viaggiare_elettrico+copertina

Una Recensione di “Viaggiare Elettrico” di Ugo Bardi
Posted by Ugo Bardi https://ugobardi.blogspot.it
Viaggiare Elettrico di Ugo Bardi
Lu.Ce Edizioni 245 pag.  15 Euro
Questo libro di Ugo Bardi offre una bella panoramica sulla mobilità, si parte dalle origini con i piedi e i cavalli fino ai giorni nostri con aerei, navi e automobili.
Si passano in rassegna i vari mezzi e la loro relazione con l’energia, da quella umana e animale, alla rinnovabile del vento fino al massiccio uso delle energie fossili.
L’esaurimento del petrolio richiede un cambio di mentalità, si spiegano bene i limiti ma anche i vantaggi dell’alimentazione elettrica esprimendo l’opinione che se il cambio di modalità si deve fare è meglio farlo subito e senza passare dagli ibridi.
L’elettrificazione è una necessità per risolvere tanti problemi di inquinamento dovute ai motori a combustione. Ma non è tutto facile, la densità energetica delle batterie rispetto ai combustibili sono un grande limite a questa evoluzione.
Si passano in rassegna anche i sogni utopici di auto ad acqua o ad aria compressa e le difficoltose applicazioni di carburanti alternativi come etanolo, biodiesel, idrogeno e pure le speranza di far funzionare bene le celle a combustibile su cui l’autore ha lavorato come ricercatore a Berkeley.

Il testo percorre anche le esperienze dirette di trasformazione di vecchie 500 in elettrico e gli scontri con la burocrazia ottusa. Un bella rassegna delle varie tipologie di accumulatori, dal più comune Pb-acido solforico per arrivare agli ioni di litio passando da Ni-Cd, Ni-MH, Sodio-Cloruri di Nichel.
Bello scoprire che Bardi si muove da anni con un motorini e auto elettriche. L’urgenza di cambiare il paradigma della mobilità traspare anche dai riferimenti all’esaurimento di fonti energetiche convenzionali e dalla necessità futura ma neanche troppo di condividere il trasporto che non sarà più individuale.
Una frase mi ha colpito nelle conclusioni, l’idea che la crisi economica di questi anni si possa risolvere con la crescita mentre nessuno si domanda se non sia stata proprio la crescita eccesiva a crearla.
Il libro è ricco di riferimenti autobiografici e scritto molto bene, si legge tutto d’un fiato. Se proprio si vuole fare una critica non approfondisce troppo i molti temi trattati, ma è un testo divulgativo non un trattato per scienziati e allora va bene così.
wm
https://ugobardi.blogspot.it