Exnovia

Ventitre anni e mi dicono che ho il mondo davanti, anche se in verità arranco ogni giorno perché tu non ci sei.

Te ne sei andato quella sera per la vigilia di Natale dopo una cena veloce e con la valigia già pronta vicino alla porta.

Mi hai lasciato spiazzata, basita, dicendomi che volevi rincorrere i tuoi sogni e che avevi bisogno di tempo.

Mi dissi che ti sarebbero bastati tre anni ma per me l’importante era un tuo ritorno e non mi importava in che condizioni, ti avrei accolto di nuovo come se non fosse successo mai niente.

Eri la mia spalla, la mia roccia, il cuscino sul quale poter cadere per non farmi male.

“Chissà dove sei e cosa fai?!”.

Me lo chiedo ogni giorno, mi chiedo se adesso sei felice senza di me, se veramente ne è valsa la pena allontanare tutte le persone che ti…

View original post 143 altre parole