La casa delle donne

Oggi pomeriggio alla ex taglieria del pelo, via Wagner Alessandria, si sono, ci siamo incontrate, anzi incontrati, perché c’erano fortunatamente anche uomini.

Ci si è interrogati sull’importanza della donna, del suo ruolo nel lavoro dentro e fuori casa, si è parlato di violenza di genere, problema troppo ricorrente, che deve essere risolto. Continua a leggere “La casa delle donne”

Rubare il tempo, di Il grande boh

di Il grande boh

Non c’è tempo, è una delle frasi più ricorrenti di questi tempi pazzi.
Si dedica tutto il tempo al lavoro e poco altro, trascurando quel che si ama fare, spesso buttandolo.
La vita è tempo, il mondo ci ruba il tempo e forse dobbiamo diventare più ladri del mondo e rubare il nostro tempo, per fare ciò che amiamo.
Adoro scrivere, ma non vergo un rigo da mesi. Adoro passeggiare, ma da mesi non percorro più di cinque passi. Adoro leggere, ma non riesco a dedicarmi ad un buon libro. Adoro vivere, ma passo il tempo a lavorare e sprecarlo.
È tempo che diventi ladro e riprenda ciò che è mio. Avrò l’eternità per riposare e sprecare tempo.
Marco Drvso

RAEEMAN: RICICLARE I RIFIUTI E CREARE VALORE D’IMPRESA

Raeeman Logo

Questa è la storia di un’intuizione. Ma è anche la storia di tre fratelli che, nel giro di pochi anni, sono riusciti a costituire un’ azienda capace di raccogliere rifiuti  e di trattarli,  per ricavarne nuova materia prima da riutilizzare in nuovi processi produttivi.

Il luogo è Sale, un paese in provincia di Alessandria e l’azienda porta il nome di Raeeman, un acronimo che, nella prima parte, si declina in Rifiuti Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche e, nella seconda parte, corrisponde all’abbreviazione  del cognome dei titolari, cioè Manfron.

E’ il maggiore dei fratelli, Marco, 36 anni, che racconta così la sua storia: “ Stavo completando gli studi di ingegneria e, dopo aver partecipato ad uno stage in una azienda leader nel nostro settore che si occupa del trattamento di tubi al neon esausti, ho avuto modo di constatare come il rifiuto  una volta trattato possa trasformarsi in  una risorsa. Continua a leggere “RAEEMAN: RICICLARE I RIFIUTI E CREARE VALORE D’IMPRESA”

Al Centro Comunale di Cultura a Valenza la Mostra Dreamers

al manifesto-banner2a

Il Centro Comunale di Cultura di Valenza ospiterà da giovedì 1 marzo “Dreamers”, la mostra degli artisti, italiani e stranieri, appartenenti al gruppo di ArtMoleto.

Nel proseguire l’organico progetto espositivo avviato fin dal 2009, le edizioni 2017 e 2018 sono caratterizzate da un titolo affascinante e nel contempo evanescente, difficile da costringere entro precisi confini: Dreamers. Dreamers poiché il sogno è alla radice stessa di qualunque atto creativo, artistico o intellettuale, come di ogni impresa dell’uomo immanente sulla terra.

Sogno che, come scrive Shakespeare ne La Tempesta, è la sostanza stessa dell’uomo: “Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni; e nello spazio e nel tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”.

E’ la spinta, il movente che incalza ogni costruzione umana, che già contiene in sé la certezza del dubbio, la consapevolezza della finitezza e del limite di ogni ricerca e realizzazione. Continua a leggere “Al Centro Comunale di Cultura a Valenza la Mostra Dreamers”

Rivoluzione, di Guido Mazzolini

di Guido Mazzolini

Mi chiedi cosa sia rivoluzione
e non ti accorgi di quei pugni chiusi serrati come morse
dei denti stretti, della disperazione di un popolo che ha fame,
così tanto impegnato come sei
nel seminar democrazie perfette
dispensando pace a colpi precisi di mortaio,
armato di coltelli e spade.
Mi chiedi cosa sia rivoluzione
e non ti accorgi dello sguardo vuoto
di un uomo che attraversa la tua strada,
non sarai mai il nero che barcolla scalzo
ubriaco e minaccioso,
la giovane ragazza che vende a poco prezzo il suo sorriso
ombrato di dolore e rabbia,
il figlio di un deserto d’Africa vestito d’ossa e mosche,
il barbaro straniero che invade la tua casa
rubando la tua aria
sporcando le tue strade.
Mi chiedi cosa sia rivoluzione
ad occhi chiusi e un ghigno di livore ti segna netto il viso.
Destati, diventa terra arresa
spalanca le finestre
accogli l’uomo e non temere l’invasore
trema piuttosto per il tuo silenzio
per la coscienza sorda e la complicità di chi non vede
celando indifferenza velenosa
trema perché sei tu quell’uomo
quegli occhi vuoti sono i tuoi
e ti appartiene quella pelle scura
la stessa umanità che tu deplori.

Guido Mazzolini

https://vocisparse.wordpress.com

Il mio primo libro

Daniele Mallamace Scrittore

20180112_095615

Questo è il mio primo libro, una raccolta di poesia tutte illustrate da un artista di nome Iucu.
All’interno di questo semplice testo voglio trasmettere il mio amore per la vita e cercar di far emozionare il più possibile i lettori che intraprenderanno questo breve ma intenso viaggio.
Chiunque sia interessato all’acquisto di una copia mi scriva in privato grazie.

View original post

Una notte in aereoporto

Daniele Mallamace Scrittore

aereo-in-volo

Si aprì l’aeroporto ed io entrai
senza esitare.
Lasciai alle mie spalle
il buio intenso della notte,
le luci passeggere
provenienti dai fari delle macchine
mi ricordavano delle stelle cadenti
in una calda sera d’estate.

Pensai tutta notte,
pensai alla mia vita,
pensai chi tra quelle persone
poteva avere la storia più strana e chi quella più triste
pensai mi ricordo solo che quella sera pensai tanto
arrivai al punto di pensare
di non pensare
ma logicamente non riuscì.

Chiamarono il mio volo,
mi alzai di scatto, consegnai il biglietto
ed immaginai di lasciare in aeroporto
tutti questi pensieri,
invece non mi ero reso conto
che come noi
anche i pensieri sanno volare, e come
il nostro più grande amore
non ti riusciranno mai ad abbandonare.

View original post

Scapole, di abdensarly

di abdensarly

Scavo a mani nude tra le scapole,
quei mozziconi d’ali sulla schiena
che ricordano la nostra genesi
di angeli caduti, strappati al cielo,
precipitati in un deserto arido.
Scavo e sei voragine che accoglie,
ricopre la mia carne, taglio di labbra,
il collo tra le pieghe del silenzio.
Apri le braccia, accogli il santo e il peccatore,
sono le rive opposte della mia anima.
Tu che possiedi il profumo della nascita,
e ti appartiene il frutto della gioia.

Guido Mazzolini

https://vocisparse.wordpress.com

Torta Sacher

La mia pasticceria

Questa ricetta l’ha sempre fatta mio papà e l’ho sempre trovata molto buona. Però l’ultima volta che ho provato a farla ci ho trovato alcuni difetti, quindi l’ho ribilanciata, ottenendo un risultato più soddisfacente. Probabilmente la ricetta originale non prevede il lievito, ma questa avendo una quantità maggiore di cioccolato ne ha bisogno per non risultare troppo pesante. Invito però a provarla anche senza lievito.


Per la base (diametro 24cm):
225 g di burro morbido
112 g di zucchero a velo
120 g di tuorli
225 g di cioccolato fuso
300 g di farina
9 g di lievito
113 g di zucchero semolato
210 g di albumi

800 gr di marmellata di albicocche

Per la glassa:
400 g di cioccolato 55-60%
265 g di panna liquida

Sbattere il burro con lo zucchero a velo fino in modo che diventi cremoso, aggiungere un tuorlo alla volta mantendendo la planetaria alla minima…

View original post 114 altre parole

.non era l’ultimo bacio.

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

catsvcv

[ s e a v e s s i p o t u t o ]

/ avrei chiuso quel bacio in un’onda d’aria , avrei dato al fiato il tremore leggero di un lago .
/ avrei chiesto al tempo di trattenere se stesso un attimo ancora [ q u i a c c a n t o ]
e gli avrei chiesto di lasciarsi addormentare [ d e n t r o ] sulle bocche di chi ci parlava accanto e ci raccontava senza sapere spingendoci nell’oltre di una vita non qualunque
ma schiusa in profilo di giunco che ci adornava inconsapevole nelle ore spettrali di un ultimo giorno [ a n d a t o ] ancora da aspettare e per sempre lasciarlo andare .
/ avrei chiuso quel bacio con una morsa salina [ c o m e f a i l m a r e d i n o…

View original post 157 altre parole

.non chiedermi delle altre parole.

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

gfd

non sempre riesco a riprendermi la forma che mi è stata data in questa vita .
non sempre riesco a riemergere dal pianto del mio stesso parto /
mi sento un mostro / liquido / ma senza sangue
come dovrebbe essere un mostro che , appunto , scopre la lama che lo taglia e lo rigetta in questa illusione tagliente che non ha del tutto torto a farmi sentire cosi , cattiva e disobbediente verso il suo stesso cuore , verso il suo stesso profilo , con gli occhi chiusi e la bocca aperta , pronta a dire , piuttosto che a farsi zittire .

sono un rigetto silenzioso [un grido afono]
una morte che non resiste agli inverni
e tu lo sapevi .
ma tu ancora ti emozioni ?
mi è stato chiesto .

bugiarda !
annoiata fin dal primo vagito
e non sempre riesco a riprendere lo strato…

View original post 100 altre parole

. i tried to .

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

ho provato a mantenere salve le mie ferite
ho provato a mantenerle salde sulla pelle infetta
mentre l’inverno del mio ultimo tempo
decimava la sequenza del mio essere

non sono più nell’ordine esatte le mie memorie
non sono più quella raccolta di azione che mi mostravano viva

ho provato a tenermi dentro il cuore
ho provato a piangerci sopra
ma mi sono accorta di avere la pelle tesa
e nera come un lenzuolo avvolto in una secca marina notturna

non ho più l’ areola scoperta
e non ho più il sorriso spaiato deciso dagli anni

©Runa

untitled-1

I tried to keep saved my wounds
I tried to keep firm on infected skin
while the winter of my last time
He is decimating the sequence of my being

I am no longer exact order my memories
I am no longer that collection of action that showed me alive

I tried to keep…

View original post 66 altre parole

Crema viso per pelli miste di BeOnMe!

Il blog di Clara Margaret

In questo articolo vi parlerò della crema viso per pelli miste di BeOnMe, marchio con certificazione ECOCERT (QUA trovate l’articolo in cui vi mostro i prodotti che sto testando!).

1518888664119.jpg

La crema viso per pelli miste BeOnMe dal potere idratante e lenitivo, contiene preziosi ingredienti quali:

  • Amamelide (astringente e cicatrizzante);
  • Burro di Karité (idratante e antiossidante);
  • Vitamina E/ tocoferolo (un antiossidante naturale, ottimo per contrastare l’invecchiamento cutaneo);
  • Acido Ialuronico (dall’alto potere idratante).

Ecco l’INCI completo:

Aqua (Water), Hamamelis Virginiana Leaf Water* (Hamamelis Virginiana (Witch Hazel) Leaf Water*), Cetyl Alcohol, Caprylic/Capric Triglyceride, Cocoglycerides, Cetearyl Alcohol, Coco-Caprylate/Caprate, Glycerin, Butyrospermum Parkii Butter * (Butyrospermum Parkii (Shea) Butter*), Sodium Cetearyl Sulfate, Parfum (Fragrance), Cetearyl Glucoside, Benzyl Alcohol, Oryza Sativa Starch (Oryza Sativa (Rice) Starch), Sunflower Seed Oil Glycerides* (Helianthus Annuus (Sunflower) Seed Oil Glycerides*), Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Sodium Phytate, Citric Acid, Tocopherol, Olea Europaea Fruit Oil (Olea Europaea (Olive) Fruit Oil), Sodium…

View original post 153 altre parole

Tonico purificante agli Agrumi di BeOnMe!

Il blog di Clara Margaret

IMG_20180207_082053.jpg

Dopo la detersione del viso il tonico è uno step necessario per la nostra skincare quotidiana in quanto aiuta a ristabilire il PH della nostra pelle e ad eliminare le impurità residue.

Il Tonico purificante di BeOnMe, marchio dotato di Certificazione ECOCERT, riesce a soddisfare le esigenze di tutte le tipologie di pelle grazie ai suoi preziosi ingredienti:

  • Amamelide, una pianta dalle straordinarie proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti e antiossidanti;
  • Fiordaliso, una pianta erbacea dai meravigliosi fiori blu, dotata di proprietà lenitive e idratanti;
  • Limone e Pompelmo, agrumi utilizzati per il trattamento delle pelli impure per la loro azione antisettica e astringente.

Ecco l’INCI completo:

Aqua (Water), Hamamelis Virginiana Leaf Water* (Hamamelis Virginiana (Witch Hazel) Leaf Water*), Centaurea Cyanus Water* (Centaurea Cyanus Flower Water*), Caprylyl/Capryl Glucoside, Glycerin, Sorbitol, Benzyl Alcohol, Sodium Dehydroacetate, Sodium Benzoate, Limonene, Citric Acid, Sodium Phytate, Dehydroacetic Acid, Citrus Limon Peel Oil (Citrus…

View original post 303 altre parole

Mascara a confronto!

Il blog di Clara Margaret

Ho sempre aperto i mascara uno per volta per evitare che si rovinassero, ma dal momento che alcuni mi hanno deluso ed altri sono minitaglie, mi ritrovo oggi con ben 6 mascara in uso!

Ho quindi deciso di parlarne qua sul blog per mostrarvi i loro applicatori e per lasciarvi la mia opinione.

Premetto che ho le ciglia scure, folte e lunghe nella media, ma che stanno poco incurvate. Mi piacciono i mascara volumizzanti che lasciano le ciglia definite e ordinate, inoltre preferisco gli applicatori in silicone con setole cortissime.

In foto potete vedere cosa sto utilizzando ultimamente:

1518962270461.jpg

  • Lash Princess Effetto Volumizzante di Essence;
  • Diorshow di Dior (minitaglia);
  • I love Extreme Crazy Volume di Essence;
  • Supershock di Avon;
  • Sexy Pulp! di Yves Rocher (minitaglia);
  • Le Volume di Chanel (minitaglia).

Il mascara Lash Princess Effetto Volumizzante di Essence è per me un must have: assolutamente low cost (€ 4,19 da OVS)…

View original post 416 altre parole

Il cancro della cultura (e non solo di quella)

Quasi tutte le volte che mi occupo di cultura attiva, ovvero di iniziative in ambito culturale di varia natura, immancabilmente – da anni, intendo dire – finisco per scontrarmi con quella convenzione, prassi, luogo comune, modus cogitandi o come diavolo lo si voglia chiamare, per il quale la cultura deve essere liberamente fruibile da tutti, dunque gratuita. Dunque non retribuita – o retribuita con “compensi” da fame. Come se il lavoro intellettuale e creativo, per sua natura immateriale, non fosse quantificabile e valorizzabile, dunque chi lo pratica s’attacca. Che nel principio sarebbe un po’ come dire che siccome, per ora, a fare viaggi interstellari non ci possiamo andare, tanto vale retribuire gli scienziati e ricercatori che studiano le stelle e lo spazio.

Tutto ciò, inoltre, non comporta solo che, se la produzione culturale non viene adeguatamente valorizzata, chi ne è artefice non venga altrettanto adeguatamente retribuito, ma…

View original post 299 altre parole

Cesare, tra Trono di Spade e Zucche

RomaVerso

Progetto senza titolo

Con quale personaggio del Trono di Spade Gaio Giulio Cesare ha più affinità? Abbiamo fatto questo gioco cercando di riflettere su una delle più leggendarie figure di tutti i tempi attraverso la serie che più di ogni altra sa mostrare le facce del potere.

Ecco le percentuali di affinità che abbiamo trovato:
Margaery Tyrrel 5% (per attenzione al consenso del popolo a cui dona 300 sesterzi in eredità)
Eddard Stark: 10% (per la tragica fine e per il valore militare)
Cersei Lannister 10% (per la determinazione e il desiderio di potere)
Daenerys Targaryen: 35% (per il valore di condottiero e leader)
Petyr Baelish 40% (per la lungimiranza nelle azioni, e la capacità di celare l’ambizione personale)

Pensando a Cesare, l’affinità che salta per prima agli occhi è quella con Daenerys: il valore militare e di condottiero di Cesare è stato del resto tramandato ai posteri dai suoi…

View original post 846 altre parole

Scusi sa l’ora?

RomaVerso

Progetto senza titolo

Obelischi e meridiane: Il tempo… al tempo dei romani

Qui vi abbiamo raccontato di quattro dei noveobelischi egizi che si possono ammirare a Roma; la storia di due di essi, l’obelisco Vaticano e l’obelisco di Montecitorio, fa riflettere su un aspetto fondamentale e problematico per il mondo antico: il calcolo del tempo. In epoche diverse, questi due obelischi furono infatti usati come meridiane.

La precisione nel calcolare il tempo attraverso la posizione del sole era una conquista degna solo delle civiltà più avanzate e richiedeva complessi strumenti: ogni città, stando a latitudini diverse avrebbe dovuto adottare quadranti solari appositamente realizzati da esperti astronomi.

Roma,  in alcuni campi, non era una civiltà evoluta come altre.
Solo dal II sec. a.C. ebbe il suo primo horologium appositamente realizzato per la sua latitudine.
Possiamo quindi comprendere l’importanza non solo pratica ma anche simbolica che ebbe l’inaugurazione dell’

View original post 590 altre parole

Mausoleo di Augusto: in attesa della sua rinascita

RomaVerso

what to do when you feel stuck

Con un progetto congiunto che vede la collaborazione tra istituzioni pubbliche e settore privato (nello specifico la Fondazione Tim), il 2019 rappresenterà un punto di arrivo (auspicabile) per la riapertura al pubblico di uno dei più importanti e maestosi monumenti che la gloria di Roma antica ci ha lasciato.

Parliamo del Mausoleo di Augusto, il luogo predisposto ad accogliere le spoglie mortali del primo imperatore di Roma e della sua famiglia. Situato nel Campo Marzio, il progetto edilizio della grandiosa tomba ebbe inizio a partire dal 28 a.C., quando Augusto era ancora Ottaviano, subito dopo la battaglia di Azio che aveva visto primeggiare il futuro imperatore contro Marco Antonio e Cleopatra. La scelta del luogo di erezione del suo monumento funebre non fu affatto lasciata al caso: la zona, secondo la tradizione riportata da Tito Livio, fu quella dalla quale Romolo, il mitico primo re…

View original post 552 altre parole

Roma al Cinema, da Rossellini a Jeeg Robot

RomaVerso

Roma al Cinema

Quanti titoli vi vengono in mente, se vi chiediamo di pensare a film girati a Roma?
Sicuramente anche il meno cinofilo dei lettori ne penserà subito almeno un paio.

Roma e il cinema, del resto hanno da sempre avuto un feeling privilegiato, non a caso l’ultimo Oscar vinto come miglior film è una celebrazione dei mille ambigui volti della sua Grande bellezza. In questo post ci limitiamo a citare alcuni film italiani ambientati a Roma.

Dimmi a che film pensi e ti dirò chi sei?
La Roma del cinema non è infatti solo la Città aperta rosselliniana, o le povere periferie pasoliniane ricche di umanità  di Accattone o Mamma Roma.

Franco-Citti-Accattone-1961 Franco Citti in Accattone, 1961

Nel filone della commedia all’italiana classica un must sono la Roma dei Soliti ignoti, quella papalina del Marchese del Grillo/Alberto Sordi e del Pasquino/Nino Manfredi in Nell’anno del Signore di…

View original post 522 altre parole

A Serralunga di Crea mostra d’arte contemporanea: Evanescenze liquide, Nadia Presotto

Nadia Presotto

SERRALUNGA DI CREA (AL) TENUTA  TENAGLIA Strada Santuario di Crea 5      tel. 0142 940252 

EVANESCENZE LIQUIDE Mostra di acquerelli di NADIA PRESOTTO

Dal 3 marzo 2018 inaugurazione ore 17 Al 20 maggio  2018. Orario: dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18 – sabato e domenica dalle 11 alle 18. Ingresso libero

Genere: ARTE CONTEMPORANEA

Inaugura sabato 3 marzo 2018 alle ore 17 la personale dell’ artista Nadia Presotto, titolata “Evanescenze liquide”, allestita presso Tenuta Tenaglia di Serralunga di Crea, con la quale presenta i suoi acquerelli realizzati con tecnica del bagnato su bagnato, accompagnata dal testo redatto da Riccardo Fiscella e Marcella Leonora:

“La freschezza degli acquerelli di Nadia Presotto  è il frutto di lumeggiature che, con diverse gradazioni d’intensità, ora più diluite ora leggermente più corpose, attraverso la tecnica del bagnato sul bagnato, impregnano la porosità della carta con le sole pennellate, escludendo schizzi o tracce di disegni preparatori. Continua a leggere “A Serralunga di Crea mostra d’arte contemporanea: Evanescenze liquide, Nadia Presotto”

Area commerciale in via Marengo: ecco i primi nomi

Alessandria 2000

I nuovi capannoni stanno prendendo forma. Le prime aperture previste già a settembre.

Redazione  Venerdì, 23 Febbraio 2018 – 1:23

ALESSANDRIA – I lavori alle porte di Alessandria, alla rotonda prima del ponte Bormida, procedono spediti. Giorno dopo giorno prendono corpo le strutture che ospiteranno nuovi insediamenti commerciali, forti di un progetto datato anni ’80. Si tratta della zona compresa tra via Marengo e il centro commerciale Panorama, un ampio spazio in saranno collocati nuovi contenitori.

Molti cittadini chiedono chi andrà a occupare quegli spazi e i primi nomi cominciano a essere svelati. Secondo le informazioni raccolte dalla redazione nell’area in questione aprirà “Mondo Brico“, il negozio di bricolage che ha già una sede in provincia, esattamente a Tortona (Per contatti lavoro il sitotortona@mondobrico.com). Continua a leggere “Area commerciale in via Marengo: ecco i primi nomi”

Sono venuto sotto questo muro, di Leonardo Berni

Sono venuto sotto questo muro

di Leonardo Berni

Sono venuto sotto questo muro.

Sono venuto con un grande sdegno.

Fermati,orologio mio,più non suonare!

Fammi una carità,fermati un’ora,un’ora sola.

E suona,e suona e va la diana dell’amore.

E fermati,non suonare!

Canta le più grandi passioni.

Ma mentre che così,

alla mia bimba stavo a dire,

a me passò lo sdegno

e sopravvenne Amore.

Da una canzone del 1700

M5S: Superamento della cosidetta “Buona scuola”

m5snuovo

Serata di approfondimento programma scuola M5S.

Alessandria: La scuola è al centro del programma nazionale del Movimento 5 Stelle, che ha formulato una serie di proposte concrete per superare tutte le criticità che attanagliano da anni il comparto, soprattutto a causa di governi miopi.

il 27 febbraio ad Alessandria, presso il teatro Ambra (Viale Brigata Ravenna 8, alle ore 21 si terrà un incontro per fare il punto sullo stato attuale in cui versa il mondo della scuola e sulle misure per ridare slancio al settore, perennemente martoriato da riforme a dir poco inadeguate, ultima delle quali la fallimentare “Buona scuola”.

L’obiettivo del Movimento 5 Stelle è quello di migliorare, attraverso interventi lungimiranti, la qualità dell’istruzione e del lavoro di insegnanti e personale Ata. Faranno da relatori Ugo Rapetti, dirigente scolastico, Gabriella Ieropoli, insegnante e i candidati alessandrini per Senato e Camera, Susy Matrisciano e Giuseppe Castagna. Dirigenti, insegnanti, personale Ata, genitori e studenti sono invitati a partecipare attivamente all’incontro, condividendo esperienze e ponendo domande. Continua a leggere “M5S: Superamento della cosidetta “Buona scuola””

Le poesie di Marina Marini Danzi al Mondadori Bookstore di Carrara

Marini Danzi

Le poesie di Marina Marini Danzi al Mondadori Bookstore di Carrara

di donatella beneventi

Nella vita quotidiana, Marina Marini Danzi lavora nella sanità, ma la sua grande passione è l’arte, in tutte le sue sfaccettature: spesso le sue poesie sono corredate da fotografie e disegni che lei stessa realizza e le sue opere sono state più volte premiate ed apprezzate in vari concorsi nazionali ed internazionali.

Sabato 24 febbraio alle ore 17 presso il Bookstore Mondadori di Carrara, nella centralissima via Roma, Marina presenterà la sua ultima fatica “Diluceombra”, terza pubblicazione dell’autrice, dopo ” Moti dell’anima” e ” Sfumature di Rosa”.In questa nuova raccolta, si trovano alcune novità rispetto al passato: Marina esprime totalmente se stessa, in un libro veramente tutto suo, senza apporti esterni, dove le immagini, le fotografie e i versi formano un tutto.

Continua a leggere “Le poesie di Marina Marini Danzi al Mondadori Bookstore di Carrara”

Non so come si cada senza farsi male, di Il volo dell angelo

Il volo

di Il volo dell angelo

Non so come si cada
senza farsi male.
Conosco la durezza
della pietra, il tradimento
del marmo, le asperità del legno e l’indifferenza del ghiaccio.
Distinguo il dolore dei tagli da quello dei lividi.
So che non sono fatta di vetro, perché non mi sono mai del tutto infranta.
E benché il dolore mi abbia segnato e svegliato a schiaffi
dai sogni, quando
non sarei voluta tornare…Sono rimasta intera, sono più di quella che ero.
Non so come si cada,
senza farsi male,
ma so rialzarmi.

Concerto spettacolo  dei 50 SPECIAL al Don di San Giuliano, di Lia Tommi 

di Lia Tommi, Alessandria

50 Special è  il nome di una band musicale che si pone come un fulmine a ciel sereno nel panorama  dormiente del rockabilly  piemontese.

Gli ingredienti sono: contrabbasso e batteria cocktail  sulle fasce,  chitarra e voce in attacco.  Il loro genere è  il rock ‘roll autentico, degli anni ’50, fino agli anni ’60 beat.

Uno show potente , nuovo, che cattura un pubblico stanco di concerti statici e che vuole partecipare, ballare e urlare fino a tarda sera. Nasce dall’incontro di musicisti di tre diverse regioni: Ivan Wild-Boy, Jack Russel  e Frank  Cantamessa.  Ivan, chitarra e voce,  è  noto per saper salire e scendere dai banconi senza perdere una nota di assolo o stonare un attacco.  Jack , contrabbasso e voce,  lo è  perché  sa suonare in piedi sul suo contrabbasso  o steso sotto di esso.  Frank suona la batteria  in piedi , per darle visibilità  sul palco.

Questa sera la band si  esibirà  coi suoi ritmi coinvolgenti e scatenati al Don Food & Live di San Giuliano  Piemonte,  dove è  previsto servizio cena alle ore 20 e concerto a partire dalle 22,30.

Scoprirsi fragili

ORME SVELATE

Risultati immagini per Face to Face Painting by Sabine Rudolph “Face to Face” by Sabine Rudolph

Tentativi
di umanità
persi in sorrisi
di circostanza
che attenuano il fragore
dell’imminente collisione
con la realtà.
Parole perdute
nell’aria
perché troppo volatili,
inconsistenti
disperse tra i denti.
Promesse
disattese
che tradiscono bisogni
di custodire
la fragilità
come un valore
da preservare,
ma il dolore
disegna crepe
in cui si insinuano
relazioni inaspettate,
condivisioni di paure,
che mitigano
il deserto interiore,
spegnendo la sofferenza
con la luce della vita.

Daniele Corbo

View original post

Indisciplinata, mangio cioccolata e ballo.

THIS IS AN INSIGHT

Caro Diario,

Sono indisciplinata. Non posso farci niente, tranne che accettarmi per quella che sono, sebbene sia pressoché impossibile far pace con me stessa quando sono proprio io a mandarmi in tilt. Ad ogni modo…

Esempio fresco di settimana numero 1. Non riesco a fare ginnastica tot volte a settimana e non è scontato che approfitti di quel giorno in cui ho relativamente meno da fare, in cui le condizioni sarebbero veramente perfette. Perché, se sento il bisogno di buttarmi sullo studio e sulla ricerca, in men che non si dica sono le h 19 passate. Oramai troppo tardi per lo sport. Naturalmente il giorno dopo rimpiangerò amaramente di aver fatto di testa mia ancora una volta.

Esempio fresco di settimana numero 2. Arrivo a casa dopo otto ore in ufficio e cosa faccio? Mi alleno (abbiamo capito che non sarà così), piego i panni, preparo la cena con…

View original post 72 altre parole

Letto: L’eleganza del riccio, M. Barbery

THIS IS AN INSIGHT

Questo romanzo è una piccola perla, assolutamente da leggere. Ho visto alcune recensioni – poche, per la verità – che lo danno per noioso. Beh, forse non è per tutti, nel senso che le riflessioni a stampo filosofico e politico servono e basta. Servono a rendere giustizia alla protagonista e a quello che accade man mano che si dispiega la vicenda.

Io, personalmente, l’ho trovato prezioso.

Credetemi, non sarebbe stato per niente facile “superare” Under The Visible Life della Echlin, il romanzo letto prima di L’eleganza del riccio e riposto nella mia libreria con immensa riluttanza. Ma questa è un’altra storia.

Alcune citazioni…

“Gli uomini vivono in un mondo dove sono le parole e non le azioni ad avere il potere, dove la massima competenza è il controllo del linguaggio.”

Il bello è ciò che cogliamo mentre sta passando.
È l’effimera configurazione delle cose nel momento in cui…

View original post 608 altre parole

Il mio innamorato

ioinviaggio

Il mio innamorato ama le stelle

il mio innamorato ama i numeri e le cose piccole piccole

tra i capelli ha frammenti di stelle

e negli occhi ha pagliuzze d’infinito

e sulla bocca tiene un fiore rosso stupendo

io vorrei scrivergli

parole d’amore che possa capire

vorrei scrivergli poesie

che sappiano toccare il suo cuore, lontano,

ma resto sempre senza parole

e ho scritto poesie

e nessuna è abbastanza per lui

il mio innamorato ama l’infinito

e io amo lui

View original post

Torta di grano saraceno

Mangiare bene a casa con Max

È una tipica torta del Trentino Alto Adige che amo particolarmente, ma il grano saraceno esattamente che cos’è?  Il grano saraceno, detto anche grano nero, è una pianta erbacea annuale, i suoi frutti di forma triangolare, sono chiamati grano nero. A seguito del processo di macinazione del grano nero, si ricava uno sfarinato simile alla farina di frumento. Grazie alle sue proprietà nutrizionali è molto utilizzato nel mondo alimentare. Viene spesso classificato come un cereale sebbene non appartenga alla famiglia delle Graminacee. Possiede tutte le caratteristiche nutritive di cereali e legumi, pur non essendo né uno né l’altro. Il seme di questo grano possiede principalmente amido ed è di facile digeribilità e può essere impiegato per tutti gli alimenti gluten-free. I lipidi presenti sono composti da acidi grassi saturi, monosaturi e polinsaturi. Il grano saraceno è ricco di ferro, rame, fosforo, selenio, zinco e potassio. Una preziosa componente è rappresentata…

View original post 198 altre parole

Rivendicare il proprio potere: restare in piedi e a testa alta — La Mente è Meravigliosa

DIALOGHI APERTI

Bisogna rivendicare il proprio potere, non abbassare la testa, non cedere ancora una volta di fronte a ciò che non piace o che indigna. Siamo dotati di voce proprio per parlare, di uno sguardo che si rifiuta di guardare la vita con timore e una presenza che reclama più spazi. Dunque facciamolo, restiamo in piedi perché la…

via Rivendicare il proprio potere: restare in piedi e a testa alta — La Mente è Meravigliosa

View original post

Manuela Toselli espone ad Alessandria, di Lia Tommi 

di Lia Tommi, Alessandria 

Inaugurata ieri , nelle Sale d’Arte di via Machiavelli , la mostra dell’artista friulana Manuela Toselli,  Premio Speciale Città di Alessandria Arteam  Cup  2016, dal titolo NO SENSE, NO DIRECTION. Organizzata dall’Associazione culturale Libera Mente -Laboratorio di Idee , la mostra,  a cura di Matteo Galbiati,  ha il Patrocinio  della  Provincia di Alessandria,  in collaborazione con Comune di  Alessandria,  850′ anni di Alessandria. Si tratta di un evento collaterale alla Biennale d’arte contemporanea  di Alessandria OMNIA 2018 Anno I, CAOS COLORE.

Dopo i saluti del Sindaco di Alessandria, il curatore Matteo Galbiati  ha presentato intenti e tipologia di realizzazione di questa mostra, di grande originalità,  che propone in gran parte creazioni con l’ utilizzo di seta.

L’allestimento su due piani dell’artista, che ha l’intento di  raccontarsi con modalità  diacronica,  mettendo in luce la scelta minima di materiali e forme, sa rinnovare il valore estetico di una narrazione che,  nonostante la matrice concettuale,  sa esprimere passioni ed emotività.  Si passa dal rigore e dalla precisione della logica, alla vibrante scrittura delle emozioni,  che solca colori, segni, animando di una vita latente immagini apparentemente  isolate nella loro immersione geometrica. Partendo dalla quotidianità  delle esperienze,  la Toselli “tesse” immagini che , toccata la sua sensibile attenzione, si ricompongono in peculiari creazioni ed esse, dal calore dei tessuti di cui sono composte,  accolgono un’interrogazione  più profonda  che supera il formalismo astratto, per aprire ad una semantica relazionale, capace di coinvolgere,  sensibilizzare e  lasciare ammirato lo sguardo di chi osserva.  Le sue opere, composte di tessuti, di lacerti di stoffe ricambiate e intrecciate secondo nuovi progetti combinatori, mettono in vibrazione l’intero ambiente espositivo.  Secondo la singolare definizione di  ciascun lavoro, la Toselli ha voluto riscrivere un allestimento che superasse la canonica modalità di presentazione: le opere si dispongono liberamente nello spazio,  aprono la possibilità di letture libere e incrociate,  senza una sequenzialita’ preordinata. NO SENSE, NO DIRECTION,  rompendo logiche consuete, sfugge da un senso univoco e da direzionalità  stabilite,  fa saltare, nella sua semplicità minimale e concettuale, ogni schema atteso e diventa una perfetta estensione,  un capitolo monografico interamente dedicato all’artista.

La mostra resterà aperta  fino all’8 aprile, nei giorni di giovedì,  sabato e domenica,  dalle 15 alle 19.

Disidentify from your mind, focus your attention into the Now.

THIS IS AN INSIGHT

“So the single most vital step on your journey toward enlightenment is this: learn to disidentify from your mind. Every time you create a gap in the stream of mind, the light of your consciousness grows stronger.

[…] you can […] create a gap in the mind stream simply by directing the focus of your attention into the Now. Just become intensely conscious of the present moment.

This is a deeply satisfying thing to do. In this way, you draw consciousness away from mind activity and create a gap of no-mind in which you are highly alert and aware but not thinking.”

The Power Of Now, Eckhart Tolle

P_20180212_175725_vHDR_On

View original post

Troviamoci su Twitter, se vi va| Let’s connect on Twitter.

THIS IS AN INSIGHT

Caro Diario e cari Follower,

Ho pensato che forse, grazie a voi e all’onore che mi rendete leggendomi, avere un account Twitter possa finalmente trovare il suo scopo.

Se vi va potete seguirmi cliccando su questo link o sull’uccellino in alto, proprio sotto il titolo This Is An Insight.

Se farete un salto sul mio profilo vedrete che ho pubblicato un bel po’ di Tweet ma alla fin fine non ho molte persone con cui interagire.

Eppure Twitter è così figo quando hai qualcuno da taggare e con cui scambiarsi opinioni 💛

Perciò vi aspetto, numerosi o non, per portare le nostre conversazioni bloggose sui social.

In ogni caso GRAZIE a chiunque mi legge o segue già, o a chi passerà di qui una volta e basta.

Buon weekend!

Maria
xxx

– – – – – – –

Dear Diary and dear Followers,

I have been thinking that perhaps, thanks to…

View original post 150 altre parole

Le mie Terapeute Olistiche, la mia salvezza 🌷

THIS IS AN INSIGHT

Questo post è dedicato alle mie “Terapeute Olistiche” – come mi piace chiamarle perché grazie a loro la mia vita è migliorata assai: è diventata più semplice, godibile, meno incasinata. 🎉

Dai libri sulla crescita personale alla ricerca di una terapeuta olistica.

Circa quattro anni fa ho scelto di lavorare con qualcuno, di chiedere aiuto a persone in carne ed ossa. Fino a quel momento, infatti, avevo soltanto letto un cospicuo numero di libri sulla crescita personale, mossa sia dalla mia innata curiosità che dall’esigenza combinata di crescita e guarigione.

Questo è successo grazie ad una amica-quasi-sorella, dalla quale sono venuta a sapere dell’esistenza delle costellazioni familiari. I racconti delle sedute e dei risultati che ne seguivano erano affascinanti, avevano dell’incredibile.

Seppur contenta per lei e molto intrigata, ero anche rattristata dal fatto che nella mia cittadina non ci fosse nessuno di simile. Non avevo infatti…

View original post 774 altre parole