"Strane cose", il blog di Ettore

L’Europa fa un passo avanti che sembra piccolo ma che piccolo non è. Perché è un segnale, l’indizio di un cambiamento culturale nei confronti di qualcosa che fuori dai confini nazionali è sempre stato considerato “tipico”, “pittoresco” e soprattutto “innocuo”. Da oggi in poi quella parola non si potrà più usare per vendere un prodotto italiano, per confondere il nostro buon cibo con un marchio che evoca lutti e sangue. Utilizzare la parola “ Mafia” fra un piatto di spaghetti e una pizza è un’offesa e una vergogna. Ed è pure «contrario all’ordine pubblico».
Con una sentenza che chiude definitivamente la querelle fra lo Stato italiano e la catena di ristoranti spagnoli chiamata La mafia se sienta a la mesa ( La mafia si siede a tavola), il Tribunale europeo dichiara nulla la registrazione di quel marchio commerciale e vieta alla società che controlla gli esercizi di promuovere la mafia…

View original post 449 altre parole