Tu ai invatat sa te iubesti?

Claudia Adriana

image

Cred ca toate femeile, dar mai nou si bărbații isi fac foarte mari griji de felul cum arata, si oare de ce?!
Pai sa fie de vina Bianca Dragusanu? Cu siguranta nu!!!
Nu ne iubim suficient de mult incat sa vedem frumusetea din noi, mereu vedem defectele care uneori  sunt iremediabile, sau avem nevoie de “pe muchie de cutit,, care eu cu siguranta nu as apela niciodata pentru a-mi schimba ceva ce eu cred ca este un defect.
Pe motivul ca nu arat bine, m-am suparat pe mine de foarte multe ori, ma uitam in oglinda si incepeam sa imi exprim nemultumirea fata de chipul meu ce il mai numeam si “ratusca cea urata,, si incepeam: nas mare, cicatrici din copilarie, acnee, “puf,, si nu se mai termina lista. Dupa, incepeam: creme, masti, machiaj si de multe ori tot nemultumita ramaneam. M-am suparat pe mine insumi, dar unde era vina…

View original post 484 altre parole

In calitate de femeie, merit sa fiu fericita

Claudia Adriana

Fețe triste, ochi planşi, dureri ce nu se vad la suprafață, sau poate uneori da.

Le întâlnim oricând, oriunde, dar am învățat sa nu dam importanta.

Sa nu vezi, ce vezi;

Sa nu auzi, ce auzi;

Sa taci, atunci când ar trebui sa vorbești!

Rămânem reci și indiferenți în fata dureri, devine o rușine drama în care trăim, sau poate se imprima în minte ca noi am fi vinovate de fiecare trăire negativa ce ne inunda viata!

Am făcut mereu greșeala de a rămâne peste măsură acolo unde nu îmi era sufletul liniștit, ochii îmi erau plansi, oboseala se citea pe chipul meu, speranța murea și ea odată cu iubirea după lungi sacrificii de a schimba situații din care credeam ca nu o sa mai ies niciodată.

Uneori găseam vina în partenerul de lângă mine, alteori dădeam vina pe mine și de mii de ori pe destin.

Da, pe destin!

View original post 610 altre parole

Am trecut pe acolo

Claudia Adriana

image

Am trecut prin viață și m-am oprit pe la fiecare poartă . De multe ori am repetat drumul chiar daca plecările erau mereu cu un ,,drum bun,, și lacrimi de păreri de rău . Așa am fost eu ,,o copilă inocentă ce nu cunoștea ura ,, Știam doar să iubesc , să respect să dau haina de pe mine și să întorc și celălalt obraz la fiecare palma . Și am repetat gestul că doar eram ,,fată bună ,, la fiecare surâs eu zâmbeam din suflet , ma bucuram la gesturi mici și iubeam fiecare minciună frumoasă . Da , eram o copilă ce visa cu ochi deschiși ca cei din jurul ei sunt la fel de buni și ura era doar o vorbă veche . Ani treceau ,  priveam în oglindă și pe fiecare zi vedeam ,,reflexul maturități ,, Dintr-o copilă inocentă cu zâmbete senine chipul meu se schimba…

View original post 608 altre parole

De ce scriu și ce ma motiveaza

Claudia Adriana

image

Scriu de mult timp, cum am spus și într-un alt articol, am descoperit scrisul încă de mica. Nu as vrea sa ma repet în articole, asa ca dacă doriți găsiți articolul (povestea mea cu scrisul).
O sa vi se para poate bizar, dar lipsa de încredere, lipsa de oameni potriviți, lipsa de comunicare m-a împins mult mai mult sa îmi aștern dureri și bucurii, nu am crezut ca într-o zi le voi expune în văzul tuturor, dar uite ca viata ne oferă surprize și am puterea sa împărtășesc și cu voi din experientele mele.
“Ceea ce eu scriu, sunt experiente comune nu am nimic special, sunt un om simplu, o persoana cu un statut de viata modest, nu sunt cineva ce și-a frecat coatele pe băncile din liceu sau facultate, nu încerc sa ma dau un exemplu pentru nimeni, sunt o persoana plina de greșeli. Am doar curajul și plăcerea…

View original post 897 altre parole

Ești tu și nu vreau altceva

Claudia Adriana

image

Dacă nu ai fi fost tu, oare cine mi-ar fi prins obraji în palmele lui, cine m-ar fi strigat iubire în toată casa, cine mi-ar fi spus noapte buna, cine din când în când mi-ar fi sărutat fruntea?!
Cine ar fi fost în locul tău? 

      Recunosc ca ești o iubire diferita din viata mea, acel gen de iubire de care multa lume fuge, oferi prea multa tăcere însă prin fapte oferi iubire necondiționată,  ești acel gen de om ce fuge, dar atrage spre el și cel mai rece suflet.

E greu sa iubești,  sa trăiești,  sa zâmbești lângă un om ca tine.
Dar este ușor sa ma recucereşti cu un zâmbet, cu o privire, o îmbrățișare…știind ca nu cer mult de la viata!
Nu ești genul sa ștergi lacrimi, nu aduci flori, nu ma privești prea des, dar faci totul sa ma vezi zâmbind.
    Nu ești genul…

View original post 259 altre parole

Ho voluto

Claudia Adriana

ho voluto piangere

ho voluto urlare

che l’amore mi fa stare male

che l’amore non è solo zucchero

a volte è anche sale

Ho voluto dire delle bugie

che sarò bene fino alla fine

ho voluto affrontare

tutto quello che faceva male

la verità l’ho abbracciata nel mio cuore

Ero solo un anima portata nel mondo

senza fiato senza fine

ho voluto solo un abbraccio una accarezza

Ed ho pagato il prezzo con amarezza

ho amato anime ghiacciate

forse anche loro ferite nel passato

ho abbracciato anime perse

delle sofferenze malate

e ora dove sono io

Cercando l’amore di dio

un sorriso di un bambino

un abbraccio del genitore

mi ricevo bambina piena di gioia e amore

ormai siamo grandi

gli anni sono passati

View original post

Copilul meu ma striga MAMA

Claudia Adriana

Adun lacrimi in pumni si nu pot stapani durerea ce simt ca imi străpunge partea toracica parca cineva bate si sbate cu pumni in pieptu-mi dorind sa iese, cu siguranta este sufletul ce se zbate si refuza sa mai primeasca lovituri zi dupa zi.

Strang o perna in brate uneori poate un pluș promițând ca o sa treaca, o sa ma ridic si o sa pășesc din nou cu pace in suflet, dar mereu ma mint caci ma ridic pe zi ce trece cu tot mai multa durere. Imi amintesc unele din cuvintele mamei mele, ce mi le repeta atunci cand eram adolescenta si mai faceam ca orice copil mici năzbâtii.

Ai sa fi si tu mama si atunci o sa iti amintesti cuvintele mele!

Mi le amintesc, si le port cu durere in suflet caci astazi sunt mama, dar mama de departe.

Cand o casnicie nu mai merge suferim…

View original post 568 altre parole

Nu mai sunt femeie

Claudia Adriana

M-am pierdut undeva printre locuri si oameni, undeva pe strazi parasite parca de timpul ce candva pășeam cu drag și, parca totul era doar lumina, florile nu lipseau din peisaj colorand parca si viata iar acel verde intens ce iti emana bucurie, acum nu mai este. Nu mai sunt nici eu femeia de atunci. M-am pierdut undeva intr-o multime de oameni tristi si reci unde candva se auzeau doar rasete si glasuri de copii, ce iti dadeau sens vieții, acum totul este ruina fara sens, fara murmur. Doar o batranica ce mai da cate-o binecuvantare unor trecatori. M-am pierdut undeva unde mi-am lasat si pantofi cu toc, ma dureau prea tare picioarele, asa am pierdut si oameni ce imi erau dragi, dar vehement ma raneau fara pareri de rau, am plecat si am pierdut, dar am lasat pareri de rau si lacrimi dulci caci eu nu am fost o persoana…

View original post 273 altre parole

Ce să-i spun inimii ?

Claudia Adriana

M-am ridicat din cenușă, de nicaieri, am zis ca nu mai pot iar durerea din suflet simțeam ca imi taie răsuflarea, dar de nu stiu unde si cu ce puteri m-am ridicat, m-am sters de praf si am mers mai departe.

Am luat la pași din nou strazi noi, s-au poate m-am intors pe cele vechi sa le mai strabat odata.

Inima mea…

Nu stiu cum de ma mai suporta, i-am spus atatea minciuni si, atatea promisiuni incat azi nu stiu ce sa-i mai spun, nu stiu ce sa o mai mint. Ma cearta, ma cert cu mine insumi, dar nu mai vreau sa ma mint, destul ma minte viata!

Ce sa-i spun, caci nimeni nu mi-a spus ca doare.

Ce sa-i spun, nu ma pot minti ca nu va mai fi si data viitoare.

Eu nu pot, nu pot inlocui iubirea celui ce a mintito, nu-i pot oferi dragostea…

View original post 45 altre parole

Una stella tra le mani

Claudia Adriana

Tieni stretto tra le mani
Una stella fragile, con paura
Si vuole riposare lontano delle lacrime,
Lontano delle colpe, dei pensieri
Che l’hanno rubato la luce
Tieni stretto tra le mani,
Una stella con ferite,
Con dolori del passato.
Lo tieni stretta quasi si ha spenta.
Tieni tra le mani una stella
Con speranza di rivedere,
come tra migliaia di persone
Lei torna alla luce,
Però tieni streto, streto tra le mani
Un passato un dolore
Apri le mani, cadono solo polvere di stele.

View original post

(D) das leid umarmen – (I) abbracciare la sofferenza

I Live For Art

(versione italiana – dal tedesco)

Ficcato in bocca, masticato e sputato
calpestato ed eliminato
lasciato e dimenticato.
Proprio questo é lo stato di vita attualmente.

Accettare la sofferenza come segno di vita,
abbracciarla e trasformarla in una forza.
Basta, false critiche e norme!
non mi lasceró piú screditar’.

Ognuno vale quanto concede a se stesso.
La sofferenza dell’altro non fa la mia gioia.
Non affogo piú nell’autocommiserazione,
piuttosto mi alzo e proseguo la via di una vita orgogliosa!

(deutsche originalversion)

In den Mund gestopft, zerkaut und ausgespukt,
darauf getreten und eliminiert
liegen gelassen und vergessen.
Genau das bringt mein Leben auf den Punkt.

Das Leid als Zeichen des Lebens akzeptieren,
es umarmen und zu einer Stärke formen.
Es ist nun genug, mit falscher Kritik und Normen!
Ich lass‘ mich nicht mehr diskreditieren.

Jeder ist so viel wert, wie er sich selber zugesteht.
Des anderen Leids ist nicht meine Freud.
Ich…

View original post 15 altre parole

Bumsti & Co (deutsch)

I Live For Art

es war einmal die Freiheitliche Partei
die dafür steht “Arbeit macht frei”
aber nur, wenn es die Eigenen betrifft
das Fremde muss weg, denn das ist versifft!

Hass schüren und Angst verbreiten
in der Bevölkerung, das ist klug!
denn dann muss man nicht mehr viel bestreiten,
in einem face to face Disput.

wichtig ist, zu übertreiben und die niederen Instinkte zu berühren
den Verstand zu eliminieren und die Fakten zu verdrehen
denn das Unbekannte ist stets der Feind, davor muss man sich hüten
all diese schrecklichen Migranten, berauben uns’re guten Bürger!

Familie steht an erster Stelle
Familie ist selbstverständlich klar definiert.
alles, das aus dem Rahmen falle,
wird “abgeschoben” ungeniert.

die Fehler werden von außen herbeibracht,
doch auch an das eigene Volk wird nur bedingt gedacht.
man lässt es im Glauben, es zu beschützen,
doch wird es betrogen, wenn es nicht mehr von Nutzen.

von “Arbeit macht frei” zu “wir…

View original post 67 altre parole

krankes Machtspiel

I Live For Art

was ist das für eine kranke Welt
in der Hass regiert und vor allem Geld?
ein Menschenleben unwichtig erscheint,
derjenige schwach ist, der Emotionen hat, weint.

Neid und Eifersucht schleichen sich um’s Eck,
auch dem Ärmsten nimmt man alles weg.
das ist der große politische Plan,
der Ottonormalverbraucher gehört eben nicht zum Klan.

er sieht auf zum Reichen, dem hinterlistigen
und merkt nicht, dass er als Marionette dient.
Angst hat er vom Ärmsten der Ärmsten
und erkennt nicht, dass er selbst in diese Richtung navigiert
wird.

was ist das für eine kranke Welt
in der wir hassen bis aufs Blut.
wir freien Lauf lassen unserer Wut
und neidig sind, weil uns jemand nicht gefällt.

zu Barbaren lassen wir uns heranerziehen.
den Leidenden sähen wir lieber tot.
Empathie bezieht sich nur auf die eigenen Kreise,
alle anderen spielen nur, haben keine Not

festgekrallt an unsere sieben Sachen
befürchten wir das Schlimmste,

View original post 94 altre parole

Cara Democraticitá

I Live For Art

arrivederci democrazia
defunta anima del poplo
sei passata giusto per un attimo
ma ora ci stai abbandonando

sei venuta a trovarci giusto per il tempo di prenderti un caffé,
ma ora il tuo tempo é scaduto e te ne vai, addio.
non sei piú la benvenuta, perché
é scomodo ospitarti qui nella pace, senza odio.

in un batter d’occhio sei sparita, eppure rimani senza alcun effetto.
se ti si puó rimettere in ordine non é affatto detto.
c’é chi non ti vuole oppure non ti desidera
sei semplicemente antipatica per chi vuole decidere.

vieni derisa da chi vuole avere il controllo
della situazione presente e del futuro ignoto.
sei simpatica come la sabbia nelle mutande,
perció devi andartene in un’altra direzione.

oh cara democrazia ormai cacciata via.
chissá come continua la vita sconsolata e priva di fatica.
perderemo la testa o sará pure questo proibito?
tornerai a breve oppure saremo…

View original post 7 altre parole

– Dove si erano sparse cose belle –

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

Perchè, dove ci sei tu c’è anche l’amore e, dove ci sono pure io, c’è il battito dello stesso.

Perchè, dove c’è la tua presenza c’è la mia aria e, dove ci sono pure io, c’è il respiro della stessa.

Le parole scorrono, come i silenzi, ma tu, tu rimani dentro.

Condividere con te, tutta me, non è metterti responsabilità ma donarti fiducia, quella che prima era spezzata verso tutti e che ora tu hai fatto rivivere.

Le parole che non hanno vie di mezzo, alcune troppo valutate altre non ascoltate, non possono avere tutta questa assurdo importanza.

Dove siamo noi?

Io sono dove giace il mio respiro, sono nel posto che sto cercando.

Sono dove si erano sparse cose belle.

Ed ora non so più che dire.

@ElyGioia

View original post

Il Maestro

Isobel Blue

Quelle note sullo spartito

un sogno mai svanito.

Ascoltando meravigliato

dalla musica incatenato.

Maestro la tua armonia

ogni dolore porta via.

L’orchestra, il tuo cuore

un battito, una palpitazione.

Maestro, un giudice severo

un bimbo che non ha mai smesso di crederci davvero.

Come un padre mi accompagna

con il sole splendente, una passeggiata in campagna.

Il coro tuonante

una magia splendente.

Le memorie ritornano?

Gli applausi rimbombano.

Maestro ti son grato

dalla cenere mi hai sollevato.

Come fiamma ardente

Il suo calore svadente.

Damien

( per saperne di più —> https://isobelblue.wordpress.com/aggiornamento-e-collaborazioni/ )

( per non perderti nemmeno una poesia —> https://isobelblue.wordpress.com/category/poesie-damien-immagini-that_80s_child/ )

( immagini di @that_80s-child —> https://www.instagram.com/that_80s_child/ )

View original post

La mia nuova intervista per il sito Creative Digest!

Simone Morana Cyla Official Blog

what kind of clients do you work for, or how do you make money from your work?

All of my works are on sale in several online stores like artfinder, ebay, fineartseen, satchii. I hope for a day to be able to have a physical store to expose all of my works.

how did you get to your current situation? i.e. how did you begin your career etc?

I started my career as musician, my first songs was created in 1996, creating up to 2005, more than 50 songs entirely self-produced, placed in 4 albums, I collect a third place in the National Selections of “Sanremo Giovani” in 2001, an album released on iTunes in 2008 and a single in the 2011. Since 2012 I collaborate as a designer for the American portal “Society6” and start at the same time also a new experience in the field of digital art…

View original post 439 altre parole

Who’s the boss?

Empowered

Life only works if you do. Give your best effort, go the extra mile, be passionate about what you do. Too often people do the strict minimum required from them, whethet at a job or in a class. Do you want to get there? Do you want to make it? Because unless you are giving your 100%, you are wasting your time. It is about time you take control of your life and start living more from intention, less from habit. Be there. Be present. Be in the moment. You are the only one in charge here! Don’t be afraid to do more, be better than the rest and stand out. You were born a leader. The leader of YOUR life.

View original post

Montelupone

Visual Storytelling Baldassarri Giuseppe #itavelinitaly #ideagb

Montelupone is one of the 188 Italian villages awarded by the TCI (Italian Touring Club) with the Orange Flag and among the most beautiful villages inItaly.
The territory surrounding the town is composed of the typical gentle hills of the Marche.

Photoplace 》Piazza, Montelupone, Macerata, Marche, Italy.

#hashtag© By #ideagb
#travel#traveling#photooftheday#travelinglady#letsgoeverywhere#traveladdict#lovetotravel#sheisnotlost#globelletravels#sheexplore#girlsjustwannatravel#bucketlist#jetsetter#dreamcatcher#bluemosque#surroundmewithwater#Montelupone#borghiditalia#village#tour#Macerata#marche#italy#places
#giuseppebaldassarri“All rights reserved” © by #ideagb

View original post

Noi, di Silvana Fulcini

Noi, di Silvana Fulcini

Questa presentazione richiede JavaScript.

Noi
Chiudo gli occhi
E rivedo noi due seduti
Sul bordo della fontana,
Scambiarci tenerezze.
Ci tenevano compagnia
Quattro pesciolini rossi.
Non c’era nessuno,
In quella piccola piazzetta.
In sottofondo,
Solo lo scorrere dell’acqua
Ed il cinguettio
Degli uccelli sugli alberi
Dalle verdi fronde.
Alle nostre spalle
Il castello,
In quella magica atmosfera,
Tu eri il mio principe
Ed io, la tua principessa.
In quell’armonia di pace
Respiravamo il profumo
Dei fiori di maggio.
I nostri cuori all’unisono
Battevano forte.

Sil. F. 26/05/2015
Diritti riservati

QUEL BACIO, di Maria Cannatella

QUEL BACIO, di Maria Cannatella

cq5dam.web.738.462.jpeg

Ancora lo sento addossa,

quel bacio, sulle mie labbra.

Un bacio freddo, a stampo,

dato in meno di un secondo,

sulla tua fronte di ghiaccio.

Tuo papà,

l’ultimo ricordo che mi rimane di te,

impresso nella mia memoria,

racchiuso per sempre dentro il mio cuore,

solo per non perderlo,

non voglio vada via,

anche se fa male ricordare.

L’ultimo bacio  di mio padre,

forse anche uno dei pochi.

Era fredda la tua fronte,

bianco il tuo viso.

Si era spenta la vita dentro di te. Continua a leggere “QUEL BACIO, di Maria Cannatella”

Inchiostro Festival Alessandria, il programma

Inchiostro Festival Alessandria, il programma

33236533_1761335437282039_5406730747484569600_o.jpg

Il programma del festival è qui ▶️www.inchiostrofestival.com/web/inchiostro-festival-2018/ le prenotazioni ai workshop sono aperte!

Il 2 e 3 giugno ospitiamo oltre 50 fra i migliori illustratori, calligrafi, artisti e stampatori d’arte dall’Italia e dall’estero. Due giorni imperdibili di esibizioni dal vivo fra le arti figurative, musica, performance, workshop, video, graphic novel, presentazioni, mostre, dj set, incontri e tanto inchiostro. Non perderti le novità su artisti ospiti e programma, segui la nostra pagina e ci vediamo questa sera a InchiostRave.

Artisti ospiti: @alberto.pagliaro @alessandra_alex_barocco @tuonopettinato @anna_for_nerodiseppia @beacerocchi @diego.mallo @elisamacellari @elisabetta.bianchi @enricorambaldi_ink33 @fabiopetani @francesco.delre @pinocoteca @giordanopoloni @giovanna.giuliano @giovannicolaneri @gisellabiondani @ilaria_urbinati @lisagelli @m_cazzato @marianaguerci @sandrabisianimartinson @goodsem @sarahmazzetti @pantaleomarta @betterpress_lab @nerofumoprintmakers @stamperiadartebusato @ilbisonteprintmaking @printclubtorino

AMAG: Precisazioni in merito al Comunicato del Quarto Polo – Patto per Alessandria

AMAG: Precisazioni in merito al Comunicato del Quarto Polo – Patto per Alessandria

amag

Amag Reti Idriche è stata chiamata a rispondere a domande riportate su un comunicato stampa della Dott.ssa Oria Trifoglio, rappresentante del “Quarto Polo” in Consiglio Comunale, dal titolo I nostri soldi: Acqua troppo “salata”.

La Dottoressa Trifoglio sostiene di aver scoperto in bolletta alcune anomalie relative a servizi pagati, ma non erogati, da utenti ignari, facendo riferimento alla sentenza della Corte Costituzionale 335/2008 che dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 14 comma 1 della legge 5 gennaio 1994.

Questa legge, recepita dai regolamenti delle ATO, prevedeva la corresponsione in bolletta delle parti di tariffa relative alla depurazione, anche nel caso di fognature sprovviste di impianto. Tali importi dovevano essere riscossi dal Gestore e accantonati in apposito fondo destinato alla realizzazione di impianti di depurazione. Continua a leggere “AMAG: Precisazioni in merito al Comunicato del Quarto Polo – Patto per Alessandria”

Alegas, Andrea Innocenti è il nuovo Amministratore Unico

Alegas, Andrea Innocenti è il nuovo Amministratore Unico.

aleg Andrea Innocenti 2017

Alessandria: Avvenuto il passaggio di testimone con Andrea Biancato che chiude il suo mandato con un bilancio in utile grazie al successo dell’offerta combinata luce-gas.

Si chiude con un fatturato pari a 43.127.874 Euro e un utile dopo le imposte di 958.997 Euro l’esercizio 2017 di Alegas, la società del Gruppo Amag per la vendita di gas metano per usi civili (riscaldamento, autotrazione) e vendita di energia elettrica.

Il relativo bilancio è stato approvato questa mattina dall’Assemblea dei Soci che ha anche accettato le dimissioni dell’Amministratore Unico Andrea Biancato (con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del mandato) e nominato al suo posto Andrea Innocenti. Continua a leggere “Alegas, Andrea Innocenti è il nuovo Amministratore Unico”

Legambiente: THE PEOPLE’S CLIMATE CASE – LA CAUSA CLIMATICA DEI CITTADINI

Legambiente: THE PEOPLE’S CLIMATE CASE – LA CAUSA CLIMATICA DEI CITTADINI

Lehambiente

Conferenza stampa nazionale 

Martedì 29 maggio alle ore 11:30 a Torino in via Maria Ausiliatrice 45 

THE PEOPLE’S CLIMATE CASE – LA CAUSA CLIMATICA DEI CITTADINI 

Clima, target Ue di riduzione delle emissioni di gas serra al 2030 inadeguato alla tutela dei cittadini: al via l’azione legale delle famiglie colpite contro Parlamento e Consiglio europei 

Martedì 29 maggio alle ore 11:30 si terrà a Torino presso la sede di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, via Maria Ausiliatrice 45, la conferenza stampa di presentazione di “The people’s climate case – la causa climatica dei cittadini”. Un’azione legale portata avanti da diverse famiglie che vedono le proprie vite messe a rischio dagli impatti dei cambiamenti climatici, e che per questo si sono rivolte alla Corte di Giustizia europea contro il Parlamento e il Consiglio europei, per denunciare l’inadeguatezza del target di riduzione delle emissioni climalteranti al 2030.  Continua a leggere “Legambiente: THE PEOPLE’S CLIMATE CASE – LA CAUSA CLIMATICA DEI CITTADINI”

Pensiero, di Francesco Luca Santo

Pensiero, di Francesco Luca Santo

Pensiero

A volte pensiero mi sei culla
mi sei prato di primavera
ed io mi lascio invadere
dalle tue speranze
Sei come un aquilone
o una colomba
o un fiore che nasce ogni giorno
Pensiero così possente
così feroce
mi tieni tra i ricordi
mi tieni stretto
stretto al passato
ma chissà quale sarà il futuro
A volte sei rabbia
sei sole che mi brucia il viso
sei formica che schiva il piede
oppure sei solo un amico che illude
che non mi prende mai sul serio
Io vagabonda anima
legata alle cupole del cielo
ebbro visitatore di vita
che si sazia di un respiro
e cede dalle mani solo sassi
non sono mai stato così
vero con me stesso
non sono mai stato così
propenso verso me stesso
e tu pensiero sei
un giocoliere senza paura
aggrappato alla mia finestra
mentre rido e vivo

CHACHI, di Manuel Echegaray  

CHACHI, di Manuel Echegaray  

Chachi

Escribo con dolor. 

Chachi Sanseviero, mi amiga, mi vecina cuando ella y Eduardo iniciaron su aventura peruana en Miguel Dasso, en el primer piso del edificio donde estuvo la oficina de mi primera agencia de publicidad propia, se ha ido para seguir viviendo entre las páginas del libro que el Universo escribe desde siempre. 

Qué alegría ver como “El Virrey” iba tomando forma y los libros salían de las cajas para alinearse en los estantes; que alegría porque ahí, al alcance de mi mano estaba el mundo entero con sus sueños, el hermoso equipaje para viajes fantásticos, las historias, los días de verano, las sonrisas, todo lo que pudiera imaginar y siempre mucho más…  Continua a leggere “CHACHI, di Manuel Echegaray  “

Elisa una tragedia annunciata

Revolution Post

Lo voleva proteggere Elisa, forse solo a poche ore dalla morte si era convinta di denunciare.

Federico Zini calciatore di prato aveva un’ossessione per Elisa, l’appostava la seguiva, si presentava fuori al negozio.

Federico non era violento non aveva mai alzato un dito contro Elisa, era geloso , avevano anche riprovato a tornare insieme, ma non si poteva litigavano di continuo, lui non accettava la fine della storia, era maniacale, sotto casa alla stazione , fuori al negozio, tutti avevano suggerito una denuncia per stalking, ma lei non voleva farlo soffrire.

Le avvisaglie c’erano tutte Elisa si era rivolta ai genitori di lui, per parlare con Federico, per farlo ragionare su un amore che non poteva andare avanti.

Proprio venerdì sera la ragazza si era quasi convinta a denunciarlo, almeno per spaventarlo, ma la vita è beffarda e proprio quella notte , lui attendeva sotto casa con una calibro 9…

View original post 161 altre parole

ACOMPANHAR

UNOBTAINIUM

ACOMPANHAR

ACOMPANHAR

por Cláudio El-Jabel

Muitas vezes me pergunto se estou perdendo a capacidade de decisão,

Demoro bem mais que meu filho por exemplo a decidir algo,

Ainda não analisei se no caso dele é impulso,

Ou se no meu é lentidão,

Não sou muito de queda de braço, mas irei repensar,

Meu cérebro anda mais lento com certeza,

Percebo mudanças interessantes,

Porém consigo ver mais adiante,

Posso perder na escolha rápida,

Mas ganho quase sempre ao final,

Claro que não é uma disputa,

Isso seria ridículo,

Mas é algo que gostamos de realizar,

Ele mesmo me atiça a participar,

Não pensem que há moleza nessa brincadeira,

É cada qual por si,

Eu refaço tudo aquilo que lembro,

E ele com o que aprendeu,

Muitas coisas com a vida,

Algumas assim como eu,

Na persistência,

Dessa brincadeira percebo que a vida ensina bem mais,

Pois lhe proporciona a experiência vivida e…

View original post 81 altre parole

FAGOCITOSE

UNOBTAINIUM

FAGOCITOSE

“Para um país de medíocres e uma governança cega,

não diria que ainda haja tempo,

nem mesmo que o tempo que resta se acerta,

mas para quem sempre tentou passar uma visão em versos,

ver acontecer o que uma suposta bola de cristal mágica revelou a 5 anos,

é algo que amarga, desnuda e debocha,

de toda essa farsa de sacanas de bosta”. 

( Reblog de 8/12/2013)

Por Cláudio El-Jabel

E mais uma passagem de ano nos espera,

Sempre com o pensamento de ser essa a nova era,

Ficamos ao marasmo após nele entrar,

Nada muda e continua tudo em seu lugar,

Parece trilha de filme com roteiro definido,

Nunca alavanca nada de novo,

Apenas vemos a multidão crescer,

Sedenta de fome, de sede, de sexo e de drogas,

Uma população perdida para seu futuro,

Onde pensam eles viver o presente é mais seguro,

Um planeta belo que tinha…

View original post 164 altre parole

Llamémosle amor by mabm

TEJIENDO LAS PALABRAS

 

 

Me muero de ganas de enredarme contigo. No me entiendas mal, no es solo sexo cariño, es que me vuelves completamente loca; supongo que te quiero.

El tirante de encaje de mi sujetador que asoma con descaro deja claras mis intenciones, no vengo en son de paz, cada poro de mi piel pide guerra;  en tu habitación tampoco ondea bandera blanca. Porque no veo el momento de que se encienda la noche para bebernos a morro y arrancarnos la ropa a bocados; prohibido usar las manos.

Y perdona si he entrado sin avisar, pero nunca hemos necesitado excusas para quitarnos la ropa y siempre nos han sobrado motivos para dejar al descubierto el alma y amarnos por debajo de la piel.

Y me preguntas que hay entre nosotros y no tengo ni idea de qué contestar. Pero por llamarlo de algún modo, llamémosle amor.

Mayo 2018

View original post

This Is England – Shane Meadows

L'emporio circolare

La guerra delle Falkland è terminata da un anno, Shauwn Field (Thomas Turgoose) è un ragazzino di 12 anni vittima di bullismo. Deriso dai compagni per i suoi abiti, trascorre le giornate da solo fino a quando non incrocia dei ragazzi skinheads. Uno di loro in particolare, Woody (Joseph Gilgun), vuole riparare alle prese in giro rivoltegli dai suoi compari quindi lo invita a trascorrere una giornata con loro e poi ad entrare nel gruppo, in cui

View original post 983 altre parole

Vertigini – W. G. Sebald

L'emporio circolare

Vertigini è apparentemente diviso in quattro racconti che costituiscono il corpus ideale (e pure concreto) di quella che, in realtà, è un’unica, destabilizzante, narrazione  che ruota attorno alla tematica del viaggio, sviluppata secondo una modalità alquanto originale. Nel primo e terzo racconto/capitolo Sebald segue rispettivamente Henry Beyle (meglio noto come Stendhal) nelle sue peregrinazioni durante

View original post 603 altre parole

The Place – Paolo Genovese

L'emporio circolare

Un uomo (Valerio Mastandrea) sta tutto il giorno seduto al tavolo di un locale chiamato “The place”. In quello stesso posto riceve diverse persone le quali chiedono di ottenere qualcosa di preciso dalla vita: c’è il poliziotto Ettore (Marco Giallini) che vorrebbe recuperare i soldi di una rapina, Chiara (Alba Rohrwacher) una suora che vorrebbe ritrovare Dio, Martina (Silvia D’amico) che

View original post 602 altre parole

Senza capo né coda ora disponibile su Amazon

L'emporio circolare

Dalla Presentazione:

“Quando penso a questa raccolta di racconti mi viene subito in mente l’immagine di un album di fotografie.

Mi è capitato qualche volta di osservare il rapporto di Davide Tarozzi con le foto. È uno diSenza capo né coda quei fotografi che impiegano un tempo eccessivo nella ricerca della giusta luce e inquadratura, che si perdono per fotografare un adesivo che colpisce la loro attenzione e che si innamorano dei ritratti degli sconosciuti in treno. Uno di quelli che, credo, nello scattare una foto cerca un modo per mettere a fuoco anche un pezzetto di sé.

Senza capo né coda” è una raccolta di scatti casuali sul mondo di Davide e riassemblati in modo da assumere un senso e di raccontare la sua visione delle cose.

Alterna racconti carichi di caos, ritmo e colpi di scena ad altri ricchi di descrizioni articolate e precisi ritratti umani, lasciando spesso con un…

View original post 94 altre parole

Beata ignoranza – Massimiliano Bruno

L'emporio circolare

Ernesto (Marco Giallini) e Filippo (Alessandro Gassmann) sono due professori che si ritrovano ad insegnare nello stesso liceo. I due si conoscono molto bene perché in gioventù si erano contesi l’amore di Marianna (Carolina Crescentini), dietro cui la loro amicizia si ruppe a causa di un dissidio. Molto diversi tra di loro, antiquato e rigido il primo quanto iperimmerso nella tecnologia il secondo, affrontano l’istruzione con due modalità totalmente contrapposte, all’insegna dello studio sui libri per uno e dell’utilizzo di app l’altro. Quando si ripresenta

View original post 638 altre parole

Anima fragile, di Anna Fiorillo-Clavelli

Anima fragile, di Anna Fiorillo-Clavelli

Anima fragile

Anima fragile

Ho osservato una vecchietta
Con una lacrima
Che scivola sulla gota.
I suoi occhi di una tristezza infinita,
Esprimono il suo
Immenso dolore…..
È molto sola,
Ha avuto una grande famiglia ma adesso è sola
Lei, donna che ha dato la vita.
Lei donna che ha donato il suo cuore
Cosa è cambiato in lei?
I suoi capelli grigi?
La sua pelle segnata?
Cosa è cambiato in lei?
Lei è sempre la stessa!
Anche se le sue mani
Sono stanche
Anche se le sue gambe
Camminando sono
più incerte.
Lei è sempre la stessa donna!
I suoi sentimenti non sono mai cambiati….  Continua a leggere “Anima fragile, di Anna Fiorillo-Clavelli”