Contestazioni antiebraiche al 25 Aprile: fischiati per la prima volta anche gli ex internati nei lager

Le contestazioni a Milano in piazza San Babila

Francesca Paci Roma http://www.lastampa.it/

Non era mai successo. Per la prima volta il 25 Aprile vede fischiati in piazza gli ex deportati dei campi di sterminio e la Liberazione divide il Paese molto più di quanto dovrebbe unire. È successo a Milano, dove al passaggio della Brigata Ebraica e delle associazioni dei sopravvissuti all’Olocausto e gli ex internati dei lager gruppi di attivisti contro l’occupazione della Palestina hanno gridato «assassini», «Israele Stato assassino», «fascisti». Alle contrapposizioni di sempre, alla lacerazione politica e sociale del Paese si aggiunge oggi uno strappo più grave.

E a Roma il muro contro muro tra il Pd e il Movimento 5 Stelle finisce per abbandonare la sindaca di Roma Virgina Raggi ai fischi sguaiati dei nemici dell’attuale amministrazione capitolina ma anche a quelli dei nemici della sua discesa in campo a fianco della Brigata Ebraica.

La Brigata Ebraica, migliaia di volontari che nel 1945 combatterono accanto ai partigiani e agli alleati contribuendo allo sfondamento della Linea Gotica, è la cartina di tornasole della cattiva coscienza della piazza resistente. E se qualcuno aveva giudicato esagerata la decisione della Comunità ebraica romana di non sfilare nel corteo dell’Anpi perché aperto alle bandiere e ai simboli palestinesi, le contestazioni di Milano danno ragione alle peggiori previsioni. A Milano la Brigata Ebraica c’era, una presenza importante nell’ottantesimo anniversario dalla promulgazione delle leggi razziali alla cui protezione faceva da “scorta” il servizio d’ordine del Partito Democratico. Quando il serpentone è arrivato vicino a piazza Duomo, tra corso Venezia e San Babila, le invettive contro i «i sionisti», «gli assassini dei palestinesi», addirittura «i fascisti» da cacciare dal corteo hanno coperto i cori di Bella Ciao.

A Roma si giocava in qualche modo a carte scoperte. Lunedì, dopo un negoziato patrocinato dal Campidoglio e durato diversi mesi per trovare una piattaforma capace di far marciare tutti insieme i protagonisti di 73 anni fa, la Brigata Ebraica aveva deciso di celebrare per conto proprio non avendo avuto dall’Anpi la garanzia di un controllo dei simboli palestinesi e dunque di fatto di una giornata unitaria senza improperi. Il calendario prevedeva dunque un duplice appuntamento alle Fosse Ardeatine e all’ex famigerato carcere delle SS a via Tasso con la comunità ebraica e le autorità istituzionali e il grande corteo dell’Anci diretto a Porta San Paolo, l’icona di Roma Città Aperta. E qui entra in campo Virginia Raggi, spesasi molto e fino all’ultimo, a detta di tutte le parti coinvolte, per cercare, invano, la quadratura del cerchio.

Rammarico per com’è andata a finire? «Continueremo a provare anche l’anno prossimo» ci risponde uscendo dal cancello del sacrario realizzato da Mirko Basaldella dopo aver abbracciato il sopravvissuto ad Auschwitz Alberto Sed e la figlia di una delle 154 vittime di Priebke, Rosetta Stame. Stringe le mani di tutti insieme al presidente della regione Zingaretti, al premier Gentiloni, alla titolare della Difesa Pinotti. Mezzora dopo, di fronte al Museo di via Tasso sormontato dal cartello «Verità per Giulio Regeni», pronuncerà a una platea di un centinaio di persone un discorso durissimo sulla Liberazione divisa, dice che la comunità non è stata all’altezza dei valorosi di 70 anni fa, che è stato un grave errore lasciare entrare nel corteo un tema che nulla a che vedere con il 25 Aprile italiano, che la Brigata Ebraica è la nostra Storia.

La mattinata però non è finita, l’epilogo è a Porta San Paolo dove Virginia Raggi arriva subito dopo Zingaretti, applauditissimo nell’affermare che «non ci sono seconde o terze Repubbliche ma c’è solo quella unica e anti-fascista nata nel 1945». Poi tocca alla Raggi, le bandiere palestinesi si fanno sotto il palco, i fischi la sovrastano. Lei ripete passo passo quanto ha detto a via Tasso, che è stato un grave errore permettere a una causa estranea all 25 Aprile di infilarsi nel corteo e chiosa: “I fischi non cancelleranno la memoria”. Cala il sipario ed è uno spettacolo pessimo.