Creams and nights 

Exploring the epiphany

You were eating the pastry,

red velvet.

How gracefully you were stabbing the bloody delicacy to it’s boneless spine…

And then the small pieces touching your wet lips…

I know I was drenched in shallow alcohols…

but those creams and the red in your lips made the artistic masterpiece.

Then under the sheets…I wanted you to repeat that…I wanted you to stab me with your flashing grace and boundless erections…

But you just kissed me away,

It only took the pinch of your closing eyes to take the pastries out of me.

……………………………………………………………………….

Photograph: Google.

View original post

Bring the rage 

Exploring the epiphany

The sudden curtain on this evening has put worms inside my brain,

they are feasting on my fats now.

There’s nothing more fragrant than the movements of two animals in love…

You can go miles for that.

In front of cheap buildings, on a street of soulless accelerations…in front of cremations,

these harmony of two flapping birds bring lilies to these places.

Women howling for liberations…scars of crooked eyes on their bodies,

prisons of senses and meaningless conflictions….

And then these little fields of cruising vines bothers you?

Well then I wish every lunatic souls of this planet start doing naked kisses inside the crowds…I wish they undress each other in public and show floating rainbows on their body.

I wish we could kill these unimaginative swines with the bullets of love.

……………………………………………………………………….

Photograph: Google.

View original post

Revolutionary deaths 

Exploring the epiphany

So many stars will be impregnated in this night of speeding soil.

The baffled spectators, musicians from madhouses

all are going to withdraw in silence.

Time will bring cannibalism, I know…

That’s how all the moving shadows will fade,

All in the stomach of fuming desert.

I have my machine of motions; you know…

I will go up to the last stones of these roads,

and measure the distance in number of mute woods.

There’s always a gravitational sensation in distances,

distant longings, far away sweethearts with unbuttoned breasts…

All these impotent expressions make chaos of highest orders,

they make these pregnant stars.

I know one day we will finish counting all the sand grains of this world,

And It will be quite futile to continue after that also.

View original post

Qu’est-ce que le surréalisme? Une émission France culture 1972 avec des invités de prestige.

Lire dit-elle

Une émission des Samedis de France Culture, par André Parinaud, diffusée le 2 décembre 1972 sur la radio éponyme. Invités : André Breton, Philippe Soupault, Georges Hugnet, Jacques Baron, Max Ernst, André Thirion, André Masson, Lise Deharme, André Pieyre de Mandiargues, Marcel Duhamel, Félix Labisse, Marcel Brion, Raymond Abellio, Jean-Claude Silbermann, José Pierre, Jacques Marais, Jean Hélion, Jean Hérold-Paquis et Alfred Fabre-Luce.

View original post

“Non! De l’esprit de révolte” de Vincent Delecroix.

Lire dit-elle

274674662xPréférer ne pas/ Entre les dangers du nihilisme et les mensonges de la pensée positive, Vincent Delecroix réhabilite la force vitale du refus. Un essai rageur et ironique.

C’est une petite personne de 3 ans, et elle dit « Non ! », et encore « Non ! ». Impertinente et joyeuse, elle se fait « des colliers et des serpentins » de « Non ! ». Son philosophe de père, lui, en fait un livre, en s’appuyant sur la force vitale de ce petit mot dont la fillette semble détenir le secret. Il faut dire que l’enfant a de qui tenir : Vincent Delecroix prévient qu’il est lui-même pathologiquement attaché au négatif, « enragé, irréconciliable, inconsolable », préférant toujours dire « non » que « oui » – « je veux rester intranquille sinon, j’ai l’impression d’être mort. »

Pour ce grand lecteur de Kierkegaard, la philosophie ne commence pas avec l’étonnement mais avec la capacité « de se scandaliser ou de s’exaspérer ». Les volontarismes de la pensée positive à la…

View original post 506 altre parole

Ponctuation.

Lire dit-elle

6fd788e3b06b4d811581c31a434d64b6

Nous sommes la ponctuation

qui cherche son souffle

à un visage qui a décidé

sans nous de ses traits

et nous changeons plus lentement

que les ciels que nous arpentons.

Nous sommes chants déçus

au jour jaune et au masque d’un soleil cru

cherchant à renouer avec le sourire et le torrent

sous l’écroulement de pans entiers de nos visions.

Et nous pleurons pourtant plus facilement

de la douceur insupportable des choses

dorée à la césure de nos âmes de carton

qui nous laissent pantelants sous des piles de livres étonnés.

Barbara Auzou.

View original post

Patrick Grainville. Extrait sur Marguerite Duras/L’Esprit des femmes

Lire dit-elle

2059780EXTRAIT >

Pendant longtemps je n’ai pas aimé les livres de Marguerite Duras. Cela aurait pu durer toute ma vie. Je n’avais lu d’elle que deux ou trois romans. J’aimais l’épopée, la luxuriance, je me méfiais du cœur humain, de l’intériorité, je crois que je la fuyais.

En 1984, comme tout le monde, j’ai lu L’Amant. Cela m’a intrigué, attiré, j’ai aimé. Dans la foulée, j’ai tout lu. Le très beau Barrage contre le Pacifique par quoi il faut commencer. La posture fondamentale de Marguerite Duras, adolescente, au bord du Mékong, l’amour de sa mère pour son aîné violent, voyou, la fascination de Marguerite pour le flambeur et ses amours, mais sa compassion et sa fusion avec le cadet, le faible, la victime promise à la mort. Le combat impossible de la mère contre les inondations. Au fond, le fameux amant chinois a beaucoup moins d’importance. Je découvre Le…

View original post 1.745 altre parole

– Sopra ogni limite –

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

Ci stavo bene, pure dietro quella cerniera, in una tasca, ci stavo bene.

Lì respiravo, ora ho esaurito ogni scorta d’ossigeno.

È inutile cercare di far capire, è inutile cercare di spiegare, è tutto inutile, tranne te.

Coerente è il mio vivere di te, sincere sono queste manie di volerti sempre accanto, costante è il mio bisogno di te, diventato urgente, lo sento, è diventato urgente sopra ogni limite umano.

Non lo puoi sentire il mio chiamarti, sono già sott’acqua, non puoi vedere le mie braccia, sono già perse.

Fluttuano note stonate sopra le mie guance, dove sono le tue mani ?

Dove sei tu ?

La pazzia della mia mente è finita, il battito del mio cuore è fermo, il lavoro della mia penna è bloccato.

Il vuoto toglie la rabbia verso non so che cosa, per dar spazio alla tristezza in questa mia posa.

@ElyGioia

View original post

– Nel nostro giardino –

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

Fiorito (di Christian Schloe)

Sotto il peso di questo nuovo giorno cerco di arrampicarmi su piante le quali radici sanno di te, di noi.

Sotto il giogo di questa realtà scelgo di ricercarti in ogni angolo del mio vivere, inebriando i miei capelli su petali che sanno di te, di noi.

Sotto una lacrima di questo vuoto, in ogni parte di me, mi butto tra questi steli; sono braccia trasparenti che sanno di te, di noi.

Sotto un cielo di nuvole in forte movimento, afferropersino ogni ape che s’avvicina per succhiare da quel nettare che sa di te, di noi.

E sul nostro giardino io ci stò.

@ElyGioia

View original post

“TEARS IN MY EYES” WRITTEN BY SAM TUMBLIN

NEW PATHWAYS BY SAM TUMBLIN / PROMOSTKING


Shop Simply Fabulous

Save 10% on ANY purchase sitewide now through Mother’s Day – Free Shipping on all orders!

TEARS IN MY EYES©

Can’t you see these tears in my eyes?
Cause I don’t want you to walk out of my life.
My heart is like shattered glass
That was drop with a moan and a gasp
On and on they flow down
Till only the ground hear the sound
Of lost hopes and memories
And a love that was not meant to be
Chorus
Can you feel the tears coming down…
Cause my whole world is upside down
Can you feel the tears coming down…
Cause my whole world is upside down…

End Chorus
I need you back in my life
Cause my heart has so much strife
It feels so incomplete
Holding back these tears I can’t beat
My heart is like shattered glass
That was drop with a moan and…

View original post 67 altre parole

Una grazia di cui disfarsi. Antonia Pozzi: il dono della vita alle parole Elisa Rotuolo

Pensieri sparsi

8564331_3129674

Curioso prodotto editoriale in cui le parole si uniscono a delle immagini, la voce narrante diventa una perfetta musica che contiene note che suonano la voce dell’autrice e della poetessa .
La Rotuolo ha vissuto Antonia Pozzi pur non avendola conosciuta.
Ha visto la sua Milano del ’20. Ha conosciuto sua nonna e ha sentito quella grazia che Antonia ha voluto liberare . Ha fatto suoi i suoi versi . Li ha lasciati a lungo dentro di se’. E ha prodotto una sorta di diario in cui Antonia si racconta.
Conosco le poesie di Antonia e mi avevano immediatamente colpito per la capacita’ di arrivare a mettere a nudo tutto il suo amore e la straziante impossibilita’ di riceverne. Mi domando perche’ sia stato cosi’ difficile ricambiarla.

INNOCENZA
Sotto tanto sole
nella barca ristretta
il brivido
di sentire contro le mie ginocchia
la nudità pura d’un fanciullo
e l’ebbro strazio…

View original post 8 altre parole

Il linguaggio dei fiori

silvia popa

Quando ero piccola aspettavo con ansia la primavera, il mese dei fiori.

Non saprei spiegare perché, ma vedere la reazione delle persone davanti ad una piccola attenzione rossa, rosa o gialla mi faceva battere il cuore di gioia.

Oggi avviene meno o viene apprezzata meno, nonostante ciò è rimasto simbolo di romanticismo nell’amore, nelle amicizie o come forma di cortesia e rispetto tra conoscenti a patto di scegliere il colore giusto a seconda dell’occasione.

La rosa è sicuramente il fiore più usato allo scopo; la usiamo per far innamorare, per una buona impressione, un errore da perdonare o semplicemente come segno di eleganza, reperibile tutto l’anno con una gamma infinita di splenditi colori.

• rosa rossa: simboleggia passione ed amore.

• rosa arancia: rappresenta il fascino e la bellezza.

•rosa bianca: l’innocenza, amore puro e spirituale.

• rosa gialla: simbolo di vivacità e di gelosia.

• rosa carnicina, il colore…

View original post 24 altre parole

Il Dio assente

Cosimo Schena

Il pensiero di Simone Weil, una delle voci più significative del ‘900, ha conosciuto in questi ultimi anni una rinnovata fortuna. La sua fu una vita breve, ma intensa, che la vide impegnata sul fronte politico e sociale per il quale scrisse numerosi articoli e saggi pubblicati soprattutto su rivista. La fortuna internazionale della Weil si deve soprattutto alla pubblicazione postuma, da parte di amici e familiari, di una serie di scritti filosofico-religiosi che rivelarono l’esistenza, all’interno di una donna dura, trascurata e intransigente, di una mistica pura. Sebbene la vita di Simone Weil abbia certamente alcuni tratti di santità, ritengo, tuttavia, che sia soprattutto importante considerarla come una filosofa che si distinse per la grandezza di un pensiero che fu animato da un’unica finalità, quella di andare al cuore e a fondo delle cose, strappare il velo alla menzogna e rivelare all’uomo la verità.

Simone abitò la contraddizione, visse…

View original post 2.057 altre parole

Simone Weil: il cuore invisibile del mondo

Cosimo Schena

“Non lasciarti imprigionare da nessun affetto. Preserva la tua solitudine. Il giorno, se mai esso verrà, in cui ti fosse dato un vero affetto, non ci sarebbe opposizione fra la solitudine intima e l’amicizia; anzi, tu potrai riconoscerla proprio a quel segno infallibile. La solitudine è il crogiolo dell’amore. E’ la prova per la quale passano, a livelli diversi, lo sposo, l’amico, il mistico. Essa non è sterile ripiegamento, ma realizzazione della costante novità del desiderio: desiderio dell’altro, desiderio di aprire all’altro quella parte di noi stessi che sfugge al nostro stesso sguardo, a quest’altro che ci è più intimo di noi stessi. Essa è fedeltà al desiderio unico la cui realizzazione non è possibile che nell’invincibile speranza che ne costituisce la forza e che, di supplica in supplica, ci conduce al cuore invisibile del mondo”. (WEIL S.)

Cosimo Schena

View original post

Simone Weil: divertirsi con le bugie 

Cosimo Schena

Spesso presi dalle mille cose da fare, non ci rendiamo conto della vera realtà che ci circonda. Vivendo una vita fatta di falsità e ipocrisia in cui ci si costruisce una immagine da prototipo che la moda ci obbliga ad incarnare. In giro si vede solo gente omologata: stessa pettinatura, stesso abbigliamento, stesso taglio di capelli, ecc. ecc. E noi chi siamo? Quello che siamo veramente o quello che gli altri vogliono che noi fossimo? Purtroppo non ci fermiamo mai a riflettere sulla verità della nostra identità, solo alcuni lo fanno non perché sono migliori di noi ma semplicemente perché si fermano e pensano. A proposito Simone Weil scrive:

“C’è qualcos’altro che ha il potere di svegliarci alla verità. È il lavoro degli scrittori di genio. Essi ci danno, sotto forma di finzione, qualcosa di equivalente all’attuale densità del reale, quella densità che la vita ci offre ogni giorno ma…

View original post 16 altre parole

Simone Weil: dal silenzio all’ascolto 

Cosimo Schena

È molto difficile entrare in noi stessi per poter ascoltare il vero suono della vita. Riguardo a questo Simone Weil scriveva:

“Prima ancora di metterci in ascolto dobbiamo saper fare silenzio dentro di noi, far tacere le tante parole che giudicano, che stigmatizzano, che interpretano, che a tutti i costi vogliono trovare soluzioni veloci. Le parole che presumono di aver già capito senza prima aver affiancato, condiviso, amato. Solo da questo silenzio può nascere l’ascolto, un silenzio che è spazio, apertura all’altro. Un silenzio che ci permette di cogliere verità che altrimenti resterebbero celate per sempre. Solo allora capiremo che ascoltare non è porgere l’orecchio ma aprirci al mondo che ci circonda”. (WEIL S.)

Cosimo Schena

View original post

Chi è Simone Weil? 

Cosimo Schena

Simone Weil è considerata una delle pensatrici più interessanti e originali del panorama filosofico del Novecento, la Weil mette il lettore nella difficile condizione di confrontarsi con un pensiero originale, fuori dagli schemi, non privo di contraddizioni ma non per questo meno affascinante e ricco di suggestioni. Ci sono molte idee discordanti sulla filosofa-mistica, considerata da alcuni come un “genio”, quella genialità che è propria dei santi, da altri definita una “pazza”, e da altri ancora  la santa degli esclusi. Fatto sta, che questa donna ha fatto parlare molto di lei e continua farlo, per la sua determinazione di non far rimanere il suo pensiero una semplice teoria ma ha sempre cercato di farlo diventare pratica e azione, nella vita di ogni giorno.di Nata a Parigi nel 1909 da una ricca famiglia agnostica di origini ebraiche, fu professoressa di filosofia, militante sindacale e politica della sinistra classista e libertaria, operaia…

View original post 205 altre parole

Testi scelti durante la presentazione del libro: La croce è la nostra patria.

Cosimo Schena

PRIMA PARTE(SVOLTA MISTICA)

Nel 1938 Simone Weil, partecipò alle funzioni della settimana santa, nell’abbazia benedettina di Solesmes, colpita dai suoi fortissimi mal di testa, che le infliggevano dolori estenuanti sin dalla giovane età.

«Avevo fortissimi mal di testa, e ogni suono era per me come un colpo; eppure un estremo sforzo d’attenzione mi permetteva di uscire dalla miserabile carne, di lasciarla soffrire in disparte, rannicchiata in un angolo, e di cogliere una gioia pura e perfetta nell’inaudita bellezza del canto e delle parole. Quell’esperienza mi ha permesso, per analogia, di comprendere meglio la possibilità di amare l’amore divino attraverso la sventura. È naturale che durante quelle funzioni il pensiero della Passione del Cristo sia penetrato in me per sempre»

Recitando una poesia di George Herbert, dal titolo Love, che accadde qualcosa di straordinario.

«Credevo di recitarla solo come una bella poesia, ma a mia insaputa quell’esercizio aveva la virtù…

View original post 1.074 altre parole

Leggi l’estratto de “ LA MIA VITA CAPOVOLTA”

Cosimo Schena

Caro lettore, ti ringrazio per aver scaricato questo estratto del mio libro. Si tratta di una delle diverse parti del mio romanzo, La mia vita capovolta. Il romanzo alterna le diverse vicende di vita e i numerosi viaggi intorno al mondo del protagonista, riccamente descritti, con alcune incursioni nel cuore di quest’umo inquieto. È come se la storia si fermasse e in slow motion, si entrasse nell’anima del protagonista, là dove si forma la vera coscienza. Ora non devi fare altro che staccare la spina e iniziare a leggere per farti trasportare nel cuore dei tuoi pensieri.

Mayumi insieme con i miei figli, frequentavano un convento, vicino casa: il convento delle Missionarie della Carità. La loro fondatrice è Madre Teresa di Calcutta. Erano delle suore molto stimate, vivevano una vita molto semplice al servizio dei poveri. Molto spesso incontravo qualcuna di loro nelle zone malfamate a portar cibo ai barboni…

View original post 1.902 altre parole

Simone Weil, un Dio che gioca a nascondino

Cosimo Schena

Rileggendo alcuni passi dei Quaderni, mi colpiva come, in modo originale e diretto la filosofa ci presenta in maniera inusuale le immagini di Dio e della creazione.

Dio gioca a nascondino con l’uomo, un nascondimento che non è assenza ma presenza, viva e continua nella creazione. Come lei stessa scriverà:

«Come un bambino si nasconde alla madre, per scherzo, dietro ad una poltrona, così Dio gioca a separarsi dall’uomo mediante la creazione. Noi siamo questo gioco di Dio».

Cosimo Schena

View original post

PRIMO capitolo de LA MIA VITA CAPOVOLTA

Cosimo Schena

Era una mattina come tutte le altre. L’odore del caffè dalla mia caffettiera automatica, regolata al solito orario, mi ricordava che avrei dovuto buttarmi giù dal letto. Ah… avrei dovuto iniziare una nuova giornata. Buttai un occhio pigro alla sveglia e con grande fatica, mi alzai e cominciai a fare le solite cose che faccio ogni mattina, in automatico come sedermi sul letto, guardare nel vuoto e ricordare a me stesso: “Tocca a te!” Un po’ frastornato, guardai il gran caos della mia stanza e, al sol pensiero di mettere in ordine, stavo male. Non sono mai stato un grande amante dell’ordine; eppure, nel mio disordine, ci vivo bene. Solita routine: doccia, mi vesto velocemente, corro in cucina per far colazione.

No! Suona la sveglia. Sognavo. Perché? Ultimamente mi accade spesso di immaginare di esser pronto e, sul più bello, la sveglia mi riporta alla realtà.

Sognare mi piace molto…

View original post 11.786 altre parole

Il caso Lizzie Borden

Virgozone

Il film e il telefilm disponibili anche su Netflix, si basano su eveneti realmente accaduti nel 1892,in una casa di Fall River, nel Massachusetts.

I fatti

Omicidi-Lizzie-Borden Le scene del crimine

Un ricco banchiere e la sua seconda moglie vennero brutalmente assassinati da numerosi colpi d’ascia, i loro teschi apparivano schiacciati e deturpati, a malapena fu possibile il riconoscimento. Il delitto venne commesso in tarda mattinata, senza che nessuno si accorgesse di nulla. Lizzie, la secondogenita del banchiere, entrò nel salotto scoprendo il corpo mutilato del padre e inviò la cameriera a chiamare i soccorsi, poco dopo venne trovata anche la matrigna al piano di sopra. Quando arrivò la polizia, la ragazza venne interrogata e posta qualche domanda nei riguardi della madre lei rispose freddamente “non è mia madre, è la mia matrigna”. Da quel momento Lizzie diventa l’unico sospettato dell’omicidio.

Giuria-Lizzie-Borden La giuria che giudicò Lizzie

L’additarono come una figlia gelosa, non…

View original post 555 altre parole

La casa di carta

Virgozone

Ho aspettato un po’ per parlarne, visto che sulla mia fedele app Tvshow Time presenta la stagione composta da quindici episodi e non di tredici. Dopo settimane di attesa, su Netflix non c’è traccia delle ultime due puntate, quindi procediamo con il resoconto.

Una mandria di specialisti nel settore truffa e furto, vengono reclutati da un uomo che verrà chiamato il Professore che ha progettato il colpo del secolo, rapinare la Zecca di stato e vivere per sempre felici e contenti. I nomi sono banditi, ogni protagonista sceglierà per se il nome di una città, come Tokyo, Rio, Mosca, Denver e Helsinki. In generale gli posso dare un voto positivo, la storia è avvincente il giusto, intricata abbastanza da interessare ma non troppo da risultare grottesca, considerato che stiamo parlando di un prodotto spagnolo che, raramente riesco ad apprezzare. Dopo l’esperienza di Dark, made in Germany, che mi ha colpita…

View original post 286 altre parole

Aggiornamento telefilm addicted

Virgozone

Ultimamente ho battuto un po’ la fiacca in questa mia piccola nicchia nel web, in compenso sono totalmente in paro con tutti i telefilm del momento e non. Marzo e Aprile sono stati mesi di grandi ritorni e, invece di dedicare un post intero ad ognuno di questi perché ci vorrebbe un sacco di tempo, facciamo un rapido riepilogo. Sentendomi anche un po’ Alessandro Borghese darò un voto da uno a diesci.

Su Netflix

Jessica Jones 2, (conclusa) prodotto minore della Marvel, questa seconda stagione mi è piaciuta molto tenendo sempre conto che non è una serie che aspetto con ansia come altre, molti colpi di scena, storia ben costruita che risponde a molti dei perché della prima stagione e nuovi quesiti in visione della terza. Voto: 7 su diesci.

Love 3, (conclusa) commedia stupidina ma abbastanza avvincente, dove succede poco, ma affronta temi importanti della vita in…

View original post 580 altre parole

Mindhunter

Virgozone

Finalmente ho finito di leggere Mindhunter, il libro di John Douglas, la vera storia di chi ha assistito ed ha attivamente contribuito alla nascita dello studio della mente umana in ambito criminale. Tutto questo non è più in mistero da quando Netflix ha dato vita ad un’omonima serie ispirata a questo libro ma, per quanto entrambe le produzioni siano molto avvincenti, la realtà è un po’ meno romanzata.

Il libro comincia con il suo crollo psicologico e fisico, il coma durato una settimana e la sua convalescenza. Spiega immediatamente che in quel periodo era talmente devoto al suo lavoro da costringendosi ad andare a dormire e sognare le risposte alle domande sui suoi casi, che lo porterà poi al coma. Ripercorre poi tutta la sua storia per permettere al lettore di capire meglio la sua persona e la posizione di profiler, termine coniato molti anni dopo. La sua infanzia, la…

View original post 406 altre parole

I Bulli di casa

Gianluca Santoni Investigazioni

Perché non ho reagito? Perché avevo gli occhi del figlio di chi mi stava aggredendo e dei miei ragazzi addosso. Noi abbiamo fatto tante lezioni sul rispetto delle regole e sul linguaggio non violento, reagendo avrei annullato tutto quello che avevo cercato di insegnare loro e non me lo sarei mai perdonato, spiega il professore attaccato in classe mentre stava per fare lezione. Aveva in mente il bene di quei ragazzi, anche di quello “bulletto” che è stato “difeso” dal padre con l’ignobile aggressione: «La nostra scuola è in prima linea nelle battaglie contro il bullismo e la violenza sabato prossimo, ad esempio, a scuola era già previsto un incontro con il procuratore

Queste sono le parole del insegnante di Foggia Pasquale Diana il perché non ha reagito a quel genitore impazzito che lo ha malmenato perché avrebbe rimproverato suo figlio.

Queste vicende sono chiaramente il

View original post 200 altre parole

Diamo ai ragazzi gli strumenti giusti per vivere

Gianluca Santoni Investigazioni

Il figlio ha 10 anni è vittima di bullismo, viene deriso in sala giochi, da un ragazzo 16 enne in una sala giochi. Il ragazzo più grande si pulisce scarpe sporche sui vestiti del ragazzino , che si sente umiliato e racconta tutto ai genitori.

I genitori si presentano in sala giochi e ne è scaturita una lite con spranghe e stecche da biliardo tutti denunciati.

Quanto è accaduto a Ragusa è il frutto di una società che è arrivata ai ferri corri con lo stato con la giustizia, con una società che vede scagionati pedofili, bulli, omicidi, molestatori, attenuanti di pena.

Una società che ogni giorno vive leggendo decine e decine di atti di bullismo, di ragazzi che arrivano al suicidio, il gesto dei genitori è da condannare ma quando intorno vedi che la giustizia non fa il suo corso pensi che per tutelate tuo figlio devi intervenire tu.

View original post 187 altre parole

Picchia la figlia per una foto su Instagram

Gianluca Santoni Investigazioni

Da genitori che permettono tutto a genitori che vivono nell’era medievale.

Questo accade un papà di 38 anni taglia unghie e piercing alla figlia con le tronchesi poi la bastona.

La ragazza 13 anni era uscita con le amiche l’unica colpa la gonna troppa corta, una foto pubblicata su Instagram ha scatenato l’ira del padre padrone, per due lunghi giorni ha picchiato la ragazza,  è finito in carcere l’uomo accusato di maltrattamenti.

Un parente ha inviato su Whatsapp la foto della figlia al uomo, al rientro a casa giù botte, la mattina la ragazza si è truccata per coprire i lividi ed è andata a scuola.

Non contento quando è tornata da scuola ha iniziato a picchiarla con bastone fino a lasciarla per terra priva di sensi. Solo la fuga della mamma si è potuto dare l’allarme al arrivo dei carabinieri si è discolpato con un le ho dato due…

View original post 178 altre parole

Spielberg genitore digitale

Gianluca Santoni Investigazioni

Il regista intervenuto a Roma per il david alla carriera, in una sua intervista rilasciata a repubblica, si è lasciato andare parlando dei social network paragonandoli al far west.

Preoccupato per la grande invasione della privacy , senza regole senza leggi, ma se diventassero regolamentati sarebbero un contenitore senza libertà di espressione.

Dipendente dal suo smartphone, usa i social soprattutto per le news, non avendo però nessun account.

Spiega di essere terrorizzato dall’idea che ogni dispositivo ha una telecamera e soprattutto che i pubblicitari sappiano tutto di noi , indirizzandoci sempre direttamente sui loro prodotti.

Il regista al cinema con “Ready Olayer One 140 minuti definiti un capolavoro, chiunque voglia giocare con la retromania avrà a che fare con un metro di paragone impossibile”.

I ragazzi oggi sono incollati sempre ad uno schermo tv o smartphone, una foto su Instagram vale più di una chiacchiera tra amici .

Allora…

View original post 99 altre parole

Da Bruciamo il Prof alla pistola puntata “ new generation”

Gianluca Santoni Investigazioni

Aggredito in classe da due studenti uno dei quali con in mano un accendino , l’altro lo spintonava , la classe urlava bruciate il prof, il tutto rigorosamente filmato dai telefonini.

La preside sarebbe venuta a sapere dei fatti solo alcuni giorni dopo, grazie ad un video che girava in chat ed ha riconosciuto il docente. Riunito d’urgenza il consiglio e sospeso fino alla fine dell’anno scolastico i due ragazzi, con obbligo di frequenza.

Rinvio a giudizio invece per uno studente che con un’arma giocattolo ha minacciato il professore, tutto si è sviluppato dopo che il docente ha ripreso energicamente lo studente, che si è sentito offeso ed ha reagito.

Le scene che siamo costretti a leggere a vedere tutti i giorni, sembrano scene di una fiction, scene di un film.

I ragazzi si emulano ai boss, ai capetti del quartieri no, si sentono sempre più bulli, lampi stola giocattolo…

View original post 143 altre parole

Social Media : il nostro Identikit

Gianluca Santoni Investigazioni

I cacciatori di teste ossia chi seleziona il personale o chi sceglie un professionista lo controlla a 360 gradi sui social.

Il 37 % degli intervistati dichiara di ricercare la persona su Google il 30% controlla la presenza sui social.

Il 29% analizza il profili LinkedIn, ma non si fermano a questo social molto professionale, perché si limita a fotocopiare il nostro curriculum.

Si utilizzano gli account di Instagram e Facebook per valutare realmente chi è la persona, cosa c’è oltre la bella facciata del Cv.

Le piattaforme Instagram e Facebook, sono una miniera di informazioni. I commenti i post pubblicati i follower , forniscono indicazioni sulla personalità, gli interessi e la modalità di comunicazione.

Molte persone prima di affidarsi a un professionista non si limitano al colloquio o ai lavori già svolti, ma vogliono  capire conoscere meglio la persona che hanno davanti.

Mentre i primi due social, con immagini…

View original post 175 altre parole

007 in lotta ogni giorno contro il “bullismo”

Gianluca Santoni Investigazioni

Il nostro lavoro , di 007, o investigatori, comprende  rami più delicati uno di questi è il bullismo il controllo sui giovani.

E’ il lato del mio lavoro più delicato e dove spendo più energie sono padre di due bambine ancora piccole, e mi rendo conto quanto è difficile instaurare un dialogo un rapporto, però sostengo che la comunicazione è fondamentale per aiutare ed essere aiutati.

I genitori a volte non si rendono conto della gravità, quando intervengo su loro commissione, mi accorgo del disagio che stanno vivendo i loro figli . Perché il bullismo è un disagio è una violenza psicologica nei confronti del più fragile, divulgare video, foto. Prendere costantemente in giro una persona  per il suo aspetto fisico, per il suo modo di essere non vi rende socialmente dei forti anzi mette in evidenza i vostri lati deboli.  Alcuni casi si nascondono dietro il web perché in…

View original post 134 altre parole

Leggi gratuitamente 10 delle 50 poesie che si trovano all’interno della raccolta “Sussurri di un’anima”

Cosimo Schena

CONFORTO

L’ebrezza del mare

accarezzava la mia anima,

ma la solitudine strappava

la mia apparente serenità,

che trapelava dal mio sguardo.

La notte ormai arrivata

copriva ogni cosa.

La luna oscurata

si nascondeva nuda dietro un cielo triste.

Il rimbombo del mio cuore

insieme al mio respiro,

rompeva quel silenzio assordante.

Passi silenziosi sulla sabbia

si avvicinavano dietro di me

al ritmo del mio cuore.

Un tocco,

un sospiro,

un abbraccio,

e fu pace.

Sussurri di un’anima

CAREZZA

Sento un brivido

che mi blocca il respiro.

Un’emozione senza uguali

mi lascia inerme

sul ciglio della strada.

Sento la dolcezza divina

che assapora l’attimo

che fugge inesorabile.

Non comprendo il momento:

Gioia o dolore?

Cerco risposta

nei volti dei passanti

privi di emozioni.

Vago alla ricerca di comprensione.

Era una carezza al cuore.

VOLTO

Cammino nel silenzio,

cercando riparo dall’insoddisfazione

celata dietro una finta vivacità.

Tutto rende la mia vita

un…

View original post 458 altre parole

Il mio nuovo libro di poesie: Sussurri di un’Anima

Cosimo Schena

“Sussurri di un’anima”. Definire una raccolta di poesie non è mai semplice. Il titolo esprime bene il contenuto della raccolta, “Sussurri”: sono i pensieri, i moti interiori di un cuore che pensa, che si emozione, di un cuore ferito e di un cuore accarezzato dalla tenerezza, ora del creato, ora delle creature. Senza alcuna pretesa, la raccolta invita a entrare nel cuore e nell’anima, non solo dell’autore, ma di ciascuno con passo felpato e, in silenzio, percepire ogni vibrazione, ogni sussurro.

Ecco alcune poesie presenti nella raccolta:

CONFORTO

L’ebrezza del mare

accarezzava la mia anima,

ma la solitudine strappava

la mia apparente serenità,

che trapelava dal mio sguardo.

La notte ormai arrivata

copriva ogni cosa.

La luna oscurata

si nascondeva nuda dietro un cielo triste. Il rimbombo del mio cuore

insieme al mio respiro,

rompeva quel silenzio assordante.

Passi silenziosi sulla sabbia

si avvicinavano dietro di me

al ritmo del…

View original post 123 altre parole

Nuova raccolta di poesie e pensieri: Soffio verso il cielo

Cosimo Schena

Descrizione

Dopo “Sussurri” e “Sussurri di un’Anima” nasce questa nuova raccolta di poesie interevallata da bellissime immagini del cielo con diversi pensieri ed un piccola storia. È proprio da quella storia che nasce questo soffio che va verso il cielo, come segno di speranza per tutti coloro che hanno ancora il coraggio di sognare.

Soffio verso il cielo: Prova a soffiare anche tu https://www.amazon.it/dp/B07BQ5G9G2/ref=cm_sw_r_cp_api_zgwUAbH81XBW7

View original post

L’arte di sapersi sopportare. E supportare.

Diario di una Zingara

-Lei sa perchè gli uomini non dovrebbero poter entrare al supermercato? Perchè rompono solo i coglioni!

-…

-Ma lo sa da quanti anni sono sposata?

-No, me lo dica lei.

-Sessantotto! Sa quanti sono sessantotto anni?? Abbastanza da pensare di sotterrarlo in giardino!

(Domenica pomeriggio, al banco degli affettati del supermercato.)

Questa è la prova che dimostra che le solite frasi banali sul “come fate a sopportarvi per così tanto tempo” devono finire.

Tutti abbiamo quei difetti fastidiosi e quelle cattive abitudini dure a morire!

E forse la pozione magica per far durare la coppia si ottiene proprio mescolando supporto e sopportazione, senza lasciare che i difetti prendano il sopravvento.

Mio marito, in questo, è il numero uno! Appena la mia testa inizia a rassegnarsi all’idea del fastidioso difetto del momento, lui smette. E si inventa una nuova pessima abitudine, dove io devo ripartire da zero con i miei esercizi…

View original post 225 altre parole

L’ultima canzone della sera

Diario di una Zingara

A volte il silenzio racconta tutto quello che mille parole non riescono a spiegare.

Sabrina Ducci

L’ultima canzone della sera è quella che ascolti prima di andare a dormire. Come quando andavi in discoteca e, prima della chiusura, mettevano quei pezzi ormai vecchiotti per far uscire tutti.

A casa mia, adesso, suonano le note silenziose della serenità.

Ci siamo io e mio marito sul divano, guardiamo qualche serie in tv o leggiamo, o uno legge e l’altro guarda la tv. Toddler dorme già da qualche ora.

C’è la coperta, quella con il pelo da un lato ed il pile dall’altra talmente vissuta da essere quasi infeltrita.

C’è il cartoncino vuoto del succo di frutta o la tazza della tisana.

Ci sono gli occhi stanchi ed arrossati dell’informatico e quelli perennemente addobbati con le occhiaie della mamma casalinga.

Ci sono le ciabatte sul tappeto.

Di solito non parliamo molto, la sera…

View original post 76 altre parole

I capricci non esistono!

Diario di una Zingara

vizi-e-capricci

Fiato alle trombe, rulli di tamburi!

I CAPRICCI NON ESISTONO!

Abbiamo sempre sbagliato tutto! Generazioni intere hanno cercato per anni una soluzione eticamente accettabile per frenare sul nascere i capricci del proprio bambino,  si sono lambiccati il cervello per trovare una tattica civilmente tollerata per evitare pianti e scenate, quando ecco spiegato perchè tutti i risultati si sono rivelati un insuccesso: i capricci non esistono.

Prendiamo un esempio della settimana scorsa: dopo innumerevoli giri sul camion dei pompieri delle giostre per il toddler di casa, ed una notevole nausea per me, decido che è ora di scendere e tornare a casa. Ed ecco che il piccoletto si trasforma in una strana creatura mitologica metà T-Rex e metà anguilla che tenta la fuga lanciandosi a braccia aperte verso qualsiasi estraneo che incontra, ovviamente con urla degne del suo lato teropode neanche tanto latente.

Secondo la teoria sopracitata, quindi, esso sta manifestando…

View original post 160 altre parole

Non devo urlare (troppo)

Diario di una Zingara

Alzare la voce è sbagliato, lo so. Eppure lo faccio lo stesso.

Non sono solita sgridare spesso il Toddler, ma qualche volta ho alzato la voce. E funziona. Calma i suoi capricci ( I capricci non esistono! ) nell’immediato, ma non funziona sulla mia coscienza.

E’ un periodo strano questo. Siamo cullati dai cambiamenti in atto e da quelli prossimi, il sorriso non manca mai, ma qualche down emotivo è inevitabile. Probabilmente, anzi sicuramente, lo percepisce anche lui.

Dico di no all’ennesimo marshmallow? Imita no-no-no e urla.

La torre di costruzioni cade prima dei (suoi) tempi? Urla e piange.

Dico di no al pezzo di pasta che butta divertito per terra? Imita no-no-no e urla.

Spesso riesco ad arginare il problema distraendolo o parlandogli, ma se proprio esagera mi parte il Pavarotti.

Il senso di impotenza, che penso sia caratteristico più o meno di ogni genitore, cresce.

Non potrò proteggerlo…

View original post 29 altre parole

Sulla pelle

Diario di una Zingara

Quello che più mi piace, mi sa, è che nel tempo tutto si risolve, si aggiusta, si cicatrizza, indipendentemente da quello che penso o faccio.

Sotto un sole di sigarette e cetrioli

Charles Bukowski

Cose da ricordare.

Sempre.

Una persona che ti fa le moine non vuol dire che ti sia amica.

L’amicizia è un gesto naturale, non la puoi inventare e nemmeno forzare.

E’ un po’ come avere gli sci sul tettuccio della macchina quando vai a Riccione. Magari, se ti va proprio bene, riuscirai ad usarli. Ma sarebbe forzato.

Non è amica nemmeno quando ti rovescia addosso secchiate di parole.

In quel momento ci sei solo tu, oltre le braccia della nebbia.

Che poi non è mica male essere cullati dalla nebbia, bisogna solo essere in grado di domarla. Bisogna mettere i paletti: “più in là di questo punto non vai”. Altrimenti scompari.

Un giorno metti le mani…

View original post 87 altre parole

Free Hugs

Diario di una Zingara

Che poi a volte basterebbe solo un abbraccio no?

Ci sono gli abbracci di cortesia, dove le mani si appoggiano semplicemente sulle spalle.

Ci sono quelli rumorosi, nel bel mezzo di una festa.

Ci sono quelli delicati, con un braccio leggero che cinge la vita.

Ci sono quelli che arrivano da dietro, mentre non te lo aspetti.

Ci sono quelli che ti prendono le gambe, perchè i bambini arrivano solo fino lì.

I migliori sono quelli silenziosi, che ti stringono talmente forte da farti mancare il fiato. E le parole. Ti entrano dentro le ossa e ti scaldano il cuore, annodando tutte le paure.

E va a finire che tutto diventa un po’ più luminoso.

Abbracciare è un gesto semplice, in certi momenti quasi banale, ma che ha il potere di far sentire protetti. Ci regala un granello di sicurezza in più ed un sorriso. E favorisce il rilascio di…

View original post 13 altre parole

Primo maggio

Diario di una Zingara

Buon primo maggio a chi lavora, ma soprattutto a chi un lavoro l’ha perso o non lo trova. A chi tira a campare come può sperando che qualcuno faccia davvero qualcosa per migliorare la situazione.

Buona festa ai lavoratori che tali non sono più e non per loro scelta, ma per errori altrui. A chi mastica precariato e ripone sogni e progetti nello stesso cassetto perché senza certezze non si va da nessuna parte.

Auguri sinceri da parte di uno che finora ha avuto fortuna, ma che ha conosciuto chi ne ha avuta di meno.

View original post

Nostalgia…del mio blog e di me qui😊

paola

In questi ultimi giorni ho accantonato un po’ il mio blog. Dovendo strutturare il mio romanzo, mi sono concentrata molto sulle tappe da rispettare. L’inizio è sempre delicato, se poi ci si mette un bel po’ per studiare un incipit valido, il tempo si sbriciola. Mi rendo conto solo ora di aver dimenticato questa mia casa di villeggiatura, mentre è avanzata a passi lenti una buona dose di nostalgia. Qui si respira anche un piacevole calore umano che fa star bene; a volte allevia le fatiche, a volte risveglia gli animi sopiti, a volte consola e a volte fa tanto sorridere. Questo mi è molto mancato, soprattutto nel rispetto di quei blog che ho trasformato in rispettose amicizie da coltivare con affetto sincero💕

Il tempo è sempre quello, il raggio delle 24 ore si accorcia visto che occorre anche dormire, e le settimane sono sempre imperversate da tempeste di obblighi…

View original post 289 altre parole

Astenia da nero🖤

paola

In questo periodo, per ragioni talmente lunghe che non sto nemmeno a dire, soffro di astenia da nero. L’astenia da nero altro non è che l’ingente necessità di guardare e assaporare cose che hanno un’anima dark. Quando mi oppongo a questo tipo di richiamo, ecco che mi spunta all’improvviso qualcosa che ne va a diminuire la necessità.

Immagini che mi riportano un po’ nel mio mondo e che ho messo a tacere per necessità contestualizzate con quanto sto scrivendo. Non vedo l’ora di finire i capitoli chiari, per potermi gustare in santa pace i miei oscuri mondi che mi mancano da matti. Purtroppo, e su di me funziona così, se mi permeo di cose scure scrivo di cose scure. Se invece concedo alla neutralità giornate chiare, scrivo di cose chiare. Non potendo trasformare la mia storia in un noir, devo contenere i miei desideri darkiani e per poterlo fare devo…

View original post 167 altre parole

Parole in vitro.

paola

image

Le tengo lì, ferme, scheggiate e trasparenti.
Lascio che la clessidra del tempo le porti a compimento in un immaginario che lotta nel peso del presente.
Sono leggere, parole tagliate dalla luce grigiastra, che diventano corpo quando cadono frantumate dal silenzio che mi porta via.
Le trattengo avvolte da una ispiegabile malinconia che sopporto in questi giorni di rinascita. Tutto rinasce mentre io lenta, muoio un po’.
Decado, decedo, trapasso, passo oltre alla vita che mi chiama all’obbligo di un’esistenza, chiusa da un fastidioso torpore che cerco di grattare via da sotto le unghie. Le stesse che si aggrappano a tutto quello che non c’è ma vorrei.
È la mia tristezza primaverile, sono le mie vuote parole morenti…
Le conosco così bene mentre in silenzio guardo i sorrisi degli altri sperando diventino presto anche miei.
Restano raccolte le mie parole, in gomitoli che lavorerò a maglia senza far baccano.
Nessun…

View original post 15 altre parole

Un piccolo triangolo di ghiaia

Non di questo mondo

E’ buio qui
sotto i rami di quest’ albero
la luce del sole non passa
ma almeno l’ aria è fresca
che bisogna star attenti a non sudare.

E sta sulle rive di un lago quest’ albero
di fronte a gradini in pietra
che scendono in acqua
lasciando a sinistra un piccolo triangolo di ghiaia
dove i bimbi vanno a giocare.

E’ li’ che andavo anch’io
acqua alle ginocchia
mutande un po’ larghe
che al fratello maggiore cominciavano a star strette
un cimino per canna da pesca.

Questo bastava
non c’ era ieri nè domani
qualche pescetto bastava
da portare a mamma
ne avrebbe fatto un’ ottima cena.

Qui sotto quest’ albero
anche oggi non c’è ieri
nè domani.

lago

View original post

Senti come non c’è (medley)

Non di questo mondo

Senti come non c’è.
In mezzo alle radure,
nell’ erba.
Nei fiori dei mille pensieri.
Nei canti di campane.
Nelle pause del suono.
Alle finestre dei sorrisi dolorosi.
Nel sole che regna su questo mondo.
In tutti questi chilometri.
In un ghiacciolo alla menta.
Nell’ aria di questo aprile.
Nelle spine sui muri delle mulattiere.
Nel chiacchiericcio delle farfalle.
Nell’ importanza delle cose che non importano.
Nelle statue che non ti guardano.
Nel corpo che guardi.
E in quello che non vedi.
Nel non voler ritornare.
Nel non poter ritornare.
Nelle poesie mai scritte.
In un orologio che non c’è.
Nell’ ombra del mio albero.
In una gita al lago andando a cercare.
Al chiosco del mercato, bene in vista.
Nelle margherite al bosco.
Lungo le vie d’ acqua.
Nella tigre dai denti a sciabola a cui sei sfuggito.
Nel vociare delle massaie che non ci sono ai bordi del…

View original post 72 altre parole

Visioni

Non di questo mondo

C’è come un foro nelle nuvole
nuvole scure in un cielo nero.
Tra i bordi dorati e brillanti si intravede una luce vivida
Poi, all’ improvviso, tutto va in negativo
il cielo e le nuvole si fanno sempre più chiare
quasi dello stesso colore
e dai bordi sempre dorati si intravede un altro cielo
Scuro, nero, che piano piano si riempie di stelle.

Ma ecco che il cielo si fa rosso
e iniziano i lampi..

Forse è ora di togliere i pollici che premono gli occhi
e vedere che il cielo è sempre azzurro
con in più uno strano sole
impresso sulla retina.
Forse è anche ora di smettere di far sti giochetti
e smettere di fare il bambino,
che ne ho già fatti due,
e a loro volta altri due.
Ma tant’ è..
non è giocando che si impara?
O sbagliando?

art-fractal

View original post

Un piccolo quadrato di cielo

Non di questo mondo

Ci sono dei gradoni in pietra sotto Portatorre
e se da lì alzi gli occhi il cielo ha quattro angoli,
Un piccolo quadrato che contiene tutto il cielo,
di ieri e di oggi, e domani
e tutto il tempo del mondo si affaccia da lì e mi guarda.
Certo che così ci piove dentro
ma in quel piccolo quadrato c’è tutto quello che mi serve
per farne un rifugio bellissimo.

View original post

Piccola meraviglia

Non di questo mondo

E’ stato solo un attimo,
ero lì ma non ero lì.
Cioè mi vedevo lì a guardarla
quindi non potevo essere lì.
Ma era così bello stare lì.
E fu una piccola meraviglia
quando uscì dalla doccia,
passando davanti alla finestra
la luce le infiammò i contorni.
Le goccioline brillavano
nell’ aria piena di puntini leggeri
e il pensiero ammutolì.
E’ stato solo un attimo
una piccola meraviglia mai svanita.
Impressa dalla luce.

Quando poi aprì le cosce
anche il mondo sparì d’ improvviso
stupefatto, nella sua dolce ferita.
L’ attimo si fece eterno
spalancato
dolce e feroce,
di lacerante bellezza.

View original post

Un attimo

Non di questo mondo

E’ stato solo un attimo,
una piccola meraviglia
quando uscisti dalla doccia
passando davanti alla finestra
ela luce infiammò i contorni.
Le goccioline brillavano
nell’ aria piena di puntini leggeri
il pensiero ammutolì.
E’ stato solo un attimo
solo una piccola meraviglia mai svanita.
Impressa dalla luce.

Quando poi aprì le cosce
anche il mondo sparì d’ improvviso
stupefatto, nella sua ferita.
Restò solo quell’ attimo
spalancato
feroce e dolce,
di lacerante bellezza.

Immagine Alvin Booth

AlvinBooth1

View original post

Portante acustica

Non di questo mondo

Mamma naviga su una portante acustica
a modem spento.
Una portante direttamente infilata nell’ orecchio
come un sibilo a 3000 hertz.
Devono avere computer avanzatissimi lassù
da milioni di megahertz al microsecondo
il suo avrà per tastiera un prato verde
e per tasti margherite.
Per hardisk una torta di mele appena sfornata.
E il monitor è proprio qui, dietro le palpebre chiuse
Immagini, scritte e suoni appaiono in finestre velocissime.
Più vite al secondo.
Lancia messaggi a tutti
perchè me li vengano a dire.

Non fare tardi..

In frasi banalissime per tutti.

Ti ho lasciato una fetta di torta in frigo.

Certo anche “non ti voglio più bene” o “sei una delusione” è tra quei messaggi.

Ma i computer, si sa, sbagliano.

Chi vi stirerà le camicie?

Fai il bravo.

View original post

Oltre, di Franco Bonvini [Poesia] :: LaRecherche.it

Non di questo mondo

Sorgente: Oltre, di Franco Bonvini [Poesia] :: LaRecherche.it

Oltre
o aldilà
o come lo vuoi chiamare
presuppone un limite.
Che davvero non so se c’è.

Intanto qui le nuvole disegnano figure care in cielo
e i merli mi seguono lungo la strada

e gli posso parlare,
qui la luce e il pulviscolo seguono contorni misteriosi
e le ombre tra le cose bisbigliano.

Oltre
o aldilà
o come lo vuoi chiamare
forse è fine
punto
stop.

E qui restano i merli smarriti
non trovandomi lungo la strada.

View original post

L’ ora più dolce

Non di questo mondo

C’è un’ ora,
quando il sole sta per scendere oltre i monti
in cui il lago s’ indora, e si calma.
L’ acqua si ferma e i cigni hanno già fatto l’ ultimo volo.
È lì che manca
e non è solo nostalgia
o tutte quelle balle sull’ età
che fa asciutti gli occhi.
È che gli anni senza sono sempre di più
è che non ricordo la voce,
la voce in-canto sulle rive del lago.
Per questo ci vado spesso.
Finchè la sentirò
chiamare il mio nome.

20170826_180235

View original post

Non c’è confine visibile

Non di questo mondo

C’è un salice sulla riva di un lago,
il salice amico dei cigni.
I rami scendono fino all’ acqua e sotto creano una piccola stanza.
Seduti in quella stanza i due guardano all’ altra sponda
e la sera sta in silenzio.
Non c’è confine visibile in mezzo al lago
eppure di là è altra terra, altre leggi.
C’è però un volo di cigni
che partono e s’alzano
battendo lento le ali
e tornano, dopo una virata larga
uno a destra, uno a sinistra,
sorvolando le due diverse sponde,
ad ammarare nello stesso punto,
insieme.

Quei due nella stanza stanno alla stanza come il salice alla sera.

Guardali, dicono i giovani passando
non si baciano
non si toccano
non si parlano.

E dicendolo nemmeno si accorgono del volo dei cigni.

20170911_093256

View original post

Questa non è una poesia

Non di questo mondo

Quando iniziò la musica
alla festa di Maria Ausiliatrice,
nel piccolo cottolengo,
lei era lì,
proprio davanti al palco.

Non ha fatto molta strada per venire a sentirci, lei abita lì,
vederci non so,
stava con gli occhi fissi al cielo
a bordo della sua sedia spaziale.

Solo un leggero sorriso sulle labbra
e un leggero movimento del piede
a tempo
rivelava l’ ascolto.
Non ha mai smesso.

Fino alla fine del concerto.

WP_20150602_057

View original post

Luogo d’ anime

Non di questo mondo

Sono qui,
steso al suolo sotto questi alberi
da qui
posso vedere il cielo attraversare i rami
fino agli occhi.
E penso,
questo è il luogo dove sto.

Allora perchè a volte vedo le cime degli alberi
dall’ alto
e le attraverso
fino a trovarmi al suolo, steso.

Ci dev’ essere un altro luogo
chi sa dove
esteso su tutta la vita
da dove mi guardo.

Da lì mi vedo ragazzo
alla polveriera, il fucile a terra
che chi cazzo vuoi che venga in quelle fredde notti
per intimargli un chi va là?
Solo un cervo col suo cerbiatto
all’ incrocio del sentiero.
Mi vedo nella tormenta
dalla quale ho temuto di non uscire.

E in quel luogo non c’è il tempo.

A guardar bene poi
è pieno di sentieri
e incroci con altre vite
e più le conosci o le hai conosciute più ti espandi in esse,
come goccia…

View original post 41 altre parole

Pensiero sonoro

Non di questo mondo

A volte penso in suoni,
è scontato che sia quando suono,
nessuna parola
nemmeno un nome di nota
solo il suono
e il pensiero sonoro che muove le dita.

Non so se per tutti è così.

L’ emozione poi colora il suono
di tenui rosa, azzurri
o elettrici lampi gialli in un cielo rosso,
oltre il soffitto.

Capita più di rado,
a me una volta, forse due,
che anche il pensiero ammutolisce,
le dita lo anticipano
e non sai più chi le muova,
stai solo ad ascoltare.

Resti ad ascoltare quel passaggio
di lampi in un cielo rosso.

Poi alla fine arriva un ragazzino
e ti dice che ha registrato tutto,
che andrà a casa a studiarselo.

Ma quel passaggio forse non è neanche tuo.

altra generazione s valeria_22

View original post

L’ odore della musica

Non di questo mondo

Hai mai sentito l’ odore delle valvole calde e rosse?
Non lo puoi descrivere.
Nessun odore puoi descrivere.
Se si potesse,
ti direi che per me è l’ odore della musica.
Per te magari è solo odore di vetro rovente
rame e zoccoli di bachelite caldi
misto a legno caldo e pelle.

Ed è rosso. E dolce.

Sa di mia madre, nei pisolini pomeridiani di bimbo.
Quando cantava.
Quando mi stringevo al suo corpo

cercando con la manina un battito.

guitar-amp-tubes

View original post

Di Maio alla Lega. “Chiediamo al Colle di tornare a votare”, di Federico Capurso. La Stampa

Di Maio alla Lega. “Chiediamo al Colle di tornare a votare”

L’uscita del leader studiata per creare divisioni nel Pd. Prime crepe, ma Di Battista in aiuto: “Tutti con Luigi”
ANSA
Federico Capurso Roma  http://www.lastampa.it

Nelle ore più complicate della sua leadership, mentre sembra naufragare ogni strategia politica e si consuma il disastro elettorale in Friuli Venezia Giulia, Luigi Di Maio tenta lo strappo. «L’unica soluzione è tornare al voto il prima possibile», dichiara in un video su Facebook. E «a Matteo Salvini dico: andiamo insieme a chiedere di votare a giugno». Ma è un bluff. «Nessuno crede davvero in un ritorno alle urne. Non così presto, almeno», mettono in chiaro poco dopo dal Movimento.

Il colpo ad effetto del leader ha raggiunto però il suo vero obiettivo: far cadere una scintilla nella polveriera del Partito democratico. È lì che le nuove elezioni fanno più paura. Di Maio è lì ad alimentarla. E con successo, si direbbe, viste le reazioni furenti tra i dem avverse a Matteo Renzi e alla sua chiusura nei confronti dei Cinque stelle. Perché nella testa del leader M5S il forno con il Pd non è ancora chiuso del tutto, «nonostante Renzi stia cercando di soffocare chi la pensa diversamente da lui», spiega un parlamentare grillino di peso. Nel mirino del Movimento, dunque, c’è ancora la Direzione dem di giovedì, con la speranza che Renzi finisca in minoranza. Poi, si vedrà.

L’effetto collaterale della strategia di Di Maio si abbatte però sul nutrito gruppo parlamentare, tenuto all’oscuro dei movimenti sotterranei dei vertici. Non tutti, infatti, sono d’accordo sul ritorno alle urne. E le mosse del capo, che finora non hanno portato a grandi vittorie, già da qualche giorno stanno creando diffusi malumori. Un ritorno alle urne vorrebbe dire rientrare in piena campagna elettorale sul territorio e, per chi è già al secondo mandato, la grande incognita: se non si è formato un governo, vale come secondo giro o ci sarà una deroga alle regole interne?

Il profumo della tempesta arriva lontano e riempie le chat interne dei Cinque stelle. Così, i big del partito vengono chiamati a scendere in campo. Alessandro Di Battista sui social lancia un appello alla compattezza (inutile se non ci fossero già delle crepe): «Tutto il Movimento ha il dovere di sostenere Luigi e la scelta di tornare al voto». Poi, l’attacco alla Lega, che nel frattempo ha già fatto trapelare che no, non chiederà di tornare alle urne. «Ho sbagliato a chiamare Salvini “Dudù”. A differenza sua, Dudù al guinzaglio non l’ho visto quasi mai», scrive Dibba, per poi spronare lo stesso Salvini: «Ora dimostrasse un coraggio che non ha mai avuto e chiedesse elezioni anticipate». L’appello cade nel vuoto.

Da Genova, allora, rincara la dose Beppe Grillo che decide dopo tanto tempo di tornare a parlare del Movimento e di politica dal suo blog. Anche lui, come Dibba, offre riparo a Di Maio, di cui ci si sta facendo – secondo Grillo – un’idea sbagliata: «L’entusiasmo di Luigi è propagandato come fosse bramosia di potere», scrive. La colpa sarebbe di quei partiti «parassiti», che lucrano sul successo pentastellato. Ma, aggiunge, «è una cosa che dobbiamo al paese, il tentativo di incontrarci su dei temi con questi personaggi, escludendo quelli assolutamente impossibili».

Mentre quindi Di Maio affronta il tema delle nuove elezioni, considerando così fallite tutte le altre opzioni sul tavolo, Grillo parla invece coniugando al presente la possibilità di un «contratto alla tedesca», come se l’idea seppur debole fosse ancora in piedi. E ai dem che stanno tentando di riaprire il dialogo con il Movimento mettendo Renzi in minoranza, Grillo lancia un amo: «Il Pd e l’accozzaglia che attende il cedimento strutturale del suo garante, Berlusconi, credono davvero che vogliamo allearci con loro? Oppure sono i media, ed è la gente a crederlo?». Sfrondato degli insulti, quello di Grillo è un invito alla calma (rivolto anche agli attivisti M5S). Perché se mai la Direzione di giovedì riuscisse a ribaltare la situazione e portare il Pd al tavolo delle trattative, non si parlerà mai di «alleanza» con il Movimento.

I «se» legati al Pd sono pesanti. E dietro l’angolo c’è Salvini che aspetta. Che non risponde più alle telefonate di Luigi. Che rifiuta di accompagnarlo al Colle per chiedere nuove elezioni. Nonostante Di Maio, per lui, avesse sfoderato la sua migliore faccia da poker. A questa mano è un bluff. Ma la prossima, chissà.

Colle irritato con il M5s: niente voto a giugno Idea governo di tregua

Colle irritato con il M5s: niente voto a giugno Idea governo di tregua

Il Colle esclude il ritorno alle urne e non risponde a Di Maio. Il piano B: una figura terza con pochi compiti mirati

Sì, ci mancava solo Luigi Di Maio: «Andiamo al Quirinale – minaccia il candidato premier grillino – e chiediamo di andare a votare subito».

Al Colle c’è irritazione. Non bastava la difficoltà di far partire il dialogo tra partiti che non si vogliono nemmeno parlare, non era sufficiente il «gioco dei veti incrociati» che sta bloccando i tentativi di Sergio Mattarella di mettere in piedi un governo.

Ora ci si mette pure il leader di M5s: per due mesi è stato responsabile e irreprensibile, ora anche lui «interferisce» con le prerogative presidenziali. Ma se il pressing di Matteo Salvini per le elezioni anticipate, nei giorni scorsi, era stato accolto con «stupore», l’analoga richiesta di Di Maio viene rimbalzata senza nemmeno una risposta.

Tanto in estate non si vota. Piuttosto nel palazzo dei Papi si stanno attrezzando per il piano B: un governo di tregua.

Continua a leggere “Colle irritato con il M5s: niente voto a giugno Idea governo di tregua”

Milano, i sopravvissuti al raid dei due clandestini: «Uno mi teneva, l’altro mi colpiva in faccia», di Andrea Galli e Gianni Santucci. Corriere.it

Milano, i sopravvissuti al raid dei due clandestini: «Uno mi teneva, l’altro mi colpiva in faccia»

Le azioni dei killer di Samsul ricostruite dai carabinieri. Due vittime: «Quelli ci seguivano. Poi mi hanno afferrata per i capelli e ho ricevuto un pugno. L’altro col coltello ha seguito la mia amica»

I carabinieri in via Settembrini dove è stato aggredito a morte il giovane cameriere bengalese Samsul Haque (foto nel riquadro) I carabinieri in via Settembrini dove è stato aggredito a morte il giovane cameriere bengalese Samsul Haque (foto nel riquadro)
shadow

«Sono sceso dall’autobus e ho cominciato a camminare verso casa, avrò fatto circa 20 metri. In quel momento due uomini nordafricani che avevo visto prima mi hanno aggredito. Uno, da dietro, mi teneva bloccato per le spalle; l’altro, davanti, mi colpiva più volte con una bottiglia in faccia». Una bottiglia di plastica, tagliata in due: con quella Frank Quispe Porras, 36 anni, peruviano, operaio, è stato sfregiato sotto lo zigomo. «Mi urlavano “dammi la tua roba, dammi il cellulare”.

Gli ho consegnato tutto e sono scappati». Ore 23, giorno 26 aprile, via Stalingrado, Cinisello Balsamo: la notte balorda di Amass Abdenachemi e Saad Otmani, 28 e 30 anni, è iniziata al confine della città. E s’è chiusa circa tre ore dopo, vicino alla stazione Centrale di Milano, con l’omicidio di Samsul Haque Swapan, cameriere del Bangladesh. I due sono stati arrestati alle 10 del mattino, a chiusura di un’indagine serrata e immediata dei carabinieri. Oggi è possibile ricostruire nel dettaglio la loro strada criminale: attraverso il racconto delle vittime.

Milano, le aggressioni di via Gaffurio e Settembrini: la ricostruzione dell’incubo

Continua a leggere “Milano, i sopravvissuti al raid dei due clandestini: «Uno mi teneva, l’altro mi colpiva in faccia», di Andrea Galli e Gianni Santucci. Corriere.it”

Milano, studentessa inglese rischia lo stupro in strada: un passante la salva

Milano, studentessa inglese rischia lo stupro in strada: un passante la salva

La ventenne è stata aggredita sul marciapiede di via De Amicis, in pieno centro, all’una e mezza della notte tra sabato e domenica. Era già stata denudata quando un uomo ha iniziato a urlare. Si cercano due nordafricani

shadow

La ragazza ha poco più di vent’anni, britannica, studentessa; cammina da sola, tranquilla, pur se non molto lucida (sarà lei stessa a spiegare di aver passato la serata con amici e di aver bevuto molto, troppo). Passa sul marciapiede di via De Amicis, parte della circonvallazione interna di Milano, arteria che attraversa una delle zone del divertimento della città, tra l’università Cattolica e le Colonne di San Lorenzo. È l’una e mezza della notte tra sabato e domenica e lei, per tornare verso casa, quella strada l’ha fatta spesso. Da qualche mese però, in quel tratto, sono in corso gli scavi per costruire la nuova linea della metropolitana, e il cantiere ha creato alcune zone più appartate, meno visibili alle auto. La ragazza (non è stata poi in grado di ricostruire se sia stata seguita) a un certo punto si trova intorno due uomini.

L’hanno fermata, trascinata, immobilizzata, spogliata. La dinamica del tentativo di violenza è stata rapida e feroce. È durata qualche minuto, la ragazza ha provato a resistere, nonostante fosse terrorizzata e in difficoltà, «perché ero ubriaca» (riferirà nelle ore successive). All’improvviso, però, ha sentito urlare.

Fondi Por-Fesr. La Giunta comunale approva le strategie di utilizzo. I dettagli degli interventi

FullSizeRender

Fondi Por-Fesr. La Giunta comunale approva le strategie di utilizzo

Alessandria: La Giunta Comunale, nella seduta di ieri, ha approvato i contenuti e le azioni del progetto ‘Alessandria torna al centro. Polo logistico culturale di vasta area, strategia urbana di sviluppo integrato per l’attuazione dell’asse VI – sviluppo urbano sostenibile’, un progetto complessivo per l’utilizzo dei fondi Por- Fesr.
Il documento approvato intende sviluppare strategie di sviluppo che portino all’attivazione di politiche integrate per il rilancio della Città, riconoscendo principalmente al complesso dell’ex ospedale Militare – Chiesa di San Francesco e al complesso monumentale della Cittadella il ruolo di catalizzatori, l’uno per il centro storico e l’altro per la sponda sinistra del Tanaro, entrambi collegati per costituire un efficace motore attrattivo per l’intero territorio.
Obiettivo generale che sottende il progetto è la promozione dello sviluppo competitivo del territorio attraverso l’economia della cultura, valorizzando la posizione strategica e la vocazione logistica della città.
L’individuazione dell’area del centro urbano nasce da una precisa volontà dell’Amministrazione comunale che vuole puntare al rilancio di un punto nevralgico del centro cittadino. Continua a leggere “Fondi Por-Fesr. La Giunta comunale approva le strategie di utilizzo. I dettagli degli interventi”