"La casa nel bosco"

Francesca ragazza semplice, simpatica, occhi vivaci, capelli intrecciati fermati intorno alla testa con le forcine.

Viveva ancora in famiglia con il fratello e la moglie. La cognata, donna irascibile, autoritaria, faccia triangolare, occhialini sulla punta del naso, capelli tagliati a scodella con ciuffo diritto come fili di ferro, non sopportava la presenza di Francesca in casa, anche se indispensabile, perché limitava la privacy della famiglia.

Il lavoro era pesante perché, oltre a rompersi la schiena in campagna, doveva prendere ogni giorno l’acqua dal pozzo situato in mezzo ai cespugli di rovo per la famiglia e gli animali. Legava un secchio alla catena che scendeva e saliva tramite una vecchia manovella arrugginita, pesante come il piombo.

Un giorno la ragazza non riuscì a procurare acqua a sufficienza così ci fu il pretesto, da parte della cognata, di allontanarla da casa e di adibirle a dimora un locale dove un tempo allevavano i conigli.

Vi collocarono una…

View original post 440 altre parole