Nuovo appuntamento con ARTE DIFFUSA, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Giovedì 28 marzo, alle ore 18 , sarà inaugurata la mostra di Niki Taverna “Materiche trasparenze”, presso il Caffè Alessandrino di piazza Garibaldi ad Alessandria. Si tratta di un nuovo appuntamento del progetto ARTE DIFFUSA, con il quale l’Associazione culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee ha portato l’arte in luoghi solitamente destinati ad altre attività. Il Presidente Fabrizio Priano dichiara che il progetto sta avendo grande successo, perché permette di vedere arte in luoghi insoliti e ha stimolato la curiosità dei clienti, che possono ciclicamente trovare con sorpresa diversi modi di interpretare l’arte.

Niki Taverna è nata e risiede ad Alessandria. Ha frequentato l’Accademia d’Arte Ligustica di Genova e si è poi dedicata alla progettazione di interni, avviando uno studio professionale, realizzando il governo del Teatro Comunale e la progettazione interna del Centro Agorà di Alessandria, oltre a negozi e abitazioni private.

Nella sua tecnica mista informale, la pittura diventa materica, colore e carta, colore schizzato , pennellato, carta stropicciata, strappata, modellata.

Nella poetica dell’artista la luce trasparente e la solarità dell’acquerello sono la parte ancora intatta e positiva della nostra esistenza; su questo sfondo evanescente, si annegano come parte negativa, ma non sempre, le pieghe ondulate e sinuose, gli strappi laceri e irregolari, i vuoti desolati e i pieni corposi della materia cartacea come rughe, che il tempo instancabilmente disegna sul volto di ognuno. Ogni solco e rilievo qui rappresentato è un’esperienza e un’emozione di vita.

Successo per AIDO con il tributo ai Pink Floyd, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Con il concerto “Breaking the wall” è ufficialmente partito il 39° anno di attività per AIDO- Sezione Provinciale di Alessandria.

Un compleanno col botto: è stata scelta la band italiana che meglio rappresenta la musica dei Pink Floyd, ma anche gli effetti scenici dei loro concerti live.

Pink Sound Turin, formatosi intorno alla figura del chitarrista Domenico Carazzita, è una realtà musicale che comprende oggi molti giovani insieme alla vecchia guardia del gruppo: Riccardo Piano (voce), Gabriele Zuddas (basso), cinque coriste, di cui tre presenti ad Alessandria, insieme allo special guest Marco Carazzita, 14 anni di bravura alle tastiere.

Per il concerto di Alessandria, sabato 24 marzo al Teatro Alessandrino, è stato portato uno spettacolo rinnovato per sostenere AIDO, con un intrattenimento di oltre due ore e mezza di grande musica, effetti spettacolari come le fontane o il maiale che a un certo punto è apparso in scena, per non dire dei frammenti di muro costruito ai lati del palco per dare speranza, perché il muro dell’indifferenza si può infrangere.

Il concerto ha portato a maggiore conoscenza e consapevolezza in tutti coloro che in queste settimane hanno sentito parlare di AIDO e in chi ha partecipato, cogliendo l’occasione per dichiarare la propria volontà alla donazione organi.

Nadia Biancato, Presidente provinciale di AIDO, accompagnata sul palco da Valter Mione, Presidente regionale AIDO , si dichiara soddisfatta e auspica altri eventi in cui si possa parlare di donazione, perché donazione significa VITA, grazie ad un atto di generosità che non costa nulla, ma dona nuova vita.

Con la legge n. 91/1999 l’Italia ha sviluppato un modello efficace per la donazione e il trapianto di organi, ma la domanda continua a crescere e la risposta non è adeguata: poco più di 2.300.000 italiani hanno espresso il loro consenso alla donazione e questo induce AIDO a rafforzare le sue campagne di sensibilizzazione a tutti i livelli. Esprimere in vita il proprio consenso alla donazione degli organi è una scelta consapevole. Ognuno di noi potrebbe a sua volta avere bisogno di un trapianto, oppure un nostro caro.

I donatori sono persone di qualunque età e tutti gli organi sono prelevabili: la malattia di uno o più organi non pregiudica l’utilizzo di altri o di tessuti per il trapianto.

In Provincia di Alessandria AIDO opera appunto dal 1979 e i Gruppi comunali svolgono attività di divulgazione in ogni contesto, soprattutto in quello scolastico.

Info: www. aido.it/ Alessandria

Rimango ferita, di Rosalba Di Giacomo

Rimango ferita, di Rosalba Di Giacomo

Rimango ferita dalla mia
continua introspezione.
È brutto guardarsi dentro
e realizzare di non riuscire
a perdonare .

Il perdono,
per essere tale,
deve nascere dal profondo,
farsi spazio
fra le pieghe dell’anima e
venire in superficie
tangibile e leggero.

Deve sgravarsi
dal peso della zavorra
passare dal cuore e
sorgere dalle labbra
passando attraverso
la luce dello sguardo.

Non parole fiorite
buttate a caso ma
frammenti di dolori
ricomposti e suturati.

Per perdonare dal profondo
dovrei trovare il filo giusto
per una grande sutura.

Rosalba Di Giacomo

Coleccionista de estrellas by mabm

TEJIENDO LAS PALABRAS

tumblr_nk0mpuAr1N1ty00g8o1_500

Ella coleccionaba estrellas. Le encantaba hacerlo. Sabía que se trataba de una afición peculiar, y más aún lo que hacía con ellas; pero no le importaba porque aquello le hacía feliz. Y cuando le preguntaban a qué venía ese particular entretenimiento no tenía ni idea de qué contestar, solo que le hacía feliz.

Cuando una estrella le llamaba la atención, que no tenía por qué ser la más bonita, ni siquiera la más brillante, cerraba los ojos, deseaba alcanzarla y alargaba el brazo hasta el cielo y se la tomaba prestada a la noche. Y antes de guardarla en la vieja y oxidada caja metálica de galletas que había heredado de su abuela, donde esta solía guardar sus útiles de costura, escribía sobre ellas un sueño.

El número de estrellas que guardaba en la caja nunca era el mismo, pues cada vez que cumplía uno de aquellos sueños, le…

View original post 7 altre parole

Manos ajenas by mabm

TEJIENDO LAS PALABRAS

Sin nombre

Agotada la luz de mis ojos, busqué las palmas de tus manos. A tientas recorrí campos sembrados de promesas bajo los efectos narcóticos de tus amapolas hastarendirmeen manos ajenas.

Y en mis sueños fuiste la mariposa a escala de grises que antes fue la oruga que tejió la venda que me cubrió los ojos y anestesió a mi corazón. Y fue precisamente en mis sueños donde hallé las respuestas que buscaba despierta.

Ahora ya podía despertar.

Septiembre 2017

View original post

Attenuare stress e depressione col Rosmarino.

ORME SVELATE

PS_20180105155150I disturbi emotivi, inclusa la depressione, generano sofferenza in moltissimi individui e come conseguenza in tantissimi nuclei familiari, nonché causano un enorme onere per la salute in tutto il mondo. Sono state proposte diverse teorie per spiegare la patogenesi della depressione, ma a causa della complessità, l’identificazione di specifici meccanismi di depressione è stata difficile. Tuttavia, le evidenze suggeriscono che lo stress e la depressione sono associati all’atrofia e alla perdita di cellule neuronali, nonché alla riduzione del volume delle principali strutture cerebrali. L’esposizione cronica allo stress, ad esempio, induce infiammazione neuronale, degenerazione neuronale e micro-danno cerebrale. Gli antidepressivi approvati di recente, come gli inibitori selettivi della ricaptazione (il processo mediante il quale il neurotrasmettitore che si trova nello spazio intersinaptico viene riassorbito a livello della membrana pre-sinaptica) della serotonina (SSRI) o gli ansiolitici che sono per lo più somministrati per via orale, hanno dimostrato di esercitare una migliore efficacia…

View original post 576 altre parole

L’umore basso porta a non avere empatia per il dolore degli altri

ORME SVELATE

PS_20171120205124L’empatia è un aspetto importante delle interazioni sociali in quanto promuove comportamenti prosociali, cooperazione e perdono ed influisce sulla qualità delle relazioni intime. Tuttavia, costituisce anche angoscia emotiva per chi prova empatia o “angoscia personale. Sebbene a volte il disagio personale empatico possa contribuire a migliorare la qualità dell’amicizia, è anche correlato a livelli di ansia più elevati. Si arriva a provare un senso di colpa e ad arrivare a comportamenti come l’evitamento. Per comprendere meglio la relazione tra sofferenza empatica e umore basso in particolare, come un aspetto importante della depressione, uno studio attuale utilizza un paradigma di induzione dell’umore per esaminare tale relazione in soggetti sani. L’induzione dell’umore viene utilizzata nello studio per modificare temporaneamente l’umore dei partecipanti sani, al fine di esaminare l’effetto della tristezza indotta sul disagio personale empatico. L’induzione dell’umore è stata precedentemente utilizzata per studiare l’effetto dell’umore invece per esaminare i partecipanti clinicamente depressi…

View original post 490 altre parole

L’umore materno in gravidanza predice il temperamento del nascituro

ORME SVELATE

PS_20180104171631Poche famiglie purtroppo sfuggono al fardello imposto dal disagio mentale. Lo studio della National Comorbidity Survey Replication ha stimato che l’esposizione alle avversità nelle prime fasi della vita può rappresentare la causa del 32,4% dei disturbi psichiatrici. Le esposizioni prenatali e precoci a stress e traumi sono state collegate a una vasta gamma di condizioni di salute mentale tra cui la schizofrenia, la depressione, l’ansia e il disturbo da stress post-traumatico. Prove da studi sull’uomo e da modelli animali suggeriscono inoltre che l’esposizione alle avversità prenatali e nelle prime fasi della vita può essere causalmente correlata ai cambiamenti cerebrali alla base del rischio di psicopatologia. Dati gli accumuli di prove relative al disagio psicologico materno prenatale al rischio di disturbi mentali e dei loro meccanismi neurali, un importante passo successivo è l’identificazione di componenti specifici dei segnali materni che modellano il cervello in via di sviluppo. Un lavoro precedente indica…

View original post 623 altre parole

Bullismo tra fratelli e conseguenze

ORME SVELATE

PS_20180214180447Quando si parla di bullismo, il pensiero va inevitabilmente agli avvenimenti che regolarmente succedono nelle nostre scuole, ma c’è una forma ancora più subdola e dannosa, ossia quella subita dai fratelli. I ricercatori hanno scoperto un legame tra bullismo tra fratelli ed un rischio aumentato di sviluppare un disturbo psichiatrico durante la prima età adulta. Lo studio riporta che coloro che sono vittime di bullismo da fratelli hanno tre volte più probabilità di essere diagnosticati con disturbi, come la schizofrenia, nel momento in cui raggiungono l’età adulta. Coloro che sono vittime di bullismo a casa e a scuola hanno quattro volte più probabilità di sviluppare disturbi psichiatrici, sottolineano i ricercatori. Lo studio del Dipartimento di Psicologia di Warwick, è il primo che esplora la relazione tra il bullismo tra fratelli e lo sviluppo di disturbi psicotici. Quasi 3.600 bambini dell’Avon Longitudinal Study of Parents and Children hanno compilato un questionario…

View original post 479 altre parole

La resilienza aiuta a superare il bullismo

ORME SVELATE

PS_20180124164803.jpegUn nuovo studio condotto da UCL ha fornito la prova più forte fino ad oggi che l’esposizione al bullismo causi problemi di salute mentale, come ansia e disturbo post traumatico da stress, anche a distanza di anni. Precedenti studi hanno dimostrato che i bambini vittime di bullismo hanno maggiori probabilità di soffrire di problemi di salute mentale, ma forniscono poche prove di un nesso causale, poiché le vulnerabilità preesistenti possono portare i bambini ad essere vittime di bullismo e sperimentare risultati peggiori di salute mentale con maggiore probabilità. Lo studio, pubblicato su JAMA Psychiatry, ha utilizzato un solido esperimento per identificare la causalità. I ricercatori hanno coinvolto 11.108 partecipanti del Twins Early Development Study (TEDS), che ha sede presso il King’s College di Londra. Analizzando i gemelli, i ricercatori sono stati in grado di esaminare le associazioni tra bullismo e risultati di salute mentale e quindi spiegare gli effetti…

View original post 539 altre parole

Le lezioni di musica migliorano le capacità cognitive dei bambini

ORME SVELATE

Risultati immagini per Beethoven's Quartet op. 132 Martin Cambriglia Beethoven’s Quartet op. 132 (Martin Cambriglia)

L’educazione musicale è stata ridimensionata nelle scuole di tutto il mondo, a causa della competizione con materie accademiche ed una crescente mancanza di finanziamenti. Ormai, l’opportunità di apprendere uno strumento è vista più come un lusso che come una parte necessaria dell’educazione. Le lezioni di musica strutturata migliorano in modo significativo le abilità cognitive dei bambini – tra cui il ragionamento basato sul linguaggio, memoria a breve termine, pianificazione e inibizione – che portano a prestazioni accademiche migliorate. Pubblicato in Frontiers in Neuroscience, la ricerca è il primo studio longitudinale su larga scala da adattare al programma scolastico regolare. Inoltre è stato trovato che anche le lezioni di arti visive migliorano significativamente la memoria visiva e spaziale dei bambini. Nonostante le indicazioni che la musica abbia effetti benefici sulla cognizione, la musica sta scomparendo dai programmi di studio generale. Questo ha ispirato i ricercatori…

View original post 338 altre parole

La violenza scuote il calcio francese

Revolution Post

Violento dentro casa , schiaffi e pugni , timido in campo e negli spogliatoi. Questo è il racconto di Miriam ex compagna di un calciatore francese ancora in attività.

Si conobbero in Africa , lui la portò con se a vivere in Francia sembrava innamoratissimo dopo un po’ l’inferno, geloso possessivo tanto da farla restare da sola isolata senza un’amica.

Schiaffi pugni in pancia, e costrizione ad avere rapporti sessuali, sembrava lo eccitasse picchiare la sua donna, un uomo paranoico.

La donna decide di vuotare il sacco solo dopo aver saputo , che la nuova compagna subisce lo stesso trattamento d’amore, e si rifugia dal suocero .

Non hai mai denunciata perché non voleva rovinarlo , il calcio per lui era tutto.

Perché si pensa sempre di non rovinare l’altro e invece di farsi rovinare la vita, quel uomo non è innamorato è malato, ossessione paranoie, è un violento va…

View original post 67 altre parole

L’attesa di un amore, di Gianni Balsamo

L’attesa di un amore, di Gianni Balsamo

L’attesa di un amore

Ti vedo
scruto il tuo sguardo
cerco di capire dal tuo viso
cerco di capire dalle tue parole
cerco disperatamente
di trovare tracce di un amore
che desidero più di ogni altra cosa
e trascorro i miei giorni
in un altalena di speranze e di timori
analizzando le tue parole e i tuoi silenzi
nel tentativo di capire se posso sperare
che in angolo remoto del tuo cuore
ci possa essere un posticino
riservato a me.

Gianni, 17 marzo 2018

Il tempo di noi, di Fausto Marongiu

Il tempo di noi, di Fausto Marongiu

Il tempo di noi.

Lasciamo il tempo dov’è.
Lasciamo che scorri lentamente,
che scivoli…come una carezza
o come un bacio rubato.
Lasciamolo passare quel tempo.
Facciamoci trasportare,
chiudiamo gli occhi,
e cominciamo a vivere,quel tempo,
nell’attimo in cui
le nostre labbra si uniscono,
sentire il nostro respiro
trasformarsi in sospiri e gemiti
di passione.
Stringerci la mano tutte le volte
che siamo accanto,
guardarci negli occhi, per vivere d’amore,
amarci senza confini.
Lasciamo il tempo dov’è
facendo danzare
il tuo cuore nel mio.

Fausto Marongiu

Ricorderò i tuoi occhi di Salvatore Lagravanese. Recensione di Monica Pasero

Ricorderò

Ricorderò i tuoi occhi di Salvatore Lagravanese. Recensione a cura di Monica Pasero.

È un viaggio empirico quello intrapreso dal poeta che ci porta a vivere la brama di un uomo incantato, incatenato, nell’anima, dall’essenza di una donna, dal suo ricordo che permane nel tempo. Marchiando in lui forti emozioni che, dall’anima, si espandono fino al cuore e trasmigrano con  dolcezza, creando versi temprati dal dolore, dalla forza di un sentimento, in cui s’inneggia un amore sofferto, bramato e mai dimenticato.

Liriche che raccontano il travaglio di un cuore ammaliato, rapito da questa figura femminile  e  dai quei  suoi occhi che, in ogni verso,  s’ impongono prepotentemente in quest’opera divenendone  fulcro dell’ intera raccolta.  Quegli occhi di donna, dove si nasconde l’infinito, in cui quest’uomo si è perso  ed ora annaspa  in quel  mare  esistenziale dei  tanti se, delle tante domande  a cui  non riesce a dare risposta. Naufrago di  un desiderio perennemente vivo… Continua a leggere “Ricorderò i tuoi occhi di Salvatore Lagravanese. Recensione di Monica Pasero”

Federico FORNARO Liberi e Uguali è il presidente del gruppo Misto alla Camera

federico Fornaro

Federico FORNARO Liberi e Uguali è il presidente del gruppo Misto alla Camera

Camera, gruppo Misto elegge FORNARO(Leu) capogruppo In attesa di deroga per creare gruppo autonomo Roma, 27 mar. (askanews) –

Federico FORNARO è il presidente del gruppo Misto alla Camera. L’esponente di Liberi e Uguali è stato eletto all’unanimità dal gruppo composto da 36 deputati.

LeU ha ottenuto la guida della componente, in attesa di chiedere la deroga per costituire gruppo autonomo, in quanto componente più numerosa del Misto.

Quando LeU riuscirà a formare il proprio gruppo alla Camera, potrebbero essere necessari un paio di settimane o un mese, per il Misto sarà eletto un nuovo presidente

L’uomo senza identità: “L’innominabile attuale”, di Roberto Calasso

l'uomo Cover-300x177

l'uomo linnominabile-191x300

L’uomo senza identità: “L’innominabile attuale” di Roberto Calasso

Franco Livorsi Alessandria  http://www.cittafutura.al.it/

Roberto Calasso è un importante editore, fondatore con Roberto Bazlen e Luciano Foà dell’Adelphi. Solo che all’epoca della nascita della casa editrice, nel 1962, aveva ventuno anni. Si stava laureando in Letteratura inglese ed era poliglotta. Calasso è anche un notevole e prolifico scrittore (del genere che è detto misto, essendo a un tempo narratore di antichi miti, profondo conoscitore e commentatore della letteratura, e filosofo).

Tra i suoi libri ce ne sono ben nove intesi da lui come parti autonome, ma interconnesse, di un’opera unitaria: “La rovina di Kash” (1983), storia di una mitica città africana che avendo mancato di compiere il ciclico omicidio rituale del suo re, rompendo così un ordine immutabile, sacro, rispettato da tempo immemorabile, andò in rovina;

“Le nozze di Cadmo e Armonia” (1988), la sua fortunatissima opera sui miti greci, in specie di amore e morte; “Ka” (1996), su Veda, buddhismo e miti antichi; “K” (2002), su Kafka; “Il rosa di Tiepolo” (2006) ; “La folie Baudelaire” (2008); “L’ardore” (2010), il suo più importante libro sul mondo vedico, dell’India antica; Continua a leggere “L’uomo senza identità: “L’innominabile attuale”, di Roberto Calasso”

A Fabrizio Frizzi, di Antonietta Fragnito

3ZBPGXLS6208-kErG-Uvrnu8kg7fVU8TZ-1024x576@LaStampa.it

La redazione di Alessandria today ricorda Fabrizio Frizzi, un uomo buono, generoso e disponibile con tutti, che sapeva entrare in punta di piedi nelle case delle famiglie italiane, con una poesia di Antonietta Fragnito.

A Fabrizio Frizzi, di Antonietta Fragnito

Di Fabrizio mi incantava
il sorriso accennato,
che allagava il volto
e inondava gli occhi.
Uomo normale nella sua straordinarietà.
Uomo bello dotato di bellezza universale.
Credo che sentisse tanto il dolore globale.
E lo medicava come poteva.
Cedendo un sorriso, una parola, una stretta di mano.
un pezzetto di cellula.
Aveva bene in mente la vastità del suo cuore.
Ciao Fabrizio.

 

Rose Colored Glasses

Water for Camels

Looking at the world through Rose Colored Glasses intimates that you only see the positive in a situation, ignoring the negative aspects. But what if you only see the negative? Clinically, to the extreme we might diagnose Dysthemic disorder or the old Melancholia. But there are people who are NOT clinically depressed but are just

negative…

about everything…

all the time.

I like to call them unhappy smurfs. Their glasses are jade colored because everything they see is jaded. Have you come in contact with these people?

What I have found out about both positivity and negativity is that they are like emotional viruses…highly contagious. Being around a sincerely positive person, can positively affect your mood. I am not talking about someone who in disingenuous, with obvious agendas, but someone who is confident, positive and solution focused. Those types of people draw me in like a back porch light draws…

View original post 717 altre parole

Ver “LA LEY DE CAUSA Y EFECTO EN TU VIDA” en YouTube

kontemporenidad

https://youtu.be/PVaSyy8x3-o Interesante el kontenido porke te explika situasiones de la actualidad y de ke nadihe pasa desapersibido y si esto es asi aki bendria kienes acen chismes a los demas para agradar y sobajar el ahuto estima de la persona sin ke se de kuenta preguntandoce todo el tiempo porke le ba mal ha el y akienes les deveria ir mal les va vien pero todo es a konsiderasion de kada kien en su vida puesto ke todos estamos aki por huna kausa y depende de nosotros rresurguir algun efecto kisas asta del akoso si es posible para bien y no para mal.

View original post

Perfect date outfit…

sangwanankita

Everyone tries to look their best on their date.But it is so difficult to come to the result. What we need is someone to suggest us what to wear, and that someone is our friend or sister mostly because they know us and our style very well. They know what we like and looks good on us.

It also depends what type of clothes we prefer to wear and we are comfortable in. Accordingly, we should dress. Mostly girls like to wear dresses.

That’s why today’s outfit is a dress that you can wear on your date. I have come up with these….

The most important thing while dressing is it shouldn’t be too sober that it will look dull and not too much efforts, that might make it look tacky. You should balance your outfit.

Some people try to pair things up like… suppose they are wearing a red…

View original post 35 altre parole

Shirt: A wardrobe essential

sangwanankita

I can not say about every one but my closet contains things which can be easily paired up with anything.

Is there anyone who doesn’t have a shirt in his/her closet?

Like, shirts which can be paired up with almost everything.

  • Pants: Ofcourse we all wear shirts with pants. Doesn’t matter if the look is formal or not. You can always rock the look with shirt and pants.
  • Ripped jeans: I just love pairing up shirt with ripped jeans. 😍😍😍
  • Shorts: It’s amazing. Right? Shirt also looks good with shorts. But when you are pairing up a shirt with shorts the shirt should be be little bit designer.
  • Skirt: For a perfect formal look what is better than a shirt and a skirt. Especially with a pencil skirt.
  • Plazo: You can get such a pretty indo-western outfit by matching a shirt with plazo.
  • Ethnic Skirt: I have seen so many…

View original post 63 altre parole

How to style a simple white top.

sangwanankita

It is so amazing to create different looks from the same piece. I think it’s an art which is inside everybody, you just need to explore it .

So today I am going to share a few ideas how you can style a simple white top.

  • You can tuck in your top like you tuck in your shirt. I think it looks pretty amazing. I have tried it a few times and it looks amazing.
  • Half tuck in: Yeah, just tuck in the top from the front and the rest of the part it really gives a nice and stylish look.
  • This one is my favourite, using a scarf on a simple top. It really gives you a finishing look.
  • Use a simple top with a chic jacket . This gives you an elegant look.
  • If you are wearing a simple top then it will be great if you choose…

View original post 64 altre parole

“Incognita Libia” di Michela Mercuri, un successo al Melchionni cafè

arci2

“Incognita Libia” di Michela Mercuri, un successo al Melchionni cafè

“Mercoledi 21 marzo Arcipelago ha organizzato presso il Caffè Melchionni di Alessandria un incontro con la Professoressa Michela Mercuri, docente universitaria di Storia contemporanea dei paesi mediterranei e di Geopolitica del medio oriente, per la presentazione del suo ultimo libro ” Incognita Libia. Cronache di un Paese sospeso”;

Il dibattito ha visto delineare da parte della Professoressa Mercuri le principali cause di conflitto e tensione all interno della libia individuando in maniera precisa attori e protagonisti delle dinamiche belliche che nascono facendo anche riferimento alle responsabilità enormi che i principali paesi europei, sopratutto la Francia, hanno nei confronti di questi territori che sono inoltre per gli stessi paesi Europei fonte di materie prime come il petrolio. Continua a leggere ““Incognita Libia” di Michela Mercuri, un successo al Melchionni cafè”

Alessandria today: A Radio Voce Spazio, “L’avventura dei distretti”, di Giacomo Balduzzi

Alessandria today: A Radio Voce Spazio, “L’avventura dei distretti”, di Giacomo Balduzzi

di Pier Carlo Lava

Alessandria, sabato mattina a Radio vice Spazio si è tenuta la presentazione del libro di Giacomo Balduzzi,  “L’avventura dei distretti”. Istituzioni e società nel capitalismo territoriale in evoluzione. La crisi economica mondiale, con i suoi effetti devastanti, ha riportato al centro del dibattito il rapporto tra territorio e sviluppo economico.

video: https://youtu.be/e1tIGsx66mU

Alessandria, Radio Voce Spazio, Giacomo Balduzzi, Libri, L’avventura dei distretti, Alessandria today,

da Repubblica-POLITICA L’inchiesta/2 La Campus Link I contatti con Mosca e con gli 007 negli affari dell’università a 5 Stelle GIANLUCA DI FEO

"Strane cose", il blog di Ettore

La Link Campus University, fucina di tre dei ministri designati da Luigi Di Maio, è un ateneo a due teste. C’è l’università, guidata da Vincenzo Scotti, uomo di governo prima democristiano e poi berlusconiano. E c’è l’attività imprenditoriale in mano a una catena di società che fanno capo a Vanna Fadini e, secondariamente, all’ingegnere napoletano Pasquale Russo. La signora Fadini esordisce come esperta di promozione, attiva con enti pubblici del Nord e del Sud. Le cronache registrano un’interrogazione parlamentare su un contratto assegnatole a Ragusa e ratificato nel 1996 dal ministro Franco Frattini, poi capo degli Esteri quando Scotti era sottosegretario: oggi Frattini è membro del cda e professore straordinario della Link.
Fadini guida la Gem, che gestisce tutti i servizi e paga gli stipendi ai dipendenti dell’università.
A dire il vero, nel 2013 l’avvocato Marco Scialdone ha fatto causa, promuovendo con una campagna online la sua situazione: «Sono stato…

View original post 1.140 altre parole

RiprenditiAlessandria: Marcia del Respiro – FlashMob AntiSmog

Marcia del respiro

RiprenditiAlessandria: Marcia del Respiro – FlashMob AntiSmog

Il 7 aprile si celebra la giornata Mondiale della Salute.

Abbiamo deciso di dedicare il primo evento organizzato da RiprenditiAlessandia al respiro. L’evento ha lo scopo di prendere tutti insieme coscienza di un problema, invisibile agli occhi, ma che ha un grosso peso sulla qualità della vita di ognuno di noi e che non possiamo permetterci di trascurare per il bene delle generazioni future. 

L’aria è un bene pubblico e come tale va tutelato e conservato.  Sarà inoltre un modo per conoscerci e capire meglio chi siamo e cosa ci ha spinto a spenderci in prima persona, a dedicare tempo ed energie per il bene della città!. Continua a leggere “RiprenditiAlessandria: Marcia del Respiro – FlashMob AntiSmog”

La missione di Frizzi, l’amico della tv che non tradiva mai, di Alberto Infelise. La Stampa

3ZBPGXLS6208-kErG-Uvrnu8kg7fVU8TZ-1024x576@LaStampa.it

La missione di Frizzi, l’amico della tv che non tradiva mai, di Alberto Infelise

LAPRESSE

ALBERTO INFELISE http://www.lastampa.it/

Viale Mazzini, Roma, una mattina di fine estate. Arrivò velocissimo, inchiodando con il motorino blu, il casco ancora addosso: «Eccomi, scusa per il ritardo». «Fabrizio, sei in anticipo di dieci minuti». Esplose nella sua risata fragorosa, strizzando gli occhi, stringendosi nelle spalle, sobbalzando. Insomma, la risata di Fabrizio Frizzi, quella che chiunque può rivedere chiudendo gli occhi. E aggiunse: «Sì, hai ragione, scusa». Era fatto così, in diretta davanti alle telecamere con milioni di occhi puntati addosso, oppure arrivando a un appuntamento qualsiasi, per parlare davanti a un caffè.  

In un mondo che stava voltando le spalle alla vecchia televisione generalista, Frizzi era rimasto un punto di riferimento per il grande pubblico, uno dei pochi degni eredi dei grandi del passato. Di Corrado, prima di tutti, ma anche di Enzo Tortora e Mike Bongiorno. Era togato e curiale, fin da quando era uno dei ragazzi prodigio della televisione italiana. Era l’immagine della Rai, in particolare di Raiuno. Continua a leggere “La missione di Frizzi, l’amico della tv che non tradiva mai, di Alberto Infelise. La Stampa”

Chiamami col tuo nome di Andre’ Aciman Recensione di Cristina Saracano

img-20181027-wa00098296232543093356021.jpg

Oggi pomeriggio, alle 16,30 alla libreria Mondadori, va Trotti 58, Alessandria, si parla di questo libro, letto da me qualche mese fa, vi ripropongo la recensione.

 

In un’estate di vent’anni fa sul Ponente Ligure, Elio, 17 anni, un’intelligenza viva e una passione per i libri e la musica, trascorre le vacanze nella casa di famiglia, dove si alternano ospiti illustri e, quindi, cene affollate.

L’arrivo di un giovane americano, Oliver, giunto sul posto per completare la sua tesi di post dottorato, porterà scompiglio nel timido Elio.

Oliver, la sua eleganza, la sua bellezza, le sue movenze: Elio non smette di osservarlo e di pensare a lui.

Diventano amici perché condividono esperienze e interessi.

Non possono smettere di star lontani: si cercano  e si danno appuntamento di nascosto dal resto del mondo. Continua a leggere “Chiamami col tuo nome di Andre’ Aciman Recensione di Cristina Saracano”

“Viticoltura: la lotta alle malattie fungine della vite nell’ambito della gestione sostenibile del vigneto”

viticoltura

“Viticoltura: la lotta alle malattie fungine della vite nell’ambito della gestione sostenibile del vigneto”

Giornata dimostrativa a Casale

Il 3 aprile prossimo presso l’Azienda Agricola Bottazza della Famiglia Leporati sita in Strada Vecchia per Pozzo S’Evasio, 9 Casale M.to dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 17 si svolgerà una giornata dimostrativa dal titolo “Viticoltura: la lotta alle malattie fungine della vite nell’ambito della gestione sostenibile del vigneto”.

Confagricoltura Alessandria organizza questo evento in base al progetto di informazione per il settore agricolo attivato sulla Misura 1.2.1 del Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 con ERAPRA PIEMONTE. Continua a leggere ““Viticoltura: la lotta alle malattie fungine della vite nell’ambito della gestione sostenibile del vigneto””