Roma….io nun c’ero quanno sei nata,

ma dev’esse stata na cosa granne.. esaggerata,

se deveno esse riunite tutte e forze der monno,

quanno Romolo fece quer cerchio tonno…tonno,

settecentocinquantaquattr ‘ anni prima de Cristo,

devo da dì, aò…..sto Romolo c’aveva visto,

t’ha fatto in modo e puro n maniera,

da esse più bella de na donna…quanno viè sera,

t’ha riempito d’orgojo de monumenti e sentimento,

che statte lontana n se pò…manco n momento,

mo sei come qua nonna, qua nonna adorata,

e n ce sò parole pe ditte…..quanto t’ho amata,

da quanno ch’ero n regazzino bello e mpunito,

a mo che sò granne…..e n pò pentito,

pentito de nun’essete stato poi così tanto accanto,

ma sappi na cosa Roma mia te amo….

te amo tanto.