Silvia Cozzi poetessa, sin da giovanissima teneva un diario segreto dei suoi pensieri

Silvia Cozzi poetessa, sin da giovanissima teneva un diario segreto dei suoi pensieri

Silvia Cozzi una poetessa in erba, da giovanissima teneva un diario segreto dove scriveva i suoi pensieri
by Pier Carlo Lava
Alessandria Post è lieta di pubblicare in esclusiva per il blog, un intervista alla poetessa e scrittrice Silvia Cozzi.
Silvia Cozzi nasce a Roma dove tuttora risiede, da sempre è affascinata dalla letteratura e sin da giovanissima ha sviluppato una grande passione per la poesia. Alfine di conoscerla meglio l’abbiamo intervistata, queste le sue risposte alle nostre domande:
 
Ci racconti chi sei, qualcosa della città dove vivi e cosa fai nella vita oltre a scrivere?
Grazie per l’ospitalità nel tuo blog Pier Carlo.
Mi presento.
Sono nata a Roma ma le mie origini sono per meta’ siciliane  e  per metà napoletane.
Da anni abito in provincia anche se la mia vita si svolge quasi prevalentemente nella capitale, dove lavoro.
Mi occupo di Formazione professionale nel settore trasporti : ne seguo la parte organizzativa e amministrativa. 
Sono madre di due splendidi ragazzi: Francesca ed Andrea.
Amo la musica ed ogni espressione artistica. Canto in un coro amatoriale: Eretum Jazz Singers.
 
Cosa ti ha spinto a scrivere e come definiresti una poetessa e scrittrice?
Ho cominciato a scrivere molto presto: avevo un diario segreto dove annotavo tutti i miei pensieri. A dodici anni ho scritto le mie prime poesie.
Con gli anni ho accantonato questa passione, presa dalla famiglia e dai molteplici impegni di mamma lavoratrice.
Tre anni fa mi sono guardata intorno ed ho avvertito un grande vuoto emotivo: i miei figli ormai stavano crescendo e presto avrebbero preso la loro strada. 
Così ho ripreso la penna in mano dopo tanto tempo. Ho ricominciato con le poesie, per lo più filastrocche, mi piace giocare con rime e assonanze. Poi ho scritto i miei primi racconti, stimolata da un Gruppo di scrittura che organizza gare a tema e per due volte mi sono classificata terza. 
Sempre nel Gruppo ho affinato le mie capacità imparando anche l’arte orientale degli haiku, composizioni in metrica di tre versi a contenuto contemplativo.
Definisco scrittore o poeta chi possiede quella caratteristica in più che lo distingue dalla mediocrità espressiva; può essere fantasia, originalità, abilità con le parole, saper toccare le giuste corde del lettore. Non sono di certo qualità comuni a tutti quelli che si spacciano per tali.
Io non mi reputo una scrittrice e nemmeno una poetessa, amo esprimere quello che sento e lo metto a disposizione, con umiltà, di chi vorrà leggerlo e farlo suo.
Non ci si improvvisa scrittori o poeti. Fondamentale, a mio avviso, e’ avere padronanza della propria lingua e possedere quella sensibilità e quella ricchezza interiore che  possano donare emozioni. Sensibilità e capacità di espressione devono camminare sempre a braccetto. Una

poesia ben scritta ma arida non trasmette nulla così come una dal contenuto profondo ma grammaticalmente scorretta.

Chi scrive mette a disposizione degli altri una parte intima di se stesso, è un donarsi, un regalare un pezzetto della propria anima. Anche se quello che si racconta è pura immaginazione, chi sa leggere fra le righe entra in contatto inevitabilmente con gli stati d’animo dell’autore.
 
Ci vuoi raccontare qualcosa dei libri che hai scritto?
Il primo libro è stato una raccolta di poesie insieme ad altri 5 autori: Hegoa –  pubblicato dall’Aletti editore .
Il secondo, Energia vitale, me lo ha proposto Lucia Lanza. 
Ho conosciuto Lucia dopo aver ricevuto per l’espressione poetica,  dalla Giuria selezionata da Web Poetry,  il “Premio Ungaretti estate del 2015” e mi ha subito inserita nei Gruppi di Antologica poesia. Con lei ho pubblicato la mia prima silloge “Energia vitale” e ho partecipato, insieme ad altri autori, a due edizioni di “Mosaico”a ”I menù di Giulietta” al “Cantico delle stagioni”e a “Madre mia”. 
Sempre grazie ad una sua proposta, ho pubblicato il mio primo racconto biografico “La prima volta che vidi la neve”.
 
Come sei arrivata a pubblicare il tuo primo libro e quali sono state le maggiori difficoltà che hai incontrato? 
Non avevo nessuna intenzione di pubblicare. Ho sempre scritto solo per hobby.
Una mia cugina ha preso le mie poesie da facebook e le ha mandate alla casa editrice Aletti, da sola non ci avrei mai pensato.
Mi hanno contattata e mi hanno fatto la proposta di una raccolta insieme ad altri autori. Ho accettato lusingata dalla novità.
La pubblicazione era però subordinata all’acquisto di 10 copie, non ricordo bene il costo unitario, mi sembra intorno ai 10 euro l’una oltre a 5 copie in omaggio. Ho accettato ma adesso non lo rifarei più. La casa editrice di Lucia Lanza, LULU,’ mi ha dato la possibilità di pubblicare gratuitamente senza alcun vincolo di acquisto.  
 
Quali sono i tuoi autori preferiti e come vedi il presente e il futuro della cultura nel nostro paese?
Sono sempre stata una divoratrice di libri, mi piace spaziare da un genere all’altro. I miei autori preferiti sono Gabriel Garcia Marquez, Paulo Cohelo, Ken Follet, Stephen King,  Pirandello, Dacia Maraini, Italo Svelo, Oriana Fallaci, Isabel Allende, Eramann Hesse, Lev Tolstoj e tanti altri, ognuno diverso e particolare, la lista diventerebbe troppo lunga.
Penso che nel nostro paese la cultura debba essere coltivata ed incrementata e che non si faccia abbastanza affinchè ciò avvenga.
Ci vorrebbero più iniziative atte ad interessare i giovani, meno tempo dedicato ai network e più tempo passato a leggere. Ultimamente vedo tanta superficialità, non si approfondisce, non si studia, è tutto molto approssimativo.
Prima di improvvisarsi a scrivere bisognerebbe leggere molto, approfondire la lingua italiana, capire cosa è la  metrica. 
 
Sei iscritta a qualche gruppo di lettura?
A marzo di quest’anno Giuseppe Guaragna mi ha chiesto di aiutarlo in qualità di co-admin nella gestione del Gruppo DI.VERSI E POETI, un onore per me, ho accettato con entusiasmo. E’ un gruppo di pochi iscritti, tutti amici ed ottime penne. Sono orgogliosa di farne parte. 
Sono  iscritta,inoltre,  ai Gruppi di Antologica, Coloriamoci il nostro Cielo, I Decadenti, A tu per tu con la poesia, Rosella tra arte e poesia, Haiku Semplicità Serenità e Silenzio (esclusivamente haiku e poesia orientale). Ultimamente mi hanno inserita inAccademia Alfieri e Le pleiadi dove si scrive esclusivamente e rigorosamente in metrica, possibilmente in rima (adoro la metrica e le rime nelle quali mi sto perfezionando). Faccio parte anche di tanti altri Gruppi ma non li frequento per mancanza di tempo.

Ci vuoi parlare della tua pagina facebook, quando è nata e perchè? 
La mia pagina facebook è nata nel 2011 e l’ho aperta un po’ per curiosità un po’ per passare il tempo. Inizialmente postavo solo aneddoti divertenti o interessanti presi qua e là nel web, e gestivo i contatti con i miei amici del Coro, successivamente ho cominciato a pubblicare le mie poesie.  
 
Hai pubblicato diversi libri con la Casa Editrice Antologica Atelier Edizioni di Milano, immaginiamo che tu sia soddisfatta dei risultati?
Si, sono soddisfatta, un modo per mettere ordine e raggruppare i miei scritti. Un’opportunità per pubblicare senza spese, oneri ed alcun obbligo. Lucia Lanza è un’ottima padrona di casa e mi ha dato fiducia in tempi in cui non mi conosceva nessuno.
 
Stai già scrivendo il tuo prossimo libro e nel caso stai pensando a nuove tecniche di Marketing promozionale? 
Vorrei pubblicare una raccolta di racconti. Ne ho scritti già alcuni fra cui una fiaba, vedremo. Adesso sto attraversando un periodo caotico e decisivo per la mia vita personale. Passata questa buriana ci penserò seriamente.
 
Pensi di sfruttare anche le nuove piattaforme per il self-publishing come ad es. Amazon, ecc.? 
Per il momento non ci sto pensando, ogni tanto mi viene la curiosità di informarmi per capire bene come funziona. Lo farò quando avrò un progetto concreto da realizzare.
 
Programmi per il futuro e sogni nel cassetto? 
Il mio sogno nel cassetto è quello di scrivere una raccolta di fiabe e filastrocche per bambini. Spero di riuscire a realizzarlo.
 
Per concludere chi fosse interessato ai tuoi libri come può fare, ed inoltre come può contattarti?

 

Chi è interessato ai miei libri può trovarli nella casa editrice online LULU’, inserendo nel motore di ricerca il mio nome oppure contattandomi all’indirizzo mail: scozzi1@alice.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...