Nuovo appuntamento con ARTE DIFFUSA, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Giovedì 28 marzo, alle ore 18 , sarà inaugurata la mostra di Niki Taverna “Materiche trasparenze”, presso il Caffè Alessandrino di piazza Garibaldi ad Alessandria. Si tratta di un nuovo appuntamento del progetto ARTE DIFFUSA, con il quale l’Associazione culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee ha portato l’arte in luoghi solitamente destinati ad altre attività. Il Presidente Fabrizio Priano dichiara che il progetto sta avendo grande successo, perché permette di vedere arte in luoghi insoliti e ha stimolato la curiosità dei clienti, che possono ciclicamente trovare con sorpresa diversi modi di interpretare l’arte.

Niki Taverna è nata e risiede ad Alessandria. Ha frequentato l’Accademia d’Arte Ligustica di Genova e si è poi dedicata alla progettazione di interni, avviando uno studio professionale, realizzando il governo del Teatro Comunale e la progettazione interna del Centro Agorà di Alessandria, oltre a negozi e abitazioni private.

Nella sua tecnica mista informale, la pittura diventa materica, colore e carta, colore schizzato , pennellato, carta stropicciata, strappata, modellata.

Nella poetica dell’artista la luce trasparente e la solarità dell’acquerello sono la parte ancora intatta e positiva della nostra esistenza; su questo sfondo evanescente, si annegano come parte negativa, ma non sempre, le pieghe ondulate e sinuose, gli strappi laceri e irregolari, i vuoti desolati e i pieni corposi della materia cartacea come rughe, che il tempo instancabilmente disegna sul volto di ognuno. Ogni solco e rilievo qui rappresentato è un’esperienza e un’emozione di vita.

Successo per AIDO con il tributo ai Pink Floyd, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Con il concerto “Breaking the wall” è ufficialmente partito il 39° anno di attività per AIDO- Sezione Provinciale di Alessandria.

Un compleanno col botto: è stata scelta la band italiana che meglio rappresenta la musica dei Pink Floyd, ma anche gli effetti scenici dei loro concerti live.

Pink Sound Turin, formatosi intorno alla figura del chitarrista Domenico Carazzita, è una realtà musicale che comprende oggi molti giovani insieme alla vecchia guardia del gruppo: Riccardo Piano (voce), Gabriele Zuddas (basso), cinque coriste, di cui tre presenti ad Alessandria, insieme allo special guest Marco Carazzita, 14 anni di bravura alle tastiere.

Per il concerto di Alessandria, sabato 24 marzo al Teatro Alessandrino, è stato portato uno spettacolo rinnovato per sostenere AIDO, con un intrattenimento di oltre due ore e mezza di grande musica, effetti spettacolari come le fontane o il maiale che a un certo punto è apparso in scena, per non dire dei frammenti di muro costruito ai lati del palco per dare speranza, perché il muro dell’indifferenza si può infrangere.

Il concerto ha portato a maggiore conoscenza e consapevolezza in tutti coloro che in queste settimane hanno sentito parlare di AIDO e in chi ha partecipato, cogliendo l’occasione per dichiarare la propria volontà alla donazione organi.

Nadia Biancato, Presidente provinciale di AIDO, accompagnata sul palco da Valter Mione, Presidente regionale AIDO , si dichiara soddisfatta e auspica altri eventi in cui si possa parlare di donazione, perché donazione significa VITA, grazie ad un atto di generosità che non costa nulla, ma dona nuova vita.

Con la legge n. 91/1999 l’Italia ha sviluppato un modello efficace per la donazione e il trapianto di organi, ma la domanda continua a crescere e la risposta non è adeguata: poco più di 2.300.000 italiani hanno espresso il loro consenso alla donazione e questo induce AIDO a rafforzare le sue campagne di sensibilizzazione a tutti i livelli. Esprimere in vita il proprio consenso alla donazione degli organi è una scelta consapevole. Ognuno di noi potrebbe a sua volta avere bisogno di un trapianto, oppure un nostro caro.

I donatori sono persone di qualunque età e tutti gli organi sono prelevabili: la malattia di uno o più organi non pregiudica l’utilizzo di altri o di tessuti per il trapianto.

In Provincia di Alessandria AIDO opera appunto dal 1979 e i Gruppi comunali svolgono attività di divulgazione in ogni contesto, soprattutto in quello scolastico.

Info: www. aido.it/ Alessandria

Rimango ferita, di Rosalba Di Giacomo

Rimango ferita, di Rosalba Di Giacomo

Rimango ferita dalla mia
continua introspezione.
È brutto guardarsi dentro
e realizzare di non riuscire
a perdonare .

Il perdono,
per essere tale,
deve nascere dal profondo,
farsi spazio
fra le pieghe dell’anima e
venire in superficie
tangibile e leggero.

Deve sgravarsi
dal peso della zavorra
passare dal cuore e
sorgere dalle labbra
passando attraverso
la luce dello sguardo.

Non parole fiorite
buttate a caso ma
frammenti di dolori
ricomposti e suturati.

Per perdonare dal profondo
dovrei trovare il filo giusto
per una grande sutura.

Rosalba Di Giacomo

Coleccionista de estrellas by mabm

TEJIENDO LAS PALABRAS

tumblr_nk0mpuAr1N1ty00g8o1_500

Ella coleccionaba estrellas. Le encantaba hacerlo. Sabía que se trataba de una afición peculiar, y más aún lo que hacía con ellas; pero no le importaba porque aquello le hacía feliz. Y cuando le preguntaban a qué venía ese particular entretenimiento no tenía ni idea de qué contestar, solo que le hacía feliz.

Cuando una estrella le llamaba la atención, que no tenía por qué ser la más bonita, ni siquiera la más brillante, cerraba los ojos, deseaba alcanzarla y alargaba el brazo hasta el cielo y se la tomaba prestada a la noche. Y antes de guardarla en la vieja y oxidada caja metálica de galletas que había heredado de su abuela, donde esta solía guardar sus útiles de costura, escribía sobre ellas un sueño.

El número de estrellas que guardaba en la caja nunca era el mismo, pues cada vez que cumplía uno de aquellos sueños, le…

View original post 7 altre parole

Manos ajenas by mabm

TEJIENDO LAS PALABRAS

Sin nombre

Agotada la luz de mis ojos, busqué las palmas de tus manos. A tientas recorrí campos sembrados de promesas bajo los efectos narcóticos de tus amapolas hastarendirmeen manos ajenas.

Y en mis sueños fuiste la mariposa a escala de grises que antes fue la oruga que tejió la venda que me cubrió los ojos y anestesió a mi corazón. Y fue precisamente en mis sueños donde hallé las respuestas que buscaba despierta.

Ahora ya podía despertar.

Septiembre 2017

View original post

Attenuare stress e depressione col Rosmarino.

ORME SVELATE

PS_20180105155150I disturbi emotivi, inclusa la depressione, generano sofferenza in moltissimi individui e come conseguenza in tantissimi nuclei familiari, nonché causano un enorme onere per la salute in tutto il mondo. Sono state proposte diverse teorie per spiegare la patogenesi della depressione, ma a causa della complessità, l’identificazione di specifici meccanismi di depressione è stata difficile. Tuttavia, le evidenze suggeriscono che lo stress e la depressione sono associati all’atrofia e alla perdita di cellule neuronali, nonché alla riduzione del volume delle principali strutture cerebrali. L’esposizione cronica allo stress, ad esempio, induce infiammazione neuronale, degenerazione neuronale e micro-danno cerebrale. Gli antidepressivi approvati di recente, come gli inibitori selettivi della ricaptazione (il processo mediante il quale il neurotrasmettitore che si trova nello spazio intersinaptico viene riassorbito a livello della membrana pre-sinaptica) della serotonina (SSRI) o gli ansiolitici che sono per lo più somministrati per via orale, hanno dimostrato di esercitare una migliore efficacia…

View original post 576 altre parole

L’umore basso porta a non avere empatia per il dolore degli altri

ORME SVELATE

PS_20171120205124L’empatia è un aspetto importante delle interazioni sociali in quanto promuove comportamenti prosociali, cooperazione e perdono ed influisce sulla qualità delle relazioni intime. Tuttavia, costituisce anche angoscia emotiva per chi prova empatia o “angoscia personale. Sebbene a volte il disagio personale empatico possa contribuire a migliorare la qualità dell’amicizia, è anche correlato a livelli di ansia più elevati. Si arriva a provare un senso di colpa e ad arrivare a comportamenti come l’evitamento. Per comprendere meglio la relazione tra sofferenza empatica e umore basso in particolare, come un aspetto importante della depressione, uno studio attuale utilizza un paradigma di induzione dell’umore per esaminare tale relazione in soggetti sani. L’induzione dell’umore viene utilizzata nello studio per modificare temporaneamente l’umore dei partecipanti sani, al fine di esaminare l’effetto della tristezza indotta sul disagio personale empatico. L’induzione dell’umore è stata precedentemente utilizzata per studiare l’effetto dell’umore invece per esaminare i partecipanti clinicamente depressi…

View original post 490 altre parole