Pensieri sparsi

Beate e suo figlio – A. Schnitzler
Beate è in vacanza sul lago nei pressi di Vienna con il figlio adolescente Hugo. E’ vedova: il di lei amatissimo marito rivive in Hugo. Non ha più amore. Rifiuta i corteggiamenti di qualsiasi uomo: nessuno puo’ sostituire il celebre attore nelle cui braccia era stata più di un ‘eroina.
Una serie di accadimenti la porta a prendere coscienza del fatto che forse di suo marito aveva amato le maschere che indossava . E da quel momento tutte le maschere cadono , anche le sue , e il gioco di specchi con suo figlio diventa sempre più torbido e intrigante .
Ancora una volta Schnitlzer mi incanta.
C’è la parte di me che ama l’arte che si lascia cullare da una prosa perfetta e turbare da una melodia bachiana.
E poi c’è la parte razionale che ama scavare nella psiche e comprendere le…

View original post 20 altre parole