c'è chi pensioni-invalidita-2

C’è chi dovrà attendere i 71 anni per poter andare in pensione
Cambia l’età in cui gli italiani potranno andare in pensione dopo l’ultima circolare dell’Inps, e alcuni rischiano di poter lasciare il mondo del lavoro solo a 71 anni suonati
Redazione http://www.today.it
A che età potrò andare in pensione? Per rispondere a questa domanda occorre rifarsi alla circolare dell’Inps numero 62 del 4 aprile scorso con cui l’istituto di previdenza ha reso ufficiale l’aumento di cinque mesi dei requisiti pensionistici relativi al biennio 2019/2020. È così si scopre che alcuni italiani potranno andare in pensione solo dopo aver compiuto i 71 anni di età.
L’istituto nazionale di previdenza sociale prevede infatti dal 2019 l’adeguamento dei requisiti per la pensione alle aspettative di vita e così dal primo gennaio per la pensione anticipata sarà necessario raggiungere i 43 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi di contributi per donne.  Non si salvano dall’adeguamento neppure i lavoratori precoci, vale a dire quelli che hanno cominciato a lavorare prima dei 19 anni, che dovranno raggiungere 41 anni e 5 mesi di contributi dai 41 anni attuali.
Pensione, a che età si può lasciare il lavoro
Per la pensione di vecchiaia, fermo restando un minimo di 20 anni di contributi, bisognerà attendere di aver compiuto i 67 anni di età anagrafica sia per gli uomini che per le donne dagli attuali 66 anni e 7 mesi attuali.
Ecco chi andrà in pensione a 71 anni
Ma come spiega l’Inps ad alcuni toccherà lavorare fino a 71 anni. L’istituto di previdenza si rivolge a chi ha effettuato il primo accredito contributivo dal 1° gennaio 1996: per costoro l’adeguamento all’incremento della speranza di vita previsto dal decreto deve altresì applicarsi al requisito anagrafico previsto dall’articolo 24, comma 7, della legge n. 214 del 2011, che consente l’accesso alla pensione di vecchiaia con un’anzianità contributiva minima effettiva di cinque anni e che, dal 1° gennaio 2019, si perfeziona al raggiungimento dei 71 anni.
Pensioni, altro che “via la Fornero”: dal 2019 una nuova stangata
Secondo il documento dell’Istituto di previdenza si tratta di coloro che avranno meno di 20 anni di contributi, ma almeno 5, con il primo accredito avvenuto dopo il 1996. Una situazione che lascia perplessi i lavoratori che hanno fatto appello alla politica perché si ponga rimedio, mettendo mano alla legge Fornero.

Potrebbe interessarti: http://www.today.it/economia/eta-pensione-da-2019.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930