Kintsugi

Diario di una Zingara

Il mare non è mai stato amico dell’uomo. Tutt’al più è stato complice nella sua irrequietezza.

Joseph Conrad

Io l’ho visto l’oceano quando si incazza.

Era una notte di fine agosto.

L’acqua limpida dell’Atlantico, proprio quella dove fino a poche ore prima provavo a surfare per la prima volta, si stava trasformando in un mostro molle e disastroso.

Il cielo era nero, come le onde che sbattevano violentemente sulla spiaggia vuota.

E il vento. Urlava come una bestia dolorante, rinchiusa da qualche parte.

Qualche sera prima ero rimasta in spiaggia fino a tardi a salutare il sole; me lo ricordo ancora bene quel tramonto. Mi ricordo bene la palla di fuoco arancione che incontrava l’oceano, fino a restarne completamente inghiottita.

Quella notte non ho dormito. Sembrava che il giorno non volesse tornare mai più.

E invece il sole si è rialzato, le onde erano di nuovo gentili ed il vento…

View original post 170 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...