Calma e sangue freddo, di Davide Pontoglio

di Davide Pontoglio

https://davidepontoglio.wordpress.com

Vai tranquillo a fare la spesa e incontri una persona che non vedi da tempo. Come tuo solito ti fermi e chiacchieri. Ad un certo punto esce il solito discorso del lavoro. Con una certa ritrosia ne parli perché sei cortese. In un minuto  vieni a scoprire che la fidanzata di questa persona ha una cugina che è amica di una persona con cui hai lavorato qualche anno. Fai il vago, chi ne vuole ancora sentir parlare.

Questa persona non molla il colpo ed in tre minuti netti comprensivi di imbarazzanti silenzi, ti racconta ciò che tu hai scritto in mail e raccomandate ai tuoi simpatici ex compagni di viaggio. Orbene tu non vuoi credere alle tue orecchie ma alcuni dati che ti fornisce sono inequivocabilmente e senza ombra di dubbio fuoriusciti da tali documenti.

Chiudi la conversazione il più velocemente e pacatamente che puoi e sali in macchina. Nei due chilometri che ti separano da casa già mediti di scrivere o chiamare per chiarire questa cosa con i diretti interessati.

Poi ti ricordi che è una strada che hai già percorso in passato e che ha avuto scarsi risultati: nessuno ti risponde, vieni ignorato come se non esistessi o, nel migliore dei casi ti viene detto che il pettegolezzo non fa parte di loro. Quindi inizi a pensare come certe informazioni possano essere in circolazione. Continua a leggere “Calma e sangue freddo, di Davide Pontoglio”

+EUROPA CON EMMA BONINO: Presentati i candidati di Alessandria

piu-europa-emma-bonino

di Maria Luisa Pirrone

Alessandria: Il 15 febbraio alla Casa di Quartiere si è svolta la conferenza stampa di presentazione dei candidati della lista +Europa con Emma Bonino per il collegio alessandrino.

Ha introdotto l’incontro Rosmina Raiteri, la referente del Comitato +Europa di Alessandria, che ha voluto ricordare, come esempio concreto dell’impegno dei Radicali, la recente campagna “Ero straniero”, da loro promossa per l’abolizione della Bossi-Fini e per la proposta di una legge alternativa. Alla campagna ha partecipato anche la provincia di Alessandria, contribuendo in misura significativa al successo dell’iniziativa: 90 mila le firme raccolte, superando di gran lunga le 50 mila necessarie. Continua a leggere “+EUROPA CON EMMA BONINO: Presentati i candidati di Alessandria”

Matite sbriciolate, di Cristina Saracano

Presentazione del libro

“Matite sbriciolate”: storia degli internati militari

 "Matite sbriciolate", di Antonella Bartolo Colaleo

Si intitola Matite sbriciolate il libro di Antonella Bartolo Colaleo che sarà presentato mercoledì 28 gennaio presso il Museo Etnografico della Gambarina  di Alessandria, Piazza della Gambarina, 1 alle ore 21.00

E’ la storia di un internato militare barese, il capitano Antonio Colaleo, il quale dopo l’8 settembre ’43 venne deportato nei lager nazisti: a Biala Podlaska, in Polonia, e Sandbostel e Wietzendorf, in Germania. Condivise la prigionia con lo scrittore Giovanni Guareschi e l’attore Gianrico Tedeschi e lì, dopo aver nascosto alcune matite colorate sbriciolandole nelle tasche affinché sfuggissero ai controlli, documentò i lager con 34 disegni: immagini delicate e di grande bellezza. La nuora Antonella Bartolo è partita dai quei disegni per ricostruire la storia della prigionia di Antonio Colaleo ripercorrendo il suo viaggio di deportazione, incontrando gli ultimi testimoni, confrontando memorie scritte e fotografiche, ordinando le ricerche degli storici, visitando i luoghi della prigiona dopo settanta anni. Continua a leggere “Matite sbriciolate, di Cristina Saracano”

Cane amico mio, di Daniele Mallamace

cane hqdefault-1440701536

di Daniele Mallamace

https://danielemallamacewriter.wordpress.com

Cane amico mio,

Quanto ti ho desiderato e quanto ancora dovrò farlo.

Fin da quando ero piccolo volevo conoscerti, abbracciarti e giocare con te.

La notte prima di addormentarmi, ti pensavo e speravo che prima o poi la mattina ti avrei trovato lì ai piedi del mio letto, felice di aver trovato un nuovo amico.

Purtroppo la vita non sempre esaudisce ogni nostro desiderio, oggi ho 21 anni e ancora non sei entrato a far parte delle mie giornate perché il troppo lavoro non mi permetterebbe di darti le attenzioni che meriti.

Ti prego non avercela con me, io ti rispetto, proprio per questo non ho nessuna intenzione di lasciarti ore e ore in casa ad aspettare il mio ritorno o peggio ancora portarti nel carcere dei cani, tu non saresti un trofeo da esibire alle altre persone tu saresti il mio migliore amico quello che volevo da piccolo e quello che prima o poi avrò.

Ti prego aspettami abbiamo troppe avventure da vivere insieme amico mio.

Ragazzino spensierato, di Daniele Mallamace

Ragazzino

di Daniele Mallamace

https://danielemallamacewriter.wordpress.com

Ragazzino spensierato quanto ti invidio..

Tu che con i tuoi amici, vi riuscite a divertire con le semplici cose offerte dalla vita.

Tu che passi giornate intere in bicicletta con la testa vuota dai mille problemi che noi adulti dobbiamo combattere.

Tu che ami le piccole scoperte della natura ma che per me oramai sono diventate quotidianità.

Tu che in tasca hai pochi spiccioli ma che ti bastano per comprarti un pezzo di pizza, delle caramelle o qualsiasi altra cosa rendendoti felice per così poco, mentre noi adulti ogni giorno guardiamo il nostro conto in banca con l ansia dei soldi e delle spese facendolo diventare il nostro pensiero fisso.

Tu ragazzino spensierato sei la semplicità sei ciò che siamo stati anni fa e grazie a te possiamo vivere di nuovo la nostra amata giovinezza.

” CI SONO ANCORA LE FAVOLE ” di Rosa Cozzi

24007897_300002303851711_1778202442_o

” IL CANE CHE VOLEVA LE ALI PER ANDARE SULLA LUNA”
C’era una volta un cane di nome Macchietta,che voleva avere le ali, perché voleva volare per andare sulla Luna,e ritrovare la sua adorata mamma.
Una sera, Macchietta aveva abbaiato per ore e aveva disturbato tutto il creato, sfinito si era accucciato sotto un cespuglio e stava sonnecchiando.
La Luna che nel frattempo era uscita,e brillava alta nel cielo, chiamò tutti gli esseri viventi sulla terra e, domandò chi fosse quel cane che abbaiava e volle sapere perché.
Per primi parlarono gli alberi, e dissero che il povero cane voleva delle ali per poter volare, e raggiungere la signora Luna, poi parlarono le farfalle, e raccontarono che ogni volta che svolazzavano di fiore in fiore,il cucciolo correva loro incontro, e chiedeva di prestargli le loro ali colorate.
Poi parlarono i cespugli di rose,e raccontarono, che Macchietta annusava i loro petali,e gemeva dicendo che anche lui voleva essere profumato come le loro rose.
La Luna parlò con tutti, e chiese di preparare le più belle ali che si fossero mai viste sulla terra.
Gli alberi promisero di dare le più grandi foglie colorate che sarebbero cadute dai loro rami.
Poi le farfalle dissero che avrebbero cucito per lui le ali più belle e variopinte e le avrebbero dipinte con la polvere colorata delle loro ali.
Poi parlarono i cespugli di rose, e promisero ogni petalo di rosa profumato per dare alle ali la leggerezza per volare.
Infine parlarono le formiche, e promisero di trasportare tutto il materiale di cui ci fosse stato bisogno per costruirle.
Tutti si diedero da fare, per tutta la notte lavorarono instancabili, e quando la mattina, Macchietta aprì gli occhi e si stiracchiò, trovò davanti alla sua cuccia, gli alberi, le farfalle, le formiche, e i cespugli delle rose, che danzavano alla melodia che cantavano gli uccellini.
Festeggiarono per tutto il giorno, e quando apparve la Luna in cielo, si misero in cerchio, spiegarono a Macchietta uno alla volta che avevano deciso di fargli un regalo.
Così fecero, e gli diedero due ali meravigliose e scintillanti, da indossare.
Il piccolo Macchietta non stava più nella pelle, finalmente avrebbe volato e raggiunto la sua mamma che era volata in cielo
Indossò subito le ali, scodinzolò, girò e si rigirò, prese la rincorsa e via ,si librò nel cielo, volava! volava! volava!…
Con un bau bau felice, volò e volò così tanto, che arrivò finalmente sulla Luna.
Tutti dalla Terra guardavano verso la Luna, e con un ohh!!! di stupore, videro la signora Luna abbracciare il cucciolo, e da lontano ricevettero un “bau bau bau” di ringraziamento dal piccolo Macchietta…

di Rosa Cozzi

.sono senza testa, di  Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

sono senza .testa. / sono senza .cuore.
sono un abbacinante luce che si contorce da sola
nella spasmodica ricerca di un buio che mi si posi addosso
.docile. / senza pretesa di carne .dentro.
e che mi faccia sua [ bruciante ] come petalo arso al sole
sono senza .pagina. / non sono mai stata .scritta.
sono un muro di carta privo d’edera
una foglia senza linfa
.selvatica. / senza saperne succhiare il peccato
come da questa vita [ che mi buca e mi butta via ]
©Runa / ph©Whitney Justesen

Sorgente: .sono senza testa. | Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

.Il Patto con la Notte, di Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

ho un patto discreto con la notte
e il suo divenire languendo atto di morte
in angoli nascosti di un corpo
che si attorciglia fra le grinze dei desideri
nascosti in un sciabordio di ossa
che sboccia silente
nel momento convulso del pieno abbandono

mi incanta la vista il suo ego e mi pronuncia appena /
mi gela la schiena e poi mi ferma i fianchi /
l’affondo inerme della mia intima disperazione
continua nei suoi vizi fra le crepe della pelle
come fa l’inverno quando mi spacca la lingua
di un duro miele divenuto omelia
per questo mio dire chea malapena sfama dal cuore

Sorgente: .Il Patto con la Notte. | Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

-I.Ride Rossa, di Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

 

Questo è quello che sappiamo fare bene .Questo è quello che non ci fa sentire sole .

Questo è ciò che siamo .

10537046_853753661304102_7688435029427684900_n

Trasmuta l’iride
nel tempo che sconvolge e stravolge
srotolando un nastro di vita strappato / r o s s o
come quel tenue bacio fra le rime delle labbra
che appena ho perso in quell’attimo di avverbio
che era qui [ ed ora non so ]
Scandisce la luce
l’effluvio di un muto guardare
lasciato al ricordo .s p e z z a t o.
di un riscoperto silenzio .in m e t r i c a vivace.
sul disavanzo dell’anima
che suggerisce bellezza
all’angolo piegato nel fianco
reclamato di .l e g g e r e z z a.

©Rosy Iuliucci / © Ilaria Manazzone

ph©Fabrizia Milia  https://fabmilia.wordpress.com/

Sorgente: -I.Ride Rossa- | Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

Tutti pronti! Si va in (s)Cena… con delitto, di Cene con delitto Letterarie

Non c’è due senza tre. Dopo i successi ottenuti con le prime due Cene con delitto al Mondadori Store il Circolo Artistico e Letterario Hogwords ha l’opportunità di riproporre il suo spettacolo anche il 23 febbraio sempre alle ore 20,30 in Piazza Luigi Barbieri 15 (prenotazione tavoli obbligatoria componendo lo 0121040043. I primi tre classificati alla gara investigativa verranno premiati con un diploma mentre il vincitore porterà a casa una coppa. Il video con le immagini delle serate precedenti lo si trova qui https://youtu.be/C8jbSDQ1hu8

di: Tutti pronti! Si va in (s)Cena… con delitto – Cene con delitto Letterarie

Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto della Venezia seicentesca. I Sonetti. I – VOCI DAI BORGHI

La bella Ebrea che con devoti accenti
Grazia impetrò da più sublimi cori,
Si che fra stelle in ciel ne i sacri ardori
Felice gode le superne menti,

Al suon che l’alme da i maggior tormenti
Sottragge, Ansaldo, onde te stesso onori,
Spiegar sentendo i suoi più casti amori
I mondi tiene alle tue rime intenti.

Quindi l’immortal Dio, che nacque in Delo,
A la tua gloria la sua gloria acqueta,
Né la consumerà caldo né gelo.

Colei ancor, che già ti fè Poeta,
Reggendo questa, da l’empireo Cielo
Darà per sempre a i carmi tuoi la mèta.

La bella ebrea che con devoti accenni – A. Cebà, Lettere d’Ansaldo Cebà scritte a Sarra Copia e dedicate a Marc’Antonio Doria, Genova, 1623, lett. I, 19, maggio 1618.

di: Sara Copio Sulla. La Voce del ghetto della Venezia seicentesca. I Sonetti. I – VOCI DAI BORGHI

Turismo LGBT: il punto della situazione – Il Mondo secondo Gipsy

Ciao Viaggiatori. In Bit ho trovato un’area dedicata al turismo LGBT e ho quindi incominciato a chiedermi quali siano ancora oggi i problemi che un viaggiatore omosessuale deve affrontare. Insomma quali pregiudizi?

Come si colloca l’Italia rispetto al resto del mondo in termini di accoglienza verso la comunità LGBT?Ho quindi deciso di farne una bella intervista a due viaggiatori che seguo da un po’: Daniele e Luigi del blog Gayly planet. Prima di sentire quale sia la loro esperienza da viaggiatori omosessuali vorrei però farvi capire quale sia la realtà legata al turismo LGBT… continua su: Turismo LGBT: il punto della situazione – Il Mondo secondo Gipsy

Ricordi tuo Nonno ?, di Daniele Mallamace

Ricordi

di Daniele Mallamace

https://danielemallamacewriter.wordpress.com

Ricordi ancora tuo Nonno?

Sono passati ormai tanti anni dalla sua scomparsa, eri ancora piccolo cosa vuoi che sia, la vita va avanti.

No! Ti sbagli, mio Nonno resterà per l eternità nel mio cuore e nei miei pensieri.

Perché lui mi ha insegnato a crescere e a vivere la vita con tutte le sue difficoltà e le sue dolci ricompense. Continua a leggere “Ricordi tuo Nonno ?, di Daniele Mallamace”

Fiori raccolti nei ricordi di vita, di Grazia Torriglia

fiori

di Grazia Torriglia

…fiori raccolti nei ricordi di vita.

Mi pungono queste tue spine
che ti devastano l’anima
e mi allontanano dai tuoi pensieri.

Ci siamo regalati fiori raccolti
nei ricordi di vita
il tuo passaggio è stato immenso
e ha lasciato impronte nella mente .

Ora hai spento la luce hai chiuso la porta
escludendomi dalla tua sofferenza
ma restano in me quei giorni di una bella amicizia
che non potrà mai andare perduta.

Gt@

” RESILIENZA ” di Rosa Cozzi

bebac_1

” RESILIENZA “
Nata al mondo
innocente creatura senza futuro
il gioco del destino ti ha negato
la clessidra del tempo.
Scoccata la freccia del patimento
a ogni respiro rubi
l’aria che ti é negata.
Intuisci il tuo tempo limitato
e avidamente ti nutri
succhi la linfa genitrice dolente.
Il tuo futuro sarà breve
non hai tempo da perdere
devi accumulare aria
riempi il tuo torace.
Nel duello finale
spossata ti scuote
un’ ultimo pasmo ,
ti arrendi ormai vinta,
non ancora convinta
e resiliente taci …

di Rosa Cozzi
da ” Momenti tragici ”
DL. 1941/633

Artista di strada, di Daniele Mallamace

Artista

di Daniele Mallamace

https://danielemallamacewriter.wordpress.com

Artista di strada sei magia pura, perché passi le tue ore li in una piazza a creare qualcosa di strano di diverso che noi semplici passanti non siamo in grado di rifare

Lasciandoci con la solita espressione stupita ma sempre piu incuriosita.

Parlo con te artista di strada che suoni o canti magari anche non perfettamente ma che ci arrivi dritto al cuore grazie alle tue dolci note che sanno di sogni e di speranza.

Parlo con te artista di strada che disegni il paesaggio che hai di fronte a te migliorandolo ancor di più.

Parlo con tutti voi artisti di strada acrobati, poeti, ballerini, mimi o chiunque altro sia capace di emozionare noi semplici persone passate li per caso ma che dopo aver assistito al vostro breve spettacolo lo ricorderanno per tutta la vita.

Bit 2018: tempo di incontri e bilanci, di Il Mondo secondo Gipsy

Ciao amici viaggiatori. Ieri sono stata a Bit 2018, ormai un appuntamento annuale che non mi perdo mai, nonostante tutto.Questa volta “nonostante tutto” mi sento proprio di dirlo perché insomma, non l’ho trovata all’altezza di una delle più grandi fiere del turismo in Italia.Sì ok, c’erano i convegni che sono stati interessanti e hanno dato spunto di riflessione. Sicuramente mi ha fatto piacere conoscere il lavoro di alcune aziende che esponevano che non conoscevo e che magari terrò presente in futuro. Mancavano però stand di grandi paesi, e, soprattutto, è stato pessimo l’appuntamento con gli Speedy Meeting… continua su: Bit 2018: tempo di incontri e bilanci – Il Mondo secondo Gipsy

La solitudine radicale: dall’abbandono all’incontro, di OpinioniWeb-XYZ

Molteplici sono le forme di solitudine che l’uomo incontra nella propria esistenza: l’isolamento, l’incomprensione, il disprezzo, l’essere mal-amati!In realtà la solitudine è addirittura “originaria”, radicale e inevitabile perché legata al mistero personale di ogni uomo. Ognuno è un segreto nella sua unicità e in quanto tale rimane sempre un mistero per gli altri. Questo nucleo originario è però anche il fondamento inespugnabile della libertà di ogni uomo, una scoperta che ci accomuna al destino dell’umanità intera… continua su: La solitudine radicale: dall’abbandono all’incontro | OpinioniWeb-XYZ

Fotografie, molto più che semplici immagini, di Riccardo Fracassi

Molto spesso mi è capitato di chiedermi perché fossi attratto così tanto dalla fotografia. Questa domanda mi si è riproposta più volte nell’ultimo periodo. In realtà non penso esista una vera e propria risposta, credo che ciascuno di noi viva ciò che fa, in maniera totalmente diversa, in base a quelle che sono le sue caratteristiche.

Quindi la mia domanda è stata: “Per me, che valore ha la fotografia?”Nel corso degli anni ho avuto modo di conoscere le storie di molti fotografi, alcuni anche molto famosi come Annie Leibovitz o Steve McCurry, e prendendo in considerazione tutte le loro vicende, sono riuscito a giungere a una conclusione… continua su: Fotografie, molto più che semplici immagini – Riccardo Fracassi

Moscezza… ti odio! – Paroledipolvere

Oggi è la classica giornata in cui mi sento avvolta dalla moscezza. Presente quando vedi tutto piatto che più piatto non si può? Ecco, oggi per me è tutto stra piatto e noioso!

Guardo le cose che devo fare con una moscezza esilarante, fosse per me non farei nulla. Sarà febbraio? Il mese definito di mezzo perché collega gennaio (e le festività abbandonate) a marzo, mese che anticipa l’arrivo della primavera? E chi lo sa, fatto sta che questi giorni io li vedo ibidri, senza né forma né colore. Via un giorno via l’altro, in questo lento susseguirsi di momenti che non sanno di molto… continua su: Moscezza… ti odio! – Paroledipolvere

Nuove tecniche aiutano a controllare le allucinazioni, di ORME SVELATE

dia DANIELE CORBO (ORME SVELATE) 20 FEBBRAIO 2018

Vista la drammaticità dell’incidenza sulla vita delle persone che ne soffrono, si moltiplicano gli sforzi dei neuroscienziati per tentare di curare in maniera alternativa ai farmaci le allucinazioni uditive.

Per la prima volta, nuove ricerche mostrano che le persone con schizofrenia possono allenarsi a controllare le regioni del cervello legate alle allucinazioni verbali, usando uno scanner MRI e un gioco di razzi computerizzato… continua su: Nuove tecniche aiutano a controllare le allucinazioni – ORME SVELATE

Cuore fermo – ORME SVELATE

Pubblicato da DANIELE CORBO (ORME SVELATE) il 20 FEBBRAIO 2018
Immagine correlataTi chiedi se sei forte
perché non senti il battito,
ma il cuore coraggioso
non accelera il ritmo,
nell’attacco resta fermo,
perché troppo sangue
non aiuta a pensare.
Allora chiudi gli occhi
e sincronizzati col corpo,
nell’armonia
saprai la strada,
senza tremare
avanzerai
col tuo passo.
Daniele Corbo:
Cuore fermo – ORME SVELATE

Cicatrici insanguinate, di lilianadream,

Cicatrici

di lilianadream,

” Sono anni bui

che durano un’eternità

il peso del mio corpo

svolazza come un foglio d’autunno

color mattone

che ho sempre odiato.

Lo spirito non riesce a raggiungerlo

i cattivi dalle caverne

prendono ali su strani creature

che lasciano odore di morte

e carne sbranata dal alto

la lancia laggiù.

Il sole stenta a prendere vita

i suoi raggi caldi e biondo grano

gira il suo raggio

verso un Venere isolata e solitaria”

https://dialoghiaperti.com/

 

Da Repubblica: Piergiorgio Odifreddi su Jules Verne “Benvenuto sulla Luna monsieur Verne” – “Strane cose”, il blog di Ettore

I suoi romanzi sono stati bollati come fantascienza o intrattenimento per ragazzi. Invece, analizzando le conoscenze e le teorie su cui si basava il grande scrittore francese, si scopre una verità … continua su: Da Repubblica: Piergiorgio Odifreddi su Jules Verne “Benvenuto sulla Luna monsieur Verne” – “Strane cose”, il blog di Ettore

Cassa di risonanza… e adesso la pubblicità

Mi rendo conto che infondo mi piace l’ attesa. Non necessariamente qualcosa di interessante…

Tic tac tic tac

E mi piacciono anche gli orologi.

Comunque oggi e’ martedi. Fa abbastanza freddo, ma intravedo dalle fussere delle persiane un bel sole.

(cassa di risonanza)

…perche mi vengono in mente queste parole? Mistero…ahaha adoro. Ci vorrebbe un meme di Daniele Bossari.

Ho apero le persiane si c e un bel sole. Gli uccellini cinguettano. E diciamolo pure oggi e’ una bella giornata.

Tic tac tic tac tic tac

Se non sbaglio ce anche una canzone di Claudio Baglioni …e aspettare. Non sono sicura pero’.

da: Cassa di risonanza – ….e adesso la pubblicita’

Brioches semplici

Delle brioches soffici e leggere all’interno, con qualche granello di zucchero croccante e una glassa di mandorla golosa… perfette per una colazione in compagnia o una veloce merenda. Come tutti dolci lievitati richiedono un po’ di pazienza e tempo in più di una semplice ciambella… ma vi assicuro che ne vale la pena!
Ingredienti:
250g di farina 00
250g di farina di manitoba
50ml di olio di girasole
125g di yogurt
180ml di acqua tiepida
30g di zucchero
una bustina di lievito di birra secco o un panetto fresco
Per la copertura:
50g di granella di zucchero
50g di mandorle tritate
un albume d’uovo piccolo
Mettete le farine, il lievito e lo zucchero in una ciotola capiente ( se usate il lievito fresco dovrete scioglierlo nell’acqua). Aggiungete lo yogurt, l’acqua, l’olio e mescolate fino ad ottenere un impasto liscio. Copritelo e lasciatelo lievitare per un’ora in un luogo caldo.
Formate delle palle d’ impasto di circa 80-90 g l’una e sistematele, distanziate l’una dall’altra perché lieviteranno, in una teglia rivestita da carta forno e schiacciatele leggermente. Lasciatele lievitare per una trentina di minuti, sempre in un luogo caldo. Mettete in forno caldo a 180°statico per 15 minuti. Nel frattempo in una ciotola mescolate lo zucchero con le mandorle e l’albume. Trascorsi i 15 minuti sfornate le brioches e spalmate sulla superficie un cucchiaino di composto di mandorle. Rimettete in forno per altri 5-8 minuti. Conservatele in un contenitore ermetico, saranno morbide anche il giorno dopo.

di Brioches semplici

Nel silenzio, di Il mio giornale di bordo

Nel silenzio
Nel silenzio
ti amerò
senza pronunciare
mai il tuo nome
scriverò per te
solo per te
di quell’amore
che è guida
nei giorni miei
di quell’amore
che è solo passione
di quell’amore
che un giorno
saremo noi.

Antonio De Simone

Eng_Your name
In the silence
I will love you
without uttering
never your name
I will write for you
just for you
of that love
that is driving
in my days
of that love
that’s just passion
of that love
that one day
we will.

Nel silenzio | Il mio giornale di bordo

da Repubblica-Robinson: TECNICHE DI SEDUZIONE Come ti promuovo il libro (non dicendoti cos’è) Inchiesta di Raffaella De Santis – “Strane cose”, il blog di Ettore

Addio cari booktrailer: tra Twitter, YouTube e Facebook è il webmarketing la nuova frontiera. Ultimo esempio un romanzo: nato, anch’esso, in un appuntamento al buio,… continua su: da Repubblica-Robinson: TECNICHE DI SEDUZIONE Come ti promuovo il libro (non dicendoti cos’è) Inchiesta di Raffaella De Santis – “Strane cose”, il blog di Ettore

Esco dalla caverna, di Gianfranco Isetta. Alganews Poesia

https://www.alganews.it

di gianfranco-isetta

Esco dalla caverna,
(meglio, cerco di uscirne)
per non tornarci più

voglio incontrare foglie,
lasciando le ombre antiche,
sfiorarle con le dita

sentire ruvidezze
o venature morbide
che accolgano silenzi
senza pensarci su.

Voglio carezze intonse
che tastino il mio corpo.

Vorrei toccarlo il mondo
estrarne il retrogusto
come a un sorso di vino.

Gustarne tutto il dolce
utilizzando i sensi
come un neonato attento
a non cercare un senso.

.(.. da una lettura del  “mito della caverna” di PLATONE)

GIANFRANCO ISETTA

Intervista a Elisabetta Onetti, Consigliere comunale di Siamo Alessandria, di Pier Carlo Lava

di Pier Carlo Lava

Alessandria, Intervista a Elisabetta Onetti, Consigliere comunale di Siamo Alessandria, che risponde alle seguenti domande:

Accorpamento ASl e Aso, qual’è la tua opinione dal punto di vista del paziente

Politiche sociali, il regolamento di assegnazione degli alloggi di edilizia sociale è stato contestato, ora che succede?

Il piano per la messa insicurezza della Cittadella e la riqualificazione dell’ex Ospedale militare, a che punto sono?

Consulta pari opportunità, quali eventi in programma?

Sicurezza, l’ordinanza non ha funzionato, il piazzale Berlinguer rimane al buio e senza telecamere, a quando gli interventi annunciati?

Immigrazione, un problema o un opportunità?

video:

https://youtu.be/ES2wUk87f50

VORREI DONARTI UN FIORE, di Silvia Cozzi

di Silvia Cozzi
Vorrei donarti un fiore,
che accenda la speranza
e spanda il suo profumo,
sul tuo cammino scuro.
Vorrei che il mio calore,
piano ti scaldi il cuore
e ti doni il coraggio,
per continuare il viaggio.
E’ solo il mio pensiero,
che giunge a te stanotte
intrepido e leggero
per sfidare la sorte.
Ti arriverà in un sogno,
mi sentirai vicina,
di me tu avrai bisogno,
come una medicina.
Ma posso solo darti,
un po’ di fantasia
e l’anima che canta,
chiusa in una poesia.

Il deodorante. O quello che rappresenta, di Il deodorante. O quello che rappresenta

Il deo via-irnerio-2-2

di blue eyes  https://scegliunbelcolore.wordpress.com

Pedalare nel caldo della città non le sembrava più così spiacevole come una volta. Il sole di Bologna le scaldava la pelle ma non si abbronzava mai, ogni volta che tornava giù per le vacanze estive era bianchissima, quasi grigiastra . Svoltò in una traversa di via Irnerio e si fermò vicino al primo portone, si sedette su un gradino all’ombra del portico, prese il telefono guardò l’orario. Le tredici e dieci. Lui era in pausa pranzo quindi, se avesse voluto, avrebbe potuto rispondere al telefono. Lo chiamò e lui di nuovo non rispose. In realtà, se avesse risposto, non avrebbe saputo cosa dirgli. Chiamò Davide

Continua a leggere “Il deodorante. O quello che rappresenta, di Il deodorante. O quello che rappresenta”

Appuntamento al Macallè

 james taylor locandina copia (1)
Sabato 03 Marzo 2018
James Taylor Quartet in concerto al Cinema Macallè !
Cinema Macallè – Alessandria, Castelceriolo
Apertura Porte ore 21,00
Inizio Concerto ore 22,00
PRENOTA IL TUO ! POSTI LIMITATI !
Ingresso : € 25 Platea € 20 Galleria
Info Organizzazione 389 422 61 72
Per la Prima Volta al Cinema Macallè James Taylor Quartet in Concerto !
Una miscela esplosiva di Soul, Funk, Jazz, Blues, R’n’B, il James Taylor Quartet è una delle band che ha definito il genere acid jazz, ed il suo leader, James Taylor, nel corso degli anni ha collezionato le più svariate partecipazioni ai dischi di artisti del calibro di U2, Pogues, fino ad arrivare agli ultimi lavori di Tom Jones e Tina Turner.
Con l’album “The Template”, uscito nel 2011, hanno recentemente festeggiato il venticinquesimo anno di attività, un disco che raccoglie la perfetta sintesi dell’esperienza sviluppata in tutti questi anni, unita a una sempre nuova voglia di innovarsi e stupire.
Fin dai loro esordi a fine anni ’80, il progetto James Taylor Quartet si è evoluto in una delle realtà più entusiasmanti e rispettate della scena UK. Con più di venti album all’attivo che spaziano tra blues, jazz, funk, soul, rock, la dimensione live di JTQ è fondamentale ed è il completamento dell’esperienza in studio. La loro immensa esperienza Live è la dimostrazione di un progetto inarrestabile che fa della resa live il suo punto di forza le cui setlists sono il risultato delle sensazioni percepite nelle location e tra l’audience, rendendo ogni live di JTQ un’esperienza unica, un vero e proprio must per gli amanti dell’Hammond che accompagna le loro esplosive performance.
Formazione
James Taylor – Organo Hammond 
Marx Cox – Chitarra 
Andrew McKinney – Basso
Jarrod Pizzata – Batteria 
Cinema Macallè 
Via Marsala 1/A – Castelceriolo, Alessandria
0131 585001 / 334 9488905
Io Amo il Macallè !

 

 

 

Ad Alessandria ci sono i cappelli in attesa di giudizio e il museo dei sogni con la rincorsa di una apertura a Palazzo Borsalino che non arriva mai

Ad Alessandria

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Ma si concluderà prima la vicenda fallimentare dell’azienda Borsalino (e del relativo marchio), oppure quella del nuovo Museo Borsalino? In una nazione che non ha molta dimestichezza con i tempi rapidi della giustizia, appare molto probabile, a oggi, che invece sia questa destinata a vincere con molte lunghezze di distacco nei confronti di un progetto culturale che non è ancora arrivato a un solo significativo giro di boa. I lavori al piano terra di Palazzo Borsalino (eseguiti dall’impresa Consorzio edili affini monferrino per 323.000 euro) sarebbero conclusi.

Usiamo il condizionale perché l’area è inaccessibile e anche le richieste di sopralluoghi da parte della Commissione consiliare Cultura sono sempre state respinte: “Il dirigente comunale responsabile del procedimento ci vieta l’ingresso” ha detto più volte Carmine Passalacqua, presidente della Commissione di Palazzo Rosso. Continua a leggere “Ad Alessandria ci sono i cappelli in attesa di giudizio e il museo dei sogni con la rincorsa di una apertura a Palazzo Borsalino che non arriva mai”

I romanzi di Ugo Sestieri

I romanzi

I romanzi di Ugo Sestieri

“La congettura di Syracuse” (Ebook):
Un terrorista innamorato dei numeri, quattro sconosciuti ed un professore in pensione imprigionati in un bar del centro di Roma, una misteriosa Confraternita, una congettura matematica mai dimostrata, centodieci frammenti di un dipinto… Cinque interminabili giorni per sciogliere un enigma impossibile.

“Le donne dimenticate di via Catalana” (Ebook):
Sei donne rinchiuse in uno scantinato che, contro tutti, cercano di riappropriarsi della loro identità negata, di essere padrone delle propria vita e delle proprie scelte nell’Italia del 1944 martoriata dal fascismo e dalla guerra.
Sei donne diverse per cultura, stato sociale, scelte di vita, ideologia che si uniscono per combattere contro due nemici formidabili: il nazifascismo e la mentalità maschile che impregna di sé il mondo, anche quello dei loro compagni di lotta.
Continua a leggere “I romanzi di Ugo Sestieri”

Benvenuto a Nadia Toffa, da lilianadream

benv toffa-905-675x904.jpg

da lilianadream

Nadia Toffa, inviata e anche conduttrice della trasmissione le IENE colpita 2 mesi fa da un tumore aggressivo al cervello, ma fortunatamente sulla via di guarigione, è stata  accolta questa settimana nel ritorno alla conduzione della trasmissione, tra caloroso affetto e anche qualche critiche.

Io non ho visto la trasmissione, perché devo dire che le IENE, nell’ultimo tempo affronta temi davvero molto forti, come prostituzione, bambini maltrattati, pedofili e io in questo periodo della mia vita, non riesco a guardare e riflettere su tutto questo, perché mi fa molto male. Continua a leggere “Benvenuto a Nadia Toffa, da lilianadream”

Benvenuto a Nadia Toffa, da lilianadream

benv toffa-905-675x904.jpg

da lilianadream

Nadia Toffa, inviata e anche conduttrice della trasmissione le IENE colpita 2 mesi fa da un tumore aggressivo al cervello, ma fortunatamente sulla via di guarigione, è stata  accolta questa settimana nel ritorno alla conduzione della trasmissione, tra caloroso affetto e anche qualche critiche.

Io non ho visto la trasmissione, perché devo dire che le IENE, nell’ultimo tempo affronta temi davvero molto forti, come prostituzione, bambini maltrattati, pedofili e io in questo periodo della mia vita, non riesco a guardare e riflettere su tutto questo, perché mi fa molto male. Continua a leggere “Benvenuto a Nadia Toffa, da lilianadream”

Federico Fornaro, LEU: 20° assoluto nella classifica di produttività al Senato

L’associazione Openpolis ha pubblicato in questi giorni la graduatoria relativa all’indice di produttività dei parlamentari nella legislatura appena conclusa.

Questo indice, nato nel 2011, misura, oltre alla presenza alle votazioni elettroniche in aula, anche elementi qualitativi nella valutazione dell’intera attività dei parlamentari in relazione alla loro capacità di incidere nell’iter delle leggi (emendamenti, ordini del giorno, mozioni, relatore ecc.).

Nell’indice di produttività parlamentare il lavoro di deputati e senatori – come chiarisce Openpolis – viene analizzato in base a criteri di efficacia utili a distinguere la grande quantità di attività che non producono effetti dalle poche iniziative che invece danno risultati. L’indice è uno strumento che ha il vantaggio della sintesi ma non deve essere considerato una misurazione esatta: serve per analizzare e valutare la complessa realtà parlamentare e non certo a formulare giudizi. Continua a leggere “Federico Fornaro, LEU: 20° assoluto nella classifica di produttività al Senato”

Michelangelo Serra, M5S: Parcheggio Garibaldi, Sicurezza e Migranti, intervista di Pier Carlo Lava

Serra 1 copia

di Pier Carlo Lava

Alessandria, intervista a Michelangelo Serra, Capo Gruppo e Consigliere comunale del M5S, che risponde alle seguenti domande:

A che punto è la situazione della piscina comunale?

Il progetto del parcheggio sotterraneo di piazza Garibaldi è un obiettivo?

La sicurezza non è un optional, vogliamo parlane anche con riferimento al piazzale Berlinguer?

A che punto è la soluzione dei problemi di Amag Ambiente?

I migranti sono un problema o un opportunità?

link video:  https://youtu.be/QJ5ojOwk_Fw

Liberi e Uguali: Calendario incontri di Federico Fornaro

liberi-e-uguali1federico-fornaro

Liberi e Uguali con Pietro Grasso: Calendario incontri Federico Fornaro

Settimana dal 19 al 26 febbraio

“ Proseguendo nell’impostazione scelta per questa campagna elettorale, questa settimana LIBERI E UGUALI affronterà temi e questioni centrali del nostro programma: i piccoli comuni, la difesa della sanità pubblica e del diritto universalistico alla salute, il divario di genere nelle retribuzioni tra uomo e donna, il piccolo commercio e la situazione precaria della istituzione provincia “ – spiega FEDERICO FORNARO, candidato nel collegio uninominale di Alessandria e capolista nel collegio proporzionale di Alessandria, Asti e Cuneo – “ L’elevata partecipazione alle prime nostre iniziative ci conforta e conferma l’idea che si possa in questa campagna elettorale affrontare e approfondire temi rilevanti per la vita delle nostre comunità andando oltre gli slogan, le promesse irrealizzabili e le urla televisive; riprendendo una antica e buona abitudine di una politica capace di ascoltare le ragioni delle persone e ricercare le soluzioni ai problemi nel segno dell’uguaglianza e della giustizia sociale” Continua a leggere “Liberi e Uguali: Calendario incontri di Federico Fornaro”