Brillar d'occhi

di Cinzia Luciani

Brillar d’occhi

Infine, poi
si sopravvive,
si, nel riaffermar
d’una chiarezza
non indotta,
nel brillar d’occhi
l’ attimo
prima che il buio
li imprigioni.
Dei giorni
cosi’ lontani ormai
rimane il sordo
infrangersi di essenze
al suolo.
Qui, dove tutto
si disperde e muore
e’ certo, intorno
preme ancor bellezza.

CL
ph. web