Creams and nights 

Exploring the epiphany

You were eating the pastry,

red velvet.

How gracefully you were stabbing the bloody delicacy to it’s boneless spine…

And then the small pieces touching your wet lips…

I know I was drenched in shallow alcohols…

but those creams and the red in your lips made the artistic masterpiece.

Then under the sheets…I wanted you to repeat that…I wanted you to stab me with your flashing grace and boundless erections…

But you just kissed me away,

It only took the pinch of your closing eyes to take the pastries out of me.

……………………………………………………………………….

Photograph: Google.

View original post

Bring the rage 

Exploring the epiphany

The sudden curtain on this evening has put worms inside my brain,

they are feasting on my fats now.

There’s nothing more fragrant than the movements of two animals in love…

You can go miles for that.

In front of cheap buildings, on a street of soulless accelerations…in front of cremations,

these harmony of two flapping birds bring lilies to these places.

Women howling for liberations…scars of crooked eyes on their bodies,

prisons of senses and meaningless conflictions….

And then these little fields of cruising vines bothers you?

Well then I wish every lunatic souls of this planet start doing naked kisses inside the crowds…I wish they undress each other in public and show floating rainbows on their body.

I wish we could kill these unimaginative swines with the bullets of love.

……………………………………………………………………….

Photograph: Google.

View original post

Revolutionary deaths 

Exploring the epiphany

So many stars will be impregnated in this night of speeding soil.

The baffled spectators, musicians from madhouses

all are going to withdraw in silence.

Time will bring cannibalism, I know…

That’s how all the moving shadows will fade,

All in the stomach of fuming desert.

I have my machine of motions; you know…

I will go up to the last stones of these roads,

and measure the distance in number of mute woods.

There’s always a gravitational sensation in distances,

distant longings, far away sweethearts with unbuttoned breasts…

All these impotent expressions make chaos of highest orders,

they make these pregnant stars.

I know one day we will finish counting all the sand grains of this world,

And It will be quite futile to continue after that also.

View original post

Qu’est-ce que le surréalisme? Une émission France culture 1972 avec des invités de prestige.

Lire dit-elle

Une émission des Samedis de France Culture, par André Parinaud, diffusée le 2 décembre 1972 sur la radio éponyme. Invités : André Breton, Philippe Soupault, Georges Hugnet, Jacques Baron, Max Ernst, André Thirion, André Masson, Lise Deharme, André Pieyre de Mandiargues, Marcel Duhamel, Félix Labisse, Marcel Brion, Raymond Abellio, Jean-Claude Silbermann, José Pierre, Jacques Marais, Jean Hélion, Jean Hérold-Paquis et Alfred Fabre-Luce.

View original post

“Non! De l’esprit de révolte” de Vincent Delecroix.

Lire dit-elle

274674662xPréférer ne pas/ Entre les dangers du nihilisme et les mensonges de la pensée positive, Vincent Delecroix réhabilite la force vitale du refus. Un essai rageur et ironique.

C’est une petite personne de 3 ans, et elle dit « Non ! », et encore « Non ! ». Impertinente et joyeuse, elle se fait « des colliers et des serpentins » de « Non ! ». Son philosophe de père, lui, en fait un livre, en s’appuyant sur la force vitale de ce petit mot dont la fillette semble détenir le secret. Il faut dire que l’enfant a de qui tenir : Vincent Delecroix prévient qu’il est lui-même pathologiquement attaché au négatif, « enragé, irréconciliable, inconsolable », préférant toujours dire « non » que « oui » – « je veux rester intranquille sinon, j’ai l’impression d’être mort. »

Pour ce grand lecteur de Kierkegaard, la philosophie ne commence pas avec l’étonnement mais avec la capacité « de se scandaliser ou de s’exaspérer ». Les volontarismes de la pensée positive à la…

View original post 506 altre parole

Ponctuation.

Lire dit-elle

6fd788e3b06b4d811581c31a434d64b6

Nous sommes la ponctuation

qui cherche son souffle

à un visage qui a décidé

sans nous de ses traits

et nous changeons plus lentement

que les ciels que nous arpentons.

Nous sommes chants déçus

au jour jaune et au masque d’un soleil cru

cherchant à renouer avec le sourire et le torrent

sous l’écroulement de pans entiers de nos visions.

Et nous pleurons pourtant plus facilement

de la douceur insupportable des choses

dorée à la césure de nos âmes de carton

qui nous laissent pantelants sous des piles de livres étonnés.

Barbara Auzou.

View original post

Patrick Grainville. Extrait sur Marguerite Duras/L’Esprit des femmes

Lire dit-elle

2059780EXTRAIT >

Pendant longtemps je n’ai pas aimé les livres de Marguerite Duras. Cela aurait pu durer toute ma vie. Je n’avais lu d’elle que deux ou trois romans. J’aimais l’épopée, la luxuriance, je me méfiais du cœur humain, de l’intériorité, je crois que je la fuyais.

En 1984, comme tout le monde, j’ai lu L’Amant. Cela m’a intrigué, attiré, j’ai aimé. Dans la foulée, j’ai tout lu. Le très beau Barrage contre le Pacifique par quoi il faut commencer. La posture fondamentale de Marguerite Duras, adolescente, au bord du Mékong, l’amour de sa mère pour son aîné violent, voyou, la fascination de Marguerite pour le flambeur et ses amours, mais sa compassion et sa fusion avec le cadet, le faible, la victime promise à la mort. Le combat impossible de la mère contre les inondations. Au fond, le fameux amant chinois a beaucoup moins d’importance. Je découvre Le…

View original post 1.745 altre parole

– Sopra ogni limite –

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

Ci stavo bene, pure dietro quella cerniera, in una tasca, ci stavo bene.

Lì respiravo, ora ho esaurito ogni scorta d’ossigeno.

È inutile cercare di far capire, è inutile cercare di spiegare, è tutto inutile, tranne te.

Coerente è il mio vivere di te, sincere sono queste manie di volerti sempre accanto, costante è il mio bisogno di te, diventato urgente, lo sento, è diventato urgente sopra ogni limite umano.

Non lo puoi sentire il mio chiamarti, sono già sott’acqua, non puoi vedere le mie braccia, sono già perse.

Fluttuano note stonate sopra le mie guance, dove sono le tue mani ?

Dove sei tu ?

La pazzia della mia mente è finita, il battito del mio cuore è fermo, il lavoro della mia penna è bloccato.

Il vuoto toglie la rabbia verso non so che cosa, per dar spazio alla tristezza in questa mia posa.

@ElyGioia

View original post

– Nel nostro giardino –

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

Fiorito (di Christian Schloe)

Sotto il peso di questo nuovo giorno cerco di arrampicarmi su piante le quali radici sanno di te, di noi.

Sotto il giogo di questa realtà scelgo di ricercarti in ogni angolo del mio vivere, inebriando i miei capelli su petali che sanno di te, di noi.

Sotto una lacrima di questo vuoto, in ogni parte di me, mi butto tra questi steli; sono braccia trasparenti che sanno di te, di noi.

Sotto un cielo di nuvole in forte movimento, afferropersino ogni ape che s’avvicina per succhiare da quel nettare che sa di te, di noi.

E sul nostro giardino io ci stò.

@ElyGioia

View original post

“TEARS IN MY EYES” WRITTEN BY SAM TUMBLIN

NEW PATHWAYS BY SAM TUMBLIN / PROMOSTKING


Shop Simply Fabulous

Save 10% on ANY purchase sitewide now through Mother’s Day – Free Shipping on all orders!

TEARS IN MY EYES©

Can’t you see these tears in my eyes?
Cause I don’t want you to walk out of my life.
My heart is like shattered glass
That was drop with a moan and a gasp
On and on they flow down
Till only the ground hear the sound
Of lost hopes and memories
And a love that was not meant to be
Chorus
Can you feel the tears coming down…
Cause my whole world is upside down
Can you feel the tears coming down…
Cause my whole world is upside down…

End Chorus
I need you back in my life
Cause my heart has so much strife
It feels so incomplete
Holding back these tears I can’t beat
My heart is like shattered glass
That was drop with a moan and…

View original post 67 altre parole

Una grazia di cui disfarsi. Antonia Pozzi: il dono della vita alle parole Elisa Rotuolo

Pensieri sparsi

8564331_3129674

Curioso prodotto editoriale in cui le parole si uniscono a delle immagini, la voce narrante diventa una perfetta musica che contiene note che suonano la voce dell’autrice e della poetessa .
La Rotuolo ha vissuto Antonia Pozzi pur non avendola conosciuta.
Ha visto la sua Milano del ’20. Ha conosciuto sua nonna e ha sentito quella grazia che Antonia ha voluto liberare . Ha fatto suoi i suoi versi . Li ha lasciati a lungo dentro di se’. E ha prodotto una sorta di diario in cui Antonia si racconta.
Conosco le poesie di Antonia e mi avevano immediatamente colpito per la capacita’ di arrivare a mettere a nudo tutto il suo amore e la straziante impossibilita’ di riceverne. Mi domando perche’ sia stato cosi’ difficile ricambiarla.

INNOCENZA
Sotto tanto sole
nella barca ristretta
il brivido
di sentire contro le mie ginocchia
la nudità pura d’un fanciullo
e l’ebbro strazio…

View original post 8 altre parole

Il linguaggio dei fiori

Silvia Popa

Quando ero piccola aspettavo con ansia la primavera, il mese dei fiori.

Non saprei spiegare perché, ma vedere la reazione delle persone davanti ad una piccola attenzione rossa, rosa o gialla mi faceva battere il cuore di gioia.

Oggi avviene meno o viene apprezzata meno, nonostante ciò è rimasto simbolo di romanticismo nell’amore, nelle amicizie o come forma di cortesia e rispetto tra conoscenti a patto di scegliere il colore giusto a seconda dell’occasione.

La rosa è sicuramente il fiore più usato allo scopo; la usiamo per far innamorare, per una buona impressione, un errore da perdonare o semplicemente come segno di eleganza, reperibile tutto l’anno con una gamma infinita di splenditi colori.

• rosa rossa: simboleggia passione ed amore.

• rosa arancia: rappresenta il fascino e la bellezza.

•rosa bianca: l’innocenza, amore puro e spirituale.

• rosa gialla: simbolo di vivacità e di gelosia.

• rosa carnicina, il colore…

View original post 24 altre parole

Il Dio assente

Cosimo Schena

Il pensiero di Simone Weil, una delle voci più significative del ‘900, ha conosciuto in questi ultimi anni una rinnovata fortuna. La sua fu una vita breve, ma intensa, che la vide impegnata sul fronte politico e sociale per il quale scrisse numerosi articoli e saggi pubblicati soprattutto su rivista. La fortuna internazionale della Weil si deve soprattutto alla pubblicazione postuma, da parte di amici e familiari, di una serie di scritti filosofico-religiosi che rivelarono l’esistenza, all’interno di una donna dura, trascurata e intransigente, di una mistica pura. Sebbene la vita di Simone Weil abbia certamente alcuni tratti di santità, ritengo, tuttavia, che sia soprattutto importante considerarla come una filosofa che si distinse per la grandezza di un pensiero che fu animato da un’unica finalità, quella di andare al cuore e a fondo delle cose, strappare il velo alla menzogna e rivelare all’uomo la verità.

Simone abitò la contraddizione, visse…

View original post 2.057 altre parole