EROSPEA

A sorridere così mi precipita di massa nel suo unico a sorridere [   ]

………………………………………………………………………………………………..

[…] perché tanta luce nei ieri canti dei poeti resistenti se i colori son muti perso pure il silenzio? poi tromba vento, fischi’acqua nel fognario, àrcano collo a collo […]

………………………………………………………………………………………………..

“Non esistono perdite. Cedere di noi un se […]” Ti fermi: mi fermo me. accanto un orto recinto [farebbe(:) porte senza chiave, chiave senza cancelli]. s’avvicina festosa e nera, la nera di coda di dentro s’avvicina festosa. La donna di casa di dentro su panchina su orto t’aprisse il cancello. come sareste accanto? me

……………………………………………………………………………………………….

A sorridere così mi precipiti di massa nel tuo unico a sorridere [    ]

Poi tromba […] l’in esistenza [    ]

View original post