Il bacio

marcellocomitini

Rodin bacio Rodin, Bacio

No, non è la forza rumorosa del vento che ci spinge
verso l’infinito desiderato.
Il silenzio degli sguardi
i dorsi delle mani sulle pagine del libro.
Esistiamo solo noi due.
Le nostre dita s’incrociano,
ci legano l’uno all’altra
si toccano le labbra con un soffio misterioso.
Lontano le ali dei sogni bruciavano fra le nuvole.
Il fuoco si spandeva come fosse il nostro destino.
Non esistevano porte e lungo i corridoi
soltanto fiamme. Non sapevamo nulla. Non parlavamo.
Soli eravamo e senza alcun sospetto
nel buio cercavamo le nostre bocche.
Le parole furono i nostri sguardi e il nostro bacio
fu quello della morte.

  • Il titolo originario della scultura di Rodin fu “Paolo e Francesca”
  • I versi si riferiscono al Canto V dell’ Inferno della Divina Commedia (incontro di Dante con Francesca da Rimini e Paolo Malatesta) e il verso non in corsivo inserito nella mia poesia è…

View original post 4 altre parole

Un pensiero su “Il bacio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...