Germgliano

Germogliano semi nel cuore, di Loredana Mariniello

Tutti i profumi di una preannunciata primavera

brulicano come uno sciame d’api

nell’arnia artificiale del pensiero,

un sole ardente m’imporpora il viso,

accende il sangue nelle vene

illuminandomi il sorriso.

Amore, lasciami bere il miele

che ti cola dalla bocca e ti impiastriccia le mani,

è aprile, il cielo è sereno,

ma lunga è l’attesa del nostro domani !

Rimani incastrato in questo origami

di rime e di versi senza più confini.

Vicino alla fresca sorgente, in sommo silenzio

all’ombra di un noce, ridammi, felice, la pace

di un sogno che nasce furente e vivace

a nuova e più fulgida luce

Con gli occhi carezzami l’anima ,

tra quelle braccia possenti, cullami il desiderio,

si appisola su una nuvola

un neonato ardore nuovo

il cuore come un matto corre lontano,

mentre a un tramonto ,malinconica sospiro

e con un soffio breve e leggero

sbadatamente spengo il cero

poggiato sul comodino,

contando le stelle in cielo

fantastico sul mio destino.

Commuove l’ assiolo col suo assolo

quel serico bianco chiarore,

la luna fa piovere sul mio seno

un mix di dolcezza e prostrazione.

In questo incantato castello

maestosa dimora del sogno,

dipingi di rosso il disegno

che stanotte ci inquieterà il sonno.

Leggiadro come ala nel vento,

si spinge lassù il sentimento,

cosparge con fili d’oro e d’argento

un altero e prospero firmamento.

Germogliano semi nel cuore,

soavi e armoniose parole,

com’è delicato l’amore

che all’alba si appresta a fiorire !