OpinioniWeb-XYZ


Sapanta è una piccola cittadina della regione del Maramures, in Romania, dove nel 1929 l’artista Stan Ioan Patras ebbe l’idea di realizzare queste epigrafi dipinte di blu e scolpite in legno di quercia con rappresentato il defunto insieme ad un epitaffio spesso ironico sintesi del suo vissuto! Ieri mentre osservavo meravigliato queste particolari opere d’arte nel piccolo cimitero, sentivo le risate di una comitiva di turisti spagnoli che ascoltavano divertiti la loro guida che traduceva le frasi scritte sulle tombe. Cogliere l’ironia della vita anche dopo la morte di qualcuno a noi caro o conosciutodimostra ancora una volta che l’uomo, pur con i suoi mille difetti, sa dare un senso positivo al tutto di cui fa parte. Una speranza in più per rendere la vita oltre che un viaggio meraviglioso anche un vissuto che con ironia e speranza attraversa la morte senza la paura dell’oblio.

View original post