“Quando sarai grande”, di Elvio Bombonato

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Quando Pinocchio-2013-@@180220132345147

di Elvio Bombonato. Alessandria  http://www.cittafutura.al.it/

Il vuoto e poi
ti svegli e c’è
un mondo intero
intorno a te

ti hanno iscritto
a un gioco grande
se non comprendi
se fai domande

Chi ti risponde
ti dice:   è presto
quando sarai grande
allora saprai tutto…

Saprai perché, saprai perché
quando sarai grande
saprai perché…

E allora osservi
gli altri giocare
è un gioco strano
devi imparare.

Devi stare zitto
solo ascoltare
devi leggere più libri
che puoi, devi studiare.

E’ tutto scritto
catalogaaaato
ogni segreto
ogni peccato

Saprai  perché, saprai perché
quando sarai grande
saprai perché…
EDOARDO BENNATO    “Burattino senza fili” 1977

View original post 540 altre parole

La Sentenza definitiva della Corte di Cassazione sulla vicenda di Viola e dei suoi genitori

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

bombonato-elvio

di Elvio Bombonato. Alessandria

La Sentenza del 14 febbraio scorso che stabilisce l’adottabilità di Viola (nome fittizio di Silvana Mossano) la bimba di Mirabello sottratta ai genitori a soli 35 giorni dalla nascita, chiudendo la vicenda dopo otto anni dall’evento scatenante,  rivelatosi infondato, va rispettata e nel contempo, a mio avviso, discussa.  L’etichetta  disgustosa di genitori-nonni, creata dai giornali nel 2010, fingendo di essere neutrale, in realtà fu una prefigurazione di giudizio, volta a indirizzare l’opinione pubblica.

Il Post Blog di Pier Carlo Lava pubblicò il 2/8/2016  il mio saggio,( un mese di lavoro per documentarmi anche intervistando persone competenti e informate), “Corte di Cassazione.La nuova sentenza di Revocazione”, seguito il 15/3/2017 dal mio articolo “Caso genitori di Mirabello: oltre la cortina di silenzio sale l’indignazione”.

View original post 1.445 altre parole

BLESSED

Empowered

Smile. Take a Breath. For this world is an incredible one. Take it in. There is so much to see, to discover, to conquer. You can make it yours. You can have an impact. You can make a change. You are powerful enough. But never lose sight of God, watching over us, and helping you every step of the way. There is this incredible peace of mind when you know He is taking care of you and everything will be alright. You are Blessed. Now go spread your wings, butterfly.

View original post

Début d’approche Zéro Déchet

Ma vie au présent simple

Hello tout l’monde!

Comme vous le savez, depuis quelques mois maintenant je me suis mis à la couture…
La semaine dernière alors que nous sommes tombés en panne de Sopalin je me suis dis “pourquoi ne pas en fabriquer des jetables?”

J’en avais tellement marre de tout ces papiers jetés parfois (souvent) pour peu de saleté.

J’ai donc récupéré un vieux pull de ma fille (qu’elle ne voulait pas jeter mais qui était un peu taché et surtout bien trop petit) et des vieux torchons. Je les ais associés et j’y ai ajouté des boutons pressions pour pouvoir présenter mes “sopalin” en rouleau (comme du vrai)

Vous en pensez quoi?

Chez vous aussi le sopalin à tendance à disparaître rapidement?

Sur ce je vous souhaite à tous un beau mercredi.

A très bientôt

La bise

Clem 🐺

View original post

Repubblica-dibattiti LE RELAZIONI PERICOLOSE TRA L’ARTE E LA FOLLIA di Susanna Nirenstein

"Strane cose", il blog di Ettore

Che relazione c’è tra follia e impulso creativo? Nel giugno 1945 il pittore francese Jean Dubuffet, l’architetto Charles- Edouard Jeanneret ( meglio noto come Le Corbusier) e l’editore Jean Paulhan partirono per un giro in Svizzera organizzato dall’ente del turismo: verdi colline, laghi, stupefacenti montagne. Ma Dubuffet, preso da tutt’altro, si mise invece a visitare almeno mezza dozzina di ospedali psichiatrici in cui raccolse disegni e quadri: gli interessava arricchire la raccolta di opere d’arte, che aveva già iniziato a collezionare, realizzate da malati di mente. Al Waldau Asylum, fuori Berna, vide per la prima volta i 25mila tra testi, bozzetti, collage, composizioni musicali in cui Adolf Wölfli ( 1844- 1930), un artista orfano violentato e a sua volta violentatore, aveva reimmaginato la storia della sua infanzia e sognato il suo futuro: quando a Parigi André Breton guardò quelle cartelle le definì « una delle tre o quattro opere più…

View original post 254 altre parole

Loving Yourself On This Day

MiddleMe

Just a short message to say to love yourself this Valentine’s Day. And perhaps your next office’s cubicle neighbour need some cheering up.

If you need some inspiring Valentines’ Day related stories to get you through today, you are welcome to explore these:

How to Turn Down an Office Romance

Love is in the air

Whisper: I’m In Love With My Student

Do what you Love, Love what you Do

If you haven’t followed me on social media, you are losing out on the things I spread out other than my articles.

Try to find me here:

Instagram @kallymiddleme
Twitter  (MiddleMe_net)
FaceBook (MiddleMe.net)
LinkedIn linkedin.com/in/kallytay

Or leave your handle in the comments below, I’ll find you. 🙂

View original post

Chicago Botanic Garden – a paradise for all senses

Whisper

There are places where nature and the human have worked together and created such a beauty that we can admire and enjoy with all our senses.

In response to the weekly photo challenge sweet the first thing that comes to my mind are the hundreds of photos made with my children. I choose this photo made in the amazing Chicago Botanic Garden. I believe I managed to capture a special moment, the big brother helping his sister to climb on the rock.

bg

I hope they will love and support each other for the rest of their lives like they do now.

Please enjoy the rest of the photos from the garden.

DSC06528DSC06521DSC06541DSC06504DSC06476DSC06548DSC06549DSC06533DSC06537DSC06585DSC06563DSC06557DSC06516DSC05489DSC05482DSC05495DSC06598DSC06602

Even by watching the photos I have a feeling my batteries are recharging. It’s definitely a place I recommend for a visit if you find your self in Chicago.

View original post

The secret of the Ohrid Pearl

Whisper

The pearl is a symbol of beauty, love, marriage, clean, wealth, virginity and perfection.

Throughout history, the pearl, with its warm inner glow, has been one of the most highly prized and wanted gems. Countless references to the pearl can be found in the religions and mythology from the earliest times. The ancient Egyptians were buried with them. Cleopatra reportedly dissolved a single pearl in a glass of wine and drank it. The Greeks highly appreciate the pearl for both its unrivaled beauty and its association with love and marriage, while in ancient Rome pearls were considered the ultimate symbol of wealth and social standing.  During the Dark Ages, while fair maidens of nobility cherished delicate pearl necklaces, the knights wore pearls believing that the magic of the pearl will protect them in battle. In the Renaissance pearls were so highly regarded, a number of European countries actually passed laws forbidding…

View original post 834 altre parole

The Highest Town on the Balkan

Whisper

There are some places where no matter of the technological development you can still see and feel the tradition. People are living in a modern way on one side and adapting to the nature on the other.

Lying on the western side of the mountain edge, spread in amphitheatrical shape, the small mountain town Krusevo is waiting to be discovered. It’s a living museum famous for its traditional architecture, history and natural beauties. Located on average 1300 meters (4400 feet) above sea level makes it the highest town on the Balkan Peninsula.

131

Тhe town is mentioned in documents from the 15th century for the first time,  and the most important is the period of the great 1903 Ilinden uprising against Ottoman domination. The rebellion failed, but its memory is cherished in Macedonia even today, as a symbol of the national struggle for freedom and democracy. That was the first republic…

View original post 622 altre parole

Courage to be me

Whisper

I’m relatively new to blogging and probably I still don’t have enough self-confidence in writing. It was a complicated process for most of the posts that I wrote till now. I wanted to have photographed the places or things I was writing about, or even to make a small or bigger research on the internet or to talk to the people I was writing about. It was rear just to have inspiration and start writing or just to tell what I have in mind.

While I’m writing this I realized that those are my favorite posts. The posts that came out spontaneous usually because I already have made some photographies and used them for the post. That kind of post is 15 minutes from the center one of my first posts and Haunted houses in Ohrid my most popular post so far. I guess that kind of posts is what suits me the…

View original post 307 altre parole

How to defend against drones

Sono tecnologicamente avanzati, ma hanno anche un lato oscuro che molti sottovalutano: i droni possono essere impiegati per violare la privacy altrui o commettere reati. Ecco come difendersi da queste insidie nascoste. I droni, anche conosciuti come UAV, sono velivoli senza un pilota umano a bordo. Nati negli ultimi anni come arma tattica militare, i droni trovano oggi innumerevoli applicazioni nel campo industriale e civile: dall’aerofotogrammetria fino all’analisi termica di impianti industriali e alla vigilanza di sicurezza. Il loro volo è controllato da un pilota a terra mediante un controller remoto. Vi è un’ampia varietà di forme, dimensioni, configurazioni e caratteristiche di un drone; ma tutti vengono pilotati mediante segnali in radiofrequenza. Il mercato mondiale degli UAV cresce vertiginosamente ogni giorno, infatti, appaiono nel mercato nuovi modelli a favore della loro riduzione di costo tanto che oggi è possibile comprare un drone al costo di uno smartphone

Sorgente: How to defend against drones

Recensione: Atomic Email Hunter

Atomic Email Hunter è un software moderno ed innovativo meglio definito come “spider”. Questo strumento permette di analizzare i contenuti di singoli motori di ricerca estraendone informazioni mirate alla ricerca condotta dall’utente. Stiamo parlando di uno strumento fondamentale per l’acquisizione di liste di email. Possedere un database aggiornato di indirizzi email permette di avere a disposizione un valido alleato per la propria campagna di marketing online. Se il vostro obiettivo è, quello di acquisire nuovi contatti e qundi utenti, tenendoli sempre aggiornati sulle novità proposte dal proprio marchio o, in generale, dal proprio settore di business Atomic Email Hunter è la migliore soluzione presente nel mercato. Atomic Email Hunter Basta semplicemente prendere in considerazione il target che si intende raggiungere configurando la ricerca di conseguenza direttamente e con semplici passi alla portata di tutti. Le informazioni ricavate dal software essendo presenti sui motori di

Sorgente: Recensione: Atomic Email Hunter

Marie aspetta Marie

Gli Amabili Libri

Marie-aspetta-Marie

  • Titolo: Marie aspetta Marie
  • Autrice: Madeleine Bourdouxhe
  • Editore: Adelphi
  • Data di pubblicazione: 13 Febbraio 2018

Si può essere così pieni d’amore da sentire l’urgenza di destinarlo a più persone possibili?

Quando ho terminato la splendida lettura di Marie Aspetta Marie di Madeleine Bourdouxhe uscito da pochissimo per Adelphi, il primo interrogativo che mi sono posta è quello di cui sopra.

Marie è una donna piena d’amore verso se stessa, verso suo marito, verso sua sorella e verso chiunque. Marie è innamorata alla follia del suo Jean, il pensiero della sua lontananza la fa soffrire, l’idea che lui possa provare piacere dalla compagnia di altre donne la fa struggere: il suo rapporto trabocca d’amore.

Vedendoli così innamorati e soprattutto vedendo lei così decora nessuno penserebbe che nella testa di Marie possa esserci qualcun altro. Invece le basta la vista di un ragazzetto un pomeriggio in spiaggia mentre suo marito Jean era tra…

View original post 571 altre parole

Parlarne tra amici

Gli Amabili Libri

parlarne tra amici

  • Titolo: Parlarne tra amici
  • Autrice: Sally Rooney
  • Editore: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 13 Febbraio 2018

«Sally Rooney ha scritto il caso letterario dell’anno. Parlarne tra amici è il romanzo sull’amore e sul tradimento del nostro tempo» The New Yorker

Non può che procurare aspettative altissime un romanzo che sul The New Yorker viene definito il caso letterario dell’anno. Certo, sono tanti i libri che vengono definiti tali e poi alla fine si rivelano tutt’altro: è questo il caso? Portate pazienza e ve lo dirò.

Sally Rooney è stata definita da molti la Salinger della Snapchat generation ed essendo io una non fan di Salinger e reputando Holden il personaggio più antipatico che la letteratura abbia potuto produrre (scusate, davvero) partivo con una buona dose di pregiudizio. La Rooney sarà pure la nuova Salinger, ma fortunatamente al posto di Holden ci sono Frances e Bobbi, una coppia di amiche in passato…

View original post 545 altre parole

Editoria a pagamento? Parliamone

Gli Amabili Libri

usm_206_highres

Prima di iniziare: non è un post pro o contro l’editoria a pagamento quindi chi ne è rappresentante e chi ne ricorre non se la prenda. Semplicemente c’è una mia cara amica che ha avuto un’offerta da un editore a pagamento per pubblicare un suo racconto e mi ha chiesto un parere sulla faccenda e mi sono ritrovata quindi nel magico mondo dell’editoria a pagamento.

Quando ho fatto il corso, tra le tante cose studiate c’era anche la sezione dedicata ai vari tipi di editoria che si possono riassumere brevemente in tre:

  • classica: un editore crede in un libro e si assume gli onori e gli oneri della pubblicazione;
  • a pagamento: un editore (o meglio un imprenditore perché editore proprio non riesco a definirlo) fa pagare le spese di pubblicazione all’autore e gli pubblica il libro;
  • il self-publishing o l’auto pubblicazione: un autore decide di non ricorrere ad un editore…

View original post 413 altre parole

Santa Naga

Camminando con la Eva

13 gennaio 2017

Una passeggiata nella campagna e nei boschi della Brianza, a zonzo, liberi, senza aver creato un itinerario ma facendoci portare per alcune ore dal l’ispirazione del momento e dalla fantasia del GiovanePoeta.

Quelli vicino a Fecchio sono boschi di castagni, faggi, olmi. Fitte macchie che si aprono su prati che chiamano alla sfrenatezza, corsa, urla, capriole.

Io e l’OggettoDiTuttaLaMiaStima (oltre che di tutto il mio amore, ma ė sottinteso), osserviamo la gara fra mini cane e seienne magico da lontano.

Non riesco a trattenere un sussurro, anche se suona patetico alle mie stesse orecchie

“Amore, se devo pensare un posto dove Eva mi verrà incontro, lo immagino così. Questo prato, questo cielo, questa aria…”

Mentre claudio mi stringe per un fugace abbraccio svincolato dall’universo, Davide si gira e dalla fine del prato grida: “ma questo è proprio il Paradiso”.

Noi ci guardiamo, non è necessaria nessuna parola.

View original post

Campra

Camminando con la Eva

28.12.2017

Ho sempre vantato una salute eccellente. Nonostante tutto, nonostante la fatica, la paura e la tensione, c’era una leggerezza talmente felice e facile nello stare con Claudio ed i figli che faceva sì che tutto il peso fosse secondario.

Ora la mia salute vacilla. O meglio, le mie energie hanno un buco che non riesco a tappare. O forse non trovano un alveo dove scorrere e inondano tutto ciò che di buono posso aver negli anni costruito.

Non so.

So che devo fare i conti con limitazioni fisiche che non conoscevo.

Durante il periodo natalizio io e claudio ci siamo drogati guardando le prime due serie di Gomorra (durante l’estate con Eleonora avevo finito tutte quelle disponibili di criminal Minds ed ero un po’ in astinenza…).

Nell’ultima puntata della seconda serie Don Pietro parla di Ciro coi suoi che gli riferiscono come costui sia ancora un problema.

Lui risponde…

View original post 339 altre parole

Quali farmaci in gravidanza e allattamento?

Due gemelle in famiglia...

Questa è una domanda che ogni donna incinta o che allatta si fa. Ebbene il medico di base classico, soprattutto quelli più anzianotti, vi diranno di assumere la classica tachipirina e qualche farmaco contro nausee gravidiche.

In realtà la futura mamma può assumere più di due o tre farmaci. Certo non starò qui a farvi un elenco perché non è compito mio e non è cosa che mi compete, ma vi darò un’importante informazione.

La stragrande maggioranza di noi non sa dell’esistenza di due importanti canali mediante i quali possiamo informarci sulla nostra salute.

Il primo canale è telefonico, è il numero dell’istituto di ricerca Mario Negri di Bergamo, un numero a disposizione 24 ore su 24 in grado di fornirvi tutte le informazioni sui farmaci ed i rischi correlati all’uso in gravidanza o in allattamento. A volte l’attesa può essere davvero lunga ma direi che ne vale assolutamente…

View original post 198 altre parole

“Un celeste divenire”, il nuovo romanzo di Guido Mazzolini

Il suono della parola

Riusciremo davvero a essere autentici e a volerci fino in fondo, contro il mondo, contro tutti? È questa la domanda ricorrente di Cosimo e Claudia, i due protagonisti del romanzo “Un celeste divenire”; due storie, due destini che lentamente compongono le tessere di un mosaico solo all’apparenza indefinito. Un incontro casuale che diventa assoluto e s’impone nelle trame spaiate di due vite diverse. Vite che porteranno i protagonisti a crescere divisi e lontani, ognuno responsabile delle proprie scelte, accumunati dal bisogno di essere uno per l’altro, nonostante la vita, nonostante tutto.
Quello di Cosimo e Claudia, protagonisti della storia, è un percorso che affratella e cavalca le diverse stagioni della vita dall’adolescenza alla maturità, in un crescendo di emozioni che lascia storditi. È una crescita obbligata dal tempo che passa impietoso lasciando tutto dietro, ma non la ricerca di se stessi, nella complessità di un incontro temuto e voluto.
La…

View original post 204 altre parole

E il tema di “oggi” è

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

L’amore è:

russi da morire; non buttare i vestiti sul divano; non sdraiarti sul letto che l’ho rifatto; non mangiare la torta che la dobbiamo portare dai miei per cena; smettila di fare il bambino e ascolta quello che dico, invece di seguire solo il tuo ragionamento; finiamo di giocare ai videogames e magari mi calcoli? Mi fai scegliere il film e poi ti lamenti per tutto il film? È una sfida?
Ma cosa fai? Togli subito i pattini dal bambino che ha solo 1 anno che c’è ancora tempo per vedere se ci saprà andare! Ti lascio solo 5 minuti e ti ritrovo che giochi con il cane e il bambino pieni di fango in salotto! Cucini una cotoletta e imbratti tutta una cucina? Ma esattamente perché usi il mestolo per fare la cotoletta? Eh no e dai, oggi tocca a te lavare i piatti! E tu vorresti uscire…

View original post 75 altre parole

Il tempo di un attimo

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

Silenzio. Un sommesso “ahi”. Di nuovo silenzio.
Il momento è surreale. Aspetti una voce fuori campo a dirti che è tutto uno scherzo.
Ma quella voce non arriva e quel silenzio lo devi riempire tu.
Un sorriso.
Dal dolore nasce un sorriso. Un sorriso doloroso.
Anche se un sorriso è un qualcosa di positivo, ma quello no. Quello fa male. E’ il frutto di una coltellata improvvisa allo stomaco in mezzo ad una folla festante.
Eppure devi continuare a far parte della festa anche tu. Senza preavviso, una legge non scritta dice che da quell’instante devi recitare una parte e tu lo fai.
Un momento prima eri te stessa, con la tua tranquillità riconquistata e i vari impegni del tuo nuovo mondo, mentre il secondo successivo, dopo una o forse due parole o magari anche tre, una breve frase che dura meno di dieci secondi, ti stravolge la tua tranquillità…

View original post 492 altre parole

A Tortona si presenta “Elettori ed eletti”, un libro di Federico Fornaro

Elettori e Eletti

PRESENTAZIONE LIBRO “ELETTORI ED ELETTI” (Tortona,27 febbraio 2018)

Martedì 27 febbraio alle ore 21 a Tortona, in via Montebello 41 nella sede di Liberi e Uguali verrà presentato l’ultimo libro di Federico Fornaro dedicato alla storia e al funzionamento dei sistemi elettorali.

Dopo il saggio sul fenomeno dell’astensionismo “Fuga dalle urne” (2016), Fornaro accompagna il lettore nei segreti del proporzionale e del maggioritario, con un excursus storico dei diversi sistemi elettorali che si sono succeduti dall’Unità d’Italia fino ai giorni nostri.

Dialogheranno con l’autore, Lisa Lanzone e Andrea Mignone, entrambi dell’Università di Genova.

M5S Alessandria: il 22 febbraio presentazione del programma nazionale

cropped-NUOVO-LOGO-M5S-2

Alessandria: Sostegno alle fasce più deboli; interventi per il rilancio della piccola e media impresa; abolizione della “Buona scuola”: questi sono solo alcuni degli interventi previsti dal programma di governo nazionale del Movimento 5 Stelle. Si tratta di venti punti strategici, nati con l’obiettivo di dare una scossa propulsiva al sistema-paese, che saranno presentati il prossimo 22 febbraio ad Alessandria, presso la Taglieria del pelo (via Wagner, 38), a partire dalle ore 21.

È una serata aperta a tutti i cittadini, che vedrà la partecipazione dei i candidati del nostro territorio e di esponenti del M5S a livello nazionale e regionale. Continua a leggere “M5S Alessandria: il 22 febbraio presentazione del programma nazionale”

Scricchiolii: 01. Festa della Mamma (Estratto)

Zeitgeist Hotel

scricchiolii

Estratto n°1

Castelchiasso.

03 Settembre 1997

«Novantotto… novantanove… cento!»

La bambina aprì gli occhi e cominciò a vagare per l’atrio della chiesa, facendo bene attenzione a non scivolare nelle pozze di sangue sparse per il pavimento.

«Corri, nasconditi, comunque ti trovo,» urlò con la voce acerba e stridula. I piedi nudi sul legno rimbombavano nella sala come minuscole esplosioni di petardi nelle della sua mamma, rannicchiata dietro l’ultima fila di panche vicino all’entrata.

Aspettava che la trovasse, facendo scivolare il rosario nella mano tra le mani tremanti, sussurrando un Ave Maria con la voce spezzata dal pianto, scossa dalla paura. Si sarebbe confessata volentieri se il corpo del prete non fosse stato appeso a decine di metri sopra l’altare, con le braccia aperte e i polsi legati alle liane di edere e rampicanti che pendevano per il soffitto, insieme a decine di altri fedeli.

La bambina continuava a cercare, facendo…

View original post 1.107 altre parole

Anticamere & Corridoi: ”Screaming Trees”

Zeitgeist Hotel

p14018-14-blueprint-graphic-1680x900

Estratto

Castelchiasso

Anno 2067

Cinquant’anni dopo l’Avvento del Mondo Nuovo.

Grazie al cielo avevano cambiato le lampade della sua stanza. La maniera in cui la luce al neon si rifletteva sul muro bianco le perforava gli occhi e la testa, impedendole ogni possibilità di immaginare, un posto lontano da quella stanzetta asettica. Aveva ancora bisogno di un’ultima bugia, dolce e accomodante come quella di cinquant’anni prima. Ormai si sentiva troppo vecchia per la verità.

Stava immobile, con il corpo esile immerso nell’ampio accappatoio blu sbiadito a fissare il lettino vicino al suo, ancora ben fatto, senza la minima piega. Nessuno lo aveva ancora occupato da quando si trovava lì. Avrebbe preferito vederlo sfatto, con tutti i segni della vita precedente tra le pieghe. In quel modo, pensava, sarebbe sembrata meno una promessa non mantenuta.

Download

PDF

ePub

View original post

Anticamere & Corridoi: Screaming Trees (Capitolo completo)

Zeitgeist Hotel

p14018-14-blueprint-graphic-1680x900

Estratto

Castelchiasso

Anno 2067

Cinquant’anni dopo l’Avvento del Mondo Nuovo.

Grazie al cielo avevano cambiato le lampade della sua stanza. La maniera in cui la luce al neon si rifletteva sul muro bianco le perforava gli occhi e la testa, impedendole ogni possibilità di immaginare, un posto lontano da quella stanzetta asettica. Aveva ancora bisogno di un’ultima bugia, dolce e accomodante come quella di cinquant’anni prima. Ormai si sentiva troppo vecchia per la verità.

Stava immobile, con il corpo esile immerso nell’ampio accappatoio blu sbiadito a fissare il lettino vicino al suo, ancora ben fatto, senza la minima piega. Nessuno lo aveva ancora occupato da quando si trovava lì. Avrebbe preferito vederlo sfatto, con tutti i segni della vita precedente tra le pieghe. In quel modo, pensava, sarebbe sembrata meno una promessa non mantenuta.

«È quasi ora, Magda,» l’infermiera entrò, dondolando sulle caviglie gonfie, con la divisa bianca troppo stretta…

View original post 291 altre parole

La “Maison Horta” : come un’abitazione può divenire opera d’arte

Quasi tutti i movimenti artistici hanno avuto la loro massima espressione in una ben determinata categoria:
l’impressionismo nella pittura, il classicismo nella scultura ed architettura, il romanticismo nella letteratura e nella musica. Al contrario, il movimento della cosiddetta “art nouveau” ha esteso il suo campo di applicazione dall’architettura alle decorazioni di interni, dai mobili alla moda, fino agli oggetti di uso più comune, divenendo un movimento complesso non riconducibile al semplice rifiuto della macchina in favore della rivalorizzazione dell’artigianato, alla introduzione del ferro lavorato come elemento estetico, in poche parole, alla ricerca de “l’arte per l’arte”.
Ne è un esempio concreto la Maison Horta (ora divenuta museo) costruita nel 1898 a Bruxelles, nel quartiere di Saint-Gilles, dall’architetto Victor Horta per farne la propria residenza e studio e successivamente modificata dallo stesso proprietario per ampliarla e meglio adattarla alle sue esigenze.
Edificata su tre piani e con un ampio giardino sul retro, l’abitazione è pienamente intonata alla…

View original post 335 altre parole

Le origini del buddismo

Circa alla metà del VI secolo a.C. Siddartha Gautama, figlio del re del clan dei Sakya nell’attuale Nepal, colpito dall’ineluttabilità delle sofferenze, rinunciò alla sua famiglia e agli agi della sua casta e, fuggito dal proprio palazzo, ebbe un simbolico incontro con le dure realtà della vita sotto forma di un mendicante (la povertà), di un malato (la malattia) e di un cadavere (la morte). Si fece quindi monaco questuante (in ciò ricorda un poco il nostro S. Francesco d’Assisi) e, dopo anni di studi e ricerche per svelare il mistero dell’esistenza, la “Verità Eterna” venne a lui mentre meditava sotto un albero di fico a Bodhgaya e se fino a quel momento egli era stato un Bodhisattva, cioè un essere (sattva) destinato a ricevere l’illuminazione (bodhi), da quel momento divenne il Budda, ovvero l’”Illuminato”.
Tutta l’essenza della sua filosofia o religione che dir si voglia è racchiusa nel “Sermone sul girar della ruota della legge” (l’equivalente…

View original post 452 altre parole

Il quartiere della Garbatella a Roma

Giusto lo scorso weekend il quartiere della Garbatella ha festeggiato, con numerose celebrazioni durate due giorni, il suo 68° anno di fondazione. Infatti, la prima pietra fu posta dal re Vittorio Emanuele III il 18 febbraio del 1920 sulla attuale Piazza Benedetto Brin e ancora oggi una lastra di marmo murata nell’edificio centrale della piazza commemora quel giorno.
La piazza stessa, con intorno i suoi primi quattro lotti di abitazioni, era collegata alla sottostante Via Ostiense con una monumentale scalinata di cui oggi rimangono pochissime tracce.
L’iniziale progetto edilizio, a cura degli architetti Giovannoni e Piacentini e portato avanti dall’Istituto case popolari, si rifaceva al concetto sviluppato in Inghilterra delle cosiddette “garden cities” (città giardino) caratterizzate da un nucleo abitativo staccato dal centro ma dotato di una sua unità ed autonomia e con case unifamiliari aventi ingressi indipendenti, giardini e spazi verdi coltivabili; inoltre, essendo vicino ai mercati generali e…

View original post 306 altre parole