don Cosimo Schena - il Poeta dell’Amore

PRIMA PARTE(SVOLTA MISTICA)

Nel 1938 Simone Weil, partecipò alle funzioni della settimana santa, nell’abbazia benedettina di Solesmes, colpita dai suoi fortissimi mal di testa, che le infliggevano dolori estenuanti sin dalla giovane età.

«Avevo fortissimi mal di testa, e ogni suono era per me come un colpo; eppure un estremo sforzo d’attenzione mi permetteva di uscire dalla miserabile carne, di lasciarla soffrire in disparte, rannicchiata in un angolo, e di cogliere una gioia pura e perfetta nell’inaudita bellezza del canto e delle parole. Quell’esperienza mi ha permesso, per analogia, di comprendere meglio la possibilità di amare l’amore divino attraverso la sventura. È naturale che durante quelle funzioni il pensiero della Passione del Cristo sia penetrato in me per sempre»

Recitando una poesia di George Herbert, dal titolo Love, che accadde qualcosa di straordinario.

«Credevo di recitarla solo come una bella poesia, ma a mia insaputa quell’esercizio aveva la virtù…

View original post 1.074 altre parole