the tables that were to be used for the auction, and then the stock we brought down (lots 1-488, after which would be taking a break, and might bring down the second half lots if it seemed necessary) was laid out on one table, and the IT setup completed on the other. I did a preliminary test to make sure that all was working.

THE AUCTION

Everything went smoothly on the morning of the auction, and we started as intended at 10 o;clock. Lot 7, a small collection of Masonic medals, with a modest estimate of 30-50 ended up selling for £200.

7 Lot 7…

View original post 460 altre parole

Healthy beginning: Finding inspiration and motivation

Whisper

Hello, guys! How are you? So, in my today’s post we will be talking about finding inspiration and staying motivated. I decided to write this post because recently I’ve started leading a healthier lifestyle. I’m not doing this to lose weight (although it would be a big plus to lose several kilograms), but the main […]

via Healthy Beginning: Finding Inspiration — A Booknerd Travels

View original post

Cara, ti vedo ingrassata.

OK COME SEI

downloadLe donne sanno essere stronze e come loro nessun altro. La cultura popolare non avrebbe mai dovuto diffondere l’idea che ci fossero 7 donne per ogni uomo. Questo luogo comune statistico ha letteralmente innescato il panico in decine di generazioni di donne  che da tempi immemorabili votano la propria esistenza alla reciproca diffamazione per scongiurare lo spauracchio dell’estinzione.

Stupido e faticoso. Questa la mia opinione a riguardo, semmai ci fosse qualcuno a cui potrebbe interessare. Ma inevitabile. Almeno così sembrerebbe.

I segnali più forti di quest’atavica competizione vengono fuori nei momenti positivi della vita, perché se il tuo ragazzo ti molla all’altare, la tua gatta fugge e ti vengono le smagliature sono tutte miele e sorrisi, smodata complicità adolescenziale ed interminabili conversazioni notturne in chat.

Quando le cose ti vanno bene no.

Se hai azzeccato il taglio di capelli “peccato ti metta in evidenza il naso aquilino”,

se dopo sacrifici…

View original post 218 altre parole

I ricordi vanno stampati, non solo nella memoria

OK COME SEI

Qualcuno molto importante un giorno disse che ci stiamo lasciando dietro un deserto digitale.

Dall’avvento della fotografia pret a porter da cellulare ci riempiamo di immagini di bassa qualità,non siamo più capaci di selezionare ma ciò che è peggio dimentichiamo o rimandiamo il momento in cui stamperemo i ricordi su un supporto diverso col rischio di perdere tutto al primo problema con il device.

Ad esempio il novanta per cento delle foto del mio periodo universitario sono andate perdute quando un amico ha fatto cadere dalla scrivania il suo hard disk esterno. Un secondo per cinque anni di vita e puff.

Non voglio che i ricordi più belli

IMG_20180131_084859

dei miei figli facciano la stessa fine, per questo mi sono ripromessa di stamparne il più possibile magari in un formato più pratico e carino delle classiche fotografie.

Per questo ho subito approfittato dell’opportunità che da in questi giorni Saal Digital di…

View original post 214 altre parole

Magliaia

"La casa nel bosco"

Francesca ragazza semplice, simpatica, occhi vivaci, capelli intrecciati fermati intorno alla testa con le forcine.

Viveva ancora in famiglia con il fratello e la moglie. La cognata, donna irascibile, autoritaria, faccia triangolare, occhialini sulla punta del naso, capelli tagliati a scodella con ciuffo diritto come fili di ferro, non sopportava la presenza di Francesca in casa, anche se indispensabile, perché limitava la privacy della famiglia.

Il lavoro era pesante perché, oltre a rompersi la schiena in campagna, doveva prendere ogni giorno l’acqua dal pozzo situato in mezzo ai cespugli di rovo per la famiglia e gli animali. Legava un secchio alla catena che scendeva e saliva tramite una vecchia manovella arrugginita, pesante come il piombo.

Un giorno la ragazza non riuscì a procurare acqua a sufficienza così ci fu il pretesto, da parte della cognata, di allontanarla da casa e di adibirle a dimora un locale dove un tempo allevavano i conigli.

Vi collocarono una…

View original post 440 altre parole

Arte e spiritualità  nella musica corale, di Lia Tommi 

di Lia Tommi , Alessandria

Domenica 4 febbraio, dalle 16,30, si terrà al Museo Etnografico della Gambarina il concerto del complesso vocale  “Prof  in coro”,  dal titolo “Arte e spiritualità  nella musica vocale”.  Il concerto, organizzato dall’Associazione culturale “Amici ed ex allievi Liceo Scientifico  Galileo Galilei di Alessandria”, vedrà Luigi Cocciglio come direttore del coro e Claudio Barbetti  al pianoforte. Un evento da non perdere.

La Ropa Sucia/34

Le avventure di tutto

Immagine

“Come sarebbe a dire, è morto?”

La voce infastidita del Capo, ovvero l’uomo seduto sulla poltrona che dava le spalle ai suoi omini, riecheggiò per la stanza buia.

“Ma Capo” disse uno degli scagnozzi. “L’Ordine B…”

“L’Ordine B, appunto, stava nell’uccidere coloro i quali iniziano per B! Il Muratore si chiama Christian! Vedi forse una benedetta B nel nome suddetto?”

“Ehm… no, è vero” disse l’omino in nero, l’ultimo arrivato “però è anche vero che noi non lo abbiamo ucciso. È stato Matìas, el muerto, a dargli un pugno sulla tempia e fargli venire una commozione cerebrale che l’ha portato alla morte prematura”

Quelle parole colpirono duramente lo studio in nero, tanto che nemmeno il capo disse nulla. Poi, dopo quella che parve un’eternità, egli disse: “Perché dici prematura? La morte non è prematura, né ritardataria. Arriva solamente quando intende farlo”

E con quello, considerò la discussione chiusa. “Adesso…

View original post 373 altre parole

Familiari caregiver, le difficoltà dell’assistenza: lo studio americano

Familiari_caregiver

In media i caregiver di famiglia (mariti, mogli, genitori, fratelli o amici) dedicano due ore a settimana in attività legate alla salute del loro caro. Più del 20 per cento degli intervistati ha dichiarato di entrare con il proprio assistito all’interno dello studio medico e di parlare al telefono con il dottore di riferimento. Circa la metà dei partecipanti al sondaggio ha affermato di affrontare insieme al proprio parente con malattia cronica una serie di questioni cruciali sulla sua condizione: gli effetti collaterali delle medicine, i costi delle cure, la gestione del dolore e così via… Continua a leggere “Familiari caregiver, le difficoltà dell’assistenza: lo studio americano”

“ COSI’ NACQUERO ALTRE STELLE”, di Rosa Cozzi

così nacquerò

Le FAVOLE di ROSA

“ COSI’ NACQUERO ALTRE STELLE”

Dovete sapere cari bambini che nei tempi che furono,tanto ma tanto tempo fa,vivevano ed erano vicini di casa di Babbo Natale,nonno Biagio che aveva i capelli candidi come la neve,e un cuore buono e grande come il mondo,e custodiva tutto l’amore che gli umani come lui,sentivano verso chi amavano,e sapeva fare cose meravigliose con le sue mani.

Con lui vivevano i suoi due nipotini,Rosella dai biondi riccioli ribelli e dagli occhi blu,limpidi come le acque cristalline di un lago di montagna,ma tenera e dolce come un biscotto allo zenzero,e Gigino l’ometto di casa,che senza protestare ubbidiva alla sorellina che lo comandava a bacchetta,” Continua a leggere ““ COSI’ NACQUERO ALTRE STELLE”, di Rosa Cozzi”

Il Pentagono rilancia il piano sul nucleare: testate a potenza ridotta come “deterrente per Cina e Russia”

11005406-kfIG-U11012217827491c4B-1024x576@LaStampa.it

La strategia Trump prevede un’espansione dell’arsenale, mettendo definitivamente fine all’era Obama

Il Pentagono delinea e diffonde la “dottrina Trump” sul nucleare che, prevedendo un’espansione dell’arsenale, mette definitivamente fine all’era Obama con l’impegno dell’ex presidente a contenere il potenziale Usa e il ruolo stesso delle armi nucleari nella politica di Difesa americana. E punta i riflettori su Russia e Cina come possibili antagonisti. Il presidente Donald Trump sottolinea come il documento (Nuclear Posture Review), scaturito dalla verifica da lui richiesta un anno fa nei primissimi giorni alla Casa Bianca, «affonda le sue radici in una valutazione realistica nell’ambito della sicurezza globale, nella necessità di avere un deterrente verso l’uso delle armi più distruttive del mondo e dell’impegno da parte del nostro paese alla non proliferazione nucleare». Si tratta del primo aggiornamento che Washington apporta dal 2010 alla sua politica sulle armi nucleari e, nella nota introduttiva del documento, è il segretario alla Difesa James Mattis a sintetizzare bene lo spirito e gli obiettivi dei cambiamenti apportati: rispondono alla necessità di «guardare in faccia la realtà» e «guardare il mondo per come è, e non per come vorremmo che fosse». Continua a leggere “Il Pentagono rilancia il piano sul nucleare: testate a potenza ridotta come “deterrente per Cina e Russia””

Che cos’è il Centerba?

Centerba

Redazione: Il centerbe è un liquore di alta gradazione alcolica 70° vol, ricavato dalla infusione di erbe mediche, dette appunto cento erbe.

La ricetta è del farmacista Beniamino Toro, abruzzese di Tocca da Casauria, prima venne utilizzato come medicamento contro la peste, poi negli anni a seguire divenne un liquore dal gusto raffinato e secco.

Il nome centerbe, con le varianti centerba e cianterba, deriva da cento erbe in riferimento ai cento tipi di piante che sarebbero utilizzate nella preparazione tradizionale. Continua a leggere “Che cos’è il Centerba?”

Empoli-Palermo 4-0: Caputo firma la tripletta, siciliani raggiunti in testa

fdf7bbc5716f143bb799b432b76e6c04_169_l

Finisce 4-0 al Castellani con la tripletta dello scatenato attaccante e il sigillo di Brighi. I toscani agganciano i rosanero in vetta in attesa di Frosinone-Pescara

Lezione dell’Empoli sul Palermo nel big match della Serie B. Finisce 4-0 per i toscani, prima sconfitta in trasferta per i siciliani. Il primo tempo per l’Empoli è da manuale della grande squadra. Azzurri subito in controllo del gioco e con pressing alto.

SUBITO GOL — Il vantaggio non si fa attendere ed è firmato dall’esordiente Matteo Brighi, stasera sostituto di Krunic squalificato. Corre il 12’ quando il solito Zajc si inventa una splendida apertura a sinistra per Pasqual che la mette subito in area con un tiro-cross sul quale Posavec non esce bene, la respinta finisce a centro area dove Brighi non fatica ad appoggiare il pallone in rete. Palermo subito sotto e che lì per lì accusa il colpo, ma col passare dei minuti gli uomini di Tedino alzano il baricentro e iniziano a premere la difesa dell’Empoli. In campo c’è anche Maietta, appena arrivato da Bologna. Il più attivo è Coronado, bene anche Nestorovski che prima prova di testa su corner (palla fuori misura), poi, al 36’, ruba palla a Castagnetti e calcia un grande sinistro destinato in rete poco sotto la traversa, ma Gabriel, fino a quel momento un po’ titubante risponde benissimo mettendo in angolo. La gara prosegue con l’Empoli che cerca di rallentare il gioco costruendo trame continue con fitti passaggi e il Palermo che va a caccia del pari. All’ultimo minuto del primo tempo, quando tutto sembrava portare all’intervallo sull’1-0, ancora il genio di Zajc sale in cattedra: da destra taglia tutta l’area per un assist meraviglioso che bomber Caputo insacca da pochi passi. È il 17° gol e l’attaccante lo dedica a Provedel, a metà campo alza la maglia numero 1 dell’Empoli, quella del portiere che in settimana si è fratturato la tibia destra in allenamento (già operato, per lui stagione finita). Dunque al riposo con un Empoli dominatore, sul 2-0 contro un Palermo che comunque non aveva così demeritato anche se là davanti è apparso non preciso e meno ficcante del solito. Continua a leggere “Empoli-Palermo 4-0: Caputo firma la tripletta, siciliani raggiunti in testa”

CONCORSO ABILITATI SCUOLA SECONDARIA, DOMANDE DAL 20 FEBBRAIO AL 22 MARZO

miur-scuola

Roma, 1 febbraio 2018 – Si è svolta oggi l’informativa sindacale sul prossimo bando di concorso per l’ingresso nella scuola secondaria di primo e secondo grado aperto alle docenti e ai docenti già abilitati. La Ministra Valeria Fedeli ha firmato il decreto con le regole del nuovo concorso a dicembre. L’iter del decreto è stato recentemente completato ed è prossima la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, unitamente al bando di concorso vero e proprio.
Le domande si potranno presentare dalle 9:00 del 20 febbraio prossimo fino alle 23:59 del 22 marzo. Con l’emanazione del bando il MIUR attiverà anche una pagina tematica dedicata al concorso sul proprio sito con tutte le informazioni per le candidate e i candidati e con l’apposita sezione per poter presentare la domanda per via telematica.Il concorso sarà la prima delle tre selezioni che il Ministero sta avviando in base a quanto previsto da uno dei decreti attuativi della legge 107 varati ad aprile, quello che disegna un nuovo modello di reclutamento per la scuola secondaria facendo in modo che ci siano tempi certi e percorsi definiti per diventare insegnanti. Continua a leggere “CONCORSO ABILITATI SCUOLA SECONDARIA, DOMANDE DAL 20 FEBBRAIO AL 22 MARZO”

Piemonte Orientale, i primi 20 anni dell’ateneo con Alessandria che resta sullo sfondo, mentre Vercelli e Novara diventano due quartieri della stessa città

Piemonte

di ENRICO SOZZETTI  https://160caratteri.wordpress.com

Alessandria: Era stata progettata una grande festa. Ed è stato così. Il Teatro civico di Vercelli ha ospitato la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2017/2018 e l’apertura dei festeggiamenti per il ventennale dell’Università del Piemonte Orientale mescolando momenti teatrali e musicali a quelli più strettamente istituzionali.

Fra una voce narrante, interpretata anche dal punto di vista scenico da Luca Brancato (responsabile dei servizi legali dell’ateneo), il coro, ricostituito ex novo dopo alcuni anni di pausa, e l’orchestra che hanno proposto in prima esecuzione assoluta l’inno dell’Università del Piemonte Orientale composto proprio per l’occasione, l’attenta e meticolosa regia che ha scandito ogni momento della lunga mattinata, è andata in scena una rappresentazione, pur se in pillole, che ha riassunto i venti anni di vita della seconda università del Piemonte, nata il 30 luglio 1998 con la firma del decreto istitutivo da parte dell’allora ministro dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, Luigi Berlinguer. Continua a leggere “Piemonte Orientale, i primi 20 anni dell’ateneo con Alessandria che resta sullo sfondo, mentre Vercelli e Novara diventano due quartieri della stessa città”

GELOSIA, di Antonella Ariosto

GELOSIA

di Antonella Ariosto

GELOSIA

Non ha spine
non ha aculei
ne lame affilate
ma ti ferisce
ti addolora
e ti devasta
come un uragano.
Cerchi di controllare
il forte urto
che dentro ti scoppia
e tremi e gemi
senza piu’ controllo.
E’ la paura immensa
di perdere chi ami.
E’ la paura di capire
di non essere essenziale.
Parole amare
che dal passato
ossessive risuonano.
Parole
che non posso dimenticare
quando la notte
avvolge i miei pensieri
e li manda in frantumi.
Bagliori carichi d’amore inutile.
Antonella A.

Imm dal web

Diploma in 4 anni in altre due scuole. Ma i presidi protestano: “Ora imminente la chiusura delle iscrizioni”

Q1HPMSG55108-kCVF-UBu7siEJRotxsrD-1024x576@LaStampa.it

I corsi a settembre anche al liceo linguistico Balbo di Casale Monferrato e allo scientifico Cellini di Valenza

Dopo le prime cento scuole di ogni parte d’Italia nelle quali sarà possibile conseguire il diploma in quattro anni invece di cinque, ieri a sorpresa è stato diffuso un secondo elenco con altri 92 istituti. 

Così al liceo classico Plana di Alessandria e allo scientifico Sobrero di Casale si sono aggiunti il liceo linguistico Balbo, sempre con sede a Casale, e lo scientifico Cellini di Valenza.Non senza polemiche da parte dei dirigenti scolastici. Infatti, il decreto della ministra dell’Istruzione,  Continua a leggere “Diploma in 4 anni in altre due scuole. Ma i presidi protestano: “Ora imminente la chiusura delle iscrizioni””

Non si butta via niente, di Cristina Saracano

di Cristina Saracano. Alessandria

Prendendo 400 famiglie campione e controllandole subito dopo pranzo abbiamo scoperto che gli italiani buttano in media 78 chili l’anno di cibo nella spazzatura.

Gli sprechi maggiori vengono dai professionisti e i singles intorno ai 35 anni, questo perché molto spesso consumano la pausa pranzo fuori casa lasciando cibi in frigo per qualche giorno, per poi buttarli.

Durante questa indagine i giovani si sono dimostrati i più sensibili al problema e questa è senz’altro una buona notizia, perché evitando gli sprechi si risparmiano molti soldi e non solo.

Quando le provviste in frigo sono vicino alla scadenza, o ci sono degli avanzi, ci si può ingegnare cucinando polpettoni o frittate che racchiudono un po’ tutti gli ingredienti, coinvolgendo magari tutta la famiglia: può essere un modo intelligente per stare insieme imparando cose utili. Continua a leggere “Non si butta via niente, di Cristina Saracano”

Fabio Camillo: Ad Alessandria la povertà è una colpa?

Camillo-Fabio

Fabio Camillo
Coordinatore cittadino Art. 1 – Mdp – Liberi e Uguali

Alessandria: La maggioranza di destra in Consiglio Comunale ad Alessandria ha approvato, nel corso dell’ultima seduta, una modifica al regolamento di polizia urbana che, attraverso due emendamenti, estenderà a gran parte del territorio cittadino il divieto di chiedere l’elemosina già introdotto (con scarsi risultati) pochi mesi or sono limitatamente a pochi “punti caldi” del centro storico.

Secondo quanto riferito dalla stampa locale i proponenti il provvedimento si prefiggono di “dare un segnale a coloro che ci hanno votato”. Lasciando da parte il fatto che la politica non dovrebbe “dare segnali” bensì risolvere problemi, la destra cittadina non si ferma qui ed introduce nel citato regolamento la “confisca amministrativa del denaro che costituisce il prodotto o il profitto della violazione”. Continua a leggere “Fabio Camillo: Ad Alessandria la povertà è una colpa?”

Commemorazione: Capitano Bruno Pasino, Medaglia d’Oro al Valor Militare, e degli altri tre Partigiani caduti il 30 gennaio 1945

capitano-bruno-pasino1

Sabato 3 febbraio la Cerimonia del ricordo del Capitano Bruno Pasino, Medaglia d’Oro al Valor Militare, e degli altri tre Partigiani caduti il 30 gennaio 1945

Sabato 3 febbraio 2018, a partire dalle ore 14:30, si svolgerà la cerimonia del ricordo del Capitano Bruno Pasino, Medaglia d’Oro al Valor Militare, e degli altri tre Partigiani Combattenti — Giacomo Colonna, Osvaldo Caldana, Maurizio Guichard — caduti in Casalbagliano (Alessandria) il 30 Gennaio 1945.

Di seguito il programma:

Comune di Alessandria

Sala del Consiglio Comunale – Palazzo Comunale – ore 14:30

  • Saluto delle Amministrazioni Comunale e Provinciale di Alessandria
  • Commemorazione del Presidente onorario della Sezione provinciale A.N.P.I., Pasquale Cinefra

Continua a leggere “Commemorazione: Capitano Bruno Pasino, Medaglia d’Oro al Valor Militare, e degli altri tre Partigiani caduti il 30 gennaio 1945”

“PUCK”, Rassegna di teatro per le nuove generazioni, per le scuole di Alessandria

APRE IL SIPARIO LA NUOVA STAGIONE DI TEATRO RAGAZZI al Teatro Comunale – Sala Ferrero  ALESSANDRIA

Martedì 6 Febbraio ore 10 “Dolcemiele”  compagnia Onda Teatro (To)

Inizia la stagione di “PUCK”, rassegna di Teatro per le nuove generazioni organizzata dal Comune di Alessandria, Assessorato alla Cultura, in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo e Progetto Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte.

La direzione artistica e organizzativa è affidata alla compagnia Coltelleria Einstein che da anni opera professionalmente in tale campo a livello nazionale e internazionale.

La Rassegna di Teatro Ragazzi è stata caldeggiata e appoggiata fortemente dal Sindaco e dall’Assessore Cherima Fteita Firial che ha seguito le fasi del progetto e la scelta degli spettacoli. Continua a leggere ““PUCK”, Rassegna di teatro per le nuove generazioni, per le scuole di Alessandria”

Per cosa sono grata oggi?

inpuntadipiedinaturalmente

Buon sabato a tutti. Oggi sarebbe l ‘Ultimo giorno di questo tentativo di praticare la gratitudine, ma visto i risultati che ha prodotto su di me e mi sembra di capire anche su di voi ho deciso di portarlo avanti. Chi vuole partecipare è il benvenuto/A.

Oggi sono grata alle persone che mi vogliono bene veramente perché ci sono sempre senza ma e senza se.

Sono grata alle cose belle che capitano all’improvviso quando meno te lo aspetti.

E voi ?

Aspetto i vostri commenti

Un abbraccio

Elisa

View original post

Garcia

Cantiere poesia

In casa mia c’è Garcia

un micio da compagnia.

Ha gli occhi intelligenti

e candidi denti

la coda flessuosa

muove graziosa.

Fra le zampe vellutate

ha le unghie acuminate

ma gioca a nascondino

con me sempre vicino.

È molto ghiotto

del cibo che gli metto

e dopo mangiato

si lecca estasiato

i baffi il musetto

vuol esser perfetto.

Sornione sornione

cerca il lettone

e tranquillo in bisbiglio

sul caldo giaciglio

così acciambellato

dorme beato.

Chissà … chissà

cosa sognerà

è un grande mistero

ma a dire il vero …

vorrei una cosa sola

che avesse la parola.

Graziella Cappelli

View original post

Quasi invisibili

Il Canto delle Muse

Filari nella bruma si distinguono a malapena
arti ritti che sostengono in rigide geometrie
il nettare che sarà fratello di buon sangue
timoniere verso l’oblìo e sragionate verità.
Quei corridoi stretti e fitti si riscaldano a vicenda
in vicinanza che è conforto dalla penetrante umidità,
il debole sole imbacuccato tra spessori di gelo
non riscalda ma ricorda che l’ inverno finirà.

Daniela Cerrato, 2018

vineyard-639798_960_720.jpg

View original post

Farfalla

Cantiere poesia

I

Dirò: sei morta?
con una vita di ventiquattr’ore!
Troppa amarezza
in questo scherzo del creatore.
Riesco con sforzo
a pronunciare “vita”
nell’unità di data
di nascita e di consunzione
fra le mie dita:
mi confonde obbligare
una di queste grandezze
nello spazio di un giorno.

II

Perché i giorni per noi
sono nulla. Un vuoto
zero, nulla. Non puoi
appuntarteli al muro e agli occhi
renderli commestibili:
sul bianco sfondo
non possedendo corpo
sono invisibili.
Come te sono i giorni,
e quale peso poi
rimpicciolito dieci volte
può avere un giorno?

III

Dirò: tu non esisti?
Ma cosa mai allora
di simile in te sente
la mia mano? e quei colori
d’inesistenza non son frutto.
E chi ha suggerito
quelle tue tinte?
Io non avrei la forza,
io, grumo borbottante
di parole al colore estranee,
di immaginare questa
tua tavolozza.

IV

Sulle tue ali piccole
pupille e ciglia
–…

View original post 549 altre parole

Qu’est-ce que les engrais verts ?

Spotjardin.com

imgserver (2).jpgIl s’agit de plantes qui ont un développement très rapide qui permettent très facilement de couvrir une partie du sol de votre potager temporairement entre deux cultures par exemple et par la suite de les couper au ras du sol en vue de les enfouir afin d’apporter à votre terre de nouveaux éléments nutritifs. Il s’agit d’une technique qui pourra s’employer aussi bien sur de très grandes parcelles que sur des plus petites comme dans votre jardin potager.

View original post 200 altre parole

Blogger recognition award by Thomas

ioinviaggio

Hi Thomas,
hi all bloggers,
Thank you Thomas, https://aspi.blog/, for this blogger recognition award, it’s a great honour for me.
The requirements for participation are:
1. Show your gratitude to the person who nominated you and provide a link back to the person’s blog.
2. Give a brief story on your blog.
3. Share two or more pieces of advice for beginner bloggers.
4. Choose 10 other bloggers to nominate.
5. Comment on each blog, letting them know they’ve been nominated and provide a link to your award post
https://aspi.blog/ is a very interesting blog, I ‘m really fascinated by Thomas’ photos, expecially nature’s ones. He speaks about everything, his blog is so rich and various. I invite to follow him.
My blog was born in a difficult moment of my life, when I felt lost for love questions and I thought to begin a travel to my inner self…

View original post 94 altre parole

Tristezza in abbandono

Il Canto delle Muse

Le dita giocano
nel tepore dei capelli
trastullano la nuca
posta sul mio grembo,
tracci sottovoce
profili di dolore,
la bruma sui ricordi
condensa, si fa pianto
raccolto sulle cornee,
scivola la stilla
sull’altra mano, posata
a carezza sulla guancia.
Calore di vicinanza
non è benda che sigilla
la ferita più profonda
ma fa si che sia più lieve
la tua anima infelice…
Soffio il respiro sul tuo viso
che trattiene un poco a stento
una smorfia, quasi un sorriso
mentre il giorno è ormai spento.

Daniela Cerrato, 2018

heart-742712_960_720.jpg

View original post

Dall’altro lato della porta

Cantiere poesia

Ancora ci stupiamo
per minuscole storie-scorie
come bambini in corpi troppo vecchi
che nelle macchie vedono profili
e draghi sputafuoco nei tramonti

ce ne stiamo
quasi al di fuori di noi stessi
pareidolie scomposte come nuvole
gravati alle caviglie
dalle catene della consuetudine

siamo muri gremiti di ritratti
senza cornici _arresi allo scompiglio_
assuefatti al dolore
assorti nei ritorni di memoria
eppure attratti dalla vita ancora

Cristina Bove

View original post

“TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI”: LA DENUNCIA DELL’INGIUSTIZIA

CIMO

In una strada desolata, avvolta dalla nebbia, svettano tre grandi manifesti abbandonati. Sarà una donna, Mildred, a ridare vita a questi manifesti, utilizzandoli per gridare il suo dolore e il suo sconcerto per il caso irrisolto dell’omicidio di sua figlia.

Si apre così Tre manifesti a Ebbing, Missouri, film scritto e diretto da Martin McDonagh, presentato alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia, dove ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura.
Questo film, proprio come i manifesti del titolo, è una grande denuncia verso uno dei temi più discussi quest’anno: la violenza sulle donne e l’importanza di denunciarla. Tema che ha afflitto in modo particolare il mondo di Hollywood, che si è mobilitato per fare luce su queste problematiche, con iniziative come #metoo e time’s up. Siccome la realizzazione di un film richiede parecchi mesi, non è facile per un autore riuscire a…

View original post 382 altre parole