” Fiori recisi “, di Grazia Torriglia

Fiori recisi

di Grazia Torriglia

” Fiori recisi “

Appoggiati ,
Nella loro bellezza
Mostrano ancora vita.

Prendili tra le mani
E sentine ancora il profumo
E la delicatezza
Che domani non troverai più

Il fiore che appassisce
Lascia nell aria l odore di morte……

E negli occhi il colore sbiadito
Della pelle di un vecchio

Petali di vita strappati alla vita

Grazia Torriglia

Perché l’8 marzo?, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

La decisione di celebrare la Giornata Internazionale della Donna fu presa per la prima volta nel febbraio 1909, negli Stati Uniti, su iniziativa del Partito Socialista americano. L’anno dopo, nel 1910, fu raccolta da Clara Zetkin a Copenhagen, durante la Conferenza Internazionale delle donne socialiste.

Durante la II Conferenza delle donne comuniste a Mosca (1921), venne confermata come unica data per le celebrazioni l’8 marzo, in ricordo delle manifestazioni contro lo zarismo delle donne di San Pietroburgo, nel 1917.

In alcuni Paesi si fa invece riferimento all’episodio delle donne americane chiuse in fabbrica perché non partecipassero a uno sciopero, e morte in un incendio, nel 1867. Oppure al rogo del 1911, in una fabbrica di camicie a New York, in cui persero la vita 134 donne, ma in realtà avvenne a febbraio.

La scelta della mimosa risale invece al 1946, quando le organizzatrici delle celebrazioni romane cercarono un fiore che fosse di stagione e a basso costo.

Kupchan: “A Trump piacciono i populisti, ma ora niente strappi sulla Difesa”, di Paolo Mastrolilli. La Stampa

Kup

Il professore: «Come negli Usa, alla base del terremoto migranti e disuguaglianze»

AP

Paolo Mastrolilli inviato a NEW YORK

da: http://www.lastampa.it/

«Il risultato delle elezioni può migliorare il rapporto tra Italia e Stati Uniti, a patto che Roma tenga fede agli impegni di cooperazione strategica». È interessante che questo giudizio venga dal professore della Georgetown University Charles Kupchan, perché durante l’amministrazione Obama lui aveva diretto l’ufficio europeo nel Consiglio per la Sicurezza Nazionale, e aveva gestito l’ultima visita di Renzi da premier alla Casa Bianca.  

Come giudica il risultato?  

«Un terremoto, perché per la prima volta il centro non è riuscito a reggere in un grande Paese fondatore dell’Unione Europea. Non era successo in Francia, Germania, Spagna, ma l’Italia ha dimostrato che forse anche nel vostro continente sta accadendo un fenomeno simile a quello avvenuto da noi con Trump».   Continua a leggere “Kupchan: “A Trump piacciono i populisti, ma ora niente strappi sulla Difesa”, di Paolo Mastrolilli. La Stampa”

Recensione di “Marina Bellezza” di Silvia Avallone, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

“Marina Bellezza” è il secondo romanzo di Silvia Avallone, edito da Rizzoli.

La storia è ambientata nel biellese, tra la pianura coi capannoni fatiscenti e i lanifici dismessi e abbandonati, e la montagna con i ruderi, le vecchie case in pietra disabitate e i servizi ridotti all’essenziale.

Protagonisti principali due ragazzi, di famiglie molto diverse, ma entrambi sostanzialmente soli: lui figlio dell’ex sindaco, ambizioso e freddo, che ha rinnegato le umili origini e si è “fatto da solo “, lei di una giovanissima ragazza rimasta precocemente incinta, fragile e insicura, e di un padre immaturo che non si adegua alla routine familiare e si perde tra casinò e belle donne.

Matura per lui la decisione di non studiare in vista di una brillante carriera , come il fratello,il prediletto Ermanno e di ritornare alle origini, alla vita di margaro del nonno, tra le montagne e i ritmi antichi delle stagioni.

Per lei , dotata di voce, capacità interpretativa e presenza splendidi, il sogno, il desiderio di rivalsa, è di diventare una star della musica, lasciare la valle e riconquistare affetto e attenzione dai genitori, grazie alla sua fama.

Il loro amore nasce da ragazzi, e tra lunghe pause e ritorni di passione infuocata, arriva fino a un matrimonio, contratto con la consapevolezza di non poter durare, perché è impossibile per Marina adeguarsi a quella vita isolata e piena di sacrifici. Ma è anche inutile essere famosa, se sei sola. Troppo sola.

 

VITA DI FARFALLE, di Antonio Solimand

di Antonio Solimand

VITA DI FARFALLE
Non avevo mai pensato
Dove andranno le farfalle,
GrazieLe vite di farfalle
Dura un solo giorno
O poco più di un giorno
In un giorno di primavera
In giardino uno stuolo
Di farfalle svolazzano
Su fiori colorati
Mi viene in mente
Il mio primo scritto devo
a una farfalla
Seduto sul balcone
Mi svolazzano intorno
Come volesse parlarmi
Una farfalla tutta colorata .
Scrivendo la sua storia
Fu l’inizio dei miei scritti .
Nel pensiero quasi capii
Il suo voler dire
Dicendomi ti lascio
Il pensiero la mia vita
Finisce qui questa
è la vita di farfalle.

A.S.

Mostra:” Bambole, storia e geografia “, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Una mostra di bambole promossa in concomitanza con la festa della Donna: è questa la proposta culturale del Kiwanis Alessandria con la Divisione 18 Piemonte Viribus Unitis, Club UNESCO di Alessandria, F.A.N.D.– Federazione Associazioni tra persone con disabilità, in collaborazione con il Museo Etnografico del “C’era una volta “, con la Provincia di Alessandria e il giornale “Il Piccolo”, che si inaugura venerdi 9 marzo , alle 17,30, a Palazzo Monferrato.

L’intento è duplice: raccontare quello che è il balocco femminile per antonomasia: la bambola, qui presentata attraverso i pezzi delle collezioniste alessandrine Pieranna Bottino e Alba Gallese, che da anni si dedicano con passione alla ricerca e al recupero di bambole italiane e del mondo, di epoche, stili e materiali diversi.

Dall’altra, aiutare bambini meno fortunati e sensibilizzare all’importanza del patrimonio culturale, rappresentato anche dalle bambole, dimostrando come, anche attraverso quello che è considerato il giocattolo più antico al mondo ,sia possibile raccontare storie legate al cibo, alla terra, alla cultura e alle tradizioni. Sottolineando come, ad ogni bambino, debba sempre essere data la certezza di potersi dedicare in tutta libertà a quello che è un diritto inalienabile: il gioco.

L’evento è inserito nel calendario del Marzo Donna della Consulta Pari Opportunità del Comune di Alessandria .

La mostra, ad ingresso libero, sarà aperta fino al 25 marzo 2018: il venerdì (ore 16-19), il sabato e la domenica (ore 10-13 e 16-19).

Le cartelle incenerite, il problema ‘di vicinato’ e l’edificio dimenticato dall’ospedale di Alessandria

Le cartelle

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

L’area è stata quasi totalmente distrutta da un incendio nel 2009. Restano in piedi solo i muri esterni, una porzione di edificio in mattoni, parte del tetto. All’interno, rifiuti di ogni genere. Siamo in via 1821, di fianco al carcere di Alessandria, all’altezza del numero civico 93.

Una zona fatiscente, abbandonata, dimenticata, sulla quale una interpellanza del consigliere comunale Maurizio Sciaudone cerca di riportare un po’ di attenzione. La richiesta, indirizzata al sindaco di Alessandria, è di “mettere in sicurezza” l’area per evitare che diventi “un ricovero di animali e un sito di deposito di immondizia”.

Poi il consigliere comunale di Forza Italia chiede se sia possibile “procedere con una notifica” ai “soggetti aventi causa” affinché “provvedano a ripristinare le strutture in modo da garantire il decoro della via e dei residenti”. Continua a leggere “Le cartelle incenerite, il problema ‘di vicinato’ e l’edificio dimenticato dall’ospedale di Alessandria”

Borsalino, la Cgil accende (da sola) il ‘faro’. Intanto i curatori rilanciano e Camperio dice che non vuole mollare…

Bors

di Enrico Sozzetti

https://160caratteri.wordpress.com

Alessandria: La Borsalino è sempre preda della bufera giudiziaria successiva alla dichiarazione di fallimento, al sequestro cautelativo del marchio e all’iscrizione di sette persone nel registro degli indagati, senza dimenticare la pesante contrapposizione fra i curatori e la società che ha avuto in affitto il ramo d’azienda, affitto ora disdettato.

Ed è in questo quadro che la Cgil scende in campo, da sola, per “dare voce e sostegno” ai dipendenti del cappellificio, perché è necessario “dare un volto e un nome” a chi produce ‘il Borsalino’ e perché è fondamentale “mantenere alta l’attenzione sulle vicende della fabbrica”. Nasce così ad Alessandria la campagna di comunicazione #lavorandoborsalino che ha l’obiettivo di “coinvolgere le istituzioni, i cittadini, i media, gli studenti universitari e delle scuole superiori”.

Continua a leggere “Borsalino, la Cgil accende (da sola) il ‘faro’. Intanto i curatori rilanciano e Camperio dice che non vuole mollare…”

L’esultanza di Mosca: “Una nuova stagione per cancellare le sanzioni”, di Giuseppe Agliastro. La Stampa

ae3c306fc03f8e8b4bb7bab773c1e649-klpC-U11012699067120byF-1024x576@LaStampa.it

Soddisfazione per la vittoria dei partiti euroscettici. Ma gli analisti sono prudenti: «Roma sarà fedele alla Nato»

ANSA

Un incontro del 2015 tra Silvio Berlusconi e Vladimir Putin all’aeroporto di Fiumicino
a Roma.

Giuseppe Agliastro, Mosca  http://www.lastampa.it/ Pubblicato il 06/03/2018

In Russia c’è chi non nasconde la propria soddisfazione per l’esito delle elezioni italiane. Ma gli esperti nutrono seri dubbi su un possibile ribaltamento a favore di Mosca della politica estera del nostro Paese. Leonid Slutsky, uno dei più potenti deputati russi, nonché presidente della Commissione Esteri della Duma, sostiene che l’avanzata delle forze populiste e anti-europeiste permetterà «ai rapporti russo-italiani di svilupparsi in modo costruttivo». Il motivo è semplice: sia la coalizione di centrodestra sia il M5S – afferma Slutsky – «invitano al rafforzamento del partenariato con la Russia e alla cancellazione delle sanzioni illegali dell’Ue». Continua a leggere “L’esultanza di Mosca: “Una nuova stagione per cancellare le sanzioni”, di Giuseppe Agliastro. La Stampa”

Dov’ e’ il mondo…e la vita?, di Domenico Mamone

di Domenico Mamone

Dov’ e’ il mondo…e la vita?:
Dove finisce
Il giorno
Al confine
Del bagnasciuga,
La’ vivono i di piu’
Gli indesiderati
D’ una societa’ opulenta
Indifferente.
Non mi somiglio più
Lo specchio
Mi ritorna un’ immagine
Non mia.
Un lampo lungo, veloce,
Taglia in due il mio
Pensiero.
Non riesco più
Ad essere io,la mente
Fugge,
Il corpo si sgretola
Minuto dopo minuto.

Mamone domenico

Il Buio Dentro, di Antonio Lanzetta

Il Buio Dentro

Un buio che divora…

http://scrivoleggo.blogspot.it/

Il nostro io più profondo.

Omicidi… quanti ne avvengono, ogni giorno?

Decine e decine, purtroppo.

Litigi tra persone che si amavano, guerre per un territorio o per il monopolio di qualcosa d’illegale, distrazioni fatali…

Quando però il corpo di una ragazza viene ritrovato appeso ai rami di un albero, con la testa ai suoi piedi e gli occhi che fissano un orizzonte vuoto… beh, in quel caso le motivazioni di prima cadono, qui la radice del male ha scavato molto più in profondità e la mente malata colpevole di quel gesto sta cercando un qualcosa dentro sé.

Qualcosa che, probabilmente, non troverà mai, qualcosa che tormenta e non lascia scampo.

Damiano Valente è meglio noto come Lo Sciacallo. Continua a leggere “Il Buio Dentro, di Antonio Lanzetta”

I pensieri, di Davide Massaro

I pensieri

di Davide Massaro

I pensieri

Sono aeriforme idee
che si concretizzano,
nelle molecole dell’universo.

Dove noi siamo parte di loro

Le osserviamo inconsapevolmente,
e viviamo sentendoci ogni giorno
parte concretizzata,
di pensieri mutati
in creature della natura,
che vivono pensano amano
in unica madre terra.

E poi realizzi pian piano,

Che qualsiasi forma di vita
condivide con te,
ogni pensiero
perché siamo condensati
nella stessa materia
ed aria,che ci fa pensare amare
vivere in un stesso unico pensiero,
d’amore universale!

CONTROVENTO, di Antonella Ariosto

CONTROVENTO

di Antonella Ariosto

CONTROVENTO

Qualsiasi posto scelgo.
Ovunque vado
e’ sempre una difficile salita,
colma di ombre
che la luce sovrastano.
Controvento.
da sempre cosi’per me.
Fatica immane.
E quando penso di arrivare
il vento cambia direzione.
E’ una persecuzione?
La mia tolleranza e” stanca.
Sempre piu’ spesso ormai
vorrei restare immobile.
Adesso chi vuole
mi raggiunga.
E il vento
i miei capelli spettina.
Antonella A.

Il movimento 5 Stelle, di lilianadream

Il M5S

di lilianadream

https://dialoghiaperti.com

Le elezioni del partito M5S  ha sconvolto molto il popolo italiano, nonostante la sua elezione da parte degli italiani stessi. Il mondo sta cambiano e le elezioni politiche 2018 dimostrano questa voglia di dare la guida del paese, a gente nuova e ” forse ” più giovane, pur non esperta in politica.

Il problema maggiore del M5S è la sua inesperienza governativa, molto improvvisata e  la sua forte opposizione che fa agli altri partiti, abituati a dormire sugli allori. Tra inciuci politici che si rinfacciano a vicenda, opportunismi, legge ab personam, favoritismi la politica italiana ha bisogno di vivere una nuova fase di assestamento e  era parlamentare e governativa. Continua a leggere “Il movimento 5 Stelle, di lilianadream”

LA GIOSTRA, di Leonardo Berni

La giostra

di Leonardo Berni

LA GIOSTRA

Su una giostra che gira

e non porta mai a niente,

tutta musica e luci,

sei salito stasera.

Pochi spiccioli appena

era il prezzo di un sogno.

Troppo in fretta correva

quel cavallo di legno,

è svanito quel sogno,

sei caduto di sella.

Eri tu,ero io

quel bambino che vedo,

quante vane speranze,

la mia infanzia tradita,

come te porto in cuore

quelle stesse ferite.

L.B.