L’animo inquieto, di Annamaria Latini
L’animo inquieto

in perpetuo volo

lieve si posa

sul fulgido prato

ove esili fili d’erba

placidi danzano,

dallo zefiro sospinti;

e la profumata essenza

della vita nascente

letizia dona

all’animo in ” tempesta”.
Sulle vette

inondate di pace,

deposte le “armi”;

un canto ribelle

risuona, la,’ nella valle.

Canto guerriero

nato tra le spine,

canto d’amore

che soltanto all’ultimo battito,

di mortale vita,

tramontera’.

Annamaria Latini