Diario di una Zingara

Due o tre giorni fa, per pranzo, ho cucinato delle semplicissime uova all’occhio di bue.

E mi sono uscite bene. Perfette.
Ogni volta che urto il guscio con il bordo della padella, però, non so mai se si romperà il tuorlo. O se quel guscio si romperà in tanti piccoli frantumi.

Ma ho capito che non è sempre colpa mia, della pressione che esercito per rompere quelle cavolo di uova. A volte è semplicemente sfiga.
La vita non è fatta di certezza, di quelle non ce ne sono se non una unica ed inevitabile.

Le svolte, le paure, le opportunità ed i cambiamenti, voluti oppure no, sono sempre lì dietro l’angolo. E tante volte basta allungare il collo un po’ di più che inizi ad intravederne i contorni. Ma hai paura di perdere il tuo equilibrio e non ti muovi, aspetti, sperando che quel cambiamento si allontani da te.
Il…

View original post 120 altre parole