Camion dismesso dai pompieri, sarà utilizzato in caso di emergenza idrica

DANIELE PRATO

ACQUI TERME

Si è subito tradotta in una collaborazione tra due realtà che si occupano di volontariato ma quella tra la Protezione civile di Acqui e i pompieri di Rumelange, Granducato di Lussemburgo al confine con la Francia, è prima di tutto la storia di un’amicizia. Quella nata l’estate scorsa tra Maringiorgio Cataldo, coordinatore dei volontari acquesi, e il lussemburghese Joel Wagner, vigile del fuoco (volontario anche lui), arrivato in città con la moglie, rimasta ad Acqui quindici giorni per partecipare all’Accademia di mandolino. La coppia si era sistemata nell’area camper di zona Bagni, che la Protezione civile gestisce per conto del Comune. Cataldo era spesso lì, per sbrigare le attività di ogni giorno. «E alla fine è nata l’amicizia con Joel – racconta -. Ci ha visti lavorare sodo, ha capito quante cose facciamo e ne è rimasto colpito. Il giorno in cui è ripartito, l’ho salutato regalandogli una bottiglia di Brachetto». E lui l’ha ripagato attivandosi con i vigili del fuoco volontari della sua Rumelange, 5 mila abitanti, per regalare alla Protezione civile acquese, che aveva visto darsi da fare con tanta passione, un mezzo pronto ad andare in pensione. Un camion rosso fiammante, vecchiotto (ha più di 40 anni) ma perfettamente funzionante e tenuto come un gioiello, con appena 16 mila km percorsi e tutte le dotazioni: autobotte da 2.500 litri, lance, schiumogeni, asce e il pieno di carburante. Da Acqui sono partiti in sei per andarlo a prendere in Lussemburgo il 26 marzo. Dodici ore di viaggio, poco più di 800 km, per cementare un’amicizia nata nel segno della solidarietà. «Ci hanno accolto con una festa, presente anche il loro sindaco» dice Cataldo, capo spedizione per conto del presidente Lorenzo Torielli. Ad Acqui, il mezzo sarà usato in caso di emergenza idrica, per trasportare l’acqua. E se ce ne sarà bisogno, di fronte a eventuali calamità, i vigili del fuoco lussemburghesi saranno chiamati a dare una mano. «A luglio arriveranno in città per firmare l’accordo di collaborazione. Intanto, nelle prossime settimane, ospiteremo in sede un gruppo di loro motociclisti» dice Cataldo. E chissà che tra i Comuni di Acqui e Rumelange non possano, con il tempo, scattare progetti di gemellaggio.

http://www.lastampa.it/2018/04/01/edizioni/alessandria/autobotte-dal-lussemburgo-in-dono-alla-protezione-civile-di-acqui-pdeeNa7F74BsWOr7zGjVoL/pagina.html