Vicious circle

Antalgica Poetica

ah, possedere la genialità dei maestri esoterici

che frugando nella spazzatura degli altri saperi

distillano preziosi lenimenti per le anime in affanno …

e nel mentre ispirati alleviano, molto umanamente,

neanche alternativi ai vampiri di nero vestiti,

trovano il modo di concentrar i benefici ne’ lor portafogli

non a caso nel pacchetto dell’offerta brilla la reincarnazione

cosicchè tutti i fedeli rafforzano la loro adesione

il prossimo giro sperando di nascer maestri

View original post

Trilogia consigliatissima, di Luca Rossi

IL MIO PICCOLO CLUB DEL LIBRO

Buona sera cari lettori, volevo raccontarmi dell’episodio successo pochi giorni fa.

Dopo aver come di consueto pubblicato uno dei miei articoli, qui nel blog, nella pagina Facebook, instagram e Twitter, ricevo su quest’ultimo un gentile messaggio da parte di uno scrittore di cui avevo già letto il primo libro della sua trilogia.

Parlando esce fuori il discorso dei libri successivi che non avevo ancora letto, e gentilente lui me li regala.

Ho apprezzato davvero la gentilezza di questo ottimo scrittore, Luca Rossi, a mio parere a volte è proprio quel pizzico di gentilezza a far la differenza.

Non basta il talento, il saper scrivere, parlare, l’essere gentili è quello che davvero cambia tutto.

Comunque, sono qui a proporvi la sua trilogia, di cui ho letto solo il primo ancora, ma dopo il gentile regalo mi appresterò a leggere anche i successivi ed a scrivere una bella relazione.

È un fantasy…

View original post 173 altre parole

Tecniche di memoria. Tony Buzan e le mappe mentali

IL MIO PICCOLO CLUB DEL LIBRO

Salve a tutti cari lettori, stavo pensando al mio metodo di studio, ed ho deciso di condividerlo con voi

Ovviamente ê un metodo che a mia volta ho imparato navigando un po’ online, e leggendo vari libri. Come preannunciato nel titolo, le tecniche di memoria a cui mi sono ispirata, sono stata tratte prevalentemente dal libro riguardante le ”mappe mentali” di Tony Buzan.

Non é l’unica tecnica che utilizzo, nei prossimi articoli vi parlerò anche della lettura veloce e del photo reading, in breve ovviamente, perché un solo articolo non sarebbe mai sufficiente per poter esprimere tutto ciò che riguarda la difficile arte delle tecniche mnemoniche, poi se vi piacerà l’articolo, e ne sarete interessati, starà a voi approfondire l’argomento, io vi suggerirò i libri da cui ho imparato personalmente.

Mappe mentali o mind-mapping:

A vederle, l’impatto é quello di aver di fronte qualcosa che riguardi il sistema nervoso, come…

View original post 247 altre parole

NUOVE REALTA’ URBANE

ROSLIE'S

proyecto-urbano_web.jpg

Uno degli effetti più macroscopici delle interconnessioni, degli incroci di questi influssi culturali risiede nella impossibilità di considerare i processi di globalizzazione come se fossero determinati solo ed esclusivamente dalla cultura occidentale. Dobbiamo ricordare che se il Terzo Mondo è entrato nelle città del Primo Mondo, il Primo Mondo è entrato anche nelle città del Terzo Mondo. Diviene estremamente difficile individuare con certezza gli ambiti di reciproca influenza e indicare i loro confini. Molte categorie geopolitiche hanno ancora validità, ma in un mondo attraversato da continui movimenti di gruppi umani, capitali finanziari, di valori, di stili di vita è difficile indicare quali di queste categorie geopolitiche sia utile applicare negli specifici contesti. Molti sono gli esempi forniti dagli studi urbani che indicano come oggi in molti contesti occidentali interi quartieri cittadini subiscano un vero e proprio processo diterzomondizzazione. Seguendo le analisi dello storico francese

View original post 718 altre parole

La mia prima macchina

Daniele Mallamace Scrittore

Ve la ricordate la vostra prima macchina?

La mia è una macchina di seconda mano, molto semplice ma allo stesso tempo piena di vita.

Si, perché per lei ho speso i miei primi due stipendi e me la sono conquistata tutto da solo.

Molti miei coetanei non l’avrebbero mai fatto perché comprare una macchina usata sembra quasi una cosa di qui uno se ne dovrebbe vergognare.

Al suo interno si respirano le mie emozioni, le mie paure e tutti i miei sentimenti più profondi.

Lei mi accompagna in ogni mio viaggio lungo o breve che sia e anche se ha già 12 anni lei non mi ha mai tradito.

Che spettacolo la mia macchina, perché tutti noi non riusciamo a creare un legame con le cose semplici smettendo di sognare e volere in continuazione sempre di più, dal cellulare ultimo modello, alla macchina nuova, alla casa di lusso, ai vestiti…

View original post 16 altre parole

Flaiano semper docet!

Tornare a leggere il grandissimo Ennio Flaiano (lo sto facendo con il suo Diario Notturno, come forse avrete notato) in questo particolare periodo per il paese – periodo di campagne elettorali e votazioni imminenti, nel quale l’Italia riesce sempre (e sempre più) a dare il peggio di sé – è veramente significativo. Non solo ci si rende nuovamente e inequivocabilmente conto di come la situazione politica in Italia è sempre più grave ma sempre meno seria (Flaiano scrisse quel suo famoso aforisma nel Taccuino del 1954!), anzi: ci si capacità del fatto che non c’è alcuna via di salvezza, da essa. Almeno per chi o cosa continui a esserne sottoposto, per necessità o (peggio) per scelta. Semmai, come già dissi qui, l’unica possibilità di salvezza è dalla parte opposta. Totalmente opposta.

View original post

“PENE PIÙ SEVERE …DA SEMPRE” IL BUONGIORNO di Crescenza Caradonna

PUGLIA D'AMARE QUOTIDIANO D'INFORMAZIONE

IL BUONGIORNO di   27336559_1969531886407715_284565499825149975_n  Crescenza Caradonna



(ANSA) – PALERMO, 19 FEB –
Facevano prostituire la figlia di nove anni: con l’accusa di violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione minorile sono stati arrestati dai carabinieri il padre e la madre della piccola vittima. I fatti si sono svolti in un paese del palermitano. Oltre alla coppia sono stati arrestati i due uomini con cui la bambina ha avuto rapporti sessuali a pagamento. Le indagini sono state condotte dai carabinieri della Compagnia di Partinico. Per i 4 indagati il gip ha disposto i domiciliari.

In manette anche due uomini che avrebbero abusato della bambina


manetteb.jpg

“PENE PIÙ SEVERE …DA SEMPRE”

In Italia succede anche questo ancora oggi: ma come possono accadere questi episodi di violenza così estremi a danno di minorenni innocenti? La madre coinvolta insieme al padre è assurdo…ma la sacca di ignoranza che pullula nel nostro “bel paese” in alcune…

View original post 116 altre parole

Di cosa abbiamo bisogno?

Elemento Neutro

L’acedia, sebbene sia una parola in disuso (come gli altri ⅔ del vocabolario), esprime molto bene la situazione attuale in cui l’intera popolazione italiana sta vivendo. Questa parola proviene dal greco akēdía, (a ‘privo’ – kêdos ‘dolore’,) e significa proprio: assenza di dolore, indifferenza. La sfumatura particolare di questa parola è che nel linguaggio moderno, l’acedia ha preso un significato più preciso di “anomalia della volontà”, la migliore definizione che possiamo dare ai fatti che una persona attenta riesce a vedere.

Nella situazione politica, economica e sociale, il popolo italiano sta vivendo dei momenti di terribile indifferenza, come se tutto ciò che sta accadendo non riguardasse nessuno. Se fate caso alla storia, la ciclicità con cui avvengono gli eventi è terribilmente precisa, e per farvelo capire prendo in esame, in modo molto semplificato ma efficace allo scopo, solo gli ultimi anni:

  • Dal 1830 al 1870: sono stati tempi…

View original post 533 altre parole

Il mito di Demetra e Persefone, di Lia Tommi 

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

di Lia Tommi, Alessandria 

Sabato 3 marzo, alle ore 17, si terrà,   in via Bissati,6,  l”evento nell’ambito del ‘Marzo Donna “:  “Il mito di Demetra e Persefone. Dalla perdita alla rinascita”, un appuntamento  per recuperare il senso delle storie e del dolore…e della gioia di una rinnovata primavera.

Promotori: il Gruppo Genitori di “bambini meteora” di Alessandria,  l’Associazione Aspetto,  l’Associazione  CiaoLapo Onlus.

Saranno presenti all’incontro:la dottoressa Oria Trifoglio  (Responsabile Ginecologia  e Ostetricia ASO),  le ostetriche,  le psicologhe e il Gruppo Genitori dell’Associazione  Aspetto.

Programma: Attraverso una mostra le mamme dei bimbi meteora si raccontano rivisitando il mito. Durante il pomeriggio sarà  offerta una merenda. Sarà  a disposizione  materiale informativo.

Il messaggio : “Non è  possibile curare la morte, ma è  possibile prendersi cura del dolore che resta ” (Claudia Ravaldi- CiaoLapo)

View original post

Stupore di una luce

marcellocomitini

stradawebtiralb Inserisci una didascalia

Le nuvole hanno spento nel grigio
l’immutabile faccia della luna.
E’ rimasto l’incerto stupore di una luce
sulla strada bianca di polvere e di anni.
La percorro passo dopo passo
come il vecchio che lentamente avanza
tra le foglie che cadono dai rami.
È di terra il mio viso il mio respiro è corto
e trattiene nel petto un antico dolore.
Il silenzio di quel tronco
che sbarra la fine della strada
m’attrae come lo sguardo
del dio che mi perseguita.

View original post

da Repubblica Kuciak, tre nomi di ’ ndrangheta nell’inchiesta che lo ha ucciso Il direttore di Aktuality: “Lo hanno ammazzato per quello che stava per scrivere” Uno degli imprenditori citati nei suoi appunti: “ Speculazioni politiche, io non c’entro”

"Strane cose", il blog di Ettore

GIULIANO FOSCHINI,
Di che cosa stiamo parlando
Il 22 febbraio è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa nella sua casa nei pressi di Bratislava il giornalista investigativo Jàn Kuciak: con lui, uccisa anche la fidanzata.
I corpi sono stati trovati domenica.
Il reporter 27enne del sito Aktuality.sk indagava sulle attività della criminalità italiana in Slovacchia e sui presunti contatti di persone dell’entourage del premier Fico con la ’ndrangheta. Il duplice omicidio segue quello di ottobre della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia: denunciava la corruzione sulla sua isola
Dal nostro inviato
BRATISLAVA
ROMA
Il desk di Jàn Kuciak nell’open space della redazione del sito
Aktuality, sorvegliata da quattro agenti armati della polizia, è ora una scrivania vuota. Come la sedia ergonomica nera che le è di fronte. Mercoledì scorso, 21 febbraio, ci si è seduto un’ultima volta, nel chiasso creativo di uno spazio arredato con puff azzurri…

View original post 812 altre parole

da Repubblica: Ahmet Altan, lo scrittore turco condannato all’ergastolo «In gabbia come nel mio romanzo »

"Strane cose", il blog di Ettore

Sono seduti su uno scanno alto due metri. Indossano toghe nere con il colletto rosso. Fra poche ore decideranno il mio destino. Li guardo. Non assomigliano alle Parche che recidono il filo della vita. Con le cravatte allentate per la noia, ricordano più i gretti funzionari pubblici di Gogol’. Il loro presidente, seduto al centro, tiene il braccio destro divaricato sullo scanno, come fosse biancheria stesa ad asciugare, giocherella con le dita e guarda le sue dita che giocherellano. Ogni tanto dà un’occhiata al cellulare per leggere i messaggi. Quando uno degli imputati che è sotto processo insieme a noi dice che sta per sottoporsi a un’operazione di bypass cardiaco, il presidente del tribunale avvicina a sé il microfono e dice con voce meccanica: «L’ospedale ci ha informati che non ci sono circostanze mediche che impediscano la sua permanenza in carcere».
È come se le frasi pronunciate dagli imputati e…

View original post 622 altre parole

da Repubblica « L’uomo che salvò la memoria del buddismo » Federico Rampini sulla mostra che a New York celebra Giuseppe Tucci

"Strane cose", il blog di Ettore

Etnologia e religioni
NEW YORK
Avoler essere crudeli, è un nuovo esempio di fuga dei cervelli italiani in America. Anche se in questo caso il pregevole cervello appartiene a un’altra epoca. È l’esploratore-etnologo Giuseppe Tucci (1894-1984), che New York celebra oggi come il fondatore della “tibetologia” contemporanea. Il tributo gli viene offerto dall’Asia Society, il più importante think- tank americano di studi sull’Oriente, che ha uffici in tutto il mondo e anche un museo sulla Park Avenue di Manhattan. Proprio mentre il Museo Tucci a Roma è temporaneamente chiuso, dopo decenni in cui venne sottovalutato, il riscatto avviene grazie alla mostra newyorchese.
Due esposizioni in una. I curatori dell’Asia Society hanno unito una selezione di cinquanta dipinti tibetani della collezione Tucci, insieme con una galleria di foto che ricostruiscono le sue spedizioni avventurose in una terra che allora era davvero ai confini del mondo. E che purtroppo oggi è tornata…

View original post 721 altre parole

Conferenza  sulla spiritualità  femminile ebraica, di Lia Tommi 

di Lia Tommi, Alessandria 

Domenica 4 marzo , alle ore 17, nella Sinagoga  di via Milano, 7,  ad Alessandria,  si terrà,  nell’ambito del MARZO DONNA,  la conferenza di Yarona Pinhas: “La saggezza velata: il femminile nella Tora’ “.

La conferenza della professoressa  Yarona Pinhas  affronta il problema  della spiritualità  femminile  ebraica,  attraverso l’esame di figure bibliche femminili che racchiudono,  segnalano,  mostrano il valore e l’azione di tale spiritualità e rappresentano un esempio pratico per le donne di oggi.

Di altissimo contenuto, la conferenza sarà  comunque  fruibile anche a chi non  abbia particolari conoscenze dell’argomento.

Con questo appuntamento,  i soggetti promotori: Comunità  Ebraica di Torino -Sezione di Alessandria  e Associazione  SpazioIdea , intendono valorizzare  la Sinagoga di Alessandria,  non solo come luogo spirituale,  ma anche come luogo di dibattito culturale a partire dell’ebraismo.

Yarona Pinhas, nata in Eritrea, giunta in Israele  con la famiglia  nel 1975, si è  laureata in storia dell’arte e linguistica  all’Università  Ebraica  di  Gerusalemme,  presso la quale ha svolto attività di ricerca.  Di particolare interesse i suoi lavori sugli oggetti di culto ebraici italiani e sulla documentazione di oggetti e sinagoghe dell’ebraismo marocchino,  turco e ceco. Lettrice all’Orientale di Napoli, ha insegnato anche a Roma presso diverse istituzioni,  quali il Pitigliani e l’Agenzia  ebraica, sull ‘ebraismo e sull’arte ebraica.

Un progetto per i bambini diabetici, di Lia Tommi 

di Lia Tommi,  Alessandria 

Lo scorso 24 febbraio è  stato presentato in Biblioteca Civica un progetto unico nel suo genere, dal nome “A scuola si può  ed in totale sicurezza”, promosso e gestito dall’Associazione  Progetto Ryan Onlus,  nella persona del suo Presidente Angela Haruni. Si tratta del primo progetto pilota a livello nazionale,  in relazione alla  gestione  del  Diabete Mellito di tipo 1 all’interno della scuola.

Il progetto è  scaturito dall’aumento di casi di bambini colpiti in età  preadoloscenziale da Diabete Mellito 1 e dalla rilevazione delle difficoltà per il loro inserimento  nelle scuole, in quanto occorre monitorare e gestire il loro andamento glicemico, somministrando  eventualmente  Glucagone in  caso di svenimento  di  tipo glicemico. Questo comportava finora la costante presenza del genitore all’interno della scuola,  con relativa sospensione o abbandono dell’attività  lavorativa. Si ponevano difficoltà  anche per la partecipazione  a gite scolastiche  o uscite didattiche,  non permettendo quindi ai bambini un’esperienza scolastica completa. Si è  messa in evidenza,  perciò , la necessità  di una figura di  supporto, da formare e utilizzare nelle realtà  in cui sono presenti questi casi. In questo modo si dà  ai  bambini in questione  la possibilità  di condurre una vita sociale e scolastica uguale a tutti gli altri,  e alle loro famiglie  di mantenere autonoma la vita, dal punto di  vista  lavorativo  e sociale.

Nel corso della presentazione,  la Presidente ha spiegato  i dettagli del progetto,  che è  partito da settembre nella scuola ‘Villaggio Europa “, con la collaborazione dellla Dirigente Scolastica dott.ssa Maria Paola  Minetti e l’individuazione di una  operatrice ATA, quale la signora Maria Esposito, da formare e utilizzare come figura di  riferimento.

In passato sono già  stati effettuati due corsi di formazione per insegnanti, a cura del diabetologo  dell’Ospedale Infantile dottor Riccardo Lera, che ha dato la disponibilità a formare qualsiasi figura professionale,  in quanto la patologia non è  invalidante a livello cognitivo e motorio.

Presente l’Assessore ai Servizi scolastici educativi Silvia Straneo, che ha dato la disponibilità per organizzare in maniera strutturale ulteriori  corsi di formazione,  essendo la patologia in aumento.

Presente altresi l’architetto Paola  Testa, responsabile  dell’Ufficio Disability Manager del Comune di Alessandria,  che ha supportato questa iniziativa.

Durante l’incontro è stata premiata dall’Associazione  la studentessa  Francesca  Robuffo, per aver presentato la tesi di laurea universitaria ad indirizzo diabetologico,  cosa ormai poco diffusa.

Un plauso a questa iniziativa, unica a livello nazionale,  e quindi un vanto per il nostro  territorio.


Colmo la tua assenza, di Sofia Maffei

colmo

di Sofia Maffei

Colmo la tua assenza,
dipingendo la stanza
di un nero profondo.
Traccerò, con un pennello
a punta fine, il mio contorno,
in una linea unica
senza interruzioni
e ne riempirò l’interno
dello stesso colore.
Così non sarò più
immersa nel vuoto,
perchè tu mi sarai dentro.
Con il braccio
e le gambe piegate
formerò una “A”, come Amore.

Sofia Maffei

terza pagina di Repubblica. Luoghi letterari. « Messina magica. Cronache dalla Sicilia sommersa » di Francesco Merlo

"Strane cose", il blog di Ettore

t e r z a p a g i n a
Luoghi letterari
francesco merlo

Schermata 2018-03-01 alle 20.52.31 Un particolare della Crocifissione di Antonello da Messina (1475) conservata al Koninklijk Museum voor Schone Kunsten di Anversa

Non vi svelerò la trama thriller, la morte di Tano il bibliotecaro, la sparizione dell’intero liceo Maurolico, il furto di una fontana michelangiolesca e di una valigia. Mi limito a dire che è il romanzo dove il terremoto torna alla poesia settecentesca perché “… nasce la Storia / o, se vuoi dir così, nasce la Favola,/ accadon cose degne di memoria / da narrarsi al passeggio o dirsi a tavola”. Ed è il romanzo dove la poesia torna alla verità del mito, quello della Sicilia sommersa sotto la Sicilia, con un appello finale ai vigili del fuoco, al genio civile, alla sovrintendenza…
perché prosciughino e scavino, “prima che sia tardi”, “per riportare allo scoperto quei pezzi di…

View original post 891 altre parole

Attendo la notte, di Antonio De Simone

Attendo

di Antonio De Simone

Seduto sulla panchina
attendo
che giunga la notte
buia
con solo la luna
a farmi compagnia
ad illuminare
quel luogo
che porta con se
profumi e colori
rinnovati
mentre rimane
nel cuore
l’inverno
mai finito
dei giorni.

Antonio De Simone

Eng_I wait the night
Sitting on the bench
I look forward to
the coming of the night
the dark
with only the moon
to keep me company
to illuminate that place
that brings with it
scents and colors
renewed
while it remains
in the heart
the winter
never finished
of days.

https://antodesimone.wordpress.com

Liberi e Uguali, chiusura campagna elettorale “Piazza per Piazza” ad Alessandria 

liberi-e-uguali

LIBERI E UGUALI Con PIERO GRASSO

Alessandria: Venerdì 2 marzo LIBERI E UGUALI chiude la campagna elettorale con 10 appuntamenti in altrettante piazze di Alessandria per parlare, insieme al candidato alla Camera, FEDERICO FORNARO, con gli elettori delle idee e dei programmi sul lavoro, la scuola, l’università, il welfare, il fisco, l’ambiente e la legge elettorale.

Il programma prevede:

ore 7.30: Spalto Marengo

ore 9.00: Viale Teresa Michel

ore 10.00: Via Cavour

ore 10.30: Mercato di Spinetta Marengo

ore 11.30: Via Casalbagliano

ore 13.00: Spalto Borgoglio/via Morbelli

ore 14.00: Spalto Marengo

ore 16.00: Piazzetta della Lega

ore 17.30: Via Sclavo

Alle ore 21 alla Casa di Quartiere in via Verona 116 incontro pubblico finale sul tema “Rosatellum: istruzioni per l’uso” con Federico Fornaro, esperto di sistemi elettorali e autore di recente del libro “Elettori ed Eletti. Maggioritario e proporzionale nella storia d’Italia”, che illustrerà il complesso funzionamento della nuova legge elettorale.

Ambiente: Progetto pilota ad Alessandria, per l’abbattimento delle PM10

PM10

La Cittá di Alessandria sarà  capofila per la sperimentazione di un progetto piltota realizzato per assorbire e filtrare le polveri sottili, rendendo l’aria più pulita.

Questo l’oggetto della conferenza stampa di oggi,  alla presenza del Sindaco della Città, dell’Assessore comunale all’Ambiente e Politiche per la sostenibilità ambientale, dell’ing. Angelo Robotto, Direttore generale di ARPA Piemonte, e dell’ing. Claudio Rizzo, amministratore della sede italiana della società SPRAYTECS Technologies Ltd (Regno Unito).

“La Spraytecs Technologies Ltd,  società di rilievo internazionale – ha spiegato l’assessore all’ Ambiente  del Comune di Alessandria – ha sviluppato un sistema telecontrollato di riduzione delle concentrazioni di PM10 nell’aria urbana, il  PM-Captur System, interamente progettato e brevettato dalla stessa società. Abbiamo aderito con entusiasmo alla proposta di essere città pilota per testarne il buon funzionamento  perché siamo consapevoli di quanto sia  necessario passare ad una fase operativa per il miglioramento della qualità dell’aria. Dall’inizio dell’anno ad oggi la chiusura al traffico nel concentrico cittadino, è già stata disposta in diverse fasi per l’alta concentrazione di PM10.  Complessivamente sono stati 25 i giorni in cui ci siamo trovati fuoi dai limiti. Occorre operare su più fronti per ottenere un risultato che tuteli la salute pubblica”. Continua a leggere “Ambiente: Progetto pilota ad Alessandria, per l’abbattimento delle PM10”

Attivazione del Piano Neve Comunale, scuole regolarmente aperte

Comune

Alessandria: A seguito delle avverse condizioni meteorologiche il Comune di Alessandria, in collaborazione con Amag Ambiente, ha disposto l’attivazione del ‘Piano Emergenza Neve’ fino a domenica 25 febbraio.

Già dai giorni scorsi, sulla base delle indicazioni fornite dalla Protezione Civile, si è provveduto allo spargimento del sale in città e sobborghi.

Il piano intervento di AMAG Ambiente vede interessate quattro macro aree sul territorio comunale:

  • grande Viabilità città
  • sobborghi Est (Castelceriolo, Lobbi, S. Giuliano Nuovo, S. Giuliano Vecchio, Litta, Mandrogne, Cascinagrossa, Spinetta)
  • sobborghi Ovest (Cantalupo, Cabanette, Villa del Foro, Casalbagliano)
  • sobborghi collinari (Valmadonna, Valle S. Bartolomeo, S. Michele)

Il Comune provvederà a mantenere puliti i marciapiedi del cavalcavia Brigate Ravenna, dei giardini Pubblici, degli ospedali, delle scuole (in accordo con i direttori didattici), mentre si ricorda che i proprietari di casa sono obbligati a sgomberare la neve dai marciapiedi per tutta la lunghezza degli stabili di loro proprietà e a rompere il ghiaccio che vi si dovesse formare. Continua a leggere “Attivazione del Piano Neve Comunale, scuole regolarmente aperte”

CONFESERCENTI : “LA DONNA, LEGGENDARIA PROTAGONISTA DELL’OPERA”

Manuela Ulandi

Alessandria: Domenica 4 Marzo 2018 alle ore 17 al Museo etnografico “C’era una volta” in piazza Gambarina ad Alessandria CONFESERCENTI  organizza il concerto narrato “La Donna, leggendaria protagonista dell’opera”.

Tale iniziativa rientra nel programma di eventi dell’Amministrazione comunale e della Consulta P.O. “Marzo Donna 2018”.

Il “concerto narrato” vede protagoniste le pianiste Hilary Bassi – diplomatasi in pianoforte nel 2006 con il massimo dei voti – e Virginia Fracassi – diplomatasi brillantemente in pianoforte al Conservatorio di Genova.

Il duo di recente formazione si dedica al concerto narrato esibendosi in questa formula, ma anche in lezioni concerto e spettacoli ludico-didattici, riscuotendo sempre grandi consensi di pubblico. Continua a leggere “CONFESERCENTI : “LA DONNA, LEGGENDARIA PROTAGONISTA DELL’OPERA””

Maltempo in tutta la provincia, abbassamento delle temperature, neve e pioggia

maltempo IMG-20180223-WA0006

E’ allarme per l’arrivo del gelido “colpo di coda” dell’inverno

Preoccupazione rivolta alle colture orticole, alcune già in fase di crescita, il gelo ha distrutto

il 20% dei raccolti soprattutto lattughe, patate, carciofi, cavoli, verze, cicorie e broccoli

La nuova irruzione di freddo e il forte maltempo di queste ore stanno mettendo alla prova l’agricoltura alessandrina.

Lo rivela la Coldiretti provinciale. In pericolo ci sono le coltivazioni che si stanno risvegliando con l’arrivo della primavera. A subire gli effetti di questo “colpo di coda dell’inverno” che ha accompagnato l’ ondata di maltempo con abbassamento delle temperature e neve in tutta la provincia sono soprattutto coltivazioni come cavoli, verze, cicorie e broccoli, coltivati in pieno campo. Continua a leggere “Maltempo in tutta la provincia, abbassamento delle temperature, neve e pioggia”

La decisione è giusta 👍

THIS IS AN INSIGHT

Caro Diario,

Con l’inizio di Marzo sono riuscita ad aumentare le ore di lavoro, portandomi ad un part-time all’80%. Ne abbiamo parlato negli ultimi due giorni, ieri c’erano ancora un paio di opzioni in ballo ma stamattina mi sono presentata e ho cominciato con il nuovo orario.

Dall’oggi al domani si cambia, finalmente. 🎉

Provo una pace… Mi sento “arrivata”, nel senso che sento di aver richiesto la cosa giusta e di aver preso la decisione migliore buttandomici subito, senza aspettare un altro mese.

L’intestino, la pancia, non mentono mai: sentiamo infatti un malessere o un non so che quando siamo sulla strada sbagliata mentre oggi sento una sensazione di pienezza, di appagamento che derivano dal sapere che è tutto apposto.

Sono nel posto dove devo stare, nella direzione da percorrere.

La sensazione è meravigliosa e vorrei godermela. 

Voglio condividere questo momento.

Non mi obbligherò perciò a scrivere un…

View original post 70 altre parole

Il Capriccio, da lilianadream

Il capriccio

da lilianadream  https://dialoghiaperti.com

Nessun essere umano non è esente nel essere stato definito ” un bambino capriccioso “. Il capriccio è un atteggiamento naturale del comportamento umano e si manifesta per la prima volta verso l’età dei 18 mesi. Tutti sono convinti che esso appartenga solo al bambino e poi si vada a sbiancare con il passare del tempo.

Da un punto di vista psicologico, i passaggi dovrebbero seguire questa strada, ma non è affatto così, sopratutto nella società odierna. Il capriccio si manifesta nell’uomo come una  naturale fase di sviluppo, perché prelude  al fatto che ogni essere umano ha bisogno della sua stagione per maturare.

È proprio qua la sua origine, il capriccio aiuta le successive fase di sviluppo neuropsicologiche, ossia regola il conflitto tra positivo e negativo di ogni fase di crescita, seguendo la parte di maturazione positiva e matura del processo di crescita. Continua a leggere “Il Capriccio, da lilianadream”

CERA UNA VOLTA UNA CHIESA, di Antonio Solimand

di Antonio Solimand

CERA UNA VOLTA UNA CHIESA

Prima del.terremoto
Una volta accoglieva
molta gente
Quando durante
il disastro del terremoto
Era un ritrovo tra paesani
E amici
mentre adesso nemmeno
un ‘anima ci passa
nemmeno
L’anima di un cavolo
Di un diavolo.
ABBANDONATA
Dal resto del mondo.
Dal 2012, e questa
la vicinanza del governo.
E non è solo questo
Altre abitazioni
Distrutte e abbandonate
Chissà sé faranno
Qualcosa.

A.S.

Verano, tour cinematografico

RomaVerso

I maestri del cinema al Cimitero Storico Monumentale del Verano

Noi di RomaVerso amiamo far scoprire luoghi insoliti di Roma come l’ex manicomio Santa Maria della Pietà e le tombe etrusche di Veio.
Tra questi luoghi carichi di Storia senza dubbio c’è anche il cimitero del Verano, dove insieme a Roma SlowTour organizziamo visite guidate alla scoperta dei maestri del cinema italiano che qui risiedono.
Ecco una presentazione in forma di sceneggiatura per anticiparvi quel che troverete partecipando al nostro tour cinematografico del Cimitero Monumentale del Verano:

EST. GIORNO VERANO

Nel piazzale di fronte la basilica di San Lorenzo i parcheggiatori richiamano le macchine per stiparle in parcheggi improvvisati.
I fiorai sono altrettanto solerti nel richiamare l’attenzione dei passanti.
I vialoni del cimitero sono ancora semideserti.

AMEDEO NAZZARI
Ma quando arrivano?
Ardo dal desiderio di incantare le mie ammiratrici,
anche se questo teatro non è
all’altezza di…

View original post 314 altre parole

Italia, anno 2018

Come una sola, semplice immagine possa dire molto più di innumerevoli parole sullo “stato delle cose” italiane, in quest’anno di (dis)grazia (elettorale) 2018!

(Nel frattempo, in queste ore, pochi centimetri di neve riescono a mandare in tilt l’intero paese. Non serve aggiungere altro, io credo. O forse sì, servirebbe, ma la censura sarebbe dietro l’angolo.)

View original post

Vota chi legge?

Questo manifesto “elettorale” di SEM, Società Editrice Milanese, è bellissimo, sul serio.

Fors’anche perché, se venisse applicato tale e quale – ovvero in forza del messaggio principale di cui si fa latore – al panorama politico italico che si presenta al voto imminente, sarebbe la migliore promozione possibile a favore dell’astensionismo.

Probabilmente è per questo che è così bello, già. E comunque: resistere, resistere, resistere, leggere. Sempre.

View original post

Dieci pagine al dì: la tecnica per leggere meglio e prima Il dottor Živago di Pasternak.

THIS IS AN INSIGHT

Se tengo fede al mio proposito di leggere almeno dieci pagine al giorno ogni giorno, ci sono ottime probabilità che io finisca Il dottor Živago per la fine di Marzo.

Vedete, quando ho a che fare con questi libroni super importanti, di solito cado dritta dritta in due trappole:

1) Ci metto un’eternità a leggerli.

In classici come Il dottor Živago o L’Idiota compaiono una miriade di personaggi e la narrazione dei fatti è costellata da ricche descrizioni. Ad ogni fatto la sua descrizione, un’elaborazione della scena, dei personaggi, dell’ambiente circostante. Diciamo che non sono proprio una passeggiata, almeno per me. Devo essere sveglia e concentrata per seguire la storia, quindi cosa faccio: leggo qualche paginetta quando ritengo di essere sufficientemente vigile e comoda o quando so di avere abbastanza tempo a disposizione. Insomma, quando le condizioni sono “perfette”, il che non è così frequente.

2) Si creano vuoti di memoria…

View original post 181 altre parole

Netiquette su Facebook: 10 regole di buona educazione che sarebbe meglio seguire

PUGLIA D'AMARE QUOTIDIANO D'INFORMAZIONE

Netiquette su Facebook:
10 regole di buona educazione che sarebbe meglio seguire

Il galateo sul social network?
Ecco le 10 REGOLE DA SEGUIRE per un bon-ton su FB

1. Usa il tuo vero nome e la tua vera foto.

2. Quando chiedi l’amicizia a qualcuno che conosci alla lontana aggiungi un paio di righe di presentazione.

3. Facebook non è il muro del pianto. Evita perciò di lagnarti per qualsiasi cosa, non tutti i tuoi amici sono caritatevoli.

4. Sintetici sì, ma non criptici.

5. Fai attenzione a ciò che scrivi sulla bacheca di un tuo amico. Sarà visto anche da tutti i tuoi amici e dagli amici del tuo amico. Allo stesso modo evita i botta e risposta troppo articolati. Per quello esiste uno strumento apposta: la chat.

6.Prima di taggare qualcuno in una foto avvisalo sempre con un messaggio privato. Soprattutto se si tratta di una foto…

View original post 199 altre parole

Perché il focus è importante?

Elemento Neutro

Si racconta che quando i Romani provarono ad assediare Siracusa, Archimede ebbe l’idea di usare centinaia di specchi per concentrare la luce del sole e bruciare le navi dei sfortunati Romani.

È stato provato che, con i mezzi dell’epoca, avrebbero potuto accecare i soldati sulle navi ma non concentrare un raggio così potente da incendiare il legno delle barche. Ma quello che interessa a noi è il concetto.

Concentrare la fonte, ossia le tue forze, in un punto solo, per ottenere la massima efficacia, soprattutto se l’obiettivo da raggiungere è molto lontano.

Questo principio si scontra con il concetto di Multitasking, in cui si spiega come procedere in azioni multiple nello stesso tempo. Come fossimo un computer in grado di elaborare centinaia di numeri nello stesso momento, mantenere 10 schede diverse aperte davanti ai nostri occhi, lavorando su tutte e 10 contemporaneamente. Sfortunatamente, il cervello umano non funziona come un…

View original post 162 altre parole

«A tu per tu, il gelo in volto io fisso» Osip Ėmil’evič Mandel’štam

a tu osip-c497mil_evic48d-mandel_c5a1tam-e1511953630418

di tittideluca

https://poesiainrete.wordpress.com 

A tu per tu, il gelo in volto io fisso:
lui fissa il nulla, e io fisso dal nulla;
stirata, pieghettata senza grinze,
respirante miracolo, pianura.

E in povertà bianco-àmido, il sole strizza gli occhi –
il suo strizzare è tranquillo, placato.
Foreste a dieci cifre: simili a quelle… E crocchia
– pane fresco – la neve dentro il mio sguardo, intatta.

Osip Ėmil’evič Mandel’štam

16 gennaio 1937

(Traduzione di Remo Faccani)

da “Osip Ėmil’evič Mandel’štam, Ottanta poesie”, Einaudi, Torino, 2009

Metro: tetrapodia, pentapodia ed esapodia giambica, con prevalenza dell’esapodia, dei versi di sei giambi; due quartine rimate aBaB, cDcD.
Qui, come in altre poesie mandel´štamiane del gennaio 1937, «the image of the Central Russian plains» incarna l’idea dell’uguaglianza (in russo pianura e uguaglianza hanno la stessa radice: ravninaravenstvo), ma il tema «is developed with characteristic ambivalence» (Ronen, p. 126). Cosí, la sconfinata pianura nevosa che circonda Voronež, pur emanando una «miracolosa» suggestione, sembra essere fonte di smarrimento per il poeta.
Il v. 2 è fortemente ellittico, privo di verbi, con due “vuoti” nei quali mi è parso quasi inevitabile veder sottintese due forme di gljadet´ (‘guardare’, ‘fissare’) – gljadit e gljažu –, che si diramano dal gljažu del v.1.
v. 7: «…simili a quelle» – quelle viste nella Russia nord-orientale, a Čerdyn´ e, soprattutto, navigando lungo il fiume Kama. (Remo Faccani)
Continua a leggere “«A tu per tu, il gelo in volto io fisso» Osip Ėmil’evič Mandel’štam”

Ci devo riflettere …

Giuliana Campisi

dal web

periodo incerto e nebuloso, grigio o nero tendente al tenebroso ma con qualche leggera schiarita a giorni alterni. Non se se e’ veramente il caso di rifletterci su o semplicemente mandare la mia vita a quel paese … gia’ e’ sulla buona strada. Ma chi mai si e’ liberato dalla prigione in cui si e’ chiuso dentro da solo? ci sono tempi e tempi per le evasioni, la pazienza per segare le sbarre, la forza per scendere dalla corda, la velocita’ per correre lontano. Io ho perso il mio tempo. Saro’ costretta a ricostruire la mia giovinezza, come quando avevo solo un cane a farmi compagnia.

View original post

Abracadabra

Giuliana Campisi

da Pinterest

Parola antica (in greco ἀβρακαδάβρα) il cui significato è del tutto misterioso. Grazie al fatto che gli uomini hanno il vizio di ripetere senza capire, si dice “abracadabra”, come formula pseudo magica o scaramantica ma non si sa il vero perché. Le proposte etimologiche abbondano. C’è chi, a occhio, la fa risalire all’aramaico: Avrah kaDabra, cioè אברא כדברא, che significa “io creo mentre parlo” Altrimenti, dall’ebraico, lingua in cui vorrebbe dire “questo avviene mentre viene detto”, tutte frasi che funzionano bene se pronunciate in un incantesimo. Ma alla fine io che ne so di piu’? nulla. Comunque, per si e per no, io ci provo. Chissa’ che non avvenga la magia! Se sparisco, sappiate che ha funzionato.

View original post