Avanti e indietro: storia di un’involuzione interiore (settima parte)

OpinioniWeb-XYZ

evolution-2305142_960_720.jpgL’EVOluzione 

Come promesso alla fine della SESTA PARTE di questa serie di post autobiografici e auto-sociografici, pubblico sotto una lettera che inviai nel lontano 2009 alla trasmissione “Lestoria” di rai tre. Il tema di quella trasmissione, come vedrete leggendo la mia lettera, era la teoria dell’evoluzione. L’impostazione del programma mi era sembrata eccessivamente “di parte” e come tutte le classificazioni che dividono la realtà in bianco e nero lasciando fuori dallo spettro visivo la bellezza cromatica della creazione, lasciava lo spettatore attento infastidito o perlomeno deluso. Fatto sta che per me fu irrefrenabile la necessità di riequilibrare questa visione così di parte. Ma non servì allora come non servirebbe oggi: i media sono pieni di persone “di fede”, essi sanno ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e  la “narrazione” riscrive puntualmente le nostre vite indipendentemente dalla realtà in cui viviamo: essa come in uno specchio deforme viene…

View original post 1.546 altre parole

Le Ombre

marcellocomitini

Ida Chessa Milano 11022025rit Ida Chessa, Milano, 2015

Oh, la notte che invade strade e piazze
lacerata dai rami dorati dei fanali
sopra la quiete delle auto in sosta
ordinate in quell’unica lunga ombra
del loro starsene in fila sull’asfalto.
Dai palazzi s’illuminano gli occhi
teneri e caldi d’infinita stanchezza
e dai vetri traspaiono le ombre
che posano sui piatti il vapore rosa
delle pietanze
Parlano del giorno che si è appena concluso
fingono un’ironia che maschera tristezza.
Traspaiono dai vetri anche le speranze
degli uomini che sfiorano la fronte
serena dei bambini, quelle delle mani
che sui cuscini toccano
il tepore di labbra umide d’azzurro.
Nel fiatare muto i corpi che si cercano
allontanano la fredda angoscia del tempo,
trattengono nel buio la luce degli sguardi
come farfalle nel cielo del tramonto.

Da una finestra spalancata in alto
sulla facciata oscura del palazzo
una musica vibra, si diffonde
nelle strade deserte, attende muta

View original post 57 altre parole

Il tempo concesso

Il mio giornale di bordo

Cammino nella nebbia
sfiorandola
respirandola
appartengo
a quell’instante
tra le pieghe
del mio tempo
dove
presente e passato
si incontrano
ora
nel futuro
concesso.

Antonio De Simone

Eng_The time allowed
Walk in the fog
skimming them
breath
I belong
at that instant
between the folds
of my time
where
present and past
meet
now
in the future
granted.

View original post

90 Giorni per Innamorarmi

DIALOGHI APERTI

Immagine correlata” 90 giorni per Innamorarmi “è una trasmissione americana ovviamente, trasmessa da Real Time ma che sono sicura verrà replicata anche in Italia, per l’allegria di tutte quelle persone molto competenti da un  punto di vista professionale, ma altamente fallimentari nella vita sentimentale. Come afferma Bauman, l’epoca in cui viviamo si caratterizza sopratutto per uno stato di salute ottimale del cittadino a livello multidisciplinare, ma incapace lo stesso cittadino di essere promotore di benessere emotivo-personale.

Questo programma a mio avviso, tratteggia quella linea di confine tra reale e virtuale, dove i confini sono labili e a bordi tratteggianti della società odierna e del cittadino globale solitario dello stesso Bauman. Quasi sempre un’uomo maschio è nella ricerca della donna della sua vita; quest’uomo è prestante fisicamente, giovane, in carriera, può avere matrimoni falliti alle spalle oppure convivenze finite altrettanto male. Il mio stupore nasce dal fatto che la donna della sua…

View original post 217 altre parole

IL BASEBALL 2018 A GROSSETO E’ EUROPEO

Sirena Guerriglia Blog

Dal 9 al 15 luglio 2018 allo Stadio Roberto Jannella di Grosseto il grande baseball torna europeo

Grosseto -“Il diamante dello stadio Jannella tornerà ad ospitare grandi eventi: dopo gli Europei Seniores del 1983 ed i Mondiali Seniores del 1998 e del 2009, si rinnova la tradizione cittadina del batti e corri.

800px-Stadio-Steno-Borghese-Nettuno-Baseball

Grosseto tornerà ad ospitare il grande baseball. Dal 9 al 15 luglio 2018, lo stadio Roberto Jannella sarà teatro dei Campionati Europei Under 18 di Baseball, portando sul diamante 10 nazionali europee. Spagna, Francia, Gran Bretagna, Irlanda, Germania, Repubblica Ceca, Lituania, Ucraina, Olanda (eterna rivale degli azzurri) e naturalmente la Nazionale italiana di Baseball, che sul diamante cercherà di centrare l’obiettivo: laurearsi Campioni d’Europa di categoria, qualificandosi per i Mondiali U18 del 2019.
Eurobaseballchamp18U18-logo--Michele-Guidarini--jpg
 
Fortemente voluto dalla FIBS Federazione Italiana Baseball e Softball e dal suo presidente Andrea Marcon, l’evento è il secondo in ordine di importanza nel…

View original post 879 altre parole

PHILIP ROTH E L’EUROPA: il caso di Delphine Roux

Dalla mia tazza di tè

Michel Foucault

Concludendo il post precedente a proposito della Macchia umana, mi ripromettevo di esaminare più da vicino un personaggio su cui il narratore si sofferma con un interesse che mi pare vada oltre la sua funzione nel romanzo.

Non sarebbe l’unico caso. Sempre nella Macchia umana, Les Farley, l’ex marito di Faunia, e i suoi compagni reduci del Vietnam sono titolari di una storia che è quasi un romanzo indipendente: il romanzo di Les Farley che a un certo punto incrocia il romanzo di Coleman Silk – e l’incrociarsi, naturalmente, non rimane privo di conseguenze. È chiaro che Farley gioca un ruolo nella storia di Silk, tuttavia anche qui l’interesse del narratore per lui, per il suo passato e per il suo presente, va al di là dell’aspetto funzionale – al di là anche di quello che servirebbe a rendere semplicemente plausibile il suo ruolo. La stessa cosa, seppure…

View original post 1.881 altre parole

Torino, le riserve del vicesindaco il master plan del Poli: “Non mi piace il progetto del parcheggio” – Repubblica.it

“In futuro gli Atenei dovranno essere raggiunti con i mezzi di trasporto pubblico, non con l’auto” dice  Montanari al convegno del casello

Sorgente: Torino, le riserve del vicesindaco il master plan del Poli: “Non mi piace il progetto del parcheggio” – Repubblica.it