di Andrea Patrone

Nuovi….Soloni son nati….

La donzelletta vien dalla campagna…
Ricordo un amico professore, la voce
forte e chiara…diceva:
Non abbiate alcun timore, esprimete
il pensiero, scrivete se volete il perché
e il come siete amici di scritti antichi.
Vi ricordo una storia d’amore e gloria
scritta su rotoli di pergamena, ma non
è una storia vera.
Omero, si pensa sia l’autore, non con la
rima, ma con il suono della proto-poesia
che ha il peso di una piuma, e fa paura.
Questa storia è un poema, un racconto
con gli dei, la ricerca dell’onore, una luce
dentro al cuore, e poi l’odio con l’amore,
e il coraggio del potere di chi è….saggio.
Non cercate parole strane per la vostra
mente, povere di sogni e fantasie che fan
rumore senza dire….niente!


Prendete le più comuni, quelle libere dai
fumi, facili da capire, quelle che non
devono mentire, portatele in riva al mare,
bagnatele con il suo sale, e se c’è chi
dice che non è poesia ma una brutta rima..
….voi gli risponderete che la meta non è il
poeta ma l’ombra dell’emozione che da
colore al sole…….in sul calar del sole col
suo fascio d’erba e reca in mano un ….
mazzolin di rose e viole….

Andrea

Inviato da iPad