Il panino fritto

Dr. Hoffermann - cronache di un'alimentazione sbagliata

Guardo il menù plastificato che scivola lentamente fra le mie dita.
Le pagine sono ricoperte da un sottile strato di grasso, residuo del tocco unto di fritto dei ciccioni che l’hanno sfiorato prima di me. Dovrò lavarmi le mani un’altra volta, dopo che avrò ordinato. Magari me le disinfetto anche, chissà che hanno toccato con quelle luride dita impacciate.
Sfoglio le pagine mentre con lo sguardo sorvolo le figure, niente che mi interessi.
Tristi cestini di fritto misto, mal riempiti, promettono un antipasto in vero stile messicano. Suppongo che si riferiscano alla dissenteria.
Cerco di trattenere un leggero disgusto e vado avanti.
Salto la pagina delle insalate. Non spenderò 10€ per un po’ d’erba raccolta nel parcheggio condita con la salsa yogurt della Lidl.
Riesco a sentire la puzza di piscio di cane che viene dalla Caesar Salad di una ragazza seduta poco più in là. Glielo hanno chiamato “condimento”.
Scorro…

View original post 844 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...