Da sempre scrivo, anche se so di non essere così brava a mettere in ordine le idee che affollano la mente. Scrivere mi aiuta, aiuta a far uscire tutto ciò che penso. Da adolescente avevo un diario cartaceo, quando avevo voglia riempivo pagine e pagine con tutto ciò che facevo in quel periodo; le uscite, le illusioni, le amicizie, i ricordi, le delusioni, i rimpianti, le gioie, le speranze…

Oggi invece ho una raccolta di email che conservo gelosamente, alcune scritte da me a me stesse, altre ricevute e poi rispedite, a cui tengo particolarmente; a volte ci penso, le vorrei condividere con un pubblico più ampio. Da sempre scorre in me l’idea di scrivere un libro, in cui poter far trasparire una serie di sensazioni, un passaggio di parole che dalla mia testa vadano a quella del lettore, perchè quelle parole non siano solo lettere dell’alfabeto che hanno un senso…

View original post 107 altre parole